Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 23 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca
lunedi 11 febbraio 2019

Uno sguardo all’interno di Italian Wine Academy

Intervista ad Andrea Fioratti, coordinatore del WSET Approved Programme Provider di Verona Italian Wine Academy


Uno sguardo all’interno di Italian Wine Academy
Tra i professionisti del mondo del vino, il WSET è una realtà conosciuta, consolidata e autorevole. Cosa significa esserne Approved Programme Provider?
Per Italian Wine Academy, essere un provider ufficiale di corsi WSET significa diverse cose. Innanzitutto essere partner di un istituto illustre, che ha mezzo secolo di esperienza alle spalle e che rappresenta oggi l’ente inglese leader nella formazione internazionale sul vino e i distillati.
Erogare corsi WSET ci dà la possibilità di offrire ai professionisti del vino delle certificazioni spendibili e riconosciute in tutto il mondo. E, anche a chi si avvicina a questo mondo in qualità di appassionato, forniamo una terminologia e un linguaggio condivisi che crea le condizioni per poter comunicare il vino in ogni contesto. La formula WSET funziona e i numeri lo dimostrano. L’anno accademico 2017/2018 si è chiuso in positivo per il Wine and Spirits Education Trust, con una crescita dell’11% rispetto all’anno precedente e un totale di 95.000 nuovi candidati. Il crescente numero degli iscritti è un segnale significativo, che testimonia come questo tipo di formazione sia richiesto e apprezzato.

Spiegaci qualcosa in più di questa formula: come sono organizzati i corsi WSET e dell’Italian Wine Academy?
Il percorso WSET è articolato su 4 livelli, con lezioni in lingua inglese. Ciascuna certificazione del corso WSET offre una conoscenza complessiva sul mondo del vino, ma con un grado progressivo di approfondimento. A Verona, per Italian Wine Academy abbiamo scelto di attivare i corsi a partire dal livello 2.
La ragione è che chiunque faccia già parte del settore non ha bisogno di frequentare il WSET Livello 1: questo è infatti un corso estremamente basilare, con poche nozioni non sufficienti a chi sta perseguendo una carriera nel vino o una seria preparazione in materia. In sostanza, il corso WSET Livello 2 pone le solide basi che il Livello 3 trasformerà poi in possibilità di carriera. Per il futuro, abbiamo previsto la possibilità di aggiungere il corso di quarto e ultimo livello.

A proposito di carriera: qual è secondo te l’aspetto che, più di tutti, può dare una marcia in più ai professionisti che scelgono di intraprendere un percorso formativo presso l’Italian Wine Academy?
Come ho accennato prima, la formula dei corsi WSET prevede che le lezioni siano tenute in lingua inglese, dunque con un focus internazionale che si rispecchia poi anche nel programma. Questo è esattamente ciò che serve ai professionisti italiani del settore oggi. Avere una visione internazionale del settore vino è infatti fondamentale. L’Italia deve stare al passo con una cultura del vino in espansione e un panorama import/export sempre più competitivo.
Se, da una parte, una conoscenza approfondita dei prodotti nostrani è ovviamente indispensabile, dall’altra non è più sufficiente in un mercato del vino ormai completamente internazionalizzato. Il settore vinicolo italiano necessita di operatori capaci di comunicare i propri prodotti al mondo intero. Italian Wine Academy lavora proprio per introdurre più persone possibili al mondo del vino estero.
Vogliamo formare professionisti competenti su vini provenienti da qualsiasi parte del mondo: South Africa, New Zeland, USA, Australia. Vogliamo che gli stili e la qualità del vino internazionale siano ben chiari a tutti, in modo da rendere poi più facile il confronto con i prodotti nostrani.

