Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
domenica 26 gennaio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


pradellaluna.com Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go https://www.accordinistefano.it/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ cantamessa vini www.prosecco.wine http://www.colmello.it/  www.cantinatollo.it
giovedi 12 dicembre 2019

Valle d’Aosta: avanguardia di una viticoltura tra terra e cielo

La viticoltura eroica, negli ultimi anni al centro di forte interesse, è ben rappresentata in Italia dalla Valle d’Aosta, territorio che nonostante le grandi fragilità, si è reso protagonista di questo fenomeno mondiale.


Valle d’Aosta: avanguardia di una viticoltura tra terra e cielo
Una valle centrale lunga poco più di novanta chilometri dal clima semidesertico, secco e ventilato, e tre aree vitivinicole che da Quincinetto, ultimo paese del Piemonte si allungano fino a Morgex, nei pressi del Monte Bianco. Questa è la Valle d'Aosta. Qui gli  ettari di vigne sono cinquecento, suddivisi in aziende medio piccole: duemila metri quadrati l’appezzamento più piccolo, mentre il viticoltore più grande produce cinquecentomila bottiglie. Sono soprattutto le cooperative, ben sei (la prima nasce nel 1971, le successive negli anni ’80) a fare da traino alla produzione enologica valdostana che ha raggiunto, nel frattempo, livelli di attestata qualità. A Chambave nel cuore della regione, nel 1985 si ha la prima vendemmia della cooperativa La Crotta de Vegneron: esempio di cooperazione valdostana nata da un esiguo numero di piccoli produttori e terreni, oggi divenuti ben 50 soci che realizzano 200 mila bottiglie (solo 9 di loro determinano il 90% della produzione). Una regione che nel complesso produce due milioni di bottiglie: sessanta produttori, tra aziende e cooperative. 
Il territorio vinicolo si divide in tre macro zone. La bassa valle, dove il vitigno principe è un biotipo di Nebbiolo chiamato Picotendro coltivato anche nel limitrofo comune di Carema, in Piemonte. La valle centrale con tre specifici areali dove, sin dal XVI secolo, vitigni come il Moscato bianco sono vinificati secchi. Oppure l’areale di Aosta, dove il Petit Rouge va a comporre il Torrette, che ad Arvier diventa Enfer d’Arvier. A discapito dei suoi 800 metri di altitudine è infatti «inferno di calore» di un anfiteatro roccioso arroventato dal sole, nella sua prevalente esposizione a sud. Infine la zona di Morgex e La Salle, terra del prefillosserico e autoctono Prie Blanc. Interessanti le interpretazioni del metodo classico, uno spumante in crescita per complessità e importanza. Molti altri i vitigni del panorama produttivo: 13 gli autoctoni coltivati, anche se si potrebbe arrivare ad almeno 20, i rimanenti senza però un rilevante significato . 

Numeri di una realtà enologica che ha preso forma in un “Manifesto”, quello della
Viticoltura Eroica, divenuta straordinaria espressione dell’uomo nel dare valore, futuro e sostenibilità a luoghi dove si è saputo coltivare la vigna per una produzione che fosse di sostegno e nutrimento. Quanto necessario per permettere anche la conservazione di territori fragili, critici dal punto di vista delle aggressioni climatiche, e per questo troppo spesso in passato abbandonati dall’uomo. Una tutela che si incarna nei terrazzamenti per “sfruttare” o, se si preferisce, “valorizzare” ambienti necessari alla vita e, dei muretti a secco, pratica rurale e Patrimonio Unesco che ha contribuito a preservare dall’erosione paesaggi impervi e inaccessibili. 

È ancora la Valle d’Aosta,
regione simbolo della viticoltura di montagna (nasce qui il Cervim, organismo preposto alla tutela e salvaguardia di ambienti di tale interesse, in Italia e nel mondo) che segna un “più” nella produzione di vino e nella sua qualità. Il mestiere del “vigneron” è tornato ad appassionare i giovani, forti di una Regione sostenuta 365 giorni l’anno dal turismo. Basti pensare che il 70% della produzione enologica resta in valle, numeri in controtendenza rispetto a molte altre regioni d’Italia. Il restante 20% è richiesto sul territorio nazionale, mentre il 10% è destinato all’export. I mercati più importanti Svizzera, Nord Europa e Giappone, curiosi e a tratti stanchi dei soliti vini. 

E per la prima volta “eroico” non è più solo un brand o un modo di dire, ma un termine con una specifica portata legislativa, recepito ora anche in un testo normativo. Termine coniato proprio dal Cervim, registrato come marchio europeo nel 2011, rientra nel Testo Unico della vite e del vino. La Legge 238 del 12 dicembre 2016, “Disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione del commercio del vino”, coerente con la riforma OCM Vino del 2013, vede nell’art. 7 il preciso riferimento “Salvaguardia dei vigneti eroici o storici”.
Sistemi viticoli delle piccole isole, sistemi terrazzati, sistemi con pendenza superiore al 30%, sistemi ad altitudini maggiori dei 500 metri, vigneti con muretti a secco: sarà sufficiente una sola di queste caratteristiche affinché le produzioni rientrino nel concetto di viticoltura eroica. 

