Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
venerdi 25 maggio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace
martedi 12 settembre

Un corso di alta specializzazione sul management del vino

Pierpaolo Penco, direttore del programma in Wine Business Management del MIB di Trieste, ci racconta i dettagli del corso in partenza il prossimo 30 novembre


Un corso di alta specializzazione sul management del vino

Pierpaolo Penco


Quando e perché è nato il programma Wine Business Management?
Il programma in Wine Business Management nasce dopo una lunga esperienza di MIB Trieste School of Management nell'alta formazione focalizzata sul settore Vino, iniziata già nel 2002. MIB ha scelto di investire nella formazione manageriale per il settore vinicolo in quanto è uno degli asset chiave, assieme all’agroalimentare di qualità, per mantenere e migliorare la competitività dell’Italia nel mondo. Ma, si sa, l’agricoltura in passato ha focalizzato il proprio interesse sul prodotto e poco sulla conoscenza del mercato e delle competenze gestionali, quindi abbiamo creduto, con successo, fosse giunto il momento di fornire alle aziende del settore un’opportunità di crescita per gli imprenditori e i manager.
Che genere di competenze fornisce ai partecipanti?
Attraverso il Corso in Wine Business Management si portano i partecipanti a raggiungere una migliore comprensione dei fattori competitivi necessari a sviluppare le strategie aziendali di crescita, ad una migliore conoscenza e gestione dei clienti e dei consumatori, sia nel mercato interno sia a livello internazionale. Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono sicuramente l’acquisizione di solide competenze di General Management e l’ampliamento delle competenze funzionali in tutte le aree e processi tipici dell’azienda vinicola e della filiera, ma soprattutto lo sviluppo di capacità di pensiero strategico e di gestione del cambiamento funzionali all’impresa vinicola. 
 
A che necessità odierne risponde il corso?
Oggi, data la necessità di aumentare la competitività delle aziende sui mercati internazionali, bisogna sviluppare negli imprenditori e nei manager un linguaggio e una sicurezza che permettano di interagire alla pari con partner di tutto il mondo, spesso più grandi e strutturati di loro. Per farlo è necessario un percorso di crescita personale e aziendale che, rompendo i propri schemi mentali attraverso il confronto con altri colleghi, porti a innovare la propria prospettiva sul business e il proprio modo di interpretare i ruoli gestionali.

Come è stato composto il piano didattico e con che criteri?
Il percorso in Wine Business Management si sviluppa nell’arco di quasi 9 mesi ed è suddiviso in 9 corsi da 3 giornate formative ciascuno, dal giovedì a sabato a pranzo, in modo da permettere ai partecipanti la frequenza senza compromettere l'impegno lavorativo.
Ogni modulo è tematico ed affronta un aspetto della gestione dell’impresa vinicola: dalla conoscenza del settore e della sua evoluzione all’elaborazione di una strategia, soprattutto di differenziazione dalla concorrenza. Dal marketing operativo, con i suoi risvolti turistici alla comunicazione, dalla gestione di una rete vendita, anche in chiave export, alla logistica, dall’amministrazione al controllo di gestione, per concludersi con una parte relativa allo sviluppo del business. 

A chi è rivolto?
Il Corso in Wine Business Management è aperto a tutti i laureati con una minima esperienza professionale, anche non continuativa, oppure a diplomati con almeno 5 anni di esperienza lavorativa in questo caso nel settore.

Si tratta dell’unica proposta della scuola per il settore?
Come percorso didattico sì. Tuttavia stiamo organizzando per il prossimo novembre un viaggio-studio in Francia finalizzato a scoprire l'eccellenza dello Champagne in prima persona: dal vino alle strategie d’impresa e di sviluppo del territorio. Si tratta di 3 giornate, aperte a tutti gli interessati, nelle quali vogliamo comprendere che lo Champagne non è solo un vino, bensì un cluster integrato che agisce cooperando, nel rispetto dei ruoli, al fine di produrre e distribuire ricchezza sul territorio. 

Che evoluzioni sta subendo il mondo del vino oggi?

