Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
mercoledi 25 aprile 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Azienda Agricola Coali Farina Enartis

Vinitaly 2018: gli appuntamenti, secondo noi, da non perdere

La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly


Vinitaly 2018: gli appuntamenti, secondo noi, da non perdere
Nel nostro articolo dedicato a come le aziende italiane comunicano la loro partecipazione a Vinitaly (link) avevamo evidenziato come quest’anno ci sono arrivati in redazione oltre 2.000 comunicazioni relative a inviti ad eventi all’interno della manifestazione o nel cosiddetto fuori salone.
Il nostro obiettivo non è solo quello di orientare i visitatori di Vinitaly ma anche di valorizzare quelle iniziative che a noi sono sempre più efficaci dal punto di vista comunicativo.

Scegliere tra un panorama così vasto di appuntamenti quelli che riteniamo più interessanti è stato veramente difficile e quindi ci scusiamo fin da subito con tutte quelle aziende od enti che ci hanno invitato ad una loro iniziativa ma che per ovvie ragioni di spazio non possiamo evidenziarle in questo nostro articolo.
La nostra selezione, seppur molto sommaria, pertanto, ha avuto due linee guida: da un lato l’importanza dell’iniziativa (dal nostro punto di vista ovviamente) e dall’altro l’originalità dell’evento.
Partendo da questi presupposti, pertanto, segnaliamo in estrema sintesi le seguenti iniziative:

- “Taste4Test”: promosso dalla Camera di commercio di Avellino presso l’area Irpinia, prevede durante tutti i giorni di Vinitaly incontri “one-to-one” tra aziende e stampa specializzata, sulla base di una formula collaudata, quella del b2b che consente alle aziende di ottenere utili indicazioni sul proprio prodotto durante una breve degustazione “faccia a faccia” programmata.

- “La fiaba di Cenerentola diventa vino”. Donatella Cinelli Colombini veste la DOC Orcia Cenerentola con un abito di luce e la manda alla festa del principe. Questa è davvero una storia che somiglia a una fiaba a lieto fine. La special edition in 50 esemplari magnum vestiti da una spettacolare lampada tuscan style sarà protagonista a Vinitaly 2018 al Pad. 6 Stand D4 di Donatella Cinelli Colombini.

- “I 50 anni della doc Montepulciano d’Abruzzo”, serie di iniziative organizzate da Codice Citra, che con i suoi 3.000 soci e 6.000 ettari rappresenta la più grande realtà produttiva abruzzese (padiglione 12  stand G5) per celebrare il cinquantesimo compleanno di questa storica denominazione italiana. Da segnalare domenica 15 aprile alle 12, la performance live di Elisabetta Rogai”, l’ideatrice della Enoarte, tecnica artistica che utilizza il vino al posto dei tradizionali colori; lunedì 16 aprile, alle 11, presso la sala regionale del Padiglione Abruzzo il wine tasting “Sfumature di Montepulciano”, condotta dal noto enologo Riccardo Cotarella.

- “Allegrini, omaggio al libro”. Molto originale la scelta della storica azienda della Valpolicella Allegrini che per questo Vinitaly 2018 ha scelto come tema l’omaggio al libro. Sarà il noto scrittore di romanzi storici Valerio Massimo Manfredi, autore da 15 milioni di copie vendute nel mondo, a presentare in esclusiva allo stand di Allegrini (padiglione 6, stand E5), domenica 15 aprile alle 11.45, il racconto “Amoris potio”, ambientato a Villa Della Torre, a Fumane di Valpolicella, nel XVI secolo. Una pozione d’amore in cui si ritroveranno vino, Rinascimento, una donna misteriosa e molto altro, in un susseguirsi di emozioni tra indagine storica e vena fantastica.

- “The Wine Net un anno dopo”. A distanza di un anno dalla costituzione di The Wine Net - la prima rete italiana nata per promuovere l’eccellenza della cooperazione vitivinicola italiana - domenica 15 aprile alle 13, presso lo stand di Cantina Valpolicella Negrar (padiglione 5, stand C3) verranno presentate le 3 nuove realtà cooperative entrate nella rete in questi ultimi mesi e l’attività svolta nel 2017 e quella programmata per il 2018. Sono salite quindi a sei le protagoniste dell’ambizioso progetto, il primo del genere in Italia, unite dalla forza e la volontà di fare fronte alle attuali dinamiche di mercato e l’evoluzione dei consumi. Rappresentano 5 grandi regioni vitivinicole italiane, radunando assieme 4.092 ettari vitati e 27 milioni di bottiglie prodotte. Sono: Cantina Valpolicella Negrar (Veneto), Cantina Produttori di Valdobbiadene - Val D’Oca (Veneto), Cantina Pertinace (Piemonte), Cantina Cooperativa Vignaioli del Morelli- no di Scansano (Toscana), CVA Canicattì (Sicilia), Cantina Frentana (Abruzzo).

