Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
sabato 21 luglio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it Farina Enartis Tebaldi wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi
mercoledi 02 agosto

Veloce o lento?

Il mondo del vino a metà tra Fast e Slow Brain presenta caratteristiche uniche rispetto ad altri settori merceologici


Veloce o lento?

Fonte foto: Nytimes


Veloce o lento, lo dice anche una canzone di Tiziano Ferro tra le hits in radio ultimamente.
Ascoltando questo ritornello mi è sorta una domanda:
il mondo del vino è lento o veloce?
Mi spiego meglio. Secondo un recente articolo di E-commerce Monitor, 50 millisecondi, neppure il tempo di un respiro, è il tempo sufficiente a un utente online per dare un giudizio.
Questo significa che in una frazione di secondo molto veloce si gioca la partita del tuo brand. Dunque, la logica conseguenza è che per risultare vincenti si debba definire al meglio la propria immagine e i valori del proprio business perché possano risultate chiari in modo immediato per il consumatore.
Questo ragionamento è certamente indiscutibile, così come sono molto utili i consigli di definire il proprio target in funzione delle strategie comunicative del brand, di definite una brand voice con una personalità specifica, unica e coerente. Tutti concetti che sentiamo ripetere ultimamente con insistenza, anche se ancora non ben applicati dalla maggior parte delle aziende del vino. 
Questa acuta analisi condotta da E-commerce Monitor naturalmente prende in considerazione tutti i settori merceologici in modo onnicomprensivo. Ora ci chiediamo:
può questa essere applicato al mondo del vino? Un mondo che sicuramente, così come gli altri settori, non può più evitare le analisi di marketing che coinvolgono anche le neuroscienze, la psicologia comportamentale, ma che presenta delle peculiarità a sé, diverse da qualsiasi altro prodotto.
Ciò che è certo è che i brand del vino stanno percorrendo ancora una strada in salita in fatto di branding, rispetto ad altri settori merceologici come il fashion o l’industria elettronica.
Fino ad oggi, in cui la consapevolezza di certe dinamiche si sta facendo strada, sono stati eretti alti muri tra brand e consumatori.

Ritorniamo quindi all’introduzione. Vi starete chiedendo, cosa c’entra dunque la domanda iniziale: il mondo del vino è veloce o lento? O meglio si adatta a logiche di scelta veloci o lente?
Mi aiuto ricordando un illuminante teoria formulata dallo psicologo Daniel Kahneman, vincitore del Nobel per l’economia nel 2002, che differenzia il Fast Brain rispetto allo Slow Brain.
Mentre il cervello veloce è quella parte che ci consente di prendere decisioni in tempi brevi, formulare giudizi sulla base di pochi elementi, come ad esempio colore e forma della bottiglia, dell’etichetta, icone che ci richiamano o ricordano qualcosa di positivo… Al contrario il cervello lento è la componente più riflessiva, analitica e lenta nel formulare un’opinione.
Il mondo del vino a differenza di altri settori merceologici si trova esattamente a metà tra questi due processi decisionali.
Il nostro intento non è di certo di mettere delle regole, anche perché non c’è nulla di certo, ne tantomeno di duraturo. Proviamo però a definire tre elementi da non farsi sfuggire per provare a definire serie strategie di branding:

1 il consumatore ha una connessione molto fluttuante e poco fedele nei confronti del brand;

2 il mondo del vino si colloca nel crocevia tra le decisioni prese con il Fast Brain e quello comprese e meditate con il Slow Brain. Il vino segue le logiche di settori merceologici standard per quanto riguarda primo impatto e approccio (etichetta emozionale, packaging impattante, colori e icone attrattivi…), ma logiche a sé quando si entra nel profondo di questo prodotto (comprensione di varietà di uva, regione di provenienza, profilo degustato…). Mi spiego meglio: se io devo scegliere una bottiglia di vino piuttosto che un'altra a primo impatto tra gli scaffali di un'enoteca ovviamente il mio cervello seguirà la strada della scelta immediata data da elementi come emozione che mi suscita l'etichetta, packaging accattivante etc. Ma la scelta non si basa solo su questo: sarà determinante anche capire che vino è, da dove proviene, se lo conosco già, o magari anche i consigli dell'enotecario che mi spiega brevemente le caratteristiche gustative del vino... Insomma la decisione sarà la combinazione di questi due approcci decisionali, lento e veloce. 

