Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
domenica 15 dicembre 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine http://www.colmello.it/ La Torraccia  www.cantinatollo.it Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma
venerdi 29 novembre 2019

Tullum: tre realtà per una Docg

Una delle denominazioni più piccole d'Italia posta su un rilievo collinare tra il Mar Adriatico e la Majella è diventata da poco DOCG, richiesta a gran voce da più di cinquecento tra viticoltori e agricoltori


Tullum: tre realtà per una Docg
Con la vendemmia 2018 nasce Tullum, denominazione di origine controllata e garantita annoverata tra le più piccole d’Italia. Successo del territorio per la vocata viticoltura d’eccellenza delle terre tollesi o volontà di proteggere un toponimo e i suoi produttori? Lo abbiamo chiesto a Domenico Di Pillo del Consorzio Tutela Dop Tullum.

Ci racconta brevemente che cosa è accaduto il 4 luglio 2019?
Il 4 luglio 2019 è il giorno che ha sancito dopo dieci vendemmie il passaggio a Dop di “Terre tollesi o “Tullum”, una denominazione richiesta a gran voce “dal basso”, ovvero da più di cinquecento tra viticoltori e agricoltori che scesi in piazza, hanno sottolineato la necessità del riconoscimento a livello nazionale di un territorio unico e particolare incastonato tra mare e montagna. Tollo è infatti posta proprio sul primo rilievo collinare, a godere del clima unico che il Mar Adriatico e la Majella gli conferiscono. Brezze marine e notti rigide dovute alla vicinanza del massiccio motivano la particolarità di un vino che nel binomio clima-terreno si caratterizza ulteriormente.

La Docg è annoverata tra le più piccole in Italia, quali sono i numeri?
I produttori di Tullum Docg sono tre, dei quali solo due imbottigliano: l’Azienda Feudo Antico e l’Azienda Agricola Vigneti Radica, quest’ultima 20 ettari di cui 0,6 a Docg. In totale si parla di un estensione di 18.80 ettari per una produzione di uva di 1.762 quintali. Sono coltivati a Montepulciano 8.42 ha, Pecorino 5.51 ha, Passerina 4.33 ha e 0.54 ha di Chardonnay destinati alla produzione di Metodo Classico (all’assaggio il millesimo 2014 ricorda molto le produzioni d’oltralpe). Il rigido disciplinare prevede infatti quattro tipologie: Rosso Riserva, Rosso, Pecorino, Passerina e Spumante. Feudo Antico, l’azienda leader della denominazione, nasce con la volontà di realizzare un progetto sperimentale di archeo-enologia nel cuore dell’Abruzzo. Produce da quindici ettari, in regime sia convenzionale che biologico, all’incirca 125 mila bottiglie, di cui il 40 % destinate all’estero, soprattutto in Germania e Cina.

Che cosa ha permesso, con numeri così esigui, il passaggio da Doc a Docg?
Oltre le uve, direi l’incidenza del fattore umano che attraverso la definizione, il miglioramento, la sperimentazione di alcune pratiche viticole ed enologiche oggi riesce a ottenere prodotti dalle spiccate caratteristiche di tipicità. “A consentirci l’upgrade, precisa Andrea di Fabio, Direttore Commerciale e Marketing di Feudo Antico è stata una cultura di produzione radicata nel tempo”. La coltivazione della vite e il consumo dell’uva e del vino a Tollo hanno radici antichissime risalendo all’epoca romana. La Docg è il risultato di anni di prove, studi e ricerche storiche che hanno evidenziato la vocazione di questo territorio. Tonino Verna, Presidente del Consorzio, afferma: “Il recente riconoscimento della DOCG è un successo di tutto un territorio, che ci consegna la responsabilità e l’impegno di valorizzare ancora meglio questo angolo d’Abruzzo ricco di biodiversità agricola e alimentare e pregno di una storia vitivinicola millenaria, che generazioni di viticoltori hanno saputo tramandare e che oggi ancora più di ieri abbiamo il dovere di proteggere e sviluppare. È un traguardo raggiunto grazie al saper fare squadra degli attori coinvolti in questo ambizioso progetto”.

