Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 20 febbraio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Siddura Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com

USA: una corsa ad ostacoli in un mercato in costante crescita

Comprendere il contesto legale e istituzionale del mercato USA aiuterà ad ottimizzare il rapporto tra condizioni di mercato e capacità dell’azienda


USA: una corsa ad ostacoli in un mercato in costante crescita
Gli USA si confermano un mercato di riferimento per il business del vino italiano. Un mercato sano e in costante crescita che presenta, tuttavia, diverse criticità da tenere in considerazione. A Wine2wine 2016 Ludovico Bongini (di Gruppo Diacron) e Giuseppe LoCascio (di Fine Wine Brand Management e Strategie di Importazione e Distribuzione) hanno presentato gli Stati Uniti come una piazza rigidamente regolamentata, iper-competitiva e, di conseguenza, frammentata, dove la scelta dell’import model diventa fondamentale per la riuscita dell’impresa commerciale. 
Innanzitutto la struttura tripartita della distribuzione americana, articolata sui tre livelli importatore-distributore-retailer, retaggio del sistema proibizionistico smantellato negli anni trenta, ha l’effetto di far lievitare i prezzi e di limitare indirettamente i consumi.
Altro snodo fondamentale del sistema di importazione americano è costituito della regolamentazione sull’etichettatura: l’etichetta degli alcolici tra i 7 e i 24 gradi è sottoposta a un complesso procedimento di approvazione da parte delle autorità centrali (cd. COLA) e si pone come presupposto per la tutela dei prodotti contro la concorrenza sleale: più dettagliate saranno le indicazioni contenute nell’etichetta, più efficace potrà essere la tutela fornita dal sistema.
Le aziende italiane devono inoltre fare i conti con le regole dettate in materia di packaging, che vietano l’uso di determinate parole e limitano le informazioni che possono essere riportate in etichetta. Alcune restrizioni sono state dettate anche sui formati ammessi.

Il Bioterrorism Act del 2002 ha incrementato gli adempimenti richiesti per l’importazione di prodotti alimentari negli USA e contempla la registrazione obbligatoria presso la Food and Drug Administration di tutti gli stabilimenti che producono, trasformano o stoccano prodotti alimentari destinati agli USA; è richiesta inoltre la notifica anticipata all’FDA di ogni spedizione di prodotti alimentari destinati a questo mercato ( cd. Prior Notice).

Alla legislazione federale si aggiunge la regolamentazione di dettaglio elaborata dai vari stati, che ostacola un approccio unitario al mercato USA. Il Minnesota viene segnalato come piazza particolarmente interessante alla luce della semplificata regolamentazione statale e della presenza di numerosi buyer.
Ferme restando tutti questi ostacoli di carattere formale, secondo gli esperti le parole d’ordine sono: conoscenza dei propri prodotti e dei propri obiettivi. Non esistono raccomandazioni generali valide per tutte le aziende. Gli USA, come già anticipato, sono un mercato piuttosto facile, ma non redditizio, che necessita di essere studiato con attenzione prima di essere aggredito. 

Qual è il target di consumatori che abbiamo scelto per i nostri prodotti? Quali i buyer che operano nello stato obiettivo? Quali i costi che ci troveremo ad affrontare? Solo dopo aver risposto a queste domande saremo pronti a valutare la convenienza ad entrare in questo mercato ed eventualmente a decidere il posizionamento di prezzo, che deve essere non solo adatto al mercato ma anche sostenibile per l’azienda. 

E l’importatore come si sceglie? Non esiste una preferenza generalizzata per l’importatore nazionale o federale perché entrambe le figure presentano vantaggi e svantaggi: l’importatore nazionale solitamente è più efficace nella risoluzione dei problemi legati ai pagamenti ma spesso è geloso dei propri contatti ed ostacola le relazioni dei fornitori con i buyer. Viene segnalata, inoltre, quale strada interessante e non troppo difficile da percorrere dal punto di vista pratico, la possibilità di richiedere una propria licenza di importazione, eventualmente aggregandosi con altre aziende. Ciò consente in prima battuta di abbattere i costi ma anche di avere padronanza dei mercati e dei contatti.

