Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
sabato 22 settembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

roncoblanchis.it www.wine2wine.net www.ilvinocomunica.it Farina Enartis Tebaldi Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.poderidalnespoli.com/ https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali
giovedi 08 marzo

Villa Franciacorta: la storia dell’antico borgo che ha cullato il Franciacorta

Intervista a Roberta Bianchi, proprietaria di Villa Franciacorta, azienda storica sul Lago d’Iseo


Villa Franciacorta: la storia dell’antico borgo che ha cullato il Franciacorta

Alessandro Bianchi


La storia di questa azienda enologica parte da un nome: Villa.
Villa non è il nome della famiglia che ha dato origine all’azienda della Franciacorta, bensì il nome appartenuto al primo nucleo abitativo di Monticelli Brusati, un borgo medievale del 1500 nella parte nord della Franciacorta a pochi chilometri dal Lago d’Iseo. Un borgo che ha visto fino al 1960 un susseguirsi di proprietà, fino a quando in quell’anno un giovane industriale, Alessandro Bianchi, si innamorò di quel paesino semi abbandonato. Lui contribuì a dare un’identità e un nome alla Franciacorta.

“Quando arrivò in questo luogo, mio padre, si rese subito conto della condizione misera in cui vertevano le famiglie contadine: non vi era acqua corrente né elettricità; inoltre vigeva la mezzadria e, a causa di fenomeni grandinigeni piuttosto pesanti, il raccolto era compromesso” racconta Roberta Bianchi, figlia del fondatore e amministratore delegato dell’Azienda.
“Da subito la sua idea fu quella di rendere la vita di questi contadini più dignitosa, salariandoli e soprattutto risanando le loro abitazioni, fornendo luce e acqua. Decise così di riportare il Borgo agli antichi splendori e valorizzare le potenzialità dei terreni di proprietà”. 

Come è nata la passione per il vino?

La proprietà è abbracciata da cento ettari di terreno che davano un vino che già Gabriele Rosa, storico dell’Ottocento, definiva uno dei migliori vini rossi della Franciacorta.
Mio padre, avvalendosi di validi consulenti, fece una zonazione dei terreni e nel 1978 arrivò la prima bottiglia di Franciacorta, il primo brut.
In tutti questi anni abbiamo scelto di continuare a produrre vino rosso, come da tradizione, ma cercando di cambiare i tipi di impianto e lavorando sulla zona collinare, i Gradoni (la nostra collina, che raggiunge una pendenza del 45%), risanando i muretti a secco di origine etrusca, ristrutturati e resi fruibili per una viticoltura a terrazzamento di tipo “eroico”. Negli anni abbiamo aumentato il numero di ettari piantati a vigna, andando a identificare i micro-terroir più vocati per arrivare oggi a una superficie vitata di 37 ettari su 100 di proprietà; il resto è boschivo e seminativo. Abbiamo infatti selezionato i terreni più adatti, che oggi producono 250.000 bottiglie di Franciacorta e più di 50.000 bottiglie di Curtefranca, quindi vini bianchi e rossi. 

Perché ancora rossi?
Molti lo chiedono. Per noi è importante farlo al fine di valorizzare la nostra storia. Siamo riusciti a produrre perfino un Barbera in purezza.
Qual è la vostra filosofia?
Produrre solo con uve proprie e avere il controllo dell’intera filiera; millesimare tutta la produzione di Franciacorta, con una permanenza sui lieviti di minimo 36 mesi fino a un massimo di 10 anni. Inoltre abbiamo scelto di focalizzare la vendita esclusivamente al canale HORECA.

Che percentuale fate di estero e di nazionale?
La percentuale di vendite all’estero si attesta sopra la media generale della Franciacorta (che si aggira intorno al 15%) al 20%. Il nostro mercato estero principale è il Giappone, segue la Svizzera.

Cosa ha spinto Suo padre a concentrarsi sui Millesimati?
Il motivo del focus sui Millesimati deriva dal fatto che il terroir di Monticelli Brusati è diverso dalla zona sud della Franciacorta: la lingua del ghiacciaio ha creato quello che conosciamo oggi come anfiteatro morenico; una volta ritiratosi, ha infatti lasciato in quella zona dei terreni sciolti, ricchi di limo e sabbia.
A Monticelli Brusati il suolo è invece ricco di stratificazioni di marne e argille, capaci di trattenere la giusta umidità, che in annate molto siccitose danno vita ad uve con ottime acidità e particolari sapidità, che ritroviamo poi nei nostri vini; grazie alle colline che lo dividono dal percorso della lingua del ghiacciaio, a Monticelli Brusati troviamo perciò terreni vergini di origine marina.
L’idea di fare solo Millesimati nasce proprio da qui, dalle innegabili potenzialità di questo grande terroir che si esprime in ogni millesimo con caratteristiche diverse donandosi a noi in tutta la sua naturalità. Ci piace l’idea di poter fare delle degustazioni “verticali” con vini di trent’anni, prodotti solo con uve dell’annata per avere la possibilità di leggere ogni singola vendemmia.

