Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
giovedi 28 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella Vigna Belvedere
venerdi 29 novembre 2019

Tullum: tre realtà per una Docg

Una delle denominazioni più piccole d'Italia posta su un rilievo collinare tra il Mar Adriatico e la Majella è diventata da poco DOCG, richiesta a gran voce da più di cinquecento tra viticoltori e agricoltori


Tullum: tre realtà per una Docg
Con la vendemmia 2018 nasce Tullum, denominazione di origine controllata e garantita annoverata tra le più piccole d’Italia. Successo del territorio per la vocata viticoltura d’eccellenza delle terre tollesi o volontà di proteggere un toponimo e i suoi produttori? Lo abbiamo chiesto a Domenico Di Pillo del Consorzio Tutela Dop Tullum.

Ci racconta brevemente che cosa è accaduto il 4 luglio 2019?
Il 4 luglio 2019 è il giorno che ha sancito dopo dieci vendemmie il passaggio a Dop di “Terre tollesi o “Tullum”, una denominazione richiesta a gran voce “dal basso”, ovvero da più di cinquecento tra viticoltori e agricoltori che scesi in piazza, hanno sottolineato la necessità del riconoscimento a livello nazionale di un territorio unico e particolare incastonato tra mare e montagna. Tollo è infatti posta proprio sul primo rilievo collinare, a godere del clima unico che il Mar Adriatico e la Majella gli conferiscono. Brezze marine e notti rigide dovute alla vicinanza del massiccio motivano la particolarità di un vino che nel binomio clima-terreno si caratterizza ulteriormente.

La Docg è annoverata tra le più piccole in Italia, quali sono i numeri?
I produttori di Tullum Docg sono tre, dei quali solo due imbottigliano: l’Azienda Feudo Antico e l’Azienda Agricola Vigneti Radica, quest’ultima 20 ettari di cui 0,6 a Docg. In totale si parla di un estensione di 18.80 ettari per una produzione di uva di 1.762 quintali. Sono coltivati a Montepulciano 8.42 ha, Pecorino 5.51 ha, Passerina 4.33 ha e 0.54 ha di Chardonnay destinati alla produzione di Metodo Classico (all’assaggio il millesimo 2014 ricorda molto le produzioni d’oltralpe). Il rigido disciplinare prevede infatti quattro tipologie: Rosso Riserva, Rosso, Pecorino, Passerina e Spumante. Feudo Antico, l’azienda leader della denominazione, nasce con la volontà di realizzare un progetto sperimentale di archeo-enologia nel cuore dell’Abruzzo. Produce da quindici ettari, in regime sia convenzionale che biologico, all’incirca 125 mila bottiglie, di cui il 40 % destinate all’estero, soprattutto in Germania e Cina.

Che cosa ha permesso, con numeri così esigui, il passaggio da Doc a Docg?
Oltre le uve, direi l’incidenza del fattore umano che attraverso la definizione, il miglioramento, la sperimentazione di alcune pratiche viticole ed enologiche oggi riesce a ottenere prodotti dalle spiccate caratteristiche di tipicità. “A consentirci l’upgrade, precisa Andrea di Fabio, Direttore Commerciale e Marketing di Feudo Antico è stata una cultura di produzione radicata nel tempo”. La coltivazione della vite e il consumo dell’uva e del vino a Tollo hanno radici antichissime risalendo all’epoca romana. La Docg è il risultato di anni di prove, studi e ricerche storiche che hanno evidenziato la vocazione di questo territorio. Tonino Verna, Presidente del Consorzio, afferma: “Il recente riconoscimento della DOCG è un successo di tutto un territorio, che ci consegna la responsabilità e l’impegno di valorizzare ancora meglio questo angolo d’Abruzzo ricco di biodiversità agricola e alimentare e pregno di una storia vitivinicola millenaria, che generazioni di viticoltori hanno saputo tramandare e che oggi ancora più di ieri abbiamo il dovere di proteggere e sviluppare. È un traguardo raggiunto grazie al saper fare squadra degli attori coinvolti in questo ambizioso progetto”.