La Valle d’Aosta si accredita certamente come
testimone d’avanguardia di vigne tra terra e cielo
Giovanna Romeo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Nonostante numerose sentenze, scontri e confronti, la querelle tra Consorzio di Tutela e Famiglie storiche sembra destinata a proseguire nelle aule dei tribunali a svantaggio complessivo dell’immagine di questo straordinario vino e del suo territorio di produzione
venerdi 24 gennaio 2020

Nella querelle Amarone abbiamo perso tutti

Nonostante numerose sentenze, scontri e confronti, la querelle tra Consorzio di Tutela e Famiglie storiche sembra destinata a proseguire nelle aule dei tribunali a svantaggio complessivo dell’immagine di questo straordinario vino e del suo territorio di produzione

Fabio Piccoli
Paese stabile, moderno, con condizioni di medio reddito e servizi di qualità, oltre che una località turistica molto rinomata e frequentata nel Sud- est asiatico, la Thailandia sta registrando crescite a doppia cifra nel settore vino e apre la strada alla premiumization. venerdi 24 gennaio 2020

Thailandia: il prossimo mercato emergente in cui vale davvero la pena esserci

Paese stabile, moderno, con condizioni di medio reddito e servizi di qualità, oltre che una località turistica molto rinomata e frequentata nel Sud- est asiatico, la Thailandia sta registrando crescite a doppia cifra nel settore vino e apre la strada alla premiumization.

Parole molto forti: proposta economica - definita giovedi 23 gennaio 2020

Il Consorzio Tutela Vini Valpolicella risponde alla proposta de Le Famiglie Storiche

Parole molto forti: proposta economica - definita "semplice lascito di una somma di denaro" a fronte di una condanna grave - bocciata dal consiglio di amministrazione del Consorzio, e augurio di una riconciliazione gestita da professionisti e non a mezzo stampa.

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Le Famiglie Storiche offrono al Consorzio Vini Valpolicella una soluzione per chiudere il contenzioso pendente

Le tredici aziende hanno elaborato una proposta scritta inviata al Consorzio Vini Valpolicella, che offre la disponibilità a pagare la cifra corrispondente alla pubblicazione della sentenza - quantificata in oltre 160 mila euro - incrementata di un 10-15% dell’importo per un progetto di valorizzazione e protezione della stessa Denominazione “Valpolicella”.

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”. 
giovedi 23 gennaio 2020

Wine education 2020: perché 18.206 cinesi e solo 1.127 italiani scelgono WSET?

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”.

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Vyno Dienos a Vilnius in Lituania: uno dei principali appuntamenti dedicati al vino nell’est Europa

Lituania, un mercato dinamico dove l’interesse per i vini italiani è sempre più grande.

Cristian Fanzolato
Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte giovedi 23 gennaio 2020

Cocktail trends in the U.S.? benessere, qualità, sostenibilità ed un tocco di stravaganza

Ecco cosa cercano i consumatori di alcolici statunitensi, le tendenze che guideranno le loro scelte

Emanuele Fiorio
2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston wednesday 22 january 2020

2020 Slow Wine Us Tour celebrates the 10th anniversary of its annual English language guide and a decade of success

2020 Tour to include San Francisco, Seattle, Denver, New York and Boston

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical. mercoledi 22 gennaio 2020

Quando l’abito fa (davvero) il monaco…

La scelta del consumatore parte dall’etichetta: parola ad Anna Lonardi, manager dell’azienda veronese Grafical.

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata mercoledi 22 gennaio 2020

DOCG, la vera sfida del Prosecco negli USA

Versatile e moderno, il Prosecco continua la sua forte ascesa negli USA. Ampi margini per la DOCG, ancora poco conosciuta e valorizzata

Emanuele Fiorio
Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato. mercoledi 22 gennaio 2020

I concetti chiave per affrontare il mercato canadese

Il Canada non è un mercato unico, è un miscela di realtà. Partendo da questo dato di fatto, Gurvinder Bhatia fornisce consigli e strategie molto utili per fronteggiare questo mercato.

Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale martedi 21 gennaio 2020

Cosa abbiamo imparato osservando le trattative nelle fiere internazionali

Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Lavinia Furlani
Ecco il calendario di eventi Unit Wine Tour: Azerbaijan, Taiwan, Thailandia, Kazakhstan, Vietnam e Corea. martedi 21 gennaio 2020

Mission Asia 2020

Ecco il calendario di eventi Unit Wine Tour: Azerbaijan, Taiwan, Thailandia, Kazakhstan, Vietnam e Corea.

Ultimi posti per il nuovo ciclo di formazione in partenza l'11 febbraio 2020

Campus Export Manager: diventa export manager del vino

Ultimi posti per il nuovo ciclo di formazione in partenza l'11 febbraio 2020

Dal 27 gennaio una settimana di eventi e focus economici con ospiti, tasting e incontri internazionali. lunedi 20 gennaio 2020

Anteprima Amarone: l'annata 2016 a battesimo l'1 e 2 febbraio a Verona

Dal 27 gennaio una settimana di eventi e focus economici con ospiti, tasting e incontri internazionali.

I dati previsionali di IWSR rivelano che il vino biologico continua a conquistare quote di mercato, entro il 2023 saranno consumate quasi un miliardo di bottiglie lunedi 20 gennaio 2020

Il futuro appare radioso per il vino biologico, +34% entro il 2023

I dati previsionali di IWSR rivelano che il vino biologico continua a conquistare quote di mercato, entro il 2023 saranno consumate quasi un miliardo di bottiglie

Emanuele Fiorio


WineMeridian