Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
domenica 18 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine
giovedi 25 luglio 2019

Un italiano a Londra incoronato miglior sommelier UK

Abbiamo intervistato Matteo Furlan, Head Sommelier del prestigioso ristorante del The Ritz di Londra


Un italiano a Londra incoronato miglior sommelier UK

Matteo Furlan nella suggestiva sala del ristorante del The Ritz Hotel di Londra


Siamo alla ricerca continua di italiani nel mondo che raccontino storie di vino e così ci siamo imbattuti in una recente notizia che riguardava Matteo Furlan, Head sommelier del ristorante stellato del Ritz di Londra, un giovane italiano che è andato a cercare fortuna all’estero, come hanno fatto tanti, e che la fortuna l’ha trovata proprio nella città inglese, dove è stato recentemente nominato miglior sommelier del Regno Unito 2019. Lui la passione per la ristorazione e il vino l’ha ereditata, o ce l’ha nel sangue, come ci ha rivelato. “La mia carriera è iniziata scorrazzando sin da piccolo nel ristorante di famiglia, a Concordia Sagittaria. La passione per il vino e la buona cucina me la sono ritrovata nel sangue”. Dopo esperienze in hotel a 5 stelle a Venezia, la scelta di fare il sommelier arrivata un po' per caso. “Ho iniziato i corsi da sommelier per migliorare la mia conoscenza sul mondo del vino e mi sono reso conto di quanto fosse piacevole ed interessante quel mondo poi ho deciso, su consiglio di un ex collega, di trasferirmi a Londra”. 
 
Come è approdato al Ritz? 

Dopo tre anni di duro lavoro e sacrifici e con varie esperienze come bagaglio e dopo aver lavorato per alcuni stellati con cucina asiatica, contattai il Wine and Beverage Manager, Giovanni Ferlito, che ricercava personale per il periodo invernale. Dopo una serie di colloqui molto duri ottenni il lavoro come Deputy Head Sommelier. Ora dopo due anni e mezzo sono stato recentemente promosso ad Head sommelier e sono responsabile delle operazioni quotidiane del ristorante con una stella, supportato da un fantastico team di sei sommelier. 
 
Come è composta la lista vini?
Al momento la nostra lista conta 1100 referenze con collezioni storiche e nomi famosi e piccoli produttori da regioni come Giappone, Uruguay, Cina, Turchia. La lista ha un’impronta classica, con attenzione per Champagne, Borgogna e Bordeaux. L'Italia è molto ben rappresentata con circa 150 referenze, tra cui una collezione di Barolo Borgogno dal 1947, varie verticali tra cui Ornellaia, Masseto e Sassicaia con alcune bottiglie del famosissimo 1985.

Come seleziona i vini da inserire in carta e con che criteri?
Il vino è selezionato dal nostro team con un criterio molto democratico. Tutti i sommelier sono invitati ad esplorare zone vinicole e frequentare degustazioni per portare nuove idee. I vini vengono poi degustati alla cieca dal team e si decide se il vino può essere aggiunto alla lista. 
I criteri sono vari: abbiamo una grande attenzione alla sostenibilità e preferiamo cantine e produttori che hanno una loro storia da raccontare tramite il vino che producono. 
 
Qual è l’esperienza del cliente al tavolo del vostro ristorante? L'esperienza che offriamo al tavolo è di prima classe: il personale di sala mantiene le divise storiche e l’arredamento è il medesimo di quando l’albergo venne aperto nel 1906. Offriamo oltre 100 vini al calice, da diverse regioni nel mondo, vini senza alcol o a ridotta gradazione e creiamo abbinamenti su misura. Il servizio vino avviene al tavolo: decantiamo utilizzando la candela, apriamo bottiglie di Porto con pinze e piuma, serviamo al cucchiaio uno Sherry del 1860.

Che conoscenza del vino italiano hanno i consumatori inglesi?
La conoscenza del vino italiano del cliente in Inghilterra si basa generalmente sulle regioni più famose e conosciute: Barolo, Toscana, Valpolicella. Per cercare di dare una più ampia visibilità al nostro Paese offriamo al calice stili meno convenzionali. Al momento proponiamo un Etna Rosso, un Timorasso Derthona, un Carema. In questo modo possiamo instaurare un dialogo con il cliente e possiamo raccontare di regioni meno conosciute aprendo i loro orizzonti.
 
