Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 19 gennaio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Tommasi
martedi 12 settembre

Un corso di alta specializzazione sul management del vino

Pierpaolo Penco, direttore del programma in Wine Business Management del MIB di Trieste, ci racconta i dettagli del corso in partenza il prossimo 30 novembre


Un corso di alta specializzazione sul management del vino

Pierpaolo Penco


Quando e perché è nato il programma Wine Business Management?
Il programma in Wine Business Management nasce dopo una lunga esperienza di MIB Trieste School of Management nell'alta formazione focalizzata sul settore Vino, iniziata già nel 2002. MIB ha scelto di investire nella formazione manageriale per il settore vinicolo in quanto è uno degli asset chiave, assieme all’agroalimentare di qualità, per mantenere e migliorare la competitività dell’Italia nel mondo. Ma, si sa, l’agricoltura in passato ha focalizzato il proprio interesse sul prodotto e poco sulla conoscenza del mercato e delle competenze gestionali, quindi abbiamo creduto, con successo, fosse giunto il momento di fornire alle aziende del settore un’opportunità di crescita per gli imprenditori e i manager.
Che genere di competenze fornisce ai partecipanti?
Attraverso il Corso in Wine Business Management si portano i partecipanti a raggiungere una migliore comprensione dei fattori competitivi necessari a sviluppare le strategie aziendali di crescita, ad una migliore conoscenza e gestione dei clienti e dei consumatori, sia nel mercato interno sia a livello internazionale. Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono sicuramente l’acquisizione di solide competenze di General Management e l’ampliamento delle competenze funzionali in tutte le aree e processi tipici dell’azienda vinicola e della filiera, ma soprattutto lo sviluppo di capacità di pensiero strategico e di gestione del cambiamento funzionali all’impresa vinicola. 
 
A che necessità odierne risponde il corso?
Oggi, data la necessità di aumentare la competitività delle aziende sui mercati internazionali, bisogna sviluppare negli imprenditori e nei manager un linguaggio e una sicurezza che permettano di interagire alla pari con partner di tutto il mondo, spesso più grandi e strutturati di loro. Per farlo è necessario un percorso di crescita personale e aziendale che, rompendo i propri schemi mentali attraverso il confronto con altri colleghi, porti a innovare la propria prospettiva sul business e il proprio modo di interpretare i ruoli gestionali.

Come è stato composto il piano didattico e con che criteri?
Il percorso in Wine Business Management si sviluppa nell’arco di quasi 9 mesi ed è suddiviso in 9 corsi da 3 giornate formative ciascuno, dal giovedì a sabato a pranzo, in modo da permettere ai partecipanti la frequenza senza compromettere l'impegno lavorativo.
Ogni modulo è tematico ed affronta un aspetto della gestione dell’impresa vinicola: dalla conoscenza del settore e della sua evoluzione all’elaborazione di una strategia, soprattutto di differenziazione dalla concorrenza. Dal marketing operativo, con i suoi risvolti turistici alla comunicazione, dalla gestione di una rete vendita, anche in chiave export, alla logistica, dall’amministrazione al controllo di gestione, per concludersi con una parte relativa allo sviluppo del business. 

A chi è rivolto?
Il Corso in Wine Business Management è aperto a tutti i laureati con una minima esperienza professionale, anche non continuativa, oppure a diplomati con almeno 5 anni di esperienza lavorativa in questo caso nel settore.

Si tratta dell’unica proposta della scuola per il settore?
Come percorso didattico sì. Tuttavia stiamo organizzando per il prossimo novembre un viaggio-studio in Francia finalizzato a scoprire l'eccellenza dello Champagne in prima persona: dal vino alle strategie d’impresa e di sviluppo del territorio. Si tratta di 3 giornate, aperte a tutti gli interessati, nelle quali vogliamo comprendere che lo Champagne non è solo un vino, bensì un cluster integrato che agisce cooperando, nel rispetto dei ruoli, al fine di produrre e distribuire ricchezza sul territorio. 

Che evoluzioni sta subendo il mondo del vino oggi?