Produzione, distribuzione ed export: quali sono i canali?
La Docg è molto selettiva per ciò che concerne la produzione. Le rese per ettaro sono di 90 quintali per i bianchi, mentre per il Montepulciano si parla di 110 quintali. È stato escluso l’utilizzo delle uve Trebbiano per valorizzare gli autoctoni teatini. Le etichette hanno un export pari al 20% e sono destinate al mondo Horeca e a un posizionamento super premium. I prezzi medi dei vini sono di 6.28 euro.

Oltre Tullum: Feudo Antico e Casadonna Reale, quali i progetti?
“Cru” per questi vigneti teatini di giacitura collinare o montana è proprio Castel di Sangro, in località Casadonna, il quartier generale di Niko Romito, noto cuoco tristellato. A oltre 800 metri di quota sul livello del mare, i sei ettari della sua tenuta ospitano un vigneto sperimentale di Pecorino IgP Terre Aquilane di Feudo Antico. Vino da collezione, in tiratura limitata, solo 800 bottiglie che già nell’annata di prima vendemmia (2013) ha trasmesso il linguaggio dell’altitudine, della salinità, della forte mineralità. Vinificato in acciaio, con fermentazioni spontanee da lieviti indigeni, dopo sei mesi di affinamento sulle fecce fini viene imbottigliato senza filtrazione.

Giovanna Romeo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Artigianalità, identità, ruralità ma anche monitoraggio di costi e margini, pianificazione strategica e sostenibilità economica. Il bilanciamento rappresenta la chiave di volta. sabato 14 dicembre 2019

Il successo? Un equilibrio tra pragmatismo e idealismo

Artigianalità, identità, ruralità ma anche monitoraggio di costi e margini, pianificazione strategica e sostenibilità economica. Il bilanciamento rappresenta la chiave di volta.

Emanuele Fiorio
Abbiamo degustato per voi il Barolo DOCG del Comune di Barolo di Marchesi di Barolo sabato 14 dicembre 2019

Italian wines in the world: Barolo DOCG del Comune di Barolo di Marchesi di Barolo

Abbiamo degustato per voi il Barolo DOCG del Comune di Barolo di Marchesi di Barolo

I programmi formativi di successo sono quelli in grado di creare un network di contatti tra mercato, media, influencer e consumatori. venerdi 13 dicembre 2019

Il segreto di un percorso formativo qualificante sono i legami personali. Community significa maggior apprendimento e visibilità

I programmi formativi di successo sono quelli in grado di creare un network di contatti tra mercato, media, influencer e consumatori.

Emanuele Fiorio
I consumatori nel mondo sono sempre meno fossilizzati su un’unica bevanda alcolica. Dobbiamo considerare un fatto positivo la fine delle “ideologie” nel mercato del vino? venerdi 13 dicembre 2019

Sempre più “laico” il mercato del vino

I consumatori nel mondo sono sempre meno fossilizzati su un’unica bevanda alcolica. Dobbiamo considerare un fatto positivo la fine delle “ideologie” nel mercato del vino?

Fabio Piccoli
La viticoltura eroica, negli ultimi anni al centro di forte interesse, è ben rappresentata in Italia dalla Valle d’Aosta, territorio che nonostante le grandi fragilità, si è reso protagonista di questo fenomeno mondiale. giovedi 12 dicembre 2019

Valle d’Aosta: avanguardia di una viticoltura tra terra e cielo

La viticoltura eroica, negli ultimi anni al centro di forte interesse, è ben rappresentata in Italia dalla Valle d’Aosta, territorio che nonostante le grandi fragilità, si è reso protagonista di questo fenomeno mondiale.

Giovanna Romeo
Concretezza, praticità, aggiornamento, confronto costante con la realtà del  settore vinicolo: questa è la sintesi della proposta WinePeople Campus.  giovedi 12 dicembre 2019

WinePeople Campus, formazione a contatto con le esigenze aziendali: “insegniamo quello che facciamo e facciamo quello che insegniamo”

Concretezza, praticità, aggiornamento, confronto costante con la realtà del settore vinicolo: questa è la sintesi della proposta WinePeople Campus.