Che consiglio darebbe alle aziende vinicole italiane per approdare nella carta vini di un ristorante di lusso come quello del Ritz?
Il consiglio che do è quello di concentrarsi sulla qualità e sul territorio. Valorizzare le proprie radici e cercare di condividere quella che è la bellezza del nostro Paese con il mondo. Vini autoctoni ed uvaggi locali sono difficili da vendere ma hanno molto più successo con i clienti poiché offrono un’espressione unica. Molte volte i clienti ricordano vini che hanno provato in vacanza in Italia e ci mostrano foto per poter bere lo stesso stile di vino.
 
Quali sono i limiti del vino italiano oggi nel mondo della ristorazione di lusso e quali le potenzialità?
I limiti probabilmente derivano da un ampio ventaglio di qualità e un sistema di legislazione piuttosto complesso che non aiuta il cliente a capire stile e valore del vino. Molte, forse troppe docg che a volte non rappresentano qualità e quindi diminuiscono la credibilità della denominazione. Le potenzialità sono infinite: l’Italia dispone di moltissime uve autoctone, paesaggi bellissimi, grandi talenti e le migliori tecnologie. Vediamo un grande numero di giovani e talentuosi produttori con ottime idee e molto spesso sono loro che hanno grande successo nel mercato estero.
 
È stato recentemente nominato migliore sommelier UK 2019: come ha accolto questo riconoscimento? 
È stato un grande riconoscimento, un’enorme soddisfazione, arrivata quasi inaspettata, poiché alla competizione dell’anno precedente ero uscito malamente senza arrivare alla finale. Mi ha aiutato molto la preparazione del WSET livello 4 Diploma ed i corsi Court of Master sommelier. Il supporto della mia famiglia e della mia compagna sono stati fondamentali.

Progetti futuri?
Sto considerando se intraprendere il percorso per diventare Master of Wine, stiamo lavorando con degli amici ad un progetto vinicolo tutto nostro e magari, perché no, avere un piccolo ristorante tutto mio.
 
Un italiano a Londra incoronato miglior sommelier UK
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. August Kesseler si racconta.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Direttore Consorzio Tutela D.O.C martedi 06 agosto 2019

Offerta di Lavoro

Direttore Consorzio Tutela D.O.C

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Addio Franco, anima degli Euganei

La prematura scomparsa di Franco Zanovello, titolare di Cà Lustra, priva il settore vitienologico italiano non solo di un ottimo produttore ma anche di un uomo vero, autentico, amante della sua terra, i Colli Euganei

Fabio Piccoli
Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate. martedi 06 agosto 2019

Campus Online di Wine People, la formazione anche sotto l’ombrellone

Non perdere tempo, i Campus Online di Wine People completano la tua formazione anche durante l'estate.

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018 tuesday 06 august 2019

Italian wines in the world: Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

We have tasted for you Azienda Vinicola Anna Spinato's Rosato IGT Trevenezie 2018

Fabio Tavazzani
Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati
martedi 06 agosto 2019

Il Friulano che sorprende negli anni

Il Friulano di Ronco Blanchis, un bianco fresco, la cui capacità di invecchiamento sorprende i palati

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019. lunedi 05 agosto 2019

Wine Export Manager Day: la prima novità sono gli speaker!

Scopriamo assieme gli interessanti speech del WEMDay 2019.

Agnese Ceschi
Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento lunedi 05 agosto 2019

Hon-Sul, vini naturali e orange: i nuovi trend della Corea del Sud

Un approfondimento sul mercato sud coreano con la head sommelier Su-Jin Park ci fa scoprire uno dei mercati più dinamici in Asia di questo momento

Agnese Ceschi
La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori lunedi 05 agosto 2019

Poli, quando grappa fa rima con ospitalità

La storica azienda di Bassano del Grappa ha scelto di essere una distilleria aperta che ospita al mese decine di migliaia di visitatori

Lavinia Furlani


sfondo_wm