Negli ultimi 20 anni, l'industria del vino in tutto il mondo è diventata sempre più internazionalizzata, anche se il mercato si è frammentato e richiede un’alta intensità di informazioni. A livello globale si notano continui cambiamenti, ad esempio nell’inevitabile consolidamento di grandi aziende vinicole sebbene la concentrazione si ritrovi soprattutto a livello del rivenditore rispetto alla produzione, in netto contrasto con altre bevande.
Nonostante un’incredibile scelta sugli scaffali o nelle carte dei ristoranti, le vendite di vino, soprattutto nelle fasce basic premium, sono dominate da un ristretto numero di marche. Sono queste aziende a crescere, investendo sui loro brand attraverso una migliore conoscenza dei consumatori e della loro evoluzione. I mercati del vino mondiali stanno infatti attraversando un periodo di aggiustamento strutturale: se in alcuni il consumo sta crescendo, è sempre più evidente il cambiamento dei modelli di consumo in importanti mercati dell'Europa occidentale, come l'Italia, la Francia, il Portogallo e la Spagna, in quanto i consumatori più giovani si allontanano dal tradizionale bere vino quotidianamente ad un consumo più occasionale. La diminuzione dei consumi nei Paesi produttori europei significa dover esportare più vini di prima, ma per farlo bisogna strutturarsi e disporre delle giuste professionalità.

Quanto le competenze trasversali sono importanti?
Nel Corso si prendono in esame diversi aspetti della catena del valore aziendale, portando il partecipante a comprendere le diverse interrelazioni tra funzioni e processi. Sempre di più, infatti, a chi vende è richiesta la conoscenza di budget o di strumenti di analisi strategica dei mercati, mentre chi si occupa di produzione deve conoscere il mercato e i consumatori ai quali andranno indirizzati prodotti che devono soddisfare bisogni sempre più complessi. È fondamentalmente questo il motivo per cui abbiamo progettato un Corso in general management e non un corso specializzato su una delle funzioni aziendali. Posto che diamo comunque la possibilità, agli interessati, di scegliere anche solo il percorso in Marketing&Vendite (5 moduli) o in Amministrazione&Controllo (2 moduli).

Quali sono le nuove sfide sui mercati internazionali per Lei e quali le carenze del sistema Italia rispetto ad altri Paesi del mondo?
In passato, quando proponevo a produttori vinicoli di frequentare i nostri corsi o di mandare del personale, soprattutto quello commerciale, spesso mi rispondevano che non avevano tempo e non potevano permettersi collaboratori perché dovevano cambiare il trattore. A distanza di anni, chi ha investito sulla formazione o sull’acquisizione di professionalità con competenze manageriali ha visto migliorare le performance aziendali e sta affrontando la competizione con maggiore sicurezza. Da non trascurare l’impatto crescente che hanno le reti di contatti. Ciò che spesso manca in molte aziende che, viceversa, si muovono da sole o con un’ottica di breve periodo, è proprio la capacità di collaborazione, di relazione e di comprensione della necessità di sviluppare partnership sia tra aziende e territori che con gli operatori stranieri con cui si vogliono intrattenere rapporti commerciali.

Per info sul programma e iscrizione: qui
Un corso di alta specializzazione sul management del vino
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Le emozioni: conoscerle per comunicarle meglio

A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Il Prosecco finalmente dà valore ai suoi terroir

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Fabio Piccoli
Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati giovedi 24 maggio

Arconvert, quando l’etichetta esalta in maniera coerente l’identità

Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

La cantina cooperativa Vignaioli del Morellino di Scansano inaugura la nuova cantina

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure giovedi 24 maggio

Vinventions, da Nord a Sud l'Italia del vino sceglie l'innovazione

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Offerta di lavoro

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.
giovedi 24 maggio

Cantine Volpi, la storica realtà piemontese pioniera nella produzione del biologico

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Grazie Riedel, ancora troppo inascoltato

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Fabio Piccoli
Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy thursday 24 may

From marble to wine: Azienda Agricola Coali in the heart of Valpolicella Classica

Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy

Agnese Ceschi
Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Wine Campus: la formazione per i professionisti del vino

Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Un luogo di condivisione per tutti  gli operatori di export

Wine-Out: il forum per gli export manager

Un luogo di condivisione per tutti gli operatori di export

Agnese Ceschi
Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno! martedi 22 maggio

Wine Meridian International Tour

Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno!

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

Imprese del vino in Vietnam con Wine Meridian

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

 Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato. martedi 22 maggio

I vostri vini piaceranno in Giappone?

Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato.

Roberto Bosticco, corrispondente da Tokyo
Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano martedi 22 maggio

Partecipa con noi al tour Canada e Usa 2018

Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano

Un corso per imparare a vendere più vino

Campus Vendita: la palestra per i venditori del vino

Un corso per imparare a vendere più vino