Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 25 giugno 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi valdoca pertinace wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali

USA: una corsa ad ostacoli in un mercato in costante crescita

Comprendere il contesto legale e istituzionale del mercato USA aiuterà ad ottimizzare il rapporto tra condizioni di mercato e capacità dell’azienda


USA: una corsa ad ostacoli in un mercato in costante crescita
Gli USA si confermano un mercato di riferimento per il business del vino italiano. Un mercato sano e in costante crescita che presenta, tuttavia, diverse criticità da tenere in considerazione. A Wine2wine 2016 Ludovico Bongini (di Gruppo Diacron) e Giuseppe LoCascio (di Fine Wine Brand Management e Strategie di Importazione e Distribuzione) hanno presentato gli Stati Uniti come una piazza rigidamente regolamentata, iper-competitiva e, di conseguenza, frammentata, dove la scelta dell’import model diventa fondamentale per la riuscita dell’impresa commerciale. 
Innanzitutto la struttura tripartita della distribuzione americana, articolata sui tre livelli importatore-distributore-retailer, retaggio del sistema proibizionistico smantellato negli anni trenta, ha l’effetto di far lievitare i prezzi e di limitare indirettamente i consumi.
Altro snodo fondamentale del sistema di importazione americano è costituito della regolamentazione sull’etichettatura: l’etichetta degli alcolici tra i 7 e i 24 gradi è sottoposta a un complesso procedimento di approvazione da parte delle autorità centrali (cd. COLA) e si pone come presupposto per la tutela dei prodotti contro la concorrenza sleale: più dettagliate saranno le indicazioni contenute nell’etichetta, più efficace potrà essere la tutela fornita dal sistema.
Le aziende italiane devono inoltre fare i conti con le regole dettate in materia di packaging, che vietano l’uso di determinate parole e limitano le informazioni che possono essere riportate in etichetta. Alcune restrizioni sono state dettate anche sui formati ammessi.

Il Bioterrorism Act del 2002 ha incrementato gli adempimenti richiesti per l’importazione di prodotti alimentari negli USA e contempla la registrazione obbligatoria presso la Food and Drug Administration di tutti gli stabilimenti che producono, trasformano o stoccano prodotti alimentari destinati agli USA; è richiesta inoltre la notifica anticipata all’FDA di ogni spedizione di prodotti alimentari destinati a questo mercato ( cd. Prior Notice).

Alla legislazione federale si aggiunge la regolamentazione di dettaglio elaborata dai vari stati, che ostacola un approccio unitario al mercato USA. Il Minnesota viene segnalato come piazza particolarmente interessante alla luce della semplificata regolamentazione statale e della presenza di numerosi buyer.
Ferme restando tutti questi ostacoli di carattere formale, secondo gli esperti le parole d’ordine sono: conoscenza dei propri prodotti e dei propri obiettivi. Non esistono raccomandazioni generali valide per tutte le aziende. Gli USA, come già anticipato, sono un mercato piuttosto facile, ma non redditizio, che necessita di essere studiato con attenzione prima di essere aggredito. 

Qual è il target di consumatori che abbiamo scelto per i nostri prodotti? Quali i buyer che operano nello stato obiettivo? Quali i costi che ci troveremo ad affrontare? Solo dopo aver risposto a queste domande saremo pronti a valutare la convenienza ad entrare in questo mercato ed eventualmente a decidere il posizionamento di prezzo, che deve essere non solo adatto al mercato ma anche sostenibile per l’azienda. 

E l’importatore come si sceglie? Non esiste una preferenza generalizzata per l’importatore nazionale o federale perché entrambe le figure presentano vantaggi e svantaggi: l’importatore nazionale solitamente è più efficace nella risoluzione dei problemi legati ai pagamenti ma spesso è geloso dei propri contatti ed ostacola le relazioni dei fornitori con i buyer. Viene segnalata, inoltre, quale strada interessante e non troppo difficile da percorrere dal punto di vista pratico, la possibilità di richiedere una propria licenza di importazione, eventualmente aggregandosi con altre aziende. Ciò consente in prima battuta di abbattere i costi ma anche di avere padronanza dei mercati e dei contatti.

Gli Stati Uniti si confermano quindi un ottimo partner commerciale per l’Italia che, però, va approcciato con professionalità, valutando costi e benefici. Ogni azienda deve prima di tutto conoscere se stessa e poi cercare la sua personale strada nel mondo dell’export, senza alcuna improvvisazione. 
Paola Di Remigio

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere
lunedi 25 giugno

La grande ripresa del mercato Thailandese: spazio all’export italiano

Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere

Noemi Mengo
Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole lunedi 25 giugno

Management DiVino, un progetto per le imprese vitivinicole che vogliono eccellere

Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate 
domenica 24 giugno

L’Italia rischia di vedere drasticamente diminuiti i fondi OCM?

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Eleganza, passione e gusto, le tre parole per convincere gli americani a scegliere vino italiano

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Fabio Piccoli
Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano. 
venerdi 22 giugno

Mondo del Vino: una realtà, tanti territori

Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano.

Agnese Ceschi
Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

giovedi 21 giugno

Tenute Piccini e Banca IFIS insieme per la crescita della filiera vitivinicola in Italia

Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani
giovedi 21 giugno

Il solido mercato di Singapore, vecchio amico con il quale sperimentare

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani

Noemi Mengo
La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People mercoledi 20 giugno

Open Day Wine People Campus: il 12 ottobre presenteremo i nuovi corsi pensati per voi!

La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass 

wednesday 20 june

Catarratto and Perricone: mountain natives

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno mercoledi 20 giugno

GARGANICA 2018: un evento per scoprire il Gambellara Doc

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano martedi 19 giugno

Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano

Agnese Ceschi
I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

martedi 19 giugno

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates
monday 18 june

Tommasi: a history of family values and resourcefulness

Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Il nostro pensiero sulla promozione del vino in Cina

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Fabio Piccoli
Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso venerdi 15 giugno

Focus sugli autoctoni: il Tai Rosso

Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018
venerdi 15 giugno

Best in show all’Amarone e Platino al Ripasso di Cantina Soave

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione? giovedi 14 giugno

Non si arresta la crescita dei rosè negli Usa

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione?

Fabio Piccoli
Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale giovedi 14 giugno

La nuova sfida futura in Asia passa dall’India

Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale

Noemi Mengo