Negli ultimi 20 anni, l'industria del vino in tutto il mondo è diventata sempre più internazionalizzata, anche se il mercato si è frammentato e richiede un’alta intensità di informazioni. A livello globale si notano continui cambiamenti, ad esempio nell’inevitabile consolidamento di grandi aziende vinicole sebbene la concentrazione si ritrovi soprattutto a livello del rivenditore rispetto alla produzione, in netto contrasto con altre bevande.
Nonostante un’incredibile scelta sugli scaffali o nelle carte dei ristoranti, le vendite di vino, soprattutto nelle fasce basic premium, sono dominate da un ristretto numero di marche. Sono queste aziende a crescere, investendo sui loro brand attraverso una migliore conoscenza dei consumatori e della loro evoluzione. I mercati del vino mondiali stanno infatti attraversando un periodo di aggiustamento strutturale: se in alcuni il consumo sta crescendo, è sempre più evidente il cambiamento dei modelli di consumo in importanti mercati dell'Europa occidentale, come l'Italia, la Francia, il Portogallo e la Spagna, in quanto i consumatori più giovani si allontanano dal tradizionale bere vino quotidianamente ad un consumo più occasionale. La diminuzione dei consumi nei Paesi produttori europei significa dover esportare più vini di prima, ma per farlo bisogna strutturarsi e disporre delle giuste professionalità.

Quanto le competenze trasversali sono importanti?
Nel Corso si prendono in esame diversi aspetti della catena del valore aziendale, portando il partecipante a comprendere le diverse interrelazioni tra funzioni e processi. Sempre di più, infatti, a chi vende è richiesta la conoscenza di budget o di strumenti di analisi strategica dei mercati, mentre chi si occupa di produzione deve conoscere il mercato e i consumatori ai quali andranno indirizzati prodotti che devono soddisfare bisogni sempre più complessi. È fondamentalmente questo il motivo per cui abbiamo progettato un Corso in general management e non un corso specializzato su una delle funzioni aziendali. Posto che diamo comunque la possibilità, agli interessati, di scegliere anche solo il percorso in Marketing&Vendite (5 moduli) o in Amministrazione&Controllo (2 moduli).

Quali sono le nuove sfide sui mercati internazionali per Lei e quali le carenze del sistema Italia rispetto ad altri Paesi del mondo?
In passato, quando proponevo a produttori vinicoli di frequentare i nostri corsi o di mandare del personale, soprattutto quello commerciale, spesso mi rispondevano che non avevano tempo e non potevano permettersi collaboratori perché dovevano cambiare il trattore. A distanza di anni, chi ha investito sulla formazione o sull’acquisizione di professionalità con competenze manageriali ha visto migliorare le performance aziendali e sta affrontando la competizione con maggiore sicurezza. Da non trascurare l’impatto crescente che hanno le reti di contatti. Ciò che spesso manca in molte aziende che, viceversa, si muovono da sole o con un’ottica di breve periodo, è proprio la capacità di collaborazione, di relazione e di comprensione della necessità di sviluppare partnership sia tra aziende e territori che con gli operatori stranieri con cui si vogliono intrattenere rapporti commerciali.

Per info sul programma e iscrizione: qui
Un corso di alta specializzazione sul management del vino
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Prosecco pedina di scambio nell’accordo tra UE e Australia?

Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Francesco Piccoli
Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Pochi giorni al meeting per gli export manager di Wineout

Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters giovedi 18 gennaio

Importare vini italiani in America: non ci si improvvisa

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters

Noemi Mengo
Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons giovedi 18 gennaio

Wine influencer: quanto valore portano alla wine community e quanto accrescono la conoscenza comune del vino?

Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons

Noemi Mengo
Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Cosa significa essere oggi un imprenditore del vino?

Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo? martedi 16 gennaio

Danimarca: dove la felicità è di casa

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo?

Agnese Ceschi
Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta? lunedi 15 gennaio

120 cm ² per raccontare la propria storia

Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta?

La più importante hub del commercio asiatico venerdi 12 gennaio

Inserirsi nel mercato cinese: perché dovreste usare Hong Kong come tramite

La più importante hub del commercio asiatico

Noemi Mengo
Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme… giovedi 11 gennaio

Come essere influenti in Cina

Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme…

Redazione Wine Meridian
Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Il primo corso per imparare a vendere vino nel mondo e in Italia

Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Diventare imprenditori del vino consapevoli

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Fabio Piccoli
Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

In onore di Gualtiero Marchesi

Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

Vincenzo Ercolino


WineMeridian