Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
giovedi 21 marzo 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ italian wine academy Tebaldi pertinace
giovedi 22 febbraio

Un futuro più “roseo” è all'orizzonte?

Il mercato statunitense ribalta gli stereotipi: in crescita il consumo dei rosati, soprattutto tra i più giovani


Un futuro più “roseo” è all'orizzonte?
Grandi possibilità di crescita all’orizzonte per i vini rosè: è quanto emerge dai resoconti dell’anno appena passato di due importanti società di ricerca di mercato, Nielsen e Wine Intelligence. Con l’inizio del 2018, le prospettive future si rischiarano e vedono il mercato statunitense come il terreno più fertile in cui seminare.

Il rosè non è certo una novità nelle carte vini internazionali già da diversi anni, ma sebbene sia apprezzato da molti, soffre di alcuni pregiudizi, dettati probabilmente dalla sua adattabilità alle stagioni calde e dunque associato ad un concetto di leggerezza e facilità, chiamato addirittura “summer water” come racconta Forbes (qui).
Essendo gli Stati Uniti un buon driver per le tendenze e l’economia mondiale, ci si chiede quindi se e in quanto tempo il resto del globo seguirà l’andamento positivo che ha rigenerati la percezione dei rosè, e dei blush, categoria affine alla prima, nel nuovo continente. Secondo i sondaggi, che vedremo qui sotto, emerge che in America la crescita del consumo del rosè è stata esponenziale, proprio perché gli americani sono stati in grado di sfatare i vecchi stereotipi e dare una spinta considerevole ad un prodotto spesso sottovalutato.

Il cambio di percezione che ha segnato il mercato USA
Negli ultimi dieci anni c’è stato un cambio radicale nella percezione dei vini rosè, soprattutto nella fascia dei consumatori Millennials. Inizialmente, sia i blush che i rosè venivano considerati con una connotazione negativa, vini leggeri, da snob, la scelta conveniente di chi non ha molte conoscenze in materia.
Ma circa 10 anni fa questa percezione ha cominciato a mutarsi. I rosè francesi e provenzali hanno iniziato a dotare i loro prodotti di un gusto meno dolciastro, e li hanno inseriti in uno dei mercati più floridi del pianeta: il mercato statunitense. Gli Stati Uniti sono conosciuti soprattutto per essere un po’ la patria degli eccessi, ma nel loro eccedere ci sono dei lati molto positivi: le novità non fanno paura agli americani, e gli stereotipi tanto meno. Ecco perché, alla faccia di questi ultimi, nel mercato statunitense, la vendita di rosè ha incontrato una crescita esponenziale.

Secondo i dati Nielsen risalenti alla prima metà del 2017 il vino rosè rappresenterebbe un 1.5% nel totale del mercato dei vini da tavola, ma ha registrato una crescita in volume del 53% tra il 2016 e il 2017, rappresentando un giro d’affari di circa 258 milioni di dollari. Questo fenomeno è attribuibile ad un cambio di percezione del prodotto, diventato modaiolo e soprattutto accessibile economicamente. Sempre secondo Nielsen, il 40% dei consumatori sono donne dai 21 ai 34 anni, che vengono a conoscenza dei prodotti grazie ai social network. Instagram ad esempio, ospita utenti di età media tra i 18 e i 29 anni, e sono potenziali consumatori a cui gli esperti consigliano di approcciarsi.

Oltretutto, secondo un report condotto dal sito Wine Intelligence, ci sono dei trend chiave per i quali si prevede una crescita ancora maggiore nel business del rosè dal 2018 in poi. Prima di tutto, il cambio di percezione comune accennato prima, dettato sicuramente dal fatto che la popolazione Millennials sia cresciuta e si sia avvicinata al mondo del vino. Proprio perché figli del nuovo millennio, genericamente non sono bevitori esperti, e hanno quindi meno pregiudizi verso le categorie e i brand.
In secondo luogo, alcune buone politiche di marketing sono state in grado di, lentamente, insidiare nelle menti dei consumatori una certa percezione qualitativa del rosè, che ha aperto le strade dell’esportazione dall’Europa al nuovo continente.
Terzo trend chiave si riscontra sicuramente nel fatto che, in questi dieci anni, i blush e i rosè non vengono più concepiti come stagionali, fattore che assicura riscontri positivi nei bilanci di fine anno dei produttori. Se prima veniva considerato un prodotto prettamente estivo, in America oggi viene acquistato addirittura come abbinamento per la cena del Ringraziamento. Ultimo ma non meno importante, secondo i dati emersi dal sondaggio, Wine Intelligence ha affermato che il grande successo ottenuto potrebbe estendersi anche alla categoria dei rosè bollicine. 
Chissà se anche l’Europa riuscirà a stare al passo con gli Stati Uniti in tema di cambiamenti. Al momento una cosa è certa, per un futuro più “roseo”, gli USA sono il mercato su cui puntare ed investire. 

Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese giovedi 21 marzo

L'esplosione del biologico nel Regno Unito

Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese

Agnese Ceschi
General Manager mercoledi 20 marzo

Offerta di Lavoro

General Manager

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

mercoledi 20 marzo

Prowein 2019, una fiera didattica

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

Fabio Piccoli
L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse mercoledi 20 marzo

La figura del Business Coach nel mondo del vino: Chi è? A cosa serve?

L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse

Massimo Benedetti, Marketing and communication specialist
Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca martedi 19 marzo

ProWein 2019: buona la seconda (giornata)!

Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca

Agnese Ceschi e Noemi Mengo
Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese 
lunedi 18 marzo

ProWein 2019: deboli piogge, ma previste schiarite

Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese

Noemi Mengo e Agnese Ceschi
L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein domenica 17 marzo

ProWein here we go!

L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein

Agnese Ceschi
Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa 
sabato 16 marzo

ProWein: 3 punti chiave per fare il giusto ingresso in fiera

Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso saturday 16 march

Italian wines in the world: Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno sabato 16 marzo

Italian wines in the world: Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

venerdi 15 marzo

Il ritorno “silenzioso” ma prezioso della tipicità

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

Fabio Piccoli
Ettore Nicoletto, dal 2008 Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC, una delle denominazioni emergenti del panorama vitivinicolo nazionale. giovedi 14 marzo

Ettore Nicoletto, Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC.

Ettore Nicoletto, dal 2008 Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC, una delle denominazioni emergenti del panorama vitivinicolo nazionale.

Salvato dal fallimento uno dei marchi storici del Chianti, salvaguardato anche il futuro dei soci conferitori del soci di una delle più importanti cooperative giovedi 14 marzo

Tenute Piccini rilanciano il Geografico

Salvato dal fallimento uno dei marchi storici del Chianti, salvaguardato anche il futuro dei soci conferitori del soci di una delle più importanti cooperative

Fabio Piccoli
Intervista a Debora Bonora, fondatrice di Organic Value, sul mercato svedese e la prossima tappa dell’OV Tour a Stoccolma giovedi 14 marzo

Svezia, la terra dove il biologico ha preso il volo

Intervista a Debora Bonora, fondatrice di Organic Value, sul mercato svedese e la prossima tappa dell’OV Tour a Stoccolma

Agnese Ceschi
I consumatori negli Usa stanno ampliando il loro repertorio di gusti aprendosi anche all’amaro. Un allargamento di preferenze che potrebbe condizionare non poco anche le scelte sui vini con qualche vantaggio nuovo per l’Italia del vino

Il gusto amaro conquista gli americani

I consumatori negli Usa stanno ampliando il loro repertorio di gusti aprendosi anche all’amaro. Un allargamento di preferenze che potrebbe condizionare non poco anche le scelte sui vini con qualche vantaggio nuovo per l’Italia del vino

Fabio Piccoli
Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore 
giovedi 14 marzo

Si vola a Singapore, alla ricerca di nuove opportunità con Wonderfud

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore

Raccontaci cosa fai per promuovere e per comunicare il tuo vino. Siamo alla ricerca di progetti e di idee originali per valorizzarlo e comunicarlo. giovedi 14 marzo

Partecipa al concorso "Il Meridiano del vino": Wine Meridian premia le migliori idee di comunicazione e promozione del vino italiano

Raccontaci cosa fai per promuovere e per comunicare il tuo vino. Siamo alla ricerca di progetti e di idee originali per valorizzarlo e comunicarlo.



http://www.winemeridian.com/