Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 19 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi
giovedi 02 agosto 2018

Vino italiano a Boston: alla ricerca di una migliore educazione

Intervista a Jo Ann Ross, Italian Wine Educator a Boston, che ha fatto della passione per il vino italiano il proprio lavoro, aiutando i consumatori a conoscere i prodotti Made in Italy.


Vino italiano a Boston: alla ricerca di una migliore educazione

Jo Ann Ross


“Bene o male l’importante è che se ne parli” è un detto che qui non funziona. Il vino italiano viene adorato in America, a Boston, nel Massachussets, in particolare. Ma perché il commercio in questo paese dia i suoi frutti, three-tier system e burocrazia a parte, bisogna investire in una migliore promozione ed educazione sul vino italiano. Soprattutto per chi produce varietà particolari, magari autoctone, è giunto il momento di smettere di restare nell'ombra dei cosiddetti “grandi vini” di conoscenza planetaria ed uscire allo scoperto. Per avere un parere più ravvicinato sulla situazione del comparto a Boston, abbiamo chiacchierato con Jo-Ann Ross, Wine Educator alla Italian Wine Scholar di Boston e detentrice dei Diplomi WSET, IWS e FWS.

Cosa significa che lei è Italian Wine Educator?
Significa che per lavoro porto il mio amore per l'Italia a tutti i consumatori a cui spiego il vino italiano. Sono insegnante all’Italian Wine Scholar a Boston (parte della Wine Scholar Guild). Inoltre, ho un diploma di quarto livello al Wine and Spirits Education Trust. In veste di Wine Ambassador, rappresento le regioni del vino e vi tengo delle lezioni per operatori e consumatori di vino.

Qual è l'immagine dei vini italiani a Boston?
I "bostoniani" amano follemente tutto ciò che è italiano e questo include sicuramente il vino. Lo si può trovare ovunque, dall’affascinante negozietto specializzato in vini italiani allo store più grande con forte presenza di vino italiano. Inoltre, la quantità di ristoranti italiani presenti a Boston è sbalorditiva. Come Wine Educator ho necessità di portare vini alle mie lezioni e a Boston posso trovare varietà provenienti da quasi tute le regioni italiane senza difficoltà.

Secondo Lei, quali azioni e attività dovrebbero fare i produttori italiani per vendere meglio i loro vini nel Suo Stato?

1. Assolutamente, bisogna fare network.
2. Bisogna essere disposti a fare sacrifici ed essere generosi e gentili, perché sicuramente questo atteggiamento pagherà.
3. Il three-tier system è ancora abbastanza complicato nel nostro stato (Massachusetts), ma il trucco sta nel trovare i giusti importatori e distributori, e per farlo penso che il primo e il secondo punto della mia classifica siano fondamentali.

Punto critico e punto positivo sui vini italiani a Boston

Punto critico: troppi consumatori avvertono che i vini italiani iniziano e finiscono con il Barolo, il Barbaresco e il Brunello. Non si rendono conto che esiste un mondo intero là fuori di eleganti, deliziosi e interessanti vini italiani. Ci vuole maggiore promozione, la conoscenza è limitata tra i consumatori finali, ma sicuramente questo significa che ci sia una buona opportunità di marketing a Boston.
Punto positivo: ci sono tanti giovani creativi a Boston, ragazzi con spiriti avventurosi sui quali poter puntare. A dire il vero qui sono molte le persone che amano il vino italiano, di tutte le età, ma sicuramente i creativi sono fra quelli che apprezzano di più!

Quali sono le possibilità per i vini italiani a Boston? La gente conosce le diverse varietà e regioni italiane? In caso negativo, in che modo i produttori possono migliorare la conoscenza solo attraverso la promozione?
I bostoniani sono molto entusiasti dei vini italiani e amano imparare a conoscere nuove uve e varietà. Inoltre, che ci crediate o no, alcuni consumatori sono molto interessati a conoscere i tipi di suolo, alla geografia del territorio di produzione. La maggioranza dei consumatori, tuttavia, ha bisogno di istruzione, in questo momento, molti consumatori sono confusi rispetto al vino italiano, perciò credo convenga aiutarli con eventi formativi e degustazioni, che generalmente qui funzionano, vengono gestite da esperti e aiutano il progressivo aumento dell’educazione in materia e sostengono le vendite. I membri del trade bostoniano (educatori, proprietari di negozi al dettaglio, personale dei ristoranti, sommelier, membri della stampa) ad esempio già partecipano a seminari per aumentare la propria istruzione.

Ha qualche suggerimento?

Come Wine Educator, sono una fan dei Trade Seminars, tenuti da presentatori rappresentanti della regione. Fra i partecipanti troviamo gli acquirenti di vino al dettaglio e il personale del piano principale; i sommelier che frequentano e sono incoraggiati ad invitare i loro allievi; i membri della stampa qualificati, che sono sempre invitati a partecipare. Sono anche una fan delle In-Store Tasting, le degustazioni in negozio, con un versatore di qualità che ha esperienza di wine education, le vendite e la conoscenza del vino aumentano.

Per conoscere ancora meglio Jo Ann, visitate il suo sito: http://www.jrosswine.com/



Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi? venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?

Fabio Piccoli
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo


sfondo_wm