Quindi i corsi WSET dell’Italian Wine Academy sono pensati esclusivamente per i professionisti del settore vino?
No. Chiaramente, per gli addetti ai lavori i corsi costituiscono un perfezionamento della professionalità e, in sostanza, la via per acquisire nuovi strumenti di guadagno. Tuttavia, ogni livello WSET attivato presso Italian Wine Academy è indicato per chiunque sia interessato al mondo del vino e voglia conoscerlo in maniera consapevole, professionale e precisa: dagli appassionati, agli operatori dell’hospitality e agli export manager, da chi il vino lo comunica, a chi il vino lo produce.
Diverse le possibili tipologie di studenti, ma uguali i risultati alla fine delle lezioni: un diploma riconosciuto a livello internazionale, una conoscenza delle dinamiche che regolano i diversi mercati, un titolo che garantisce credibilità e un lessico specifico del settore vino condiviso.
Al momento, il 95% dei nostri studenti passa il Livello 2, e addirittura il 60% di questi riesce ad ottenere una distinction, il voto più alto. Riteniamo di essere sulla buona strada; ovviamente, il nostro obiettivo è di lavorare ancora sui margini di miglioramento.

Italian Wine Academy non è l’unico Approved Programme Provider d’Italia: sapresti individuare una caratteristica che lo distingue da tutti gli altri?
È vero: in Italia ci sono altri provider di corsi WSET. Italian Wine Academy si distingue però dalle altre scuole per il proprio metodo educativo. In primo luogo perché ha messo a conduzione dei corsi Jean-Charles Viens (in arte JC), abile comunicatore che definisce sé stesso “gourmand e storyteller”.
Diplomato WSET e Italian Wine Ambassador di Vinitaly International Academy, JC è un wine educator certificato con esperienza nell’imprenditoria, nell’export, nella comunicazione e nell’organizzazione di eventi sul vino. È stato vice-redattore della rivista Spirito diVino Asia e ricopre spesso il ruolo di giudice per concorsi del calibro Decanter Asia Wine Awards e 5StarWines - the Book (Vinitaly).
Oltre a questo, l’approccio didattico di Italian Wine Academy è unico in tutta Italia anche per un altro motivo. Normalmente, l’esame finale per l’ottenimento del certificato WSET deve essere sostenuto subito dopo la fine delle lezioni. Ai propri studenti, invece, Italian Wine Academy dà la possibilità di dare l’esame durante una delle sessioni di corso successive.
In questo modo, ciascun candidato ha più tempo per assimilare le nozioni apprese, mettendo in pratica i molti suggerimenti su come affrontare lo studio che vengono dati durante il corso: una delle caratteristiche più particolari di JC è proprio la sua attenzione nel trasferire non solo nozioni, ma anche un efficace metodo di apprendimento. Il risultato è che gli allievi arrivano all’esame più preparati e più sereni.

Per finire, quindi: quando sono i corsi WSET e come è possibile iscriversi presso Italian Wine Academy?
Per il primo semestre dell’anno 2019 sono previste tre sessioni dei corsi WSET Level 2 - Award in Wines and Spirits e WSET Level 3 - Award in Wines: una in Febbraio, una in Aprile e un’altra in Giugno. Per il semestre successivo e per il calendario con le date precise è possibile consultare il sito di Italian Wine Academy (italianwineacademy.org).
L’iscrizione può essere effettuata tramite lo stesso sito o, per chi avesse bisogno di supporto o chiarimenti, scrivendo a info@italianwineacademy.org. Aggiungo che abbiamo attivato alcune convenzioni speciali, ad esempio per i professionisti di Wine People o i sommelier AIS, che danno accesso a tariffe agevolate per le iscrizioni. Insomma: è il caso di approfittarne!



Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese venerdi 23 agosto 2019

Comunicazione: tutti ne parlano, pochi la fanno

Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese

Fabio Piccoli
A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo
giovedi 22 agosto 2019

Soave Versus, 3 giorni per celebrare il Soave, patrimonio agricolo globale

A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre giovedi 22 agosto 2019

Wemday 2019: chi sono i nostri sponsor?

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna mercoledi 21 agosto 2019

Contrattualistica internazionale, data analysis e fenomeno biologico: ecco tre dei cinque interventi del WEMDay

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna

Agnese Ceschi
Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7
mercoledi 21 agosto 2019

Qual è il vino più digitato sui motori di ricerca?

Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7

Noemi Mengo
Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività
mercoledi 21 agosto 2019

Enoturismo: il lifestyle italiano al centro del legame con il consumatore

Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività

Noemi Mengo
Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita
martedi 20 agosto 2019

Chi ben comincia…

Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.
lunedi 19 agosto 2019

Il 2020 di Wine Australia indossa un abito a stelle e strisce

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.

Noemi Mengo
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché



sfondo_wm