Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 25 giugno 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

valdoca pertinace wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 Tebaldi
lunedi 05 marzo

Vinexpo New York, il buono e il meno buono della prima giornata

La prima giornata di Vinexpo di New York ci porta a varie riflessioni, alcune positive altre meno a partire da una logistica che ha limitato la visibilità dell’area italiana


Vinexpo New York, il buono e il meno buono della prima giornata
Siamo ormai ad un’ora dalla chiusura di questa prima giornata del Vinexpo di New York. Le aspettative, come abbiamo scritto in queste settimana erano e rimangono tante perché per la prima volta (ci fu un tentativo ancora di Vinexpo nel 2002) una grande fiera internazionale cerca di attrarre buyer nel più grande mercato del vino al mondo.

Una prima riflessione va fatta sulla logistica. Il Jacob K Javits Convention Center è una struttura moderna e molto funzionale, in una posizione strategica di New York, facilmente raggiungibile anche a piedi (nella Grande Mela camminare è la cosa più bella e positiva che si possa fare) dai centri nevralgici della città come Times Square, il Trade Center, tanto per citare i più noti.

La scelta degli organizzatori francesi, però, è stata quella di mettere nel suggestivo ultimo piano, quello che sembra un enorme voliera che si affaccia sul fiume Hudson (uno spettacolo veramente suggestivo), solo i padroni di casa (i francese ca va sans dire), gli spagnoli, l’Austria e la piccola (dal punto di vista vitivinicolo) Grecia.
Tutti gli altri, a partire da noi italiani, ma anche Australia, Argentina, Cile nel cosiddetto basement, quello che negli ascensori è indicato con un triste -1. La differenza dal punto di vista dell’immagine, ma anche della funzionalità, è abissale, inutile negarlo. Non ci piace fare le vittime ma siamo nella classica situazione della serie A e forse della serie C. La giustificazione non ufficiale di questa scelta la contemporaneità di altre due fiere (una dedicata al benessere e una all’estetica) che hanno occupato il piano sottostante al principale pavillon di Vinexpo.
La domanda che esce spontanea è come mai scegliere questi giorni se si sapeva della contemporaneità con altre manifestazioni e l’impossibilità di scegliere un’area che avrebbe messo tutti nelle medesime condizioni espositive.

Gli organizzatori, probabilmente consapevoli di questo “sgarbo” hanno pensato di rimediare mettendo un fitto programma di masterclass interessanti al nostro piano meno nobile. Già oggi sono passati davanti a noi autorevoli master of wine, prestigiosi sommelier americani e un buon numero di wine journalist.
Si percepisce in questa prima giornata
l’impegno degli organizzatori di portare alla manifestazione soprattutto importatori e distributori che notoriamente non sono facili da “spostare” dai loro uffici. Difficile dire oggi quanto questo sforzo sia stato premiato. Abbiamo incontrato qualche rappresentante della ristorazione che ci ha dichiarato di essere giunto in fiera quasi per caso perché sembra che Vinexpo non abbia diffuso molti inviti alla ristorazione newyorkese. Appureremo meglio a breve.

Va detto, però, ma non sembri una giustificazione per gli organizzatori, che invitare tanta ristorazione quando sono presenti molte imprese in cerca di importatori e distributori rischia di essere un boomerang. La ristorazione, infatti, cerca inevitabilmente realtà già importate. Ma al tempo stesso è il trade che può stimolare importatori e distributori ad aumentare il loro portfolio prodotti con le novità che hanno incontrato in fiera.
Ultima osservazione quotidiana: nel nostro padiglione oggi, seppur meno nobile di quello dei francesi, vi sono stati numerosi visitatori. Ma come spesso accade questi hanno presidiato di più alcuni stand e molto meno altri. Quali le ragioni di quest’atteggiamento a macchia di leopardo? È una domanda che tutti i produttori devono porsi per capire se c’è qualche azione, comportamento che potrebbero attivare anche direttamente in fiera per aumentare il loro appeal nei confronti dei visitatori.

Noi qualche idea ce l’abbiamo ma ve la spiegheremo domani, nel secondo e ultimo giorno che speriamo porti l’incontro giusto alle aziende italiane presenti qui alla prima edizione di Vinexpo New York.



Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere
lunedi 25 giugno

La grande ripresa del mercato Thailandese: spazio all’export italiano

Non lasciatevi spaventare dai consumi decrescenti degli scorsi anni, il mercato della Thailandia ritorna a vivere

Noemi Mengo
Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole lunedi 25 giugno

Management DiVino, un progetto per le imprese vitivinicole che vogliono eccellere

Il 10 luglio al Complesso Monumentale di Abbadia Isola Monteriggioni in Toscana, una giornata dedicata alle imprese vitivinicole

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate 
domenica 24 giugno

L’Italia rischia di vedere drasticamente diminuiti i fondi OCM?

Vediamo la delicata ed ambigua questione sui Paesi in cui sono state già svolte azioni di promozione finanziate

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Eleganza, passione e gusto, le tre parole per convincere gli americani a scegliere vino italiano

La campagna di promozione del vino italiano negli Usa, coordinata dall’Italian Trade Agency, attraverso le pagine pubblicitarie

Fabio Piccoli
Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano. 
venerdi 22 giugno

Mondo del Vino: una realtà, tanti territori

Intervista a Marco Martini, CEO di Mondodelvino SpA, una delle realtà più interessanti ed innovative del panorama vitivinicolo italiano.

Agnese Ceschi
Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

giovedi 21 giugno

Tenute Piccini e Banca IFIS insieme per la crescita della filiera vitivinicola in Italia

Stipulato un accordo fra Tenute Piccini e Banca IFIS per una migliore gestione dei pagamenti per la consegna dell'uva e una facilitazione all'accesso del credito per le imprese agricole fornitrici coinvolte

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani
giovedi 21 giugno

Il solido mercato di Singapore, vecchio amico con il quale sperimentare

Vini fermi accolti a braccia aperte dal mercato di Singapore, meno margine di crescita per gli sparkling, ma le previsioni per il 2021 vedono buono spazio di consolidamento per i brand italiani

Noemi Mengo
La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People mercoledi 20 giugno

Open Day Wine People Campus: il 12 ottobre presenteremo i nuovi corsi pensati per voi!

La presentazione dei nuovi Campus Vendita, Impresa ed Export Manager di Wine People

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass 

wednesday 20 june

Catarratto and Perricone: mountain natives

A version of Sicily inside Castelluccimiano’s glass

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno mercoledi 20 giugno

GARGANICA 2018: un evento per scoprire il Gambellara Doc

Oltre venti espositori, tra aziende vitivinicole e produttori artigianali di specialità gastronomiche, si sono riuniti nel cuore del centro storico di Vicenza all'interno del Palazzo delle Opere Sociali in piazza Duomo in occasione di Garganica 2018 dal 9 all'11 giugno

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano martedi 19 giugno

Catarratto e Perricone: gli indigeni di montagna

Una versione della Sicilia nel calice dell’azienda Castelluccimiano

Agnese Ceschi
I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

martedi 19 giugno

Danni da grandine, cosa ci insegna la Francia

I danni delle gravi grandinate che hanno coinvolto recentemente importanti territori produttivi della Francia sono stati comunicati in una maniera molto più chiara, dettagliata e trasparente rispetto alla modalità con cui questi eventi vengono raccontati nel nostro Paese

Fabio Piccoli
Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates
monday 18 june

Tommasi: a history of family values and resourcefulness

Interview with Pierangelo Tommasi, executive director of Tommasi Family Estates

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Il nostro pensiero sulla promozione del vino in Cina

Il mercato cinese rappresenta una straordinaria opportunità anche per dimostrare finalmente la nostra capacità di coordinare attività di promozione, di selezionare i progetti con un criterio meritocratico e di monitorare con attenzione e trasparenza i risultati e l’efficacia delle iniziative

Fabio Piccoli
Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso venerdi 15 giugno

Focus sugli autoctoni: il Tai Rosso

Il Tai Rosso dei Colli Berici raccontato da Nicola Dal Maso

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018
venerdi 15 giugno

Best in show all’Amarone e Platino al Ripasso di Cantina Soave

Medaglie importanti per i vini di Cantina di Soave al Decanter World Wine Awards 2018

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione? giovedi 14 giugno

Non si arresta la crescita dei rosè negli Usa

Negli Stati Uniti attualmente si consuma il 20% della produzione mondiale di vini rosé, dietro solo alla Francia. Sono la tipologia di vini dalla maggior crescita anche nel 2017 con un +59% rispetto all’anno precedente. La Francia con il 51% di quota di mercato è la leader seguita da Usa (37%) e Italia (5%). Ma quanto durerà questa evoluzione?

Fabio Piccoli
Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale giovedi 14 giugno

La nuova sfida futura in Asia passa dall’India

Una panoramica sui fattori che rendono l’India un mercato potenziale

Noemi Mengo