Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 24 novembre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Ceccheto Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace
mercoledi 17 maggio

Uno dei grandi ostacoli per il vino italiano all'estero è la sua varietà: come semplificare?

Intervista ad Aldo Zaninotto, proprietario di due ristoranti italiani a Chigago, Illinois, con un concept ben chiario: semplificare i vini in base al corpo


Uno dei grandi ostacoli per il vino italiano all'estero è la sua varietà: come semplificare?

a sx Chef Cameron Grant - a dx Aldo Zaninotto


L'export italiano di vino è profondamente legato alla ristorazione italiana nel mondo. Aldo Zaninotto è un perfetto esempio di questo trait d'union. Con un passato da Export Manager per diverse cantine italiane in Nord America, ha poi deciso di cimentarsi nel campo della ristorazione nello stato dell'Illinois, a Chicago per la precisione. Ben consapevole che uno dei grandi ostacoli da superare per il vino italiano all'estero è la sua varietà, che spesso crea confusione alzando una sorta di barriera con i consumatori meno esperti, Aldo ha voluto mostrare la cultura enogastronomica italiana in un modo che fosse facile da comprendere per chiunque. È così che sono nati i suoi due ristoranti: Osteria Langhe, lo dice il nome stesso, si focalizza esclusivamente sul Piemonte, con una selezione di 130 etichette esemplificative delle diverse aree della regione; e Animale, un locale più casual dove la carta vini è quasi didattica, con quattro categorie di vini (Spumanti, Rosati, Bianchi e Rossi) con tre vini per ciascuna categoria, selezionati in base al corpo (Light, Medium, Full).
Abbiamo chiesto ad Aldo Zaninotto di spiegarci meglio come sono organizzati i suoi ristoranti.

In base a quali criteri vengono selezionate le carte vini nei suoi due ristoranti?
I nostri vini devo rispecchiare l'autentica cultura enologica italiana, quindi sono vini autoctoni, e sono rappresentativi dei diversi profili regionali, che vanno abbinati a diversi stili di cucina e allo stesso tempo devono rispecchiare la stagionalità.
Sono carte vini esclusivamente italiane e chi le seleziona?
I vini, che seleziono personalmente, sono al 100% italiani, sia da Osteria Langhe che da Animale.

Che rapporto c'è tra la vostra cucina e la carta vini?
È importante che la carta vini riesca a valorizzare la stagionalità della cucina. I nostri menù cambiano continuamente e così anche le carte vini. In effetti il vino deve essere il completamento del piatto e il nostro compito è quello di trovare il perfetto equilibrio e armonia tra i due, cosicché entrambi possano esprimersi al meglio.

Come vengono proposti i vini ai clienti? Avete dei sommelier a disposizione?
Sono molto attento al training del mio personale. Cerco costantemente di educarli, fare degustazioni e trasmettere loro informazioni sulla storia e sul profilo di ogni vino.

Che rapporto hanno i clienti con il vino italiano?

I vini italiani spesso sono molto complicati da capire. Tipologie, regioni, varietali diversi, il consumatore americano non si ricorderà mai tutto quello che c'è da sapere. È per questo motivo il termine "Super Tuscan"è così popolare, perché rende bene l'idea di un vino robusto (con più muscoli), è facile da ricordare e le persone associano il nome a quella tipologia di vino. Per questo è importante introdurre i consumatori al mondo del vino concentrandosi o su una regione specifica, come abbiamo voluto fare con Osteria Langhe, o sui diversi tipi di corpo, come fatto per Animale. E' il motivo per cui i nostri clienti ci scelgono, non solo per il cibo ma anche per il vino e perché sanno di poter trovare l'autentica cultura enogastronomica italiana.

I clienti sono sensibili al prezzo del vino?
Sono molto sensibili al prezzo. Per questo la mia filosofia è quella di creare valore per il consumatore. In generale cerco di applicare un percentuale di ricavo più che ragionevole su una bottiglia, così da generare volumi e favorire una rotazione costante dei prodotti in cantina. 

Osterialanghe.com/ 
Animalechicago.com 
Uno dei grandi ostacoli per il vino italiano all'estero è la sua varietà: come semplificare?

