Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 25 giugno 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

valdoca pertinace wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi
giovedi 22 febbraio

Un futuro più “roseo” è all'orizzonte?

Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani


Un futuro più “roseo” è all'orizzonte?
Grandi possibilità di crescita all’orizzonte per i vini rosè: è quanto emerge dai resoconti dell’anno appena passato di due importanti società di ricerca di mercato, Nielsen e Wine Intelligence. Con l’inizio del 2018, le prospettive future si rischiarano e vedono il mercato statunitense come il terreno più fertile in cui seminare.

Il rosè non è certo una novità nelle carte vini internazionali già da diversi anni, ma sebbene sia apprezzato da molti, soffre di alcuni pregiudizi, dettati probabilmente dalla sua adattabilità alle stagioni calde e dunque associato ad un concetto di leggerezza e facilità, chiamato addirittura “summer water” come racconta Forbes (qui).
Essendo gli Stati Uniti un buon driver per le tendenze e l’economia mondiale, ci si chiede quindi se e in quanto tempo il resto del globo seguirà l’andamento positivo che ha rigenerati la percezione dei rosè, e dei blush, categoria affine alla prima, nel nuovo continente. Secondo i sondaggi, che vedremo qui sotto, emerge che in America la crescita del consumo del rosè è stata esponenziale, proprio perché gli americani sono stati in grado di sfatare i vecchi stereotipi e dare una spinta considerevole ad un prodotto spesso sottovalutato.

Il cambio di percezione che ha segnato il mercato USA
Negli ultimi dieci anni c’è stato un cambio radicale nella percezione dei vini rosè, soprattutto nella fascia dei consumatori Millennials. Inizialmente, sia i blush che i rosè venivano considerati con una connotazione negativa, vini leggeri, da snob, la scelta conveniente di chi non ha molte conoscenze in materia.
Ma circa 10 anni fa questa percezione ha cominciato a mutarsi. I rosè francesi e provenzali hanno iniziato a dotare i loro prodotti di un gusto meno dolciastro, e li hanno inseriti in uno dei mercati più floridi del pianeta: il mercato statunitense. Gli Stati Uniti sono conosciuti soprattutto per essere un po’ la patria degli eccessi, ma nel loro eccedere ci sono dei lati molto positivi: le novità non fanno paura agli americani, e gli stereotipi tanto meno. Ecco perché, alla faccia di questi ultimi, nel mercato statunitense, la vendita di rosè ha incontrato una crescita esponenziale.

Secondo i dati Nielsen risalenti alla prima metà del 2017 il vino rosè rappresenterebbe un 1.5% nel totale del mercato dei vini da tavola, ma ha registrato una crescita in volume del 53% tra il 2016 e il 2017, rappresentando un giro d’affari di circa 258 milioni di dollari. Questo fenomeno è attribuibile ad un cambio di percezione del prodotto, diventato modaiolo e soprattutto accessibile economicamente. Sempre secondo Nielsen, il 40% dei consumatori sono donne dai 21 ai 34 anni, che vengono a conoscenza dei prodotti grazie ai social network. Instagram ad esempio, ospita utenti di età media tra i 18 e i 29 anni, e sono potenziali consumatori a cui gli esperti consigliano di approcciarsi.

Oltretutto, secondo un report condotto dal sito Wine Intelligence, ci sono dei trend chiave per i quali si prevede una crescita ancora maggiore nel business del rosè dal 2018 in poi. Prima di tutto, il cambio di percezione comune accennato prima, dettato sicuramente dal fatto che la popolazione Millennials sia cresciuta e si sia avvicinata al mondo del vino. Proprio perché figli del nuovo millennio, genericamente non sono bevitori esperti, e hanno quindi meno pregiudizi verso le categorie e i brand.
In secondo luogo, alcune buone politiche di marketing sono state in grado di, lentamente, insidiare nelle menti dei consumatori una certa percezione qualitativa del rosè, che ha aperto le strade dell’esportazione dall’Europa al nuovo continente.
Terzo trend chiave si riscontra sicuramente nel fatto che, in questi dieci anni, i blush e i rosè non vengono più concepiti come stagionali, fattore che assicura riscontri positivi nei bilanci di fine anno dei produttori. Se prima veniva considerato un prodotto prettamente estivo, in America oggi viene acquistato addirittura come abbinamento per la cena del Ringraziamento. Ultimo ma non meno importante, secondo i dati emersi dal sondaggio, Wine Intelligence ha affermato che il grande successo ottenuto potrebbe estendersi anche alla categoria dei rosè bollicine. 
Chissà se anche l’Europa riuscirà a stare al passo con gli Stati Uniti in tema di cambiamenti. Al momento una cosa è certa, per un futuro più “roseo”, gli USA sono il mercato su cui puntare ed investire. 

Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere
lunedi 25 giugno

La grande ripresa del mercato Thailandese: spazio all’export italiano

Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere

Noemi Mengo
Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole lunedi 25 giugno

Management DiVino, un progetto per le imprese vitivinicole che vogliono eccellere

Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate 
domenica 24 giugno

L’Italia rischia di vedere drasticamente diminuiti i fondi OCM?

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Eleganza, passione e gusto, le tre parole per convincere gli americani a scegliere vino italiano

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Fabio Piccoli
Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano. 
venerdi 22 giugno

Mondo del Vino: una realtà, tanti territori

Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano.

Agnese Ceschi
Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

giovedi 21 giugno

Tenute Piccini e Banca IFIS insieme per la crescita della filiera vitivinicola in Italia

Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani
giovedi 21 giugno

Il solido mercato di Singapore, vecchio amico con il quale sperimentare

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani

Noemi Mengo
La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People mercoledi 20 giugno

Open Day Wine People Campus: il 12 ottobre presenteremo i nuovi corsi pensati per voi!

La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass 

wednesday 20 june

Catarratto and Perricone: mountain natives

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno mercoledi 20 giugno

GARGANICA 2018: un evento per scoprire il Gambellara Doc

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano martedi 19 giugno

Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano

Agnese Ceschi
I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

martedi 19 giugno

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates
monday 18 june

Tommasi: a history of family values and resourcefulness

Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Il nostro pensiero sulla promozione del vino in Cina

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Fabio Piccoli
Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso venerdi 15 giugno

Focus sugli autoctoni: il Tai Rosso

Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018
venerdi 15 giugno

Best in show all’Amarone e Platino al Ripasso di Cantina Soave

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione? giovedi 14 giugno

Non si arresta la crescita dei rosè negli Usa

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione?

Fabio Piccoli
Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale giovedi 14 giugno

La nuova sfida futura in Asia passa dall’India

Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale

Noemi Mengo