Per voi è importante la valorizzazione del territorio in termini di enoturismo…
Dal 1990 abbiamo inaugurato l’agriturismo Villa Gradoni, con i primi 6 appartamenti; oggi sono 22, recuperati dalle vecchie residenze contadine dove le persone vivono un’esperienza di slow tourism. Offriamo una vacanza e un’esperienza di permanenza in azienda con la possibilità di visitare la cantina e degustare i nostri prodotti. Ci piace raccontare la nostra filosofia, raccontare cosa voglia dire per noi essere custodi e non padroni di questo borgo. Un luogo come questo non lo si possiede, lo si tutela e tramanda.

Qual è il ricordo più forte che ha della sua infanzia?
Sicuramente i miei weekend, li passavo in azienda dando il latte ai vitellini e correndo tra i vigneti. Partecipavo alla vendemmia, mio padre mi metteva una cassetta sotto i piedi per farmi arrivare all’altezza desiderata.

Aspetto ambientale di tutela e attenzione: come vi muovete in questo senso?
Da sempre, da prima che si parlasse di sostenibilità, utilizzavamo concimi organici che provenivano dalle nostre stalle; non abbiamo mai usato diserbanti e la presenza delle api nei nostri campi, ottimo indicatore biologico, testimonia la salubrità dei nostri vigneti.
La tutela della biodiversità è per noi la scelta di non vitare tutta la superficie ma rispettare le diverse specie che abitano questi terreni. Anche la ricerca in cantina sui lieviti autoctoni va verso la biodiversità.
Se dovessi esprimere un valore per me importante: “umiltà”, in quanto l’uomo può fare, ma deve essere capace di fermarsi senza andare oltre e avere rispetto per madre Natura.


www.villafranciacorta.it

Villa Franciacorta: la storia dell’antico borgo che ha cullato il Franciacorta

Il Borgo


Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Abbiamo degustato per voi l'Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2012 sabato 22 settembre

Italian wines in the world: "I Coali" Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2012 di Azienda Agricola Coali

Abbiamo degustato per voi l'Amarone della Valpolicella Classico DOCG 2012 "I Coali" di Azienda Agricola Coali

Il formato di colloqui speed dating ideato da Wine People e Vinitaly International per la quarta volta all’Hong Kong International Wine and Spirits Fair (HKIWSF) il 10 novembre 2018

Sei specializzato in mercati asiatici? #HireMeVinitaly ritorna ad Hong Kong per selezionare professionisti di mercato asiatico

Il formato di colloqui speed dating ideato da Wine People e Vinitaly International per la quarta volta all’Hong Kong International Wine and Spirits Fair (HKIWSF) il 10 novembre 2018

Secondo Wine Spectator il vino italiano è come Goldilocks (Riccioli d’Oro) la bambina della fiaba che tra i tre porridge da scegliere preferisce né quello troppo caldo né quello troppo freddo ma quello alla temperatura “giusta”

Il vino italiano è come Riccioli d’Oro

Secondo Wine Spectator il vino italiano è come Goldilocks (Riccioli d’Oro) la bambina della fiaba che tra i tre porridge da scegliere preferisce né quello troppo caldo né quello troppo freddo ma quello alla temperatura “giusta”

Fabio Piccoli
40 talenti junior internazionali hanno partecipato al Boot Camp organizzato da Allegrini presso la veronese Villa della Torre giovedi 20 settembre

Allegrini investe sui giovani

40 talenti junior internazionali hanno partecipato al Boot Camp organizzato da Allegrini presso la veronese Villa della Torre

Agnese Ceschi
Lo speed date dove domanda e offerta di figure per l’export del vino si incontrano, martedì 27 novembre a Wine2Wine 2018. 
giovedi 20 settembre

Alla ricerca di un Export Manager in azienda? Ritorna #HireMeVinitaly a Wine2Wine 2018

Lo speed date dove domanda e offerta di figure per l’export del vino si incontrano, martedì 27 novembre a Wine2Wine 2018. 

Mercoledì 28 novembre, durante Wine2Wine a Verona non perdere #HireMeVinitaly di Vinitaly International e Wine People, lo speed date per incontrare aziende alla ricerca di risorse umane
giovedi 20 settembre

Cerchi lavoro nel mondo del vino? A Wine2Wine 2018 ritorna #HireMeVinitaly!

