Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
giovedi 18 aprile 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


Siddura enosocial.com

Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy http://www.varramista.it/it/
mercoledi 10 aprile

Vinitaly si chiude tra sorrisi e sussurri

La manifestazione veronese si conferma come la grande festa del vino italiano, dove si celebra il nostro straordinario patrimonio vitivinicolo. Tutto bene….a parte il problema sempre più serio sul fronte dei prezzi, un ribasso che oggi coinvolge anche alcune denominazioni prestigiose


Vinitaly si chiude tra sorrisi e sussurri
Si è appena conclusa la 53a edizione di Vinitaly. Per chi, come scrive, ne ha raccontate circa una trentina, non è facile trovare chiavi di lettura diverse dal solito.
L’abbiamo scritto anche all’inizio di questa manifestazione, Vinitaly è un rito fondamentale per il vino italiano. Ti può piacere o meno ma non essere per questi quattro giorni a Verona significa perdere un appuntamento importante per confrontarsi con i protagonisti del vino italiano.
A Vinitaly vanno in onda tutte le sfaccettature del nostro settore vitivinicolo, sia quelle belle ma anche quelle meno positive.
A Vinitaly ci sono cose che si dicono ad alta voce con il sorriso e altre, invece, che si sussurrano ad un orecchio, con il volto preoccupato.
Con il sorriso quest’anno ci è stato detto da parecchi produttori che gli organizzatori sono ormai riusciti a debellare la piaga dei buontemponi che riescono, non si sa come, ad entrare in fiera per farsi il solito “pieno” di vini. Altri, in numero però più ridotto per la verità, ci hanno sussurrato che a loro parere quest’anno si sono rivisti di nuovo gli ubriachi molesti.
E’ un tema talmente vecchio che riportiamo per dovere di cronaca ma onestamente riteniamo che la questione del “profilo” dei visitatori di Vinitaly sia una storia ormai nota che si può così sintetizzare: non ci saranno mai solo gli addetti ai lavori, sarà molto difficile trovare nuovi interlocutori commerciali (ma quale fiera oggi riesce a dare questo tipo di opportunità), rimane una manifestazione dove la comunicazione spesso prevale sul business.
Se si accettano queste regole non si uscirà mai delusi da Vinitaly.
Ma ad ogni Vinitaly c’è anche un tema ufficiale ben comunicato ed un tema non ufficiale ovviamente non comunicato (se non appunto attraverso i sussurri).
Partiamo dal primo e cioè l’impegno di VeronaFiere Vinitaly nello sviluppo della sua attività promozionale in Cina. E’ stata presentata ufficialmente Wine To Asia, la nuova piattaforma multicanale, creata attraverso una newco di cui la spa veronese detiene la quota di maggioranza. Partner unico è la Shenzhen Taoshow Culture & Media, società che fa parte della Pacco Communication Group Ltd con sede a Shenzhen e attiva anche a Beijing, Chengdu, Xi’an e Shanghai.
“Shenzhen ha il più alto tasso di crescita economica in Cina negli ultimi venti anni e sono presenti il 30% degli importatori totali di vino " ha sottolineato Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere " Inoltre, è la terza città per importanza economica dopo Pechino e Shanghai ed è considerata la città dell’innovazione e della comunicazione digitale. Vinitaly è il brand forte del vino italiano in Cina, un marchio riconosciuto su cui stiamo costruendo un modello di stile tutto italiano di promozione in Asia. L’evento è b2b, prevede nella fase di start up la presenza di 400 espositori e si configura fin da subito con un respiro internazionale”.
Speriamo che l’impegno di VeronaFiere in Cina dia un contributo utile allo sviluppo del nostro export in questo grande Paese che, come abbiamo ricordato più volte anche negli articoli di questi giorni da Vinitaly, è ancora fermo a numeri decisamente bassi.
Veniamo poi al sussurro più sentito a Vinitaly: la questione dell’ulteriore ribasso di prezzi che oggi coinvolge anche denominazioni prestigiose come l’Amarone della Valpolicella o altre che fino a poco tempo fa sembravano in grande ascesa come il Lugana. Due denominazioni molto importanti che, guarda caso, sono all’interno del sistema Verona che fino a poco tempo fa veniva considerato il modello vitivinicolo più virtuoso del nostro Paese.
A noi non interessa seguire i sussurri ma riteniamo che sarebbe oggi opportuna una riflessione più trasparente capace di non creare panico ma di dare soluzioni serie e durature nel tempo del posizionamento dei nostri vini in Italia e nel mondo.
Anche il presidente di Assoenologi Riccardo Cotarella, durante l’inaugurazione di Vinitaly, ha denunciato il problema del ribasso dei prezzi dei vini nel nostro Paese che rischia di “corrodere tutto il nostro patrimonio vitivinicolo”.
Del problema prezzi ne aveva parlato durante una degustazione anche il presidente del Consorzio Vini DOC delle Venezie, Albino Armani, che riguardo alla “gestione” dei prezzi del Pinot Grigio ha dichiarato: “Come Consorzi non abbiamo il potere di controllare direttamente i prezzi però possiamo gestire la quantità da immettere suo mercato, lo stoccaggio, le riserve, senza dimenticare lo sviluppo (o meno) della superficie vitata di una denominazione”.
La domanda, però, a questo punto sorge spontanea: quanti Consorzi allo stato attuale sono nelle condizioni concrete per svolgere anche questo ruolo fondamentale?
Con questa domanda, al momento sospesa, usciamo da Vinitaly 2019.
A proposito, ultima annotazione “personale”. Per noi di Wine Meridian questo Vinitaly è andato alla grande. Volevamo dirvelo perché la nostra crescita è grazie a voi che ci leggete e sostenete.
Fabio Piccoli

