Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 26 settembre 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Siddura winethics Vini Cina WineNet Bixio Farina http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC www.farinatransparency.com Tebaldi MIB valdoca pertinace vinojobs Cortemoschina wbwe IWSC registration Wine Monitor

USA: una corsa ad ostacoli in un mercato in costante crescita

Comprendere il contesto legale e istituzionale del mercato USA aiuterà ad ottimizzare il rapporto tra condizioni di mercato e capacità dell’azienda


USA: una corsa ad ostacoli in un mercato in costante crescita
Gli USA si confermano un mercato di riferimento per il business del vino italiano. Un mercato sano e in costante crescita che presenta, tuttavia, diverse criticità da tenere in considerazione. A Wine2wine 2016 Ludovico Bongini (di Gruppo Diacron) e Giuseppe LoCascio (di Fine Wine Brand Management e Strategie di Importazione e Distribuzione) hanno presentato gli Stati Uniti come una piazza rigidamente regolamentata, iper-competitiva e, di conseguenza, frammentata, dove la scelta dell’import model diventa fondamentale per la riuscita dell’impresa commerciale. 
Innanzitutto la struttura tripartita della distribuzione americana, articolata sui tre livelli importatore-distributore-retailer, retaggio del sistema proibizionistico smantellato negli anni trenta, ha l’effetto di far lievitare i prezzi e di limitare indirettamente i consumi.
Altro snodo fondamentale del sistema di importazione americano è costituito della regolamentazione sull’etichettatura: l’etichetta degli alcolici tra i 7 e i 24 gradi è sottoposta a un complesso procedimento di approvazione da parte delle autorità centrali (cd. COLA) e si pone come presupposto per la tutela dei prodotti contro la concorrenza sleale: più dettagliate saranno le indicazioni contenute nell’etichetta, più efficace potrà essere la tutela fornita dal sistema.
Le aziende italiane devono inoltre fare i conti con le regole dettate in materia di packaging, che vietano l’uso di determinate parole e limitano le informazioni che possono essere riportate in etichetta. Alcune restrizioni sono state dettate anche sui formati ammessi.

Il Bioterrorism Act del 2002 ha incrementato gli adempimenti richiesti per l’importazione di prodotti alimentari negli USA e contempla la registrazione obbligatoria presso la Food and Drug Administration di tutti gli stabilimenti che producono, trasformano o stoccano prodotti alimentari destinati agli USA; è richiesta inoltre la notifica anticipata all’FDA di ogni spedizione di prodotti alimentari destinati a questo mercato ( cd. Prior Notice).

Alla legislazione federale si aggiunge la regolamentazione di dettaglio elaborata dai vari stati, che ostacola un approccio unitario al mercato USA. Il Minnesota viene segnalato come piazza particolarmente interessante alla luce della semplificata regolamentazione statale e della presenza di numerosi buyer.
Ferme restando tutti questi ostacoli di carattere formale, secondo gli esperti le parole d’ordine sono: conoscenza dei propri prodotti e dei propri obiettivi. Non esistono raccomandazioni generali valide per tutte le aziende. Gli USA, come già anticipato, sono un mercato piuttosto facile, ma non redditizio, che necessita di essere studiato con attenzione prima di essere aggredito. 

Qual è il target di consumatori che abbiamo scelto per i nostri prodotti? Quali i buyer che operano nello stato obiettivo? Quali i costi che ci troveremo ad affrontare? Solo dopo aver risposto a queste domande saremo pronti a valutare la convenienza ad entrare in questo mercato ed eventualmente a decidere il posizionamento di prezzo, che deve essere non solo adatto al mercato ma anche sostenibile per l’azienda. 

E l’importatore come si sceglie? Non esiste una preferenza generalizzata per l’importatore nazionale o federale perché entrambe le figure presentano vantaggi e svantaggi: l’importatore nazionale solitamente è più efficace nella risoluzione dei problemi legati ai pagamenti ma spesso è geloso dei propri contatti ed ostacola le relazioni dei fornitori con i buyer. Viene segnalata, inoltre, quale strada interessante e non troppo difficile da percorrere dal punto di vista pratico, la possibilità di richiedere una propria licenza di importazione, eventualmente aggregandosi con altre aziende. Ciò consente in prima battuta di abbattere i costi ma anche di avere padronanza dei mercati e dei contatti.

Gli Stati Uniti si confermano quindi un ottimo partner commerciale per l’Italia che, però, va approcciato con professionalità, valutando costi e benefici. Ogni azienda deve prima di tutto conoscere se stessa e poi cercare la sua personale strada nel mondo dell’export, senza alcuna improvvisazione. 
Paola Di Remigio

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il 3 e 4 ottobre a Milano i grandi della Ristorazione si confrontano sul tema della Ragionevolezza
martedi 26 settembre

Follow Artù, the content is King

Il 3 e 4 ottobre a Milano i grandi della Ristorazione si confrontano sul tema della Ragionevolezza

Sempre più necessario un approccio scientifico alla vigna, come dichiara il dg ed enologo di Cantina Valpolicella Negrar, Daniele Accordini lunedi 25 settembre

Dalla gestione dell'appassimento alla gestione del vigneto, il futuro della viticoltura di qualità in Valpolicella va in questa direzione

Sempre più necessario un approccio scientifico alla vigna, come dichiara il dg ed enologo di Cantina Valpolicella Negrar, Daniele Accordini

