Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
mercoledi 25 aprile 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com Tebaldi valdoca pertinace vinojobs wbwe

Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato


Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila
tempo di lettura: 3,30 minuti


Forse ci voleva un governo ancora non nato e i venti di guerra attuali per richiamare alla Fiera di Verona, durante l’inaugurazione di Vinitaly, praticamente tutti i principali attori della politica italiana, e nei prossimi giorni sono attesi anche quelli che oggi non erano potuti essere presenti (Gentiloni, Di Maio, Salvini….). Oggi era presente la seconda carica dello Stato, la neo presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, e il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti. Ma oltre a loro un parterre di moltissimi rappresentanti di tutti i partiti italiani, sia quelli usciti vincitori (si fa per dire) dalle urne di marzo sia quelli perdenti (si fa sempre per dire).
Sarebbe interessante capire questo grande interesse dei partiti italiani nei confronti di un settore come quello vitivinicolo. Ci viene il dubbio che oggi il comparto del vino è tra i pochi dove la politica italiana riesce a respirare aria di ottimismo e un tasso di “antipolitica” ancora decisamente basso.
Facciamo questo mestiere da tanti, forse troppi, anni e abbiamo visto succedersi ministri, rappresentanti di governo e delle istituzioni di tutti i partiti e colori e mai abbiamo assistito a polemiche o contestazioni. 

Il vino italiano rappresenta un “porto sicuro” per il mondo politico del nostro paese e non siamo così certi che questo rappresenti sempre un grande vantaggio per il nostro amato settore.
Ma cosa è emerso da questa prima giornata di Vinitaly? Innanzitutto un grande rinnovato ottimismo che ci ha riportati, almeno come umore, ai metà degli anni 2000 quando il vino italiano, e l’economia in generale, veleggiava con il vento in poppa.
Sempre difficile, in assenza di dati approfonditi e non dei soliti numeri macroeconomici, capire quanto le imprese del vino italiane stiano realmente godendo di un periodo favorevole.
Sarebbe interessante chiederlo alle 4.380 aziende presenti a Vinitaly (gran parte italiane) ma non siamo certi avremmo risposte sincere.

Dal nostro osservatorio vediamo la classica situazione a macchia di leopardo, con imprese in crescita, non moltissime, parecchie sostanzialmente stabili e un numero non indifferente in una stato di pericoloso stallo se non di evidente decrescita.
Di questo in qualche misura si è parlato anche durante il talk show inaugurale durante il quale, con il pretesto di parlare di un mercato strategico come quello statunitense, è emerso giustamente il problema di come le imprese del vino italiano riescono a presidiare i mercati internazionali.
Questa rimane una problematica centrale per il nostro comparto che fatica a creare modelli di presidio sui mercati internazionali adeguati e da ciò la difficoltà di intercettare le potenzialità di molti di essi.

Denis Pantini, responsabile di Wine Monitor Nomisma ha evidenziato, attraverso una ricerca commissionata da VeronaFiere Vinitaly, come gli Usa hanno ancora ampi margini di crescita ma soprattutto in quegli Stati oggi ancora poco raggiunti da molte imprese del vino italiane.
“Nel Minnesota, ad esempio" ha spiegato Pantini " negli ultimi anni si è registrata una crescita delle importazioni di ben il 277%. Ma in quasi tutto il Mid West vi sono ancora ampie praterie da conquistare. Nonostante queste notevoli potenzialità, però, tuttoggi i due terzi delle importazioni negli Usa sono concentrate in soli 5 Stati”.

Una vecchia storia questa che testimonia però una cronica difficoltà delle nostre imprese di andare ad intercettare le opportunità di stati meno affollati.
A questo riguardo nella serata pre inizio Vinitaly eravamo ospiti di un’azienda che aveva invitato dieci distributori statunitensi rappresentanti di Stati meno noti in termini di wine business (Alabama, Oregon, Connecticut, Minnesota, Missouri, Nevada, Wisconsin, ecc.). A tutti loro abbiamo chiesto quali sono i requisiti fondamentali per aprire il loro portofolio ad aziende italiane nuove sui loro mercati. Le risposte sono sintetizzabili in due aspetti: “Avere qualcosa di veramente unico, riconoscibile, peculiare e tanta pazienza. Cioè accettare la politica dei piccoli passi”.
Due caratteristiche non così scontate che richiedono tempo, quello che molte poche aziende italiane oggi hanno.