3 ciò che piace a noi spesso non è ciò che piace al nostro target di consumatori. Dunque la strategia del brand non può prescindere la comprensione del target di riferimento;

Concludendo, capire cosa è veramente il brand risulta essere molto complesso, ma per dirla come l’ha definito Robert Joseph: “a brand is the most valuable piece of real estate in the world, a small part of someone’s brain”. Semplice no?

Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Lo storico presidente di Slow Food ha ricordato il dovere delle imprese vitivinicole ad investire in cultura sia per “restituire” alla collettività i benefici di cui può godere sia per esaltare ulteriormente il suo legame con le risorse culturali del nostro Paese

Grazie a Carlo Petrini per averci ricordato il primato della cultura

Lo storico presidente di Slow Food ha ricordato il dovere delle imprese vitivinicole ad investire in cultura sia per “restituire” alla collettività i benefici di cui può godere sia per esaltare ulteriormente il suo legame con le risorse culturali del nostro Paese

Fabio Piccoli
Nelle fasce più giovani di consumatori interesse nei confronti di lattine e bag in box e ormai gli inglesi non evidenziano più differenze tra i tappi in sughero e quelli a vite

Le preferenze di formati e chiusure nel mercato del Regno Unito

Nelle fasce più giovani di consumatori interesse nei confronti di lattine e bag in box e ormai gli inglesi non evidenziano più differenze tra i tappi in sughero e quelli a vite

Francesco Piccoli
Intervista a Michael Blaise, Vice Presidente per la Sostenibilità di Vinventions giovedi 19 luglio

La svolta sostenibile di Vinventions

Intervista a Michael Blaise, Vice Presidente per la Sostenibilità di Vinventions

È  la consapevolezza a fare la differenza tra un buon e un ottimo manager, tra un imprenditore capace e un imprenditore di successo

Cosa ci rende buoni manager o buoni imprenditori?

È la consapevolezza a fare la differenza tra un buon e un ottimo manager, tra un imprenditore capace e un imprenditore di successo

Roberta Zantedeschi
Ecco un aggiornamento sulla tendenza in atto del consumo di vino o bevande a basso contenuto alcolico martedi 17 luglio

Low- o No-alcohol wines, sì o no?

Ecco un aggiornamento sulla tendenza in atto del consumo di vino o bevande a basso contenuto alcolico

Agnese Ceschi
La competizione, porta d’ingresso per entrare nel mercato e portavoce dei gusti dei consumatori asiatici, lancia la “call to entries” per i produttori italiani, con scadenza al 22 luglio 2018. Affrettatevi!
lunedi 16 luglio

WM rinnova la mediapartnership con l’Hong Kong International Wine and Spirits Competition

La competizione, porta d’ingresso per entrare nel mercato e portavoce dei gusti dei consumatori asiatici, lancia la “call to entries” per i produttori italiani, con scadenza al 22 luglio 2018. Affrettatevi!

Wine Export Manager Senior e Junior lunedi 16 luglio

Offerta di Lavoro

Wine Export Manager Senior e Junior

Il parere di Andrzej Sajniak, importatore polacco e titolare di Caterteam Sp.zo.o e dei punti vendita lunedi 16 luglio

Vino italiano in Polonia: quando l'alta qualità non basta

Il parere di Andrzej Sajniak, importatore polacco e titolare di Caterteam Sp.zo.o e dei punti vendita "Piccola Italia & Mediterraneo" di Varsavia

Noemi Mengo
La freschezza del Chiaretto incontra la pizza contemporanea di Renato Bosco nella terrazza estiva di Monte Zovo venerdì 20 luglio 2018. 
lunedi 16 luglio

Chiaretto&Pizza: l’aperitivo gourmet firmato Monte Zovo e Renato Bosco

La freschezza del Chiaretto incontra la pizza contemporanea di Renato Bosco nella terrazza estiva di Monte Zovo venerdì 20 luglio 2018.

