Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
sabato 22 settembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it www.wine2wine.net www.ilvinocomunica.it Farina Enartis Tebaldi
giovedi 22 febbraio

Un futuro più “roseo” è all'orizzonte?

Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani


Un futuro più “roseo” è all'orizzonte?
Grandi possibilità di crescita all’orizzonte per i vini rosè: è quanto emerge dai resoconti dell’anno appena passato di due importanti società di ricerca di mercato, Nielsen e Wine Intelligence. Con l’inizio del 2018, le prospettive future si rischiarano e vedono il mercato statunitense come il terreno più fertile in cui seminare.

Il rosè non è certo una novità nelle carte vini internazionali già da diversi anni, ma sebbene sia apprezzato da molti, soffre di alcuni pregiudizi, dettati probabilmente dalla sua adattabilità alle stagioni calde e dunque associato ad un concetto di leggerezza e facilità, chiamato addirittura “summer water” come racconta Forbes (qui).
Essendo gli Stati Uniti un buon driver per le tendenze e l’economia mondiale, ci si chiede quindi se e in quanto tempo il resto del globo seguirà l’andamento positivo che ha rigenerati la percezione dei rosè, e dei blush, categoria affine alla prima, nel nuovo continente. Secondo i sondaggi, che vedremo qui sotto, emerge che in America la crescita del consumo del rosè è stata esponenziale, proprio perché gli americani sono stati in grado di sfatare i vecchi stereotipi e dare una spinta considerevole ad un prodotto spesso sottovalutato.

Il cambio di percezione che ha segnato il mercato USA
Negli ultimi dieci anni c’è stato un cambio radicale nella percezione dei vini rosè, soprattutto nella fascia dei consumatori Millennials. Inizialmente, sia i blush che i rosè venivano considerati con una connotazione negativa, vini leggeri, da snob, la scelta conveniente di chi non ha molte conoscenze in materia.
Ma circa 10 anni fa questa percezione ha cominciato a mutarsi. I rosè francesi e provenzali hanno iniziato a dotare i loro prodotti di un gusto meno dolciastro, e li hanno inseriti in uno dei mercati più floridi del pianeta: il mercato statunitense. Gli Stati Uniti sono conosciuti soprattutto per essere un po’ la patria degli eccessi, ma nel loro eccedere ci sono dei lati molto positivi: le novità non fanno paura agli americani, e gli stereotipi tanto meno. Ecco perché, alla faccia di questi ultimi, nel mercato statunitense, la vendita di rosè ha incontrato una crescita esponenziale.

Secondo i dati Nielsen risalenti alla prima metà del 2017 il vino rosè rappresenterebbe un 1.5% nel totale del mercato dei vini da tavola, ma ha registrato una crescita in volume del 53% tra il 2016 e il 2017, rappresentando un giro d’affari di circa 258 milioni di dollari. Questo fenomeno è attribuibile ad un cambio di percezione del prodotto, diventato modaiolo e soprattutto accessibile economicamente. Sempre secondo Nielsen, il 40% dei consumatori sono donne dai 21 ai 34 anni, che vengono a conoscenza dei prodotti grazie ai social network. Instagram ad esempio, ospita utenti di età media tra i 18 e i 29 anni, e sono potenziali consumatori a cui gli esperti consigliano di approcciarsi.

Oltretutto, secondo un report condotto dal sito Wine Intelligence, ci sono dei trend chiave per i quali si prevede una crescita ancora maggiore nel business del rosè dal 2018 in poi. Prima di tutto, il cambio di percezione comune accennato prima, dettato sicuramente dal fatto che la popolazione Millennials sia cresciuta e si sia avvicinata al mondo del vino. Proprio perché figli del nuovo millennio, genericamente non sono bevitori esperti, e hanno quindi meno pregiudizi verso le categorie e i brand.
In secondo luogo, alcune buone politiche di marketing sono state in grado di, lentamente, insidiare nelle menti dei consumatori una certa percezione qualitativa del rosè, che ha aperto le strade dell’esportazione dall’Europa al nuovo continente.
Terzo trend chiave si riscontra sicuramente nel fatto che, in questi dieci anni, i blush e i rosè non vengono più concepiti come stagionali, fattore che assicura riscontri positivi nei bilanci di fine anno dei produttori. Se prima veniva considerato un prodotto prettamente estivo, in America oggi viene acquistato addirittura come abbinamento per la cena del Ringraziamento. Ultimo ma non meno importante, secondo i dati emersi dal sondaggio, Wine Intelligence ha affermato che il grande successo ottenuto potrebbe estendersi anche alla categoria dei rosè bollicine. 
Chissà se anche l’Europa riuscirà a stare al passo con gli Stati Uniti in tema di cambiamenti. Al momento una cosa è certa, per un futuro più “roseo”, gli USA sono il mercato su cui puntare ed investire. 

Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi l'Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2012 sabato 22 settembre

Italian wines in the world: "I Coali" Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2012 di Azienda Agricola Coali

Abbiamo degustato per voi l'Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2012 "I Coali" di Azienda Agricola Coali

Il formato di colloqui speed dating ideato da Wine People e Vinitaly International per la quarta volta all’Hong Kong International Wine and Spirits Fair (HKIWSF) il 10 novembre 2018

Sei specializzato in mercati asiatici? #HireMeVinitaly ritorna ad Hong Kong per selezionare professionisti di mercato asiatico

Il formato di colloqui speed dating ideato da Wine People e Vinitaly International per la quarta volta all’Hong Kong International Wine and Spirits Fair (HKIWSF) il 10 novembre 2018

Secondo Wine Spectator il vino italiano è come Goldilocks (Riccioli d’Oro) la bambina della fiaba che tra i tre porridge da scegliere preferisce né quello troppo caldo né quello troppo freddo ma quello alla temperatura “giusta”

Il vino italiano è come Riccioli d’Oro

Secondo Wine Spectator il vino italiano è come Goldilocks (Riccioli d’Oro) la bambina della fiaba che tra i tre porridge da scegliere preferisce né quello troppo caldo né quello troppo freddo ma quello alla temperatura “giusta”

Fabio Piccoli
40 talenti junior internazionali hanno partecipato al Boot Camp organizzato da Allegrini presso la veronese Villa della Torre giovedi 20 settembre

Allegrini investe sui giovani

40 talenti junior internazionali hanno partecipato al Boot Camp organizzato da Allegrini presso la veronese Villa della Torre

Agnese Ceschi
Lo speed date dove domanda e offerta di figure per l’export del vino si incontrano, martedì 27 novembre a Wine2Wine 2018. 
giovedi 20 settembre

Alla ricerca di un Export Manager in azienda? Ritorna #HireMeVinitaly a Wine2Wine 2018

Lo speed date dove domanda e offerta di figure per l’export del vino si incontrano, martedì 27 novembre a Wine2Wine 2018. 

Mercoledì 28 novembre, durante Wine2Wine a Verona non perdere #HireMeVinitaly di Vinitaly International e Wine People, lo speed date per incontrare aziende alla ricerca di risorse umane
giovedi 20 settembre

Cerchi lavoro nel mondo del vino? A Wine2Wine 2018 ritorna #HireMeVinitaly!

Mercoledì 28 novembre, durante Wine2Wine a Verona non perdere #HireMeVinitaly di Vinitaly International e Wine People, lo speed date per incontrare aziende alla ricerca di risorse umane

La confidenza dei consumatori nella categoria del vino sta crescendo, guidata dall’esperienza economica e di consumo e, in generale, dal coinvolgimento crescente nel prodotto enologico, è quanto segnala l’ultimo report di Wine Intelligence. 
giovedi 20 settembre

UK Portrait 2018: La panoramica di Wine Intelligence sui consumatori di oggi nel Regno Unito

La confidenza dei consumatori nella categoria del vino sta crescendo, guidata dall’esperienza economica e di consumo e, in generale, dal coinvolgimento crescente nel prodotto enologico, è quanto segnala l’ultimo report di Wine Intelligence.

Aggiungetevi a noi il 4 e 5 marzo 2019 in occasione di Vinexpo New York, la Fiera Internazionale del vino e degli spirits, nella sua seconda edizione americana! giovedi 20 settembre

Partecipa a Vinexpo New York a marzo 2019 con Wine Meridian

Aggiungetevi a noi il 4 e 5 marzo 2019 in occasione di Vinexpo New York, la Fiera Internazionale del vino e degli spirits, nella sua seconda edizione americana!

Il video giovedi 20 settembre

Wine Spectator Video Contest 2018: primo premio al "corto" sulle Cantine Marchesi di Barolo

Il video "The Soul of Barolo" del regista Will Miceli trionfa al Wine Spectator Video Contest 2018

Praga, Varsavia e Kiev, le tappe del Consorzio Valpolicella. A Praga anche la prima lezione condotta da un Valpolicella Wine Specialist 
mercoledi 19 settembre

Riparte dall'Est Europa il Valpolicella 50 Anniversary Tour

Praga, Varsavia e Kiev, le tappe del Consorzio Valpolicella. A Praga anche la prima lezione condotta da un Valpolicella Wine Specialist

La relazione diretta con i consumatori finali e la disintermediazione delle vendite appare sempre di più il modello di commercializzazione dei vini nel futuro

Il Direct-To-Customer (DTC) è il futuro?

La relazione diretta con i consumatori finali e la disintermediazione delle vendite appare sempre di più il modello di commercializzazione dei vini nel futuro

Francesco Piccoli
Lo stilista Lorenzo Mossa gli dedica un abito di alta moda martedi 18 settembre

Il Soave Classico Superiore Rocca Sveva cambia nome e look

Lo stilista Lorenzo Mossa gli dedica un abito di alta moda

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. 
Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Wine Export Manager Day: quando gli export manager fanno network

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Agnese Ceschi
Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale
lunedi 17 settembre

Wine scores: come promuovere i punteggi ottenuti in 8 semplici passi

Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale

Noemi Mengo
La Cantina maremmana presenta il nuovo logo, il nuovo sito e la nuova grafica delle etichette.

Nuova immagine per il Rigoloccio

La Cantina maremmana presenta il nuovo logo, il nuovo sito e la nuova grafica delle etichette.

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Export manager, se ci sei batti un colpo

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Fabio Piccoli
Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore 
venerdi 14 settembre

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese giovedi 13 settembre

Organic Value vola a Copenhagen

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp. giovedi 13 settembre

Allegrini Boot Camp: i giovani talenti del vino si incontrano in Valpolicella

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp.

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards
thursday 13 september

Codice Citra: Montepulciano d’Abruzzo DOC tops the podium

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo giovedi 13 settembre

Grecia, aperto e dinamico, il mercato del vino strizza l’occhio all’Italia

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo

Carmen Guerriero