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo giovedi 18 aprile

Vulcanei: il più grande banco d'assaggio di vini da suolo vulcanico

Domenica 19 maggio 2019, a Tenuta Frassanelle in provincia di Padova, l'evento dedicato ai vini vulcanici aperto dalla masterclass del MW John Szabo

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe giovedi 18 aprile

A Incontri Rotazioni 2019 protagonisti il Teroldego e i vini di Borgogna

Domenica 12 e lunedì 13 maggio al via la prima edizione dell'evento biennale dedicato alla cultura vitivinicola del territorio e al suo vitigno principe

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.
giovedi 18 aprile

Export: l'Amarone di Dal Forno alla conquista della Cina

Dal Forno sigla un accordo di distribuzione in esclusiva: una bottiglia su sei andrà in Cina.

Federica Lago
Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Campus Online la formazione di WinePeople per tutti e ovunque

Dal 23 aprile 2019 saranno disponibili due percorsi on-line: iscriviti alla lista d’attesa, i posti sono limitati!

Maria Bandolin
Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group mercoledi 17 aprile

Nuove opportunità in Russia: Simple Group racconta tendenze e prospettive di business

Appuntamento in Russia il 31 maggio e il 1 giugno per i 25 anni di Simple Group

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia mercoledi 17 aprile

Organic Value: ultimi posti per il tour scandinavo nel mondo del vino biologico

A maggio due tappe per connettere le aziende di vino biologico ai mercati strategici di Svezia e Finlandia

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa. mercoledi 17 aprile

Cantine Settesoli, il vino salverà Selinunte

Una Sicilia del vino nuova e diversa, la loro, ma sempre fedele a sé stessa.

Carmen Guerriero
La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”. 
mercoledi 17 aprile

L’export tricolore sfreccia alto nei cieli svedesi

La Svezia si conferma un porto sicuro per il vino italiano nei prossimi anni. Bollicine, rosé e bianchi sono tra i favoriti, grazie al loro “healty style”.

Noemi Mengo
Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave 
mercoledi 17 aprile

Partecipa alla tappa in Russia con Wine Meridian e Simply Italian Great Wines

Due tappe, Mosca il 17 giugno e San Pietroburgo il 19 giugno 2019, per scoprire il mercato ed incontrare le sue figure chiave

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore 
mercoledi 17 aprile

Ultimi posti per il tour Singapore: agenda con b2b organizzati e masterclass

Il 22 e 23 maggio Wine Meridian ritorna in partnership con Wonderfud per la nuova tappa a Singapore

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello mercoledi 17 aprile

Italian wines in the world: Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Abbiamo degustato per voi il Soave DOC Classico di Cantina del Castello

Nel 2018 il volume è cresciuto del 10,5% nei canali Nielsen (2,25 milioni di casse), con vendite aumentate del 14,2% (347 milioni di dollari). Aumenti del 12,3% (1,6 milioni di casse) anche nei canali IRI per un valore aumentato del 16,4% (247 milioni di dollari)
martedi 16 aprile

Il Prosecco guida il boom degli sparkling anche negli Usa

Nel 2018 il volume è cresciuto del 10,5% nei canali Nielsen (2,25 milioni di casse), con vendite aumentate del 14,2% (347 milioni di dollari). Aumenti del 12,3% (1,6 milioni di casse) anche nei canali IRI per un valore aumentato del 16,4% (247 milioni di dollari)

Fabio Piccoli
Interessante tasting a Vinitaly per capire se esiste uno stile italiano nel Pinot Grigio che consentirebbe una comunicazione più chiara di uno dei vini del nostro Paese di maggior successo sui mercati internazionali
lunedi 15 aprile

Pinot Grigio, esiste uno stile italiano?

Interessante tasting a Vinitaly per capire se esiste uno stile italiano nel Pinot Grigio che consentirebbe una comunicazione più chiara di uno dei vini del nostro Paese di maggior successo sui mercati internazionali

Fabio Piccoli
Un convegno sui temi del vino in relazione alla territorialità e quindi alla sostenibilità e all’efficienza di azioni concrete, ed una cena di chiusura con specialità delle 4 regioni protagoniste. lunedi 15 aprile

Le Donne del Vino delle Marche protagoniste a Vinitaly 2019

Un convegno sui temi del vino in relazione alla territorialità e quindi alla sostenibilità e all’efficienza di azioni concrete, ed una cena di chiusura con specialità delle 4 regioni protagoniste.

A Verona l'evento di Vinea Domini con lo Chef Stellato Ciro Scamardella del Ristorante Pipero lunedi 15 aprile

Gotto D'oro a Vinitaly: Vinea Domini mostra il suo lato Nobile alla Roma Stellata

A Verona l'evento di Vinea Domini con lo Chef Stellato Ciro Scamardella del Ristorante Pipero

We have tasted for you Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico saturday 13 april

Italian wines in the world: Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico

We have tasted for you Principe di Corleone's San Loé Metodo Classico

Abbiamo degustato per voi San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone sabato 13 aprile

Italian wines in the world: San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone

Abbiamo degustato per voi San Loé Metodo Classico dell'azienda Principe di Corleone

Sono solo cinque negli Usa i territori del vino italiani nella classifica delle prime 45 regioni vitivinicole riconosciute dai consumatori regolari di vino statunitensi venerdi 12 aprile

Allarme “riconoscibilità origine” anche negli Usa

Sono solo cinque negli Usa i territori del vino italiani nella classifica delle prime 45 regioni vitivinicole riconosciute dai consumatori regolari di vino statunitensi

Fabio Piccoli


sfondo_wm