Intervista a Riccardo Tedeschi, uno dei proprietari della nota azienda della Valpolicella, tra prospettive su Amarone e Valpolicella  lunedi 25 settembre

Il coraggio di essere sempre sé stessi: Tedeschi, un’azienda autentica

Intervista a Riccardo Tedeschi, uno dei proprietari della nota azienda della Valpolicella, tra prospettive su Amarone e Valpolicella

Agnese Ceschi
Una guida con un taglio prêt-à-porter per raccontare alle persone i migliori vini di Verona con un linguaggio nuovo sabato 23 settembre

I 3 migliori sommelier del Veneto presentano la Guida dei Vini di Verona

Una guida con un taglio prêt-à-porter per raccontare alle persone i migliori vini di Verona con un linguaggio nuovo

Agnese Ceschi
Domenica 24 settembre tra le colline del Prosecco in sella a motociclette classiche o d’epoca, un gruppo di distinti signori sosterrà la ricerca contro il cancro alla prostata e il suicidio maschile sabato 23 settembre

Bellenda aderisce al charity event The Distinguished Gentleman's Ride

Domenica 24 settembre tra le colline del Prosecco in sella a motociclette classiche o d’epoca, un gruppo di distinti signori sosterrà la ricerca contro il cancro alla prostata e il suicidio maschile

Recentemente si è aperto nuovamente il dibattito sui punti di forza e di debolezza di una doc regionale come quella della Sicilia. Una storia che testimonia anche gli inevitabili rischi di certi compromessi

La doc Sicilia e i rischi dei compromessi

Recentemente si è aperto nuovamente il dibattito sui punti di forza e di debolezza di una doc regionale come quella della Sicilia. Una storia che testimonia anche gli inevitabili rischi di certi compromessi

Fabio Piccoli
L’attività di promozione della più nota casa spumantistica italiana testimonia cosa significa riuscire a coniugare in maniera mirabile un brand vitienologico ai valori più forti del nostro made in Italy

Comunicare il vino italiano nel mondo, lo straordinario esempio Ferrari

L’attività di promozione della più nota casa spumantistica italiana testimonia cosa significa riuscire a coniugare in maniera mirabile un brand vitienologico ai valori più forti del nostro made in Italy

Fabio Piccoli
La Giuria-stampa ha decretato la vincitrice assoluta dell’evento durante la Serata di Gala svoltasi domenica 17 settembre nella prestigiosa cantina in Franciacorta. mercoledi 20 settembre

Sparkling Menu Villa Franciacorta: vince Lara Pasquarelli del Ristorante Claudio di Bergeggi (Sv)

La Giuria-stampa ha decretato la vincitrice assoluta dell’evento durante la Serata di Gala svoltasi domenica 17 settembre nella prestigiosa cantina in Franciacorta.

Italia del Vino-Consorzio presenterà, a fine settembre, a Shangai ed a Pechino il meglio della produzione nazionale in due distinti momenti guidati dai migliori professionisti cinesi del mondo del vino mercoledi 20 settembre

Italia del Vino in Cina: a Shangai e a Pechino due grandi eventi per Italia del Vino-Consorzio

Italia del Vino-Consorzio presenterà, a fine settembre, a Shangai ed a Pechino il meglio della produzione nazionale in due distinti momenti guidati dai migliori professionisti cinesi del mondo del vino

Evento degustazione con banchi d’assaggio dei vini di Venezia sabato 23 settembre con protagonista il Raboso mercoledi 20 settembre

#FeelVenice: il (vin) moro di Venezia

Evento degustazione con banchi d’assaggio dei vini di Venezia sabato 23 settembre con protagonista il Raboso

Lunedì 9 ottobre il grande evento dedicato alla cucina delle Marche mercoledi 20 settembre

Meet in Cucina Marche: la prima edizione marchigiana dell'evento ehe ospita grandi cuochi e il meglio della ristorazione regionale

Lunedì 9 ottobre il grande evento dedicato alla cucina delle Marche

Quello del Soave è l’unico consorzio vitivinicolo italiano ad essere stato selezionato per la CATF, China International Agricultural Trade Fair, per testimoniare il percorso di ricerca in vista della candidatura al GIAHS-FAO. mercoledi 20 settembre

Il Soave vola a Pechino per raccontare il GIAHS-FAO

Quello del Soave è l’unico consorzio vitivinicolo italiano ad essere stato selezionato per la CATF, China International Agricultural Trade Fair, per testimoniare il percorso di ricerca in vista della candidatura al GIAHS-FAO.

Il gusto dei consumatori di Hong Kong stia evolvendo a velocità esponenziale verso stili di consumo sempre più globali mercoledi 20 settembre

Le 10 tendenze odierne nel mercato di Hong Kong

Il gusto dei consumatori di Hong Kong stia evolvendo a velocità esponenziale verso stili di consumo sempre più globali

Agnese Ceschi
Vinitaly International Academy (VIA) successfully launched its first ever Certification Course in Beijing, China. After a week of training followed by a final exam held on September 14th, VIA welcomed its 9 new Italian Wine Ambassadors (IWAs). wednesday 20 september

Vinitaly International Academy breaks through into the ‘Forbidden City’ proclaiming 9 new Italian Wine Ambassadors

Vinitaly International Academy (VIA) successfully launched its first ever Certification Course in Beijing, China. After a week of training followed by a final exam held on September 14th, VIA welcomed its 9 new Italian Wine Ambassadors (IWAs).



WineMeridian