- “Bisol, dal 1542 al futuro del Prosecco Superiore”. Domenica 15 aprile alle ore 16.00 presso la Sala Vivaldi del Centro Congressi Palaexpo Veronafiere, piano interrato, Matteo Lunelli e Gianluca Bisol racconteranno in anteprima l’ambizioso progetto per il futuro di un marchio che vuole essere sempre di più un punto di riferimento per il Prosecco Superiore di Valdobbiadene.

- “Doc delle Venezie Anno Uno!”: domenica 15 aprile, alle ore 15 presso l’Area Mipaaf Palaexpo, il presidente del Consorzio della doc delle Venezie Albino Armani, presenterà il nuovo logo del Consorzio e soprattutto la strategia di comunicazione del Pinot Grigio sui mercati internazionali.

- “La magia delle vigne vecchie: le Donne del vino presentano vini da viti anche di ottant’anni”: il direttore scientifico della Vinitaly International Academy, Ian D’Agata, domenica 15 aprile alle ore 15 presso la sala Tulipano del Palaexpo, guida la degustazione di dieci vini, in gran parte ottuagenari, per evidenziare come pratiche agronomiche siano oggi in grado di allungare la vita delle piante in contrapposizione ai massicci e frequenti reimpianti degli ultimi 50 anni.

- “Vigne storiche, biodiversità e panovisioni”. A Vinitaly 2018 il Consorzio tutela vini Soave “scrive” i suoi prossimi 50 anni in una serie di eventi che si terranno presso il padiglione 5 stand G4-7. Domenica 15 aprile alle ore 11:30, enoconferenza e degustazione a cura di Aldo Lorenzoni e Chiara Mattiello sui vini del 2017 e i progetti del 2018 nei 50 anni della denominazione: unità geografiche, cru e vigne storiche con il Soave dei cru Castelcerino e Foscarino; le mappe dinamiche di Global map e le panovisioni di Franco Lanfredi con il Soave dei cru Roncà e Monte di Colognola; modelli di sostenibilità, paesaggio biodiversità e il modello di gestione avanzata con World Biodiversity association e il Soave del cru Sengialta; la mobilità elettrica di Repower e il Soave del cru Carbonare; la candidatura GIAHS-FAO e il Soave del cru Castellaro; la gestione del suolo nella viticoltura eroica con il progetto No rolling stones e il Soave del Cru Le Coste, il progetto ITACA e il Soave del cru Froscà.

- “Il Consorzio Vini Colli Berici e Vicenza si racconta”: la produzione vitivinicola della nota doc vicentina dei Colli Berici sarà presentata a pubblico e operatori con le degustazioni che si terranno domenica 15 (ore 15), lunedì 16 (ore 15) e martedì 17 aprile (ore 11) nello spazio consortile al Padiglione 8 Stand L5. Le tre degustazioni saranno condotte da Giovanni Ponchia, direttore del Consorzio, e metteranno in luce il forte legame di questi vini con la pietra che contraddistingue questo territorio diventando sinonimo di terroir e di carattere, da cui il nome #bericirock.

- “Tenuta Sant’Antonio: 3 sommelier, 3 vini, 3 degustazioni esclusive”. Tre degustazioni da non perdere quelle organizzate da Tenuta Sant’Antonio, uno dei brand oggi più autorevoli della Valpolicella, presso il proprio stand al padiglione S.C. Castelvecchio, stand 3. Lunedì 16 (ore 11), Daniela Scrobogna presenta l’Amarone Campo dei Gigli; martedì 17 (ore 11), Marco Aldegheri presenta il Valpolicella Superiore Monti Garbi; mercoledì 18 (ore 11), Fabio Giavedoni presenta il Telos Bianco.

- “L’evoluzione della specie. Valpantena: il sogno di una nuova eccellenza italiana”. Promosso da La Collina dei Ciliegi (lunedì 16 aprile, ore 11.00, sala Salieri). Nell’incontro sarà presentato un innovativo progetto di vigneto Cru che ‘rompe e irrompe’ lo schema produttivo locale della Doc, volto ad una produzione di vini di assoluta qualità.