Mercoledì 28 novembre, durante Wine2Wine a Verona non perdere #HireMeVinitaly di Vinitaly International e Wine People, lo speed date per incontrare aziende alla ricerca di risorse umane

La confidenza dei consumatori nella categoria del vino sta crescendo, guidata dall’esperienza economica e di consumo e, in generale, dal coinvolgimento crescente nel prodotto enologico, è quanto segnala l’ultimo report di Wine Intelligence. 
giovedi 20 settembre

UK Portrait 2018: La panoramica di Wine Intelligence sui consumatori di oggi nel Regno Unito

La confidenza dei consumatori nella categoria del vino sta crescendo, guidata dall’esperienza economica e di consumo e, in generale, dal coinvolgimento crescente nel prodotto enologico, è quanto segnala l’ultimo report di Wine Intelligence.

Aggiungetevi a noi il 4 e 5 marzo 2019 in occasione di Vinexpo New York, la Fiera Internazionale del vino e degli spirits, nella sua seconda edizione americana! giovedi 20 settembre

Partecipa a Vinexpo New York a marzo 2019 con Wine Meridian

Aggiungetevi a noi il 4 e 5 marzo 2019 in occasione di Vinexpo New York, la Fiera Internazionale del vino e degli spirits, nella sua seconda edizione americana!

Il video giovedi 20 settembre

Wine Spectator Video Contest 2018: primo premio al "corto" sulle Cantine Marchesi di Barolo

Il video "The Soul of Barolo" del regista Will Miceli trionfa al Wine Spectator Video Contest 2018

Praga, Varsavia e Kiev, le tappe del Consorzio Valpolicella. A Praga anche la prima lezione condotta da un Valpolicella Wine Specialist 
mercoledi 19 settembre

Riparte dall'Est Europa il Valpolicella 50 Anniversary Tour

Praga, Varsavia e Kiev, le tappe del Consorzio Valpolicella. A Praga anche la prima lezione condotta da un Valpolicella Wine Specialist

La relazione diretta con i consumatori finali e la disintermediazione delle vendite appare sempre di più il modello di commercializzazione dei vini nel futuro

Il Direct-To-Customer (DTC) è il futuro?

La relazione diretta con i consumatori finali e la disintermediazione delle vendite appare sempre di più il modello di commercializzazione dei vini nel futuro

Francesco Piccoli
Lo stilista Lorenzo Mossa gli dedica un abito di alta moda martedi 18 settembre

Il Soave Classico Superiore Rocca Sveva cambia nome e look

Lo stilista Lorenzo Mossa gli dedica un abito di alta moda

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. 
Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Wine Export Manager Day: quando gli export manager fanno network

Ieri si è svolta a Verona la seconda edizione del Wine Export Manager Day, l’appuntamento dedicato alla figura dell’export manager del vino. Presentata l’indagine Wine People-Wine Meridian svolta interrogando aziende ed export manager sul delicato tema delle risorse umane nel mondo vinicolo

Agnese Ceschi
Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale
lunedi 17 settembre

Wine scores: come promuovere i punteggi ottenuti in 8 semplici passi

Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale

Noemi Mengo
La Cantina maremmana presenta il nuovo logo, il nuovo sito e la nuova grafica delle etichette.

Nuova immagine per il Rigoloccio

La Cantina maremmana presenta il nuovo logo, il nuovo sito e la nuova grafica delle etichette.

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Export manager, se ci sei batti un colpo

Alcune anticipazioni sulle nostre due indagini che presenteremo all’Export Manager Day il prossimo 17 settembre a Verona

Fabio Piccoli
Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore 
venerdi 14 settembre

Baglio del Cristo di Campobello, un’azienda siciliana legata alla propria terra e ai propri ricordi

Carmelo Bonetta ci racconta l’azienda che gestisce e porta nel cuore

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese giovedi 13 settembre

Organic Value vola a Copenhagen

Ultimi posti per aderire all'evento dedicato ai produttori di biologico nella città danese

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp. giovedi 13 settembre

Allegrini Boot Camp: i giovani talenti del vino si incontrano in Valpolicella

I giovani talenti del mondo del vino si incontrano a Villa Della Torre, a Fumane (Verona), per il primo Allegrini Boot Camp.

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards
thursday 13 september

Codice Citra: Montepulciano d’Abruzzo DOC tops the podium

Abruzzo’s preeminent winegrower adds to its collection of prestigious national and international awards

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo giovedi 13 settembre

Grecia, aperto e dinamico, il mercato del vino strizza l’occhio all’Italia

L'intervista al MW greco Yiannis Karakasis a proposito di vini italiani e non solo

Carmen Guerriero