Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 23 agosto 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine Farina http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Cantina Valpolicella

Vi.Vite, buona la prima!

Ottima affluenza di pubblico a Milano alla prima edizione del Festival delle cooperative del vino che testimonia come oggi l’immagine della cooperazione vitivinicola sia in crescita e come fosse arrivato il tempo di un appuntamento a loro dedicato


Vi.Vite, buona la prima!
Buona la prima e non era scontato. Questo il primo commento che ci viene in mente riguardo alla prima edizione di Vi.Vite, il primo evento nazionale, tenutosi il 25 e 26 novembre nel suggestivo scenario del Museo della scienza e della tecnica di Milano.
Un evento che a nostro parere finalmente rende merito ed esalta i valori attuali della cooperazione vitivinicola italiana e speriamo che in qualche misura rappresenti la fine di quelle pregiudiziali ideologiche che per troppi anni hanno condizionato l’immagine di questo modello produttivo fondamentale per il sistema vitienologico italiano.
Basti ricordare che oggi la cooperazione del vino italiana rappresenta una base produttiva di ben 148.000 soci rappresentanti di 498 cooperative che oggi producono il 60% del vino italiano (il 53% delle doc e il 65% delle igp) e oltre 1/3 dell’export vitivinicolo.
Ma sarebbe riduttivo oggi parlare di cooperazione del vino evidenziando “solo” i numeri e l’evento di Milano è stata un’ottima occasione per dimostrare ai numerosi visitatori, in gran parte millennials, anche il valore qualitativo raggiunto oggi da gran parte delle cantine cooperative italiane.
Ma anche la qualità dei vini, da sola non è sufficiente per evidenziare il ruolo della cooperazione nella sostenibilità del nostro comparto vitivinicolo.
Il cosiddetto “indotto” della cooperazione del vino italiana, infatti, si allarga alla tutela ambientale, al presidio delle nostre zone rurali, al mantenimento del paesaggio viticolo, ad una fondamentale sostenibilità sociale di molti nostri territori vitati. Provate ad immaginare in un istante se sparisse oggi la cooperazione vitivinicola in Italia cosa ne sarebbe non solo del nostro sistema produttivo ma anche di gran parte delle nostre denominazioni.
E’ altrettanto evidente che il processo di miglioramento della gestione delle cooperative vitivinicole italiane non si può certo considerare completato e, soprattutto in certe aree, necessita ancora di notevoli investimenti soprattutto sul versante del management.
Ma quello che oggi non è più possibile tollerare nel nostro Paese sono le pregiudiziali ideologiche nei confronti di questo modello produttivo.
Un modello che va giudicato alla stregua degli altri, privati ed industriali, cercando di capirne i punti di forza e di debolezza.
In questa direzione auspichiamo che nelle prossime edizioni si possa parlare maggiormente, ad esempio, del ruolo delle Coop del vino anche in relazione al loro ruolo nella determinazione del posizionamento e dell’immagine delle nostre denominazioni.
Inutile negare che laddove la cooperazione dà il meglio di sé (sia sul profilo qualitativo dei vini che dei prezzi) si determina un indotto eccellente per tutta la denominazione.
Siamo convinti che l’evento organizzato da Alleanza delle cooperative agroalimentari potrà avere un futuro sempre più utile ed interessante magari inserendo anche la data del lunedì per agevolare la presenza del trade milanese in primis senza però dimenticare mai l’importanza di dialogare sempre con i consumatori finali.
In conclusione dell’evento, il presidente dell’Alleanza Giorgio Mercuri si è dichiarato molto soddisfatto per “una manifestazione nata come una vera e propria sfida, ampiamente vinta”. “Sono estremamente contento dei risultati di questa prima edizione " ha dichiarato Mercuri - sia in termini di soddisfazione delle cantine che hanno portato qui a Milano in degustazione le loro eccellenze, sia ovviamente dell’interesse dimostrato del pubblico, che è accorso all’evento per conoscere più da vicino le nostre cooperative”.
Resta poco da aggiungere se non, forse, non appaia come una polemica sterile, l’inaugurazione quest’anno presieduta dal candidato primo ministro, il cinque stelle Luigi Di Maio. Qualcuno l’ha interpretata come una scelta politica dell’organizzazione e questo sicuramente non rispecchia il vero ma si sa che in un Paese eternamente in campagna elettorale la cautela in certe scelte non è mai troppa.
Certo che se nel frattempo il nostro ministro dell’agricoltura Martina era impegnato alla Leopolda con Renzi capiamo come sia sempre più difficile capire come e quando la politica italiana sarà vicina seriamente al nostro comparto del vino.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese venerdi 23 agosto 2019

Comunicazione: tutti ne parlano, pochi la fanno

Da una nostra indagine emerge come la comunicazione, sia quella tradizionale che attraverso i social media, continua ad essere una leva utilizzata poco e male da molte imprese vitivinicole del nostro paese

Fabio Piccoli
A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo
giovedi 22 agosto 2019

Soave Versus, 3 giorni per celebrare il Soave, patrimonio agricolo globale

A quasi un anno dal riconoscimento, il Soave festeggia con i suoi wine lovers il prestigioso riconoscimento e parlerà di cru ed enoturismo

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre giovedi 22 agosto 2019

Wemday 2019: chi sono i nostri sponsor?