- “Franciacorta Stage”. Lunedì 16 aprile alle 11,30 presso l’Area Franciacorta (Palaexpo Lombardia, stand B/C 16), viene presentata l’iniziativa “Franciacorta Stage” che prevede, per la prima volta, il 23 maggio il passaggio del Giro d’Italia in 12 comuni della Franciacorta in una specifica tappa dedicata al vino. Interverranno, Pier Bergonzi - Vicedirettore de “La Gazzetta dello Sport”, Mauro Vegni - Direttore del “Giro d’Italia”
Roberto Salamini - Responsabile Marketing & Communications RCS Sports, Vittorio Moretti - Presidente Consorzio Franciacorta e Lucia Barzanò - Presidente Strada del Franciacorta

- “Masi: 30 anni di Amarone a Vinitaly”. Il Seminario Tecnico al Vinitaly è l’occasione per un significativo bilancio sul contributo dato dal Gruppo Tecnico Masi alla vitivinicoltura delle Venezie in trent’anni di ricerche e divulgazione. Una degustazione orizzontale e verticale mette in luce le peculiarità dell’Amarone e l’evoluzione tecnico-scientifica che ha trasformato in tre decadi il Rosso della Valpolicella in uno dei vini simbolo del made in Italy nel mondo. In degustazione lunedì 16 aprile (ore 15 - Sala Argento1 - Palaexpo, ingresso A2, piano -1), sotto la guida di Ian D’Agata, otto Amarone della Valpolicella Serego Alighieri e Cantina Privata Boscaini di annate dal 1988 al 2007.

- “2018/the New Mionetto Soul”. Lunedì 16 aprile presso lo stand della Mionetto (padiglione 4 stand b3), dalle 12 alle 14, presentazione del Luxury Valdobbiadene Prosecco Superiore docg Rive di Guia e Luxury Cuvèe Sergio Ice, accompagnata dalle creazioni degli autori di Singerfood, Pietro Cairoli (patron della trattoria Trippa di Milano) e la food blogger Francesca D’Agnano. ,Singerfood è il blog di racconti sulla passione per il cibo, il vino, i viaggi e la musica attraverso le ricette di Pietro e le parole e le foto di Francesca. Un’occasione per Mionetto anche per festeggiare un anno molto positivo con un fatturato nel 2017 di 78,47 milioni di euro, in aumento dell’8,65% rispetto all’anno precedente e con 24,2 milioni di bottiglie vendute al mondo.

- “Rebellis: una nuova frontiera per il vino”: lunedì 16 aprile alle 13 presso il padiglione 6 e stand f3, si terrà la presentazione di un nuovo vino prodotto dall’azienda Gianni Tessari da uve Solaris, varietà resistente coltivata nei vigneti di San Giovanni Ilarione a 550 metri di altitudine senza alcun trattamento chimico. Introduce il giornalista e critico enologico Giampaolo Giacobbo.

- “Un legame invisibile tra Bolgheri e Pessac-Léognan”. Per presentare e spiegare sei tra le più famose etichette Raoul Salama non punta sulle assonanze produttive, ma sceglie il fattore umano e il legame tra i viticoltori di Castagneto Carducci e di Pessac-Léognan, comuni gemellati anche nel reciproco impegno nel realizzare grandi vini.

- In degustazione, lunedì 16 aprile (ore 11 - Sala Argento1 - Palaexpo, Ingresso A2, piano -1), Château Malalartic-Lagravière 2009, Domaine de Chevalier 2009, Château Pape Clément 2009, Grattamacco 2010, Ornellaia 2010 e Guado al Tasso 2010, alla presenza dei titolari delle aziende.
- “Verticale Lugana Riserva Sergio Zenato”. Se oggi il Lugana ha un successo così straordinario lo deve moltissimo a Sergio Zenato, mancato alcuni anni fa ma che ha lasciato una eredità importante alla sua famiglia e al suo territorio. Martedì 17 aprile alle ore 11.00 presso Palaexpo (Sala Argento1) si terrà una verticale esclusiva al Lugana Riserva Sergio Zenato, l’esempio più alta della versatilità del vitigno autoctono Trebbiano di Lugana. La verticale partendo dall’annata corrente, la 2015, proseguirà con le annate 2012, 2010, 2006 e 2004 fino ad arrivare alla 1993, per meglio percepire la complessità e l’evoluzione nei millesimi più antichi.

- “I vini dal mondo di Riccardo Cotarella”. Con la degustazione di 15 vini provenienti da Francia, Italia, Giappone, Palestina, Romania, Russia e Stati Uniti d’America, tutti curati dall’enologo Riccardo Cotarella, si rinnova la collaborazione tra Veronafiere e Wine Research Team WRT*. La degustazione, in programma martedì 17 aprile (ore 15 - Sala Argento1 - Palaexpo, ingresso A2, piano -1), è condotta da Riccardo Cotarella, Ian D’Agata, direttore scientifico a Vinitaly International Academy, e Luciano Ferraro, giornalista del Corriere della Sera.

- “Vulcanici si nasce dall’Italia e dal Mondo”. Organizzata dall’associazione Donne della Vite, si terrà martedi 17 aprile, alle ore 15 presso la sala Tulipano (Palaexpo, ingresso A1,  piano 1) un seminario con una degustazione guidata da Alessandro Torcoli, direttore di Civiltà del Bere, dedicata a “vini vulcanici” di denominazioni italiane ed estere.