Domenica 8 luglio, luna e stelle hanno fatto luce sui vigneti di Monte Gorna, a Treccastagni, ai piedi dell'Etna per un evento speciale: Notturno in Vigna. domenica 15 luglio

Nasce sull'Etna una nuova narrazione del vino

Domenica 8 luglio, luna e stelle hanno fatto luce sui vigneti di Monte Gorna, a Treccastagni, ai piedi dell'Etna per un evento speciale: Notturno in Vigna.

Lisa Sanfilippo
We have tasted for you Siddùra's Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016 saturday 14 july

Italian wines in the world: Siddùra's Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016

We have tasted for you Siddùra's Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016

Abbiamo degustato per voi il Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016 di Siddùra sabato 14 luglio

Italian wines in the world: Maìa Vermentino di Gallura docg Superiore 2016 di Siddùra

Abbiamo degustato per voi il Maìa Vermentino di Gallura DOCG Superiore 2016 di Siddùra

All'attrice inglese Helen Mirren il Premio che è diventato negli anni uno degli appuntamenti più importanti nel panorama degli eventi culturali organizzati da un’azienda vitivinicola

Premio Apollonio per gli ulivi del Salento

All'attrice inglese Helen Mirren il Premio che è diventato negli anni uno degli appuntamenti più importanti nel panorama degli eventi culturali organizzati da un’azienda vitivinicola

Il nostro sistema vitivinicolo continua ad essere refrattario ad accettare una maggiore trasparenza e gestione dei prezzi delle denominazioni, anche di quelle più importanti e in crescita. Questo determina una costante fragilità del nostro sistema e il rischio di presidiare in maniera migliore il posizionamento dei vini italiani

Il tabù dei prezzi dei vini in Italia

Il nostro sistema vitivinicolo continua ad essere refrattario ad accettare una maggiore trasparenza e gestione dei prezzi delle denominazioni, anche di quelle più importanti e in crescita. Questo determina una costante fragilità del nostro sistema e il rischio di presidiare in maniera migliore il posizionamento dei vini italiani

Fabio Piccoli
Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!
venerdi 13 luglio

Partecipa al Tour Vietnam 2018 con Unexpected Italian

Ultimi giorni per iscriversi al tour dal 2 al 4 ottobre 2018. Ecco i motivi per cui non potete perdervelo!

Interview with Marco Martini, CEO of Mondodelvino SpA CEO, one of the most interesting and innovative Italian wine groups of Italy and ranked 17 among Italian wine companies in terms of sales in 2017. giovedi 12 luglio

Mondodelvino: one entity, many territories

Interview with Marco Martini, CEO of Mondodelvino SpA CEO, one of the most interesting and innovative Italian wine groups of Italy and ranked 17 among Italian wine companies in terms of sales in 2017.

L'intervista ad uno dei massimi sommelier vietnamiti Alex Thinh giovedi 12 luglio

Giovane ed orientabile: il Vietnam è una delle promesse asiatiche

L'intervista ad uno dei massimi sommelier vietnamiti Alex Thinh

Agnese Ceschi
Scopri la promozione estiva pensata per supportarti nell’internazionalizzazione e comunicazione dei tuoi prodotti nel mondo
mercoledi 11 luglio

Scegli Wine Meridian come Media partner e cambia la tua comunicazione

Scopri la promozione estiva pensata per supportarti nell’internazionalizzazione e comunicazione dei tuoi prodotti nel mondo

Aggiungetevi a noi il 4 e 5 marzo 2019 in occasione di Vinexpo New York, la Fiera Internazionale del vino e degli spirits, nella sua seconda edizione americana! mercoledi 11 luglio

Wine Meridian torna a Vinexpo New York

Aggiungetevi a noi il 4 e 5 marzo 2019 in occasione di Vinexpo New York, la Fiera Internazionale del vino e degli spirits, nella sua seconda edizione americana!

Azienda italiana specializzata nella vendita di vino online cerca una figura da inserire nel proprio ufficio acquisti con ottima padronanza nell’uso del PC e dei pacchetti base e buona conoscenza della lingua inglese.

Offerta di Lavoro: Buyer

Azienda italiana specializzata nella vendita di vino online cerca una figura da inserire nel proprio ufficio acquisti con ottima padronanza nell’uso del PC e dei pacchetti base e buona conoscenza della lingua inglese.