Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
domenica 22 aprile 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe

Tutto quello che sai sul vino è sbagliato

Interessante ricerca sulle innovazioni di marketing


Tutto quello che sai sul vino è sbagliato
C’era sfuggita qualche mese fa una interessante ricerca (per essere più corretti si tratta di un working paper) pubblicata nel sito dell’American Association of Wine Economists (www.wine-economics.org) dal titolo decisamente provocatorio:”Everything you know about wine is wrong - Tutto quello che sai sul vino è sbagliato”.
Gli autori sono Lee Hannah, senior scientist presso il Betty and Gordon Moore Center for Science and Oceans Conservation International e Terra Alpaugh, ricercatrice presso la Donald Brenn School of Environmental Science and Management dell’Università della California.
In pratica l’analisi di Hannah e Alpaugh si fonda su quanto già oggi, ma in particolare quando saremo a metà di questo secolo, alcuni fattori modificheranno profondamente quanto ora conosciamo del vino e della sua filiera nel suo complesso.
I fattori che i due ricercatori hanno preso in esame sono i seguenti: le mutazioni climatiche, le mutazioni della domanda globale, le nuove tecniche di vinificazione e le innovazioni di marketing.
In particolare, è stato evidenziato come le attuali mutazioni climatiche, che faranno sentire ancora di più le loro conseguenze nel prossimo futuro, espanderanno le aree potenziali per la viticoltura anche alle latitudini più a nord e alle maggiori altitudini.
Aree come il Montana ma anche vaste zone dallo Yellowstone allo Yucon saranno adatte alla coltivazione della vite entro metà di questo secolo. Ma già oggi, come ben sappiamo, la vitivinicoltura è ben avviata, ad esempio, in zone come l’Okanagan Valley (in British Columbia-Canada), in Inghilterra e in Tasmania.
Lo sviluppo della vitivinicoltura, pertanto, nel futuro sarà sempre più in relazione sia all’aumento della domanda di vino ma anche dell’idoneità alla coltivazione della vite di un numero sempre maggiore di aree nel mondo. Se la domanda di vino quindi sarà in crescita le previsioni portano inevitabilmente a immaginare che si produrrà sempre più vino in regioni non Mediterranee entro metà di questo secolo.
Ma è altrettanto evidente che tali cambiamenti climatici spingeranno anche le regioni viticole tradizionali, Francia e Italia in primis, ad evolversi verso vitigni più tolleranti alle temperature elevate. Provate ad immaginare, si chiedono i due ricercatori, cosa potrebbe accadere al Pinot Nero in Borgogna, notoriamente una varietà molto sensibile (in negativo) alle alte temperature. Se le mutazioni climatiche saranno confermate anche in futuro potrebbe diventare molto costoso produrre Pinot Noir in Borgogna e sarà più facile a quel punto spostare la produzione in altri territori.
E’ chiaro che una mutazione di questo genere porterebbe inevitabilmente anche ad una rivoluzione sul fronte del marketing e della comunicazione considerando la profonda trasformazione dell’identità di territori storici della viticoltura.
Come pure le più avanzate e intensive tecniche di vinificazione faciliteranno la produzione di vino anche nelle nuove aree produttive e consentiranno adattamenti a questi cambiamenti in quelle vecchie. Su questo fronte il dibattito è molto aperto in quanto, se da un lato le regioni viticole tradizionali sempre di più si stanno evolvendo verso una costante diminuzione della manipolazione della materia prima cercando di enfatizzare il più possibile la vera natura dei vitigni utilizzati, in altre aree, come Napa ad esempio, è da tempo sono accettate tecniche enologiche che modifichino i livelli di zucchero o di acidità. Ci sarà da capire come le mutazioni climatiche incideranno su questi due differenti approcci.
Il crescente desiderio, inoltre, di adeguarsi ad un stile europeo da parte della classe media cinese porterà ad un forte aumento della domanda globale e questo spingerà anche ad un conseguente adattamento sia sul fronte della viticoltura che della vinificazione.
Non è un caso che già oggi - spiegano i due ricercatori - la Cina è il produttore che sta registrando la crescita più veloce di vini di stile europeo. E’ già, infatti, il quinto produttore al mondo con una quota del 15% a livello mondiale. E l’interesse nei confronti dei vini di stile europeo si sta spostando dalla cosiddetta upper class al ceto medio cinese che, secondo gli ultimi dati disponibili, oggi è rappresentato da circa 230 milioni di persone e per il 2022 le previsioni parlano che questa classe raggiungerà ben 630 milioni (i tre quarti della popolazione dei centri urbani in Cina).
A questo punto se la gran parte di questa classe media cinese arrivasse ad un consumo anche della metà rispetto alla middle class americana (23%), si potrebbe arrivare a ben 73 milioni di consumatori di vino nel prossimo decennio.
Secondo i due ricercatori, inoltre, queste mutazioni avranno anche profonde implicazioni sul fronte ambientale, dei modelli industriali e della conservazione, sia nelle zone tradizionali di produzione che in quelle emergenti.
Su questo fronte i due ricercatori ipotizzano scenari che oggi potrebbero apparire anche “paradossali”, come, ad esempio, un impatto molto serio su regioni icona della conservazione ambientale come Yellowston, Yucon ma anche l’habitat dei panda nelle montagne cinesi, che potrebbero essere fortemente coinvolti, in particolare nelle loro aree più meridionali, da futuri investimenti in viticoltura.
Immaginare addirittura gli splendidi panda minacciati anche dal vino ci appare oggi surreale, ma è indubbio che le mutazioni in atto su più fronti anche oggi avranno inevitabilmente un’incidenza sia sul fronte vitivinicolo sia su quello dei consumi e dell’ambiente.
Approfondire nel modo più accurato possibile ci appare oggi un obbligo anche da parte del nostro mondo del vino.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Il successo di Vinitaly è speculare allo stato di salute del vino italiano?

Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Fabio Piccoli
Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”
giovedi 19 aprile

Farina sceglie i tappi Select Green della Nomacorc

Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA giovedi 19 aprile

Vinitaly 2018 all'insegna della positività

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA

Agnese Ceschi
Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli


mercoledi 18 aprile

I vincitori del III concorso “Il Meridiano del Vino”

Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli

Una pubblicazione preziosa, curata da  Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Italian Wine Unplugged, quando spiegare la grande diversità del vino italiano è possibile

Una pubblicazione preziosa, curata da Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Fabio Piccoli
Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

I big del vino italiano in salute nel rapporto di Mediobanca

Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

Fabio Piccoli
Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Spagna e Cile cercano di “assomigliare” all’Italia

Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Fabio Piccoli
La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Vinitaly 2018: gli appuntamenti, secondo noi, da non perdere

La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Quando è il brand aziendale a prevalere

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Francesco Piccoli
Il debutto della nuova formula a Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vini Buoni d'Italia ed Enosocial assieme per l'acquisto dei vini in fiera

Il debutto della nuova formula a Vinitaly

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Stai cercando lavoro nel mondo del vino? Vieni a presentarti

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vinitaly-Nomisma: Controsorpasso negli Usa, Italia del Vino di nuovo prima

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing mercoledi 11 aprile

Tutti i segreti del Wine Marketing in un nuovo libro

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing" a cura di Nomisma Wine Monitor e con il supporto di Business Strategies

L'iniziativa di Ewmd Verona in collaborazione con Vinitaly and The City con esperti dell’enoturismo a Bardolino il 14 aprile. mercoledi 11 aprile

Convegni: turisti tra le vigne toccano 13 milioni di arrivi

L'iniziativa di Ewmd Verona in collaborazione con Vinitaly and The City con esperti dell’enoturismo a Bardolino il 14 aprile.

Torna a Villa Favorita di Sarego (VI) la tre giorni dedicata ai vini naturali con 158 produttori presenti mercoledi 11 aprile

Villa Favorita 2018: Vinnatur guarda al futuro

Torna a Villa Favorita di Sarego (VI) la tre giorni dedicata ai vini naturali con 158 produttori presenti

Una ventata di aria fresca per la cantina bresciana: nuove etichette creative, realizzate da Raineri Design e una preziosa collaborazione con l’enologo Stefano Chioccioli
mercoledi 11 aprile

Borgo La Caccia si rinnova: un restyling creativo e tante altre novità

Una ventata di aria fresca per la cantina bresciana: nuove etichette creative, realizzate da Raineri Design e una preziosa collaborazione con l’enologo Stefano Chioccioli

Bertani è tra i 100 migliori produttori italiani selezionati per partecipare all’evento “OperaWine, Finest Italian Wines: 100 Great Producers”, organizzato da Wine Spectator e Vinitaly.
mercoledi 11 aprile

Bertani ad OperaWine 2018 con l'Amarone Classico 2008

Bertani è tra i 100 migliori produttori italiani selezionati per partecipare all’evento “OperaWine, Finest Italian Wines: 100 Great Producers”, organizzato da Wine Spectator e Vinitaly.

Dopo due mesi dall'inizio della nostra attvità formativa, i protagonisti ci raccontano la loro esperienza

Campus Vendita e Campus Impresa: la formazione pratica per il mondo del vino

Dopo due mesi dall'inizio della nostra attvità formativa, i protagonisti ci raccontano la loro esperienza