Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 23 febbraio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Azienda Agricola Coali

Tutto quello che sai sul vino è sbagliato

Interessante ricerca sulle innovazioni di marketing


Tutto quello che sai sul vino è sbagliato
C’era sfuggita qualche mese fa una interessante ricerca (per essere più corretti si tratta di un working paper) pubblicata nel sito dell’American Association of Wine Economists (www.wine-economics.org) dal titolo decisamente provocatorio:”Everything you know about wine is wrong - Tutto quello che sai sul vino è sbagliato”.
Gli autori sono Lee Hannah, senior scientist presso il Betty and Gordon Moore Center for Science and Oceans Conservation International e Terra Alpaugh, ricercatrice presso la Donald Brenn School of Environmental Science and Management dell’Università della California.
In pratica l’analisi di Hannah e Alpaugh si fonda su quanto già oggi, ma in particolare quando saremo a metà di questo secolo, alcuni fattori modificheranno profondamente quanto ora conosciamo del vino e della sua filiera nel suo complesso.
I fattori che i due ricercatori hanno preso in esame sono i seguenti: le mutazioni climatiche, le mutazioni della domanda globale, le nuove tecniche di vinificazione e le innovazioni di marketing.
In particolare, è stato evidenziato come le attuali mutazioni climatiche, che faranno sentire ancora di più le loro conseguenze nel prossimo futuro, espanderanno le aree potenziali per la viticoltura anche alle latitudini più a nord e alle maggiori altitudini.
Aree come il Montana ma anche vaste zone dallo Yellowstone allo Yucon saranno adatte alla coltivazione della vite entro metà di questo secolo. Ma già oggi, come ben sappiamo, la vitivinicoltura è ben avviata, ad esempio, in zone come l’Okanagan Valley (in British Columbia-Canada), in Inghilterra e in Tasmania.
Lo sviluppo della vitivinicoltura, pertanto, nel futuro sarà sempre più in relazione sia all’aumento della domanda di vino ma anche dell’idoneità alla coltivazione della vite di un numero sempre maggiore di aree nel mondo. Se la domanda di vino quindi sarà in crescita le previsioni portano inevitabilmente a immaginare che si produrrà sempre più vino in regioni non Mediterranee entro metà di questo secolo.
Ma è altrettanto evidente che tali cambiamenti climatici spingeranno anche le regioni viticole tradizionali, Francia e Italia in primis, ad evolversi verso vitigni più tolleranti alle temperature elevate. Provate ad immaginare, si chiedono i due ricercatori, cosa potrebbe accadere al Pinot Nero in Borgogna, notoriamente una varietà molto sensibile (in negativo) alle alte temperature. Se le mutazioni climatiche saranno confermate anche in futuro potrebbe diventare molto costoso produrre Pinot Noir in Borgogna e sarà più facile a quel punto spostare la produzione in altri territori.
E’ chiaro che una mutazione di questo genere porterebbe inevitabilmente anche ad una rivoluzione sul fronte del marketing e della comunicazione considerando la profonda trasformazione dell’identità di territori storici della viticoltura.
Come pure le più avanzate e intensive tecniche di vinificazione faciliteranno la produzione di vino anche nelle nuove aree produttive e consentiranno adattamenti a questi cambiamenti in quelle vecchie. Su questo fronte il dibattito è molto aperto in quanto, se da un lato le regioni viticole tradizionali sempre di più si stanno evolvendo verso una costante diminuzione della manipolazione della materia prima cercando di enfatizzare il più possibile la vera natura dei vitigni utilizzati, in altre aree, come Napa ad esempio, è da tempo sono accettate tecniche enologiche che modifichino i livelli di zucchero o di acidità. Ci sarà da capire come le mutazioni climatiche incideranno su questi due differenti approcci.
Il crescente desiderio, inoltre, di adeguarsi ad un stile europeo da parte della classe media cinese porterà ad un forte aumento della domanda globale e questo spingerà anche ad un conseguente adattamento sia sul fronte della viticoltura che della vinificazione.
Non è un caso che già oggi - spiegano i due ricercatori - la Cina è il produttore che sta registrando la crescita più veloce di vini di stile europeo. E’ già, infatti, il quinto produttore al mondo con una quota del 15% a livello mondiale. E l’interesse nei confronti dei vini di stile europeo si sta spostando dalla cosiddetta upper class al ceto medio cinese che, secondo gli ultimi dati disponibili, oggi è rappresentato da circa 230 milioni di persone e per il 2022 le previsioni parlano che questa classe raggiungerà ben 630 milioni (i tre quarti della popolazione dei centri urbani in Cina).
A questo punto se la gran parte di questa classe media cinese arrivasse ad un consumo anche della metà rispetto alla middle class americana (23%), si potrebbe arrivare a ben 73 milioni di consumatori di vino nel prossimo decennio.
Secondo i due ricercatori, inoltre, queste mutazioni avranno anche profonde implicazioni sul fronte ambientale, dei modelli industriali e della conservazione, sia nelle zone tradizionali di produzione che in quelle emergenti.
Su questo fronte i due ricercatori ipotizzano scenari che oggi potrebbero apparire anche “paradossali”, come, ad esempio, un impatto molto serio su regioni icona della conservazione ambientale come Yellowston, Yucon ma anche l’habitat dei panda nelle montagne cinesi, che potrebbero essere fortemente coinvolti, in particolare nelle loro aree più meridionali, da futuri investimenti in viticoltura.
Immaginare addirittura gli splendidi panda minacciati anche dal vino ci appare oggi surreale, ma è indubbio che le mutazioni in atto su più fronti anche oggi avranno inevitabilmente un’incidenza sia sul fronte vitivinicolo sia su quello dei consumi e dell’ambiente.
Approfondire nel modo più accurato possibile ci appare oggi un obbligo anche da parte del nostro mondo del vino.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Ma le Anteprime a cosa dovrebbero servire?

Analisi delle rassegne stampa delle Anteprime in corso nelle principali denominazioni del vino italiane

Fabio Piccoli
Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani giovedi 22 febbraio

Un futuro più “roseo” è all'orizzonte?

Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani

Noemi Mengo
L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Perchè investire nella costruzione dell' identità aziendale

L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori lunedi 19 febbraio

Come costruire una vision aziendale

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici lunedi 19 febbraio

Tax down negli Stati Uniti

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici

Steve Raye/ Bevology Inc.
Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione. lunedi 19 febbraio

Italia superpotenza a bassi regimi nel 2017, mentre la Francia vola

Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione.

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un  valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Grazie alla Cina record del vino australiano nel 2017

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Fabio Piccoli
Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana venerdi 16 febbraio

Casisano a Benvenuto Brunello 2018

Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018 giovedi 15 febbraio

Aperte le iscrizioni per l’evento internazionale di degustazione alle cieca 5StarWines

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani? giovedi 15 febbraio

3 ragioni per essere "alternativi"

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani?

Agnese Ceschi
L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia mercoledi 14 febbraio

Vendere Vino: produttori e intermediari insieme per vendere in Italia e all’estero

L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto mercoledi 14 febbraio

Personal Branding e vino: cosa dicono di te quando tu non ci sei?

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto

Lavinia Furlani
L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Anche il 2017 conferma le debolezze del vino italiano in Cina

L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Francesco Piccoli
Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market lunedi 12 febbraio

Un viaggio nel mondo delle Wine apps

Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market

Noemi Mengo


WineMeridian