Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
venerdi 25 maggio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor
lunedi 12 febbraio

Un viaggio nel mondo delle Wine apps

Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market


Un viaggio nel mondo delle Wine apps
Anni fa sembrava impossibile: chi avrebbe pensato che da un semplice dispositivo mobile, come uno smartphone o un tablet, saremmo stati in grado di occuparci del commercio del nostro vino? Grazie a molte delle ultime app sul settore vinicolo, ci è oggi possibile consultare e vendere via web una gamma vastissima di bottiglie di vino, potendo fare riferimento al parere sia di esperti che di consumatori abituali tutti raccolti in una grande community di wine lovers.
Chi avrebbe pensato, inoltre, che sarebbe bastato scannerizzare sempre col telefono un’etichetta per sapere tutto sul prodotto che abbiamo davanti?
Questa funzionalità, in particolar modo, ha ottenuto un successo incredibile, successo che non si aspettavano nemmeno Heini Zachariassen e Theis Sondergaard gli ideatori della rivoluzione
Vivino, app nata per caso, da un’idea sorta dopo una cena tra amici.

Vivino è una delle
wine apps, tra le più utilizzate sul mercato.
Ma cosa sono di preciso le wine apps? Le wine apps sono uno strumento potentissimo sia per chi si trova a utilizzarle per la ricerca di informazioni che per l’acquisto di un vino, sia per chi le utilizza per la promozione dei propri prodotti ai consumatori.

Proviamo a fare un viaggio in questo mondo, cercando di capire quali wine apps sono tra le più utilizzate e perché. Noi ne abbiamo selezionate 4, tra quelle che riscuotono più successo. Ci siamo avvalsi, tranne in un caso, della valutazione della nota giornalista americana Elin McCoy (qui l'articolo originario).
Tra le più note c’è sicuramente “Wine searcher” (valutata dalla nota giornalista Elin McCoy
7/10, considerata da lei “la migliore app per cercare dove comperare il vino”), un motore di ricerca per vini dalla rigorosità enciclopedica. Per chi ancora non lo conoscesse, Wine searcher è una grande fonte di informazioni sul prodotto vino, e dà la possibilità di condividere il proprio parere su di un forum per utenti, oltre a fornire 9,623,968 offerte di vino da 90,801 wine shops.
Altra app che alcuni anni fa ha reso più agevole acquistare vino online è “Banquet” (valutata dalla McCoy 9/10) la cui praticità risiede nel permettere di acquistare bottiglie di vino in wine shop diversi, dovendo inserire il proprio numero di carta di credito in un solo ordine. Chiunque sia pratico di acquisti massicci online, sa bene quanto possa essere scocciante dover ripetere le credenziali di pagamento ovunque. Unica nota negativa, è per ora valido solo per il mercato americano.
E se attraverso un’applicazione, avessimo bisogno non solo di parlare di vino in quanto prodotto, ma avessimo bisogno di informazioni su cantine, nuovi wine bar, o servizi legati al mondo del vino? Il nome forse non è dei più originali, ma “Wine app” si presta al nostro caso. Si tratta di un portale, usufruibile via smartphone, con un procedimento di ricerca molto simile al genere “tripadvisor”, ma molto più settoriale. Quindi, sia che ci sia bisogno di trovare un’etichetta, sia un wine shop consigliato da un amico in vacanza, basta digitare la richiesta nello spazio di ricerca e voilà appaiono le informazioni richieste, purtroppo ancora solo in lingua italiana. 

Infine c’è il fenomeno Vivino (valutato dalla McCoy 8.5/10). Perché Vivino sembra aver sbaragliato la concorrenza?
Perché Vivino è tutte le funzionalità sopra elencate, e anche di più. Ottimale per chi la utilizza da semplice utente, perfetta anche per i produttori che vogliano spingere il loro commercio anche sull’online. Vivino raccoglie 20 milioni di user in tutto il mondo ed è disponibile in 11 lingue.
Fresca del 2017 è la nuova sezione introdotta dall’app: la sezione Marketplace. Un po’ sulla falsa riga della novità lanciata da Zuckerberg su Facebook, la sezione market è l’ideale per commerciare i propri prodotti online, attraverso un sistema e una grafica intuitivi, sfruttando una wine community di 28 milioni di utenti già esistente, ovvero coloro che già utilizzano Vivino nella sua funzione principale: lo scanning delle etichette. Un vantaggio piuttosto grande: partire con una community già attiva, che ha la possibilità di conoscerci subito, è sicuramente più semplice che inserirsi in un mercato con una community tutta da creare da zero. Le interazioni degli utenti e i punteggi che affidano ai nostri prodotti aiutano a capire anche quali sono i gusti e le tendenze in atto, senza bisogno di sondaggi dispendiosi. E se decidono che il nostro vino gli piace e ha un buon rapporto qualità prezzo? Possono acquistarlo senza troppa fatica. 
Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Le emozioni: conoscerle per comunicarle meglio

