Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 19 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy
giovedi 16 maggio 2019

Vigna Belvedere: una storia di famiglia, radici e ambizione

Conosciamo una realtà storica, che ha avuto il coraggio di ri-lanciarsi nel mercato vitivinicolo di oggi, contando solo sulle proprie forze.


Vigna Belvedere: una storia di famiglia, radici e ambizione
Ci sono molte aziende che non si arrendono alle difficoltà e che, grazie alla propria storia, e ad una buona dose di tenacia, riescono a rinascere, come una fenice, dalle proprie ceneri. Una di queste è Vigna Belvedere, un’azienda sui cui scegliamo di tenere un riflettore puntato, una realtà familiare che non si è arresa di fronte alle difficoltà del mercato, dimostrando che chi ha voglia di rinascita, può compiere il grande salto, reinventarsi partendo da radici storiche e sostenendosi con l’ambizione per il futuro.
Ci troviamo tra Friuli Venezia Giulia e Veneto, due aree vitivinicole che favoriscono la nascita di prodotti di qualità, zone conosciute sui mercati mondiali, ma anche terreni di concorrenza con la moltitudine di aziende vitivinicole italiane.

Vigna Belvedere deve la sua storia all’appassionato lavoro di una famiglia di commercianti di legname e proprietari terrieri attivi nel nord-est d’Italia fin dal XV secolo e che all’inizio dell’800, decise di investire in diversi terreni e proprietà immobiliari nella pianura tra il Friuli Venezia Giulia ed il Veneto, al fine di facilitare il trasporto del legname dalle rigogliose foreste del Cadore alla laguna dell’antica Repubblica marinara di Venezia. Una tradizione, 18 ettari di vitigni storici, gran parte dei quali ancora oggi coltivati a seminativo, dove crescono anche varietà di Pinot grigio, Merlot, Chardonnay, Cabernet Sauvignon e Glera, la cui lavorazione porta al prodotto su cui l’azienda fonda la propria risalita ai mercati: il Prosecco.
L’azienda, dopo un’interruzione verso la fine degli anni ’80, si è reinventata a partire dal 2000, ristrutturando i vigneti nel 2002 e avviando la produzione di Prosecco DOC Extra Dry, Brut e Millesimato, di grande personalità. 
Ad oggi l'azienda porta avanti un minuzioso ed accurato lavoro in vigneto, con la scelta attenta dei prodotti utilizzati al fine di ridurre l’impatto sull’ambiente, che quest’anno porterà Vigna Belvedere ad avere la certificazione di sostenibilità ambientale SQNPI.

Fra i prodotti ci ha colpito, in particolare,
Najma, un nome che porta con sé una storia da raccontare. Molti anni fa, un facoltoso amico italo americano della famiglia, capitò a Venezia e, conquistato dalle bellezze della città, decise di rimanervi ed imparare tutto il necessario per diventare un vero veneziano. Comprò uno splendido appartamento, si fece dei buoni amici ed acquistò una gondola, la dipinse di un blu acceso e cominciò a navigare con essa nella laguna. Un giorno, durante un viaggio di lavoro in Algeria, conobbe una splendida ragazza, la convinse a seguirlo e le donò una piccola imbarcazione a remi da usare come tender ed una barca, con la quale viaggiare insieme in giro per il mondo, due doni che portarono il nome della donna, Najma, e che l’uomo lasciò in regalo alla famiglia, una volta deciso di scoprire nuovi orizzonti.
Prosecco Najma si lascia ispirare da questo spirito d’avventura e di amore, e vuole immortalare con sé la storia dei due amanti, per lasciarla vivere nell’immaginario di chi degusta questo prodotto di terre veneziane.

Noi li abbiamo conosciuti durante Vinitaly, sono una famiglia, a casa e in cantina, che ha fatto delle esperienze al di fuori del mondo del vino, la propria forza: la mamma, Elisabetta Cichellero, CEO, interprete, agricoltrice, coordinatrice, la potenza trainante del team; il papà, grande amante del Prosecco, mediatore, attivo nella vendita e nella distribuzione; Massimo, l’uomo di scienza, il biologo molecolare e responsabile della comunicazione; Alessandra, “l’ambientalista”, lavora per una Fondazione olandese che si occupa di progetti di recupero ambientale su vasta scala in Paesi remoti. Nel suo tempo libero rappresenta e promuove il Prosecco in Olanda. Infine Andrea, il vero agricoltore e produttore. Lavora nel vigneto e controlla la produzione con la mamma. Molto attivo in azienda, è responsabile di tutta la logistica e consegne, e delle esportazioni nel Regno Unito, Paese nel quale ha compiuto i suoi studi. E parlando di mercati internazionali, stanno crescendo, vantano infatti diversi contatti in Canada, negli Stati Uniti a New York e in Virginia, in Svezia, in Spagna e, come anticipato, Regno Unito, con l’obiettivo di estendersi sempre di più, mentre ancora non sono presenti nei mercati asiatici.


Vigna Belvedere si conferma un’azienda di piccole dimensioni, ma con grande carattere e volenterosa di riprendere quanto interrotto negli anni ’80, un periodo storico decisamente diverso da quello che ospita i mercati di oggi, e cambiare, rinascere, crescere, con i tempi dovuti e soprattutto con i giusti investimenti, comunicando chi è realmente, con trasparenza, eleganza e l’adeguato amore per il proprio, potremmo dire “nuovo”, mestiere: quello di vignaioli. 


Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi? venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?

Fabio Piccoli
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo


sfondo_wm