Gli Stati Uniti si confermano quindi un ottimo partner commerciale per l’Italia che, però, va approcciato con professionalità, valutando costi e benefici. Ogni azienda deve prima di tutto conoscere se stessa e poi cercare la sua personale strada nel mondo dell’export, senza alcuna improvvisazione. 
Paola Di Remigio

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Perchè investire nella costruzione dell' identità aziendale

L’importanza di essere riconosciuti per il proprio valore unico

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori lunedi 19 febbraio

Come costruire una vision aziendale

Scopriamolo assieme ai partecipanti del Campus Impresa, la scuola degli imprenditori

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici lunedi 19 febbraio

Tax down negli Stati Uniti

La novità del 2018: le tasse degli Stati Uniti diminuiscono per l'esportazione di vino e alcolici

Steve Raye/ Bevology Inc.
Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione. lunedi 19 febbraio

Italia superpotenza a bassi regimi nel 2017, mentre la Francia vola

Secondo l'analisi dell'Osservatorio Paesi Terzi/Wine Monitor il gap con la Francia su Cina e Giappone sale a 1,4mld di euro. Serve regia promozione.

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un  valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Grazie alla Cina record del vino australiano nel 2017

Lo scorso anno l’Australia ha aumentato il suo export enologico del 15% raggiungendo un valore di quasi 1,7 miliardi di euro grazie ad un volume esportato di 8,1 milioni di ettolitri (+8%). Una crescita dovuta quasi esclusivamente alle vendite sul mercato cinese

Fabio Piccoli
Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana venerdi 16 febbraio

Casisano a Benvenuto Brunello 2018

Da venerdì 16 a lunedì 19 Febbraio a Montalcino si presentano le nuove annate della prestigiosa denominazione toscana

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018 giovedi 15 febbraio

Aperte le iscrizioni per l’evento internazionale di degustazione alle cieca 5StarWines

L'evento di degustazione proclamerà i vini migliori provenienti da tutto il mondo pochi giorni prima di Vinitaly 2018

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani? giovedi 15 febbraio

3 ragioni per essere "alternativi"

I vini alternativi cambieranno le sorte della viticoltura di domani?

Agnese Ceschi
L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia mercoledi 14 febbraio

Vendere Vino: produttori e intermediari insieme per vendere in Italia e all’estero

L’intervista a Lorenzo Zunino, fondatore di XVX Italia

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto mercoledi 14 febbraio

Personal Branding e vino: cosa dicono di te quando tu non ci sei?

Quando vendiamo non stiamo proponendo solo un prodotto

Lavinia Furlani
L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Anche il 2017 conferma le debolezze del vino italiano in Cina

L’Italia del vino anche nel 2017 conferma la sua posizione di mezza classifica sul mercato cinese con un volume di importazioni pari a 29,4 milioni di litri per un valore totale di 111,8 milioni di euro, entrambi molto vicini a quanto ottenuto nel 2016. La fetta di mercato è stabile al 6% da molti anni

Francesco Piccoli
Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market lunedi 12 febbraio

Un viaggio nel mondo delle Wine apps

Vivino in cima alla classifica, con la nuova sezione Market

Noemi Mengo
Intervista a Daniele Balestriero di Metline, l'azienda produttrice di ENO Software lunedi 12 febbraio

Dinamicità e innovazione: quando il mercato richiede un salto di qualità

Intervista a Daniele Balestriero di Metline, l'azienda produttrice di ENO Software

Continua il lavoro di ricerca sul territorio di Cantina Valpolicella Negrar che, nel festeggiare gli 85 anni di attività, presenta tre nuovi cru Domìni Veneti prodotti nella vallata di Marano: l'Amarone, il Ripasso e il Valpolicella Superiore Pruviniano venerdi 09 febbraio

Domìni Veneti presenta Pruviniano, una collezione dal taglio femminile

Continua il lavoro di ricerca sul territorio di Cantina Valpolicella Negrar che, nel festeggiare gli 85 anni di attività, presenta tre nuovi cru Domìni Veneti prodotti nella vallata di Marano: l'Amarone, il Ripasso e il Valpolicella Superiore Pruviniano



WineMeridian