La risposta “istituzionale” durante l’inaugurazione di Vinitaly per supportare le aziende italiane sui mercati internazionali è una rinnovata disponibilità a fare sistema. Da questo spirito è nata la collaborazione, all’interno del Progetto Vini Usa, da l’Agenzia Ice, il Ministero dello sviluppo economico, Federvini, Unione Italiana Vini, Federdoc e Vinitaly.
La notizia è sicuramente positiva anche se Maurizio Forte, responsabile dell’Ice di New York e coordinatore della rete Usa è stato chiaro:”Si tratta di un progetto all’insegna della “pubblicità” del vino italiano e non di supporto commerciale alle imprese italiane sul mercato statunitense. Quello pensiamo siano in grado e debbano farlo le imprese”.
Non siamo certi che siano tante le imprese italiane oggi in grado di avere una adeguata organizzazione commerciale sui mercati internazionali anche se concordiamo con Forte che è un compito loro e non delle istituzioni.

Le istituzioni, però, sono fondamentali per avviare attività di educazione sul vino italiano che soffre ancora di una conoscenza mediocre in gran parte del mondo, compresi gli Usa come sottolineato nella ricerca di Wine Monitor.
Come pure le aziende italiane debbono accettare la sfida di mettersi in rete, se lo stanno capendo (almeno così appare) le istituzioni forse è tempo se ne rendano conto anche i nostri bravi produttori.

Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
La trattativa commerciale nasce dalla relazione. Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Cosa abbiamo imparato osservando le trattative commerciali nelle fiere

La trattativa commerciale nasce dalla relazione. Tre regole d’oro per costruire la partnership ideale

Lavinia Furlani
Un Wine Export Manager che operi nei mercati di lingua tedesca, Centro Europa e Russia con l'obiettivo di mantenere i contatti esistenti e sviluppare nuovi volumi attraverso la creazione di nuove partnership.

Offerta di Lavoro: Area Manager lingua tedesca

Un Wine Export Manager che operi nei mercati di lingua tedesca, Centro Europa e Russia con l'obiettivo di mantenere i contatti esistenti e sviluppare nuovi volumi attraverso la creazione di nuove partnership.

La funzione logistica e spedizioni di un'azienda di imbottigliamento, parte di un grande gruppo vitivinicolo, necessita del contributo di una persona capace di organizzare le spedizioni in base agli ordini, alle disponibilità di magazzino e alla capacità produttiva.

Offerta di Lavoro: Addetto/a Ufficio Logistica

La funzione logistica e spedizioni di un'azienda di imbottigliamento, parte di un grande gruppo vitivinicolo, necessita del contributo di una persona capace di organizzare le spedizioni in base agli ordini, alle disponibilità di magazzino e alla capacità produttiva.

Grazie alla Brexit, e della conseguente debolezza della sterlina, le esportazioni dei produttori inglesi di cibo e bevande sono cresciute rispetto agli anni scorsi

Effetto positivo della Brexit per export del Regno Unito

Grazie alla Brexit, e della conseguente debolezza della sterlina, le esportazioni dei produttori inglesi di cibo e bevande sono cresciute rispetto agli anni scorsi

Francesco Piccoli
Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione lunedi 23 aprile

Corea del Sud: gusti e preferenze di un mercato in espansione

Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione

Noemi Mengo
Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Il successo di Vinitaly è speculare allo stato di salute del vino italiano?

Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Fabio Piccoli
Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”
giovedi 19 aprile

Farina sceglie i tappi Select Green della Nomacorc

Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA giovedi 19 aprile

Vinitaly 2018 all'insegna della positività

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA

Agnese Ceschi
Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli


mercoledi 18 aprile

I vincitori del III concorso “Il Meridiano del Vino”

Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli

Una pubblicazione preziosa, curata da  Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Italian Wine Unplugged, quando spiegare la grande diversità del vino italiano è possibile

Una pubblicazione preziosa, curata da Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Fabio Piccoli
Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

I big del vino italiano in salute nel rapporto di Mediobanca

Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

Fabio Piccoli
Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Spagna e Cile cercano di “assomigliare” all’Italia

Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Fabio Piccoli
La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Vinitaly 2018: gli appuntamenti, secondo noi, da non perdere

La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Quando è il brand aziendale a prevalere

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Francesco Piccoli
Il debutto della nuova formula a Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vini Buoni d'Italia ed Enosocial assieme per l'acquisto dei vini in fiera

Il debutto della nuova formula a Vinitaly

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Stai cercando lavoro nel mondo del vino? Vieni a presentarti

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vinitaly-Nomisma: Controsorpasso negli Usa, Italia del Vino di nuovo prima

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing mercoledi 11 aprile

Tutti i segreti del Wine Marketing in un nuovo libro

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing" a cura di Nomisma Wine Monitor e con il supporto di Business Strategies