- “I Magnifici 7” - Tour in sette tappe tra i Cru di Tenute Piccini”: mercoledì 18 aprile, alle 11, presso la sala A, padiglione 10 (1° piano), si terrà una degustazione decisamente unica e originale, organizzata da Tenute Piccini capace di accompagnare i partecipanti in un viaggio tra alcuni dei territori più vocati della vitivinicoltura italiana, dalla Toscana del Chianti Classico e Brunello di Montalcino, a due territori vulcanici come l’Etna in Sicilia e l’Aglianico del Vulture in Basilicata.

- “Cinque terroirs del Barolo e del Barbaresco raccontati attraverso cinque cru storici delle cantine Ceretto”. Punta di diamante dell’enologia piemontese, Ceretto è tra le pochissime case di Langa con possedimenti in alcune delle vigne storiche e con rese di assoluta qualità. Tra esse, Cannu bi San Lorenzo in Barolo, Prapò a Serralunga d'Alba e Asili a Barbaresco. In degustazione, mercoledì 18 aprile (ore 11 - Sala Tulipano - Palaexpo, ingresso A1, piano -1), grandissimi vini di nuove e vecchie annate a confronto, sotto la guida di Federico Ceretto e Ian D'Agata.



Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
La trattativa commerciale nasce dalla relazione. Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Cosa abbiamo imparato osservando le trattative commerciali nelle fiere

La trattativa commerciale nasce dalla relazione. Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Lavinia Furlani
Un Wine Export Manager che operi nei mercati di lingua tedesca, Centro Europa e Russia con l'obiettivo di mantenere i contatti esistenti e sviluppare nuovi volumi attraverso la creazione di nuove partnership.

Offerta di Lavoro: Area Manager lingua tedesca

Un Wine Export Manager che operi nei mercati di lingua tedesca, Centro Europa e Russia con l'obiettivo di mantenere i contatti esistenti e sviluppare nuovi volumi attraverso la creazione di nuove partnership.

La funzione logistica e spedizioni di un'azienda di imbottigliamento, parte di un grande gruppo vitivinicolo, necessita del contributo di una persona capace di organizzare le spedizioni in base agli ordini, alle disponibilità di magazzino e alla capacità produttiva.

Offerta di Lavoro: Addetto/a Ufficio Logistica

La funzione logistica e spedizioni di un'azienda di imbottigliamento, parte di un grande gruppo vitivinicolo, necessita del contributo di una persona capace di organizzare le spedizioni in base agli ordini, alle disponibilità di magazzino e alla capacità produttiva.

Grazie alla Brexit, e della conseguente debolezza della sterlina, le esportazioni dei produttori inglesi di cibo e bevande sono cresciute rispetto agli anni scorsi

Effetto positivo della Brexit per export del Regno Unito

Grazie alla Brexit, e della conseguente debolezza della sterlina, le esportazioni dei produttori inglesi di cibo e bevande sono cresciute rispetto agli anni scorsi

Francesco Piccoli
Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione lunedi 23 aprile

Corea del Sud: gusti e preferenze di un mercato in espansione

Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione

Noemi Mengo
Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Il successo di Vinitaly è speculare allo stato di salute del vino italiano?

Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Fabio Piccoli
Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”
giovedi 19 aprile

Farina sceglie i tappi Select Green della Nomacorc

Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA giovedi 19 aprile

Vinitaly 2018 all'insegna della positività

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA

Agnese Ceschi
Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli


mercoledi 18 aprile

I vincitori del III concorso “Il Meridiano del Vino”

Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli

Una pubblicazione preziosa, curata da  Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Italian Wine Unplugged, quando spiegare la grande diversità del vino italiano è possibile

Una pubblicazione preziosa, curata da Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Fabio Piccoli
Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

I big del vino italiano in salute nel rapporto di Mediobanca

Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

Fabio Piccoli
Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Spagna e Cile cercano di “assomigliare” all’Italia

Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Fabio Piccoli
La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Vinitaly 2018: gli appuntamenti, secondo noi, da non perdere

La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Quando è il brand aziendale a prevalere

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Francesco Piccoli
Il debutto della nuova formula a Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vini Buoni d'Italia ed Enosocial assieme per l'acquisto dei vini in fiera

Il debutto della nuova formula a Vinitaly

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Stai cercando lavoro nel mondo del vino? Vieni a presentarti

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vinitaly-Nomisma: Controsorpasso negli Usa, Italia del Vino di nuovo prima

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing mercoledi 11 aprile

Tutti i segreti del Wine Marketing in un nuovo libro

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing" a cura di Nomisma Wine Monitor e con il supporto di Business Strategies