Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
venerdi 22 marzo 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ italian wine academy Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca

Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato


Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila
tempo di lettura: 3,30 minuti


Forse ci voleva un governo ancora non nato e i venti di guerra attuali per richiamare alla Fiera di Verona, durante l’inaugurazione di Vinitaly, praticamente tutti i principali attori della politica italiana, e nei prossimi giorni sono attesi anche quelli che oggi non erano potuti essere presenti (Gentiloni, Di Maio, Salvini….). Oggi era presente la seconda carica dello Stato, la neo presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, e il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti. Ma oltre a loro un parterre di moltissimi rappresentanti di tutti i partiti italiani, sia quelli usciti vincitori (si fa per dire) dalle urne di marzo sia quelli perdenti (si fa sempre per dire).
Sarebbe interessante capire questo grande interesse dei partiti italiani nei confronti di un settore come quello vitivinicolo. Ci viene il dubbio che oggi il comparto del vino è tra i pochi dove la politica italiana riesce a respirare aria di ottimismo e un tasso di “antipolitica” ancora decisamente basso.
Facciamo questo mestiere da tanti, forse troppi, anni e abbiamo visto succedersi ministri, rappresentanti di governo e delle istituzioni di tutti i partiti e colori e mai abbiamo assistito a polemiche o contestazioni. 

Il vino italiano rappresenta un “porto sicuro” per il mondo politico del nostro paese e non siamo così certi che questo rappresenti sempre un grande vantaggio per il nostro amato settore.
Ma cosa è emerso da questa prima giornata di Vinitaly? Innanzitutto un grande rinnovato ottimismo che ci ha riportati, almeno come umore, ai metà degli anni 2000 quando il vino italiano, e l’economia in generale, veleggiava con il vento in poppa.
Sempre difficile, in assenza di dati approfonditi e non dei soliti numeri macroeconomici, capire quanto le imprese del vino italiane stiano realmente godendo di un periodo favorevole.
Sarebbe interessante chiederlo alle 4.380 aziende presenti a Vinitaly (gran parte italiane) ma non siamo certi avremmo risposte sincere.

Dal nostro osservatorio vediamo la classica situazione a macchia di leopardo, con imprese in crescita, non moltissime, parecchie sostanzialmente stabili e un numero non indifferente in una stato di pericoloso stallo se non di evidente decrescita.
Di questo in qualche misura si è parlato anche durante il talk show inaugurale durante il quale, con il pretesto di parlare di un mercato strategico come quello statunitense, è emerso giustamente il problema di come le imprese del vino italiano riescono a presidiare i mercati internazionali.
Questa rimane una problematica centrale per il nostro comparto che fatica a creare modelli di presidio sui mercati internazionali adeguati e da ciò la difficoltà di intercettare le potenzialità di molti di essi.

Denis Pantini, responsabile di Wine Monitor Nomisma ha evidenziato, attraverso una ricerca commissionata da VeronaFiere Vinitaly, come gli Usa hanno ancora ampi margini di crescita ma soprattutto in quegli Stati oggi ancora poco raggiunti da molte imprese del vino italiane.
“Nel Minnesota, ad esempio" ha spiegato Pantini " negli ultimi anni si è registrata una crescita delle importazioni di ben il 277%. Ma in quasi tutto il Mid West vi sono ancora ampie praterie da conquistare. Nonostante queste notevoli potenzialità, però, tuttoggi i due terzi delle importazioni negli Usa sono concentrate in soli 5 Stati”.

Una vecchia storia questa che testimonia però una cronica difficoltà delle nostre imprese di andare ad intercettare le opportunità di stati meno affollati.
A questo riguardo nella serata pre inizio Vinitaly eravamo ospiti di un’azienda che aveva invitato dieci distributori statunitensi rappresentanti di Stati meno noti in termini di wine business (Alabama, Oregon, Connecticut, Minnesota, Missouri, Nevada, Wisconsin, ecc.). A tutti loro abbiamo chiesto quali sono i requisiti fondamentali per aprire il loro portofolio ad aziende italiane nuove sui loro mercati. Le risposte sono sintetizzabili in due aspetti: “Avere qualcosa di veramente unico, riconoscibile, peculiare e tanta pazienza. Cioè accettare la politica dei piccoli passi”.
Due caratteristiche non così scontate che richiedono tempo, quello che molte poche aziende italiane oggi hanno.

La risposta “istituzionale” durante l’inaugurazione di Vinitaly per supportare le aziende italiane sui mercati internazionali è una rinnovata disponibilità a fare sistema. Da questo spirito è nata la collaborazione, all’interno del Progetto Vini Usa, da l’Agenzia Ice, il Ministero dello sviluppo economico, Federvini, Unione Italiana Vini, Federdoc e Vinitaly.
La notizia è sicuramente positiva anche se Maurizio Forte, responsabile dell’Ice di New York e coordinatore della rete Usa è stato chiaro:”Si tratta di un progetto all’insegna della “pubblicità” del vino italiano e non di supporto commerciale alle imprese italiane sul mercato statunitense. Quello pensiamo siano in grado e debbano farlo le imprese”.
Non siamo certi che siano tante le imprese italiane oggi in grado di avere una adeguata organizzazione commerciale sui mercati internazionali anche se concordiamo con Forte che è un compito loro e non delle istituzioni.