A Treviso, l’8 e il 22 giugno, i nuovi corsi di Gheusis “Comunicare con la stampa” e “Comunicare con le emozioni”

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Il Prosecco finalmente dà valore ai suoi terroir

Il successo del Prosecco di questi ultimi anni aveva praticamente cancellato il ruolo e l’importanza dei diversi terroir produttivi nelle espressioni qualitative della Glera. Ultimamente sembra si voglia finalmente uscire da questo “anonimato”

Fabio Piccoli
Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati giovedi 24 maggio

Arconvert, quando l’etichetta esalta in maniera coerente l’identità

Come evitare l'effetto copia e rendere in modo autentico l'identità di un'azienda in pochi centimetri quadrati

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

La cantina cooperativa Vignaioli del Morellino di Scansano inaugura la nuova cantina

Sabato 26 maggio 2018 a Scansano verrà ufficialmente inaugurata la nuova cantina dei Vignaioli del Morellino di Scansano, realtà storica maremmana da oggi dotata di una sede che punta ad arricchire l’offerta enoturistica locale.

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure giovedi 24 maggio

Vinventions, da Nord a Sud l'Italia del vino sceglie l'innovazione

Dieci testimonial, tra produttori ed enologi, intervistati da Vino.tv per il colosso delle chiusure

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Offerta di lavoro

Back Office Commerciale Estero - USA, Canada, Giappone

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.
giovedi 24 maggio

Cantine Volpi, la storica realtà piemontese pioniera nella produzione del biologico

Un’azienda più che centenaria, che vuole valorizzare i Colli Tortonesi per farli conoscere al mondo intero.

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Grazie Riedel, ancora troppo inascoltato

Il contributo di Riedel, la nota casa di produzione di bicchieri, alla valorizzazione dei vini di qualità è ormai ampiamente riconosciuto, ma sono ancora troppi, anche tra gli addetti ai lavori, coloro che sottovalutano l’importanza della tipologia di bicchiere nell’esaltazione (o meno) delle caratteristiche di un vino

Fabio Piccoli
Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy thursday 24 may

From marble to wine: Azienda Agricola Coali in the heart of Valpolicella Classica

Careful selection of grapes and longer aging compared to official guidelines: this is Coali's philosophy

Agnese Ceschi
Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Wine Campus: la formazione per i professionisti del vino

Il 12 ottobre l’Open Day per presentare i Campus 2018/2019. Saranno tre i percorsi di quest'anno: uno dedicato all'export manager uno alla vendita di vino e uno all'impresa.

Un luogo di condivisione per tutti  gli operatori di export

Wine-Out: il forum per gli export manager

Un luogo di condivisione per tutti gli operatori di export

Agnese Ceschi
Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno! martedi 22 maggio

Wine Meridian International Tour

Non perdetevi le nostre prossime tappe internazionali in autunno!

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Campus Impresa: come gestire una azienda del vino?

La seconda edizione della Scuola degli Imprenditori

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Campus Export Manager: entrare nel mondo del vino

Al via il Campus beginners: diventare export manager del vino

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

Imprese del vino in Vietnam con Wine Meridian

Marco Farnè, referente di Unexpected Italian ed export manager, ci spiega perché puntare al Vietnam, un mercato emergente dalle potenzialità di sviluppo molto interessanti anche per i vini italiani

 Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato. martedi 22 maggio

I vostri vini piaceranno in Giappone?

Piccolo test pratico in quattro punti. Per entrare nel mercato giapponese, prima di qualsiasi passo, quello che occorre capire è se i vini hanno la potenzialità necessaria per piacere a quel mercato.

Roberto Bosticco, corrispondente da Tokyo
Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano martedi 22 maggio

Partecipa con noi al tour Canada e Usa 2018

Dal 30 ottobre al 1 novembre 2018 andremo prima a Vancouver e poi a Seattle, due città centrali per il business del vino nord americano

Un corso per imparare a vendere più vino

Campus Vendita: la palestra per i venditori del vino

Un corso per imparare a vendere più vino