Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
venerdi 19 gennaio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Tommasi WineNet Bixio

Vinitaly, finita la festa si trovi il coraggio di affrontare i problemi

Un’edizione positiva, con la solita buona partecipazione di visitatori, qualche buyer in più e l’ennesima opportunità per celebrare al meglio l’immagine del vino italiano. Ma che questo ottimismo ci porti finalmente anche ad affrontare seriamente alcune preoccupanti problematiche del nostro settore


Vinitaly, finita la festa si trovi il coraggio di affrontare i problemi
Il commento a Vinitaly l’avevamo già scritto prima che iniziasse (chi non l’avesse letto lo rimandiamo al link) e l’andamento dei quattro giorni in Fiera a Verona ha confermato quello che avevamo scritto. Sintetizzando, avevamo scritto che Vinitaly è un luogo dove avviene la “celebrazione” del vino italiano, dove forse giustamente i problemi rimangono fuori dalla porta o messi sotto la moquette dei bei padiglioni di VeronaFiere.
E così è stato, magari con qualche presenza istituzionale in meno rispetto lo scorso anno, ma questo alla fine non è un male considerando quanto la politica, a nostro parere, continua ad essere molto lontana dalle vere problematiche dei nostri settore economici e sempre alla costante ricerca del consenso. Per questo riteniamo che a nessuno siano mancate le transenne per far passare il presidente di turno o le foto di rito dentro qualche stand amico.
Il cosiddetto “colore”, però, fa parte costante del Vinitaly che rimane la più importante manifestazione “pop” dedicata al vino a livello internazionale.
Diventa ormai inutile indagare sulla positività a meno di questo aspetto, dal nostro punto di vista va accettata una volta per tutte e magari sfruttata nel modo migliore possibile. Ci sembra, ad esempio, che l’ulteriore allargamento alla provincia delle iniziative del “Vinitaly and the City” siano un’ottima modalità per coinvolgere un numero ampio di appassionati e di far comprendere anche agli operatori che vengono a Vinitaly quanto il vino sia intriso nella nostra cultura e quanto bella sia la nostra terra. Non ne abbia a male Dusseldorf ma sul “dopo fiera” saremo sempre imbattibili.
Finite le note di colore, veniamo agli aspetti salienti emersi da questa 51esima edizione di Vinitaly. Tutti i dati presentati durante la manifestazione, e che nei prossimi giorni presenteremo con dettagli e commenti, sono stati estremamente positivi, da quelli sull’export a quelli relativi alle evoluzione dei consumi a livello mondiale.
Se dovessimo basarci, quindi, sui dati attuali e sulle previsioni, almeno su quelle macroeconomiche, potremmo dormire sonni tranquilli. Ma purtroppo non possiamo solo guardare i dati generali soprattutto quanto ci riferiamo al vino italiano che tuttora è rappresentato da un dedalo incredibile di diversità produttive, territoriali, culturali e politiche.
E queste diversità sono tutte ben rappresentate a Vinitaly e, nonostante i riflettori rendano tutto più luminoso all’interno dei padiglioni di VeronaFiere, è indubbio che il vino italiano si muova a velocità molto differenziate al suo interno.
A questo riguardo citiamo un’osservazione che un noto direttore di un popolare magazine dedicato al vino ci ha fatto dopo tre giorni di Vinitaly:”Ho una strana sensazione in questo Vinitaly. Apparentemente sembra che vada tutto molto bene eppure sento una sensazione di disagio ma non riesco a spiegarmi il motivo”.
Noi ci permettiamo ancora una volta di evidenziare, come lo avevamo fatto nel nostro articolo pre Vinitaly, che il “disagio” risiede proprio nelle grandi contraddizioni del nostro sistema produttivo. Vi è ancora un numero elevatissimo di denominazioni “orfane” di organizzazione e di aziende leader; di imprese alla ricerca di una strutturazione (in termini di risorse umane adeguate) capace di renderle veramente competitive soprattutto sui mercati internazionali; di punti di riferimento istituzionali autorevoli, forti, capaci di influire concretamente sugli indirizzi della politica vitivinicola del futuro (su questo presto interverremo presto perché questo Vinitaly ha messo in risalto divisioni e contraddizioni che ci hanno lasciato molto perplessi).