Le istituzioni, però, sono fondamentali per avviare attività di educazione sul vino italiano che soffre ancora di una conoscenza mediocre in gran parte del mondo, compresi gli Usa come sottolineato nella ricerca di Wine Monitor.
Come pure le aziende italiane debbono accettare la sfida di mettersi in rete, se lo stanno capendo (almeno così appare) le istituzioni forse è tempo se ne rendano conto anche i nostri bravi produttori.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019
venerdi 22 marzo

Milano Wine Week punta all'internazionalità

In occasione di ProWein, svelato a Düsseldorf il concept dell’edizione 2019

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms. friday 22 march

Italian Wine Podcast: two years of “cin cin” with Italian wine people

On March 10th, 2019, the Italian Wine Podcast celebrated its second anniversary since its first weekly episodes were launched on dedicated digital platforms.

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now! friday 22 march

World's Leading Wine Experts Share Tried and Tested Solutions to Mitigate Climate Change

Climate change is a huge subject that touches everyone. Many of us cannot even conceive the dangers inflicted on our planet by climate change. Time is running out, we need to take charge now!

Michele Shah
Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Donne e vino: più sensibili alla sostenibilità ma meno disposte a spendere

Dall’indagine di Wine Intelligence emerge il ruolo delle donne nel consumo dei vini, sempre più vicino a quello dei maschi. Negli Usa preoccupante calo di consumatori abituali tra i più giovani

Fabio Piccoli
Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese giovedi 21 marzo

L'esplosione del biologico nel Regno Unito

Drink less, but drink better: il nuovo mantra del consumatore inglese

Agnese Ceschi
General Manager mercoledi 20 marzo

Offerta di Lavoro

General Manager

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

mercoledi 20 marzo

Prowein 2019, una fiera didattica

La manifestazione di Düsseldorf non solo rappresenta oggi la miglior “piazza” commerciale del vino nel mondo ma anche uno straordinario osservatorio per capire come si è evoluto e si sta evolvendo il settore vitivinicolo a livello mondiale

Fabio Piccoli
L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse mercoledi 20 marzo

La figura del Business Coach nel mondo del vino: Chi è? A cosa serve?

L’organizzazione aziendale ha spesso bisogno di un professionista esterno per valorizzare le proprie risorse

Massimo Benedetti, Marketing and communication specialist
Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca martedi 19 marzo

ProWein 2019: buona la seconda (giornata)!

Abbiamo girato per i padiglioni italiani alla ricerca delle impressioni dei produttori su questa edizione della nota kermesse tedesca

Agnese Ceschi e Noemi Mengo
Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese 
lunedi 18 marzo

ProWein 2019: deboli piogge, ma previste schiarite

Report dalla prima giornata di ProWein. Dal Business Report della fiera di Düsseldorf grande crescita in attrattività del mercato cinese

Noemi Mengo e Agnese Ceschi
L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein domenica 17 marzo

ProWein here we go!

L'intervista a Marius Berlemann, Global Head Wine & Spirits e direttore di ProWein

Agnese Ceschi
Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa 
sabato 16 marzo

ProWein: 3 punti chiave per fare il giusto ingresso in fiera

Ci prepariamo all’edizione 2019 della kermesse più attesa in Europa

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso saturday 16 march

Italian wines in the world: Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

We have tasted for you Tenuta Montemagno's Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno sabato 16 marzo

Italian wines in the world: Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Abbiamo degustato per voi Solis Vis Monferrato Bianco DOC Timorasso di Tenuta Montemagno

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

venerdi 15 marzo

Il ritorno “silenzioso” ma prezioso della tipicità

Sembrava stata cancellata dal vocabolario del vino e invece mai come oggi si continua a parlare di tipicità e di quel legame straordinario tra il vino e la sua origine. Ma perché?

Fabio Piccoli
Ettore Nicoletto, dal 2008 Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC, una delle denominazioni emergenti del panorama vitivinicolo nazionale. giovedi 14 marzo

Ettore Nicoletto, Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC.

Ettore Nicoletto, dal 2008 Amministratore Delegato di Santa Margherita Gruppo Vinicolo, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela del Lugana DOC, una delle denominazioni emergenti del panorama vitivinicolo nazionale.

Salvato dal fallimento uno dei marchi storici del Chianti, salvaguardato anche il futuro dei soci conferitori del soci di una delle più importanti cooperative giovedi 14 marzo

Tenute Piccini rilanciano il Geografico

Salvato dal fallimento uno dei marchi storici del Chianti, salvaguardato anche il futuro dei soci conferitori del soci di una delle più importanti cooperative

Fabio Piccoli


http://www.winemeridian.com/