Produzione, distribuzione ed export: quali sono i canali?
La Docg è molto selettiva per ciò che concerne la produzione. Le rese per ettaro sono di 90 quintali per i bianchi, mentre per il Montepulciano si parla di 110 quintali. È stato escluso l’utilizzo delle uve Trebbiano per valorizzare gli autoctoni teatini. Le etichette hanno un export pari al 20% e sono destinate al mondo Horeca e a un posizionamento super premium. I prezzi medi dei vini sono di 6.28 euro.

Oltre Tullum: Feudo Antico e Casadonna Reale, quali i progetti?
“Cru” per questi vigneti teatini di giacitura collinare o montana è proprio Castel di Sangro, in località Casadonna, il quartier generale di Niko Romito, noto cuoco tristellato. A oltre 800 metri di quota sul livello del mare, i sei ettari della sua tenuta ospitano un vigneto sperimentale di Pecorino IgP Terre Aquilane di Feudo Antico. Vino da collezione, in tiratura limitata, solo 800 bottiglie che già nell’annata di prima vendemmia (2013) ha trasmesso il linguaggio dell’altitudine, della salinità, della forte mineralità. Vinificato in acciaio, con fermentazioni spontanee da lieviti indigeni, dopo sei mesi di affinamento sulle fecce fini viene imbottigliato senza filtrazione.

Giovanna Romeo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio
L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità? giovedi 28 maggio 2020

Il ventaglio di alternative della Nuova Normalità

L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità?

Agnese Ceschi
Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato. mercoledi 27 maggio 2020

Cantina Bolzano: strategie anti-crisi

Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato.

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma. mercoledi 27 maggio 2020

Wine Meridian recruiter di storie vincenti: aspettiamo te!

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma.

Astrid Panizza
Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: i produttori affrontano la riapertura

Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto.

Emanuele Fiorio
Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: gli spumanti italiani non perdono un colpo

Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani.

Emanuele Fiorio
We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017 wednesday 27 may 2020

Italian wines in the world: Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali. mercoledi 27 maggio 2020

Export vini sfusi: la “Belle Èpoque” prima del Covid-19

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali.

Emanuele Fiorio
In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19
mercoledi 27 maggio 2020

Prepararsi al rilancio del vino italiano negli Usa

In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19

Astrid Panizza
Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur. martedi 26 maggio 2020

Nasce CrowdWine: la prima piattaforma di crowdfunding dedicata al vino italiano

Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur.

Il business media britannico, premiato dalla UK Press Gazette come migliore iniziativa giornalistica durante la pandemia del Coronavirus, ci accompagna in uno dei principali mercati del vino mondiale in una delle crisi più complesse della storia moderna. martedi 26 maggio 2020

Con “The Buyer” nel Regno Unito in epoca Covid-19

Il business media britannico, premiato dalla UK Press Gazette come migliore iniziativa giornalistica durante la pandemia del Coronavirus, ci accompagna in uno dei principali mercati del vino mondiale in una delle crisi più complesse della storia moderna.

Federica Mataluna
Come convertire il paradosso di Cenerentola nella vita aziendale. martedi 26 maggio 2020

Prepararsi alla ripresa: la gestione del capitale umano

Come convertire il paradosso di Cenerentola nella vita aziendale.

Astrid Panizza
Il parere di Emilio Pedron, uno dei più autorevoli manager del vino italiano, che auspica l’affermarsi di una nuova élite manageriale ed una rinascita del mercato domestico e delle denominazioni, non dimenticando gli errori del passato. martedi 26 maggio 2020

Puntare sull’Italia con nuovi dirigenti capaci di fare rete

Il parere di Emilio Pedron, uno dei più autorevoli manager del vino italiano, che auspica l’affermarsi di una nuova élite manageriale ed una rinascita del mercato domestico e delle denominazioni, non dimenticando gli errori del passato.

Emanuele Fiorio