Osteria Langhe - esterno


Alice Alberti

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
A febbraio inizio il nostro nuovo progetto formativo per imprenditori basato totalmente sulle esperienze, i fabbisogni degli imprenditori del vino italiani

Wine People Campus, quando la formazione parla il linguaggio degli imprenditori

A febbraio inizio il nostro nuovo progetto formativo per imprenditori basato totalmente sulle esperienze, i fabbisogni degli imprenditori del vino italiani

Arte e buona tavola protagonisti di UP!ART il 5 dicembre 2017 @ Cucina Madre, Treviso giovedi 23 novembre

L’arte è di casa a Cucina Madre

Arte e buona tavola protagonisti di UP!ART il 5 dicembre 2017 @ Cucina Madre, Treviso

Un importante gruppo vitivinicolo abruzzese ricerca WINE SALES AND MARKETING MANAGER giovedi 23 novembre

Offerta di lavoro

Un importante gruppo vitivinicolo abruzzese ricerca WINE SALES AND MARKETING MANAGER

Intervista a Jacqueline Pirolo, General Manager e Beverage Director del ristorante Macchialina giovedi 23 novembre

Miami: quando il vino diventa generoso e si fa conoscere a tutti…

Intervista a Jacqueline Pirolo, General Manager e Beverage Director del ristorante Macchialina

Prossima edizione 9-13 novembre 2018. The Wine Hunter, Helmuth Köcher, torna a caccia dei migliori vini e prodotti gastronomici
giovedi 23 novembre

Numeri e highlights del 26° Merano WineFestival

Prossima edizione 9-13 novembre 2018. The Wine Hunter, Helmuth Köcher, torna a caccia dei migliori vini e prodotti gastronomici

Un nuovo modo di comunicare, un nuovo modo di vendere...il giro d'Italia più gustoso dell'anno, giovedì 23 Novembre da Signorvino a Bologna mercoledi 22 novembre

"Il giro d'Italia del vino"

Un nuovo modo di comunicare, un nuovo modo di vendere...il giro d'Italia più gustoso dell'anno, giovedì 23 Novembre da Signorvino a Bologna

Lo speed date per le aziende alla ricerca di nuove figure per l'export del vino mercoledi 22 novembre

Sei alla ricerca di un Export Manager? HireMeVinitaly torna a Wine2wine 2017

Lo speed date per le aziende alla ricerca di nuove figure per l'export del vino

Vinitaly International e Wine People propongono il format di incontro domanda e offerta. Ecco quando, dove e come potrai partecipare il 5 dicembre a Verona mercoledi 22 novembre

Cerchi lavoro per l'export? #HireMeVinitaly ti presenta le migliori aziende in cerca di Export Manager durante Wine2wine a Verona

Vinitaly International e Wine People propongono il format di incontro domanda e offerta. Ecco quando, dove e come potrai partecipare il 5 dicembre a Verona

Parte a febbraio il primo corso, unico in Italia, dedicato alla vendita del vino.

Wine Campus, la scuola dei venditori del vino

Parte a febbraio il primo corso, unico in Italia, dedicato alla vendita del vino.

Una chiacchierata con Massimo Ruggero, ad di Siddùra, su export, Sardegna, nuove tecnologie e gusti del consumatore odierno. 
lunedi 20 novembre

Vini sardi: tra longevità, terroir e il concetto di "autoctono"

Una chiacchierata con Massimo Ruggero, ad di Siddùra, su export, Sardegna, nuove tecnologie e gusti del consumatore odierno.

Agnese Ceschi
Domenica 19 novembre, la presentazione del primo Panettone artigianale con perle di Amarone della Valpolicella DOCG realizzato da Faber Dulcis con l’azienda vinicola Farina venerdi 17 novembre

Il Panettone sposa l’Amarone

Domenica 19 novembre, la presentazione del primo Panettone artigianale con perle di Amarone della Valpolicella DOCG realizzato da Faber Dulcis con l’azienda vinicola Farina

Noemi Mengo
Tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero venerdi 17 novembre

Consorzio Vini Venezia, cinque denominazioni con un solo obiettivo: raccontare il territorio.

Tra vini locali e internazionali è il Pinot Grigio Doc Venezia che viene apprezzato dal palato estero

Un viaggio alla scoperta di storie di vita, di vino, di produttori locali in giro per l'Italia

venerdi 17 novembre

Born to be wine. Persone oltre il vino

Un viaggio alla scoperta di storie di vita, di vino, di produttori locali in giro per l'Italia

World-renowned International Wine & Spirit Competition reveals the wine and spirit trends for the new year, following 2017 Awards Banquet friday 17 november

The 2018 tipples to watch

World-renowned International Wine & Spirit Competition reveals the wine and spirit trends for the new year, following 2017 Awards Banquet

Si può rimanere se stessi, autenticamente legati alla vocazionalità del proprio territorio e dei propri vitigni e garantirsi comunque un appeal adeguato sul mercato? Si se si accettano i limiti, a partire da quelli quantitativi

Quando la risposta è racchiusa nel limite

Si può rimanere se stessi, autenticamente legati alla vocazionalità del proprio territorio e dei propri vitigni e garantirsi comunque un appeal adeguato sul mercato? Si se si accettano i limiti, a partire da quelli quantitativi

Fabio Piccoli


WineMeridian