Emanuele Fiorio
Dal Gruppo Veronafiere nasce la nuova fiera Wine to Asia, programmata dal 9 all'11 novembre 2020, con l'obiettivo di diventare un riferimento permanente per il Far East, mercato che vale, solo per il comparto vino, 6,4 miliardi di euro di import. giovedi 12 dicembre 2019

Nasce la società Shenzen Baina International Exhibitions per operare sul mercato cinese e asiatico

Dal Gruppo Veronafiere nasce la nuova fiera Wine to Asia, programmata dal 9 all'11 novembre 2020, con l'obiettivo di diventare un riferimento permanente per il Far East, mercato che vale, solo per il comparto vino, 6,4 miliardi di euro di import.

La Master of Wine Annette Scarfe esplora questo competitivo mercato, hub commerciale nel sud est asiatico giovedi 12 dicembre 2019

Singapore: tra accise e premium wines

La Master of Wine Annette Scarfe esplora questo competitivo mercato, hub commerciale nel sud est asiatico

Agnese Ceschi
Roberto Salis, Direttore Commerciale di Cantina Santa Maria La Palma, ci racconta origini e aneddoti del vino da “record” Aragosta 
giovedi 12 dicembre 2019

Linea Aragosta, un’etichetta storica dal futuro scintillante

Roberto Salis, Direttore Commerciale di Cantina Santa Maria La Palma, ci racconta origini e aneddoti del vino da “record” Aragosta

Abbiamo degustato per voi mercoledi 11 dicembre 2019

Italian wines in the world: "Reius" Amarone della Valpolicella Classico di Casa Vinicola Sartori

Abbiamo degustato per voi "Reius" Amarone della Valpolicella Classico di Casa Vinicola Sartori

Con il progetto “lieviti e terroir”, realizzato in collaborazione con Startogen e con StarFinn, Tinazzi investe sui lieviti autoctoni per la produzione di Corvina e Primitivo 2019 e sposa la causa della ricerca innovativa e della salvaguardia del proprio patrimonio microbiologico. mercoledi 11 dicembre 2019

"Innovazione tradizionale": Tinazzi punta sui lieviti autoctoni nella vendemmia 2019

Con il progetto “lieviti e terroir”, realizzato in collaborazione con Startogen e con StarFinn, Tinazzi investe sui lieviti autoctoni per la produzione di Corvina e Primitivo 2019 e sposa la causa della ricerca innovativa e della salvaguardia del proprio patrimonio microbiologico.

Ha risposto a questa domanda Jonas H Röjerman, Master of Wine e Responsabile Qualità Prodotto per il monopolio svedese, durante un'interessante simulazione di un tender. mercoledi 11 dicembre 2019

Come faccio a vincere un tender in Svezia?

Ha risposto a questa domanda Jonas H Röjerman, Master of Wine e Responsabile Qualità Prodotto per il monopolio svedese, durante un'interessante simulazione di un tender.

Agnese Ceschi
Tramutare le sciagure in opportunità: andata e ritorno dall’Inferno martedi 10 dicembre 2019

Yannick Benjamin, l’Araba Fenice dell’Hospitality

Tramutare le sciagure in opportunità: andata e ritorno dall’Inferno

Emanuele Fiorio
Considerazioni e consigli preziosi sul mercato cinese martedi 10 dicembre 2019

Ombre cinesi

Considerazioni e consigli preziosi sul mercato cinese

Graziano Molon
Viaggio negli eventi internazionali, quali sono le reali probabilità di successo? martedi 10 dicembre 2019

Evento B2B: un contenitore perfetto

Viaggio negli eventi internazionali, quali sono le reali probabilità di successo?

Lavinia Furlani
We have tasted for you Tenuta Montemagno's Invictus tuesday 10 december 2019

Italian wines in the world: Tenuta Montemagno's Invictus

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Invictus

Un focus sulle strategie di costruzione del brand per misurare la propria forza sul mercato
martedi 10 dicembre 2019

Come si costruisce un brand?

Un focus sulle strategie di costruzione del brand per misurare la propria forza sul mercato

Noemi Mengo


WineMeridian