Cinque tra le maggiori realtà esperte del proprio settore saliranno sul palco del Wine Export Manager Day come sponsor il prossimo 16 settembre

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna mercoledi 21 agosto 2019

Contrattualistica internazionale, data analysis e fenomeno biologico: ecco tre dei cinque interventi del WEMDay

Abbiamo chiesto alcune anticipazioni a 3 dei 5 relatori che saranno sul palco del Wine Export Manager Day il 16 settembre a FICO- Bologna

Agnese Ceschi
Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7
mercoledi 21 agosto 2019

Qual è il vino più digitato sui motori di ricerca?

Una ricerca condotta da Bytek sulle query online dal 2015 al 2018, ci svela le varietà più cercate dai consumatori dei paesi del G7

Noemi Mengo
Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività
mercoledi 21 agosto 2019

Enoturismo: il lifestyle italiano al centro del legame con il consumatore

Intervista a Filippo Magnani, fondatore dell’agenzia Fufluns, che con il 2019 festeggia i vent’anni di attività

Noemi Mengo
Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita
martedi 20 agosto 2019

Chi ben comincia…

Comunicare se stessi è il valore aggiunto durante una trattativa di vendita

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.
lunedi 19 agosto 2019

Il 2020 di Wine Australia indossa un abito a stelle e strisce

Mentre i vini australiani crescono in export negli Stati Uniti, Wine Australia investe 79 milioni di dollari in ricerca e sviluppo del settore vitivinicolo.

Noemi Mengo
Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini
venerdi 16 agosto 2019

Consorzi, pronti anche gli osservatori economici

Consorzio del Franciacorta e del Chianti Classico hanno attivi degli osservatori economici che consentono una gestione della denominazione anche alla luce dei dati di mercato e di posizionamento dei vini

Fabio Piccoli
Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino? mercoledi 14 agosto 2019

Perché investire sullo storytelling?

Raccontare storie è un'arte molto antica. Ma cosa c'entra con il business del vino?

Agnese Ceschi
We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata wednesday 14 august 2019

Italian wines in the world: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

We have tasted for you: DOMENIS1898's Grappa Secolo Barrique Millesimata

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico
martedi 13 agosto 2019

Cristo di Campobello, un “pellegrinaggio” nel vino di Sicilia

In poco più di 10 anni l’azienda agrigentina è diventata tra le realtà più interessanti e dinamiche nel panorama vitienologico siciliano con una storia dove vino e religione trovano un legame unico

Fabio Piccoli
Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero. 
martedi 13 agosto 2019

Oltre il Riesling: lo Spätburgunder in Rheingau è il regno di August Kesseler

Nell’enclave del Riesling abbiamo incontrato un pioniere della vinificazione del Pinot Nero.

Giovanna Romeo
Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione lunedi 12 agosto 2019

Nuova Zelanda: un binocolo puntato all'estremità del mondo

Intervista a Marco Nordio, italiano, in Nuova Zelanda da 16 anni e titolare di una società di importazione

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898 sabato 10 agosto 2019

Italian wines in the world: Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Abbiamo degustato per voi la Grappa Secolo Barrique Millesimata di DOMENIS1898

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese
venerdi 09 agosto 2019

Cosa ci insegna lo Chardonnay negli Usa

Lo Chardonnay continua ad essere il vino più apprezzato dai consumatori americani. Un successo che dimostra parecchie cose e spazza via molti pericolosi luoghi comuni che ancora sono presenti nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense
giovedi 08 agosto 2019

Direct To Consumer, cosa ne pensano i retailer negli USA?

Torniamo a focalizzare la nostra attenzione sul direct shipping, scoprendo il parere di alcuni importanti testimoni dell’area retail statunitense

Noemi Mengo
Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo mercoledi 07 agosto 2019

Come far diventare il vostro territorio una wine destination di successo?

Abbiamo incontrato Emma Taveri, esperta in Destination Marketing e Management CEO di Destination Markers e ci siamo fatti spiegare perché il vino dovrebbe puntare su questo

Agnese Ceschi
Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché mercoledi 07 agosto 2019

Italian wines in the world: Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché

Abbiamo degustato per voi il Barbera d'Asti Superiore di Cascina Ciuché



sfondo_wm