Per questo noi pensiamo che sia giusto tenere fuori dalla porta di Vinitaly i problemi. Ma si devono trovare presto le sedi adeguate per confrontarsi su tematiche che si stanno facendo sempre più impellenti. Noi ne citiamo alcune senza un ordine gerarchico preciso:
- avere una regia sull’internazionalizzazione autorevole ma soprattutto chiara. Lo scriviamo senza paura la vicenda recente sull’ocm vino non è per nulla tranquillizzante e tanto meno il ruolo del Ministero delle politiche agricole, il suo rapporto (non) con le Regioni; lo stesso recupero di un ruolo e responsabilità all’Ice (con relativa dotazione economica a disposizione) va spiegato bene per non risultare l’ennesima riesumazione di vecchi enti, uno degli sport più praticati storicamente nel nostro Paese;
- come recuperare il mercato Italia, a partire da una strategia di miglioramento delle vendite dirette in tutte le sue forme (da quella aziendale all’online dove siamo in netto ritardo rispetto a moltissimi altri Paesi);
- come ridare reputazione adeguata a certe denominazioni e posizionamenti sufficienti per dare sostenibilità seria alle imprese;
- come ricostruire un’informazione seria, autorevole e utile a questo settore.
Abbiamo tenuto per ultimo questo punto che ci riguarda direttamente ma che riteniamo sia lo specchio di quanto affermato precedentemente.
Non può un comparto economico crescere, evolversi in maniera adeguata senza anche un’informazione a supporto autorevole e credibile.
Chi fa informazione, soprattutto economica, deve sforzarsi di approfondirei i temi, di studiare, di non limitarsi alle apparenze, di confrontarsi con coraggio con gli imprenditori, i manager.
Purtroppo non abbiamo fonti informative esaustive ed è difficile averle in un settore così frammentato e complesso, ma questa non deve essere sempre una giustificazione per limitarsi al solito “compitino” di riprendere qualche numero qua e là.
Ma le aziende, le istituzioni devono altrettanto aiutare la crescita di un’informazione libera ed indipendente senza la quale tutto rischia di diventare più fumoso e indecifrabile e alla fine a rimetterci sarà soprattutto l’economia di questa filiera del vino, così preziosa per il nostro Paese.



Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Prosecco pedina di scambio nell’accordo tra UE e Australia?

Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Francesco Piccoli
Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Pochi giorni al meeting per gli export manager di Wineout

Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters giovedi 18 gennaio

Importare vini italiani in America: non ci si improvvisa

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters

Noemi Mengo
Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons giovedi 18 gennaio

Wine influencer: quanto valore portano alla wine community e quanto accrescono la conoscenza comune del vino?

Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons

Noemi Mengo
Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Cosa significa essere oggi un imprenditore del vino?

Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo? martedi 16 gennaio

Danimarca: dove la felicità è di casa

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo?

Agnese Ceschi
Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta? lunedi 15 gennaio

120 cm ² per raccontare la propria storia

Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta?

La più importante hub del commercio asiatico venerdi 12 gennaio

Inserirsi nel mercato cinese: perché dovreste usare Hong Kong come tramite

La più importante hub del commercio asiatico

Noemi Mengo
Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme… giovedi 11 gennaio

Come essere influenti in Cina

Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme…

Redazione Wine Meridian
Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Il primo corso per imparare a vendere vino nel mondo e in Italia

Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Diventare imprenditori del vino consapevoli

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Fabio Piccoli
Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

In onore di Gualtiero Marchesi

Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

Vincenzo Ercolino


WineMeridian