Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
mercoledi 19 giugno 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://events.editricetemi.com/events/WorkshopFood&Beverage/registrazione.html?idpg=497 Farina Cantina Valpolicella
martedi 21 maggio 2019

Vinventions: il mercato del vino visto...dal tappo!

Intervista al direttore commerciale di Vinventions Filippo Peroni


Vinventions: il mercato del vino visto...dal tappo!

Filippo Peroni - Direttore Commerciale


Un aspetto da non trascurare, garante di qualità e durata nel tempo di un prodotto vinicolo; non solo un supporto nel successo di un prodotto, ma una parte fondamentale, tanto piccola quanto incisiva. Di cosa stiamo parlando? Del tappo!
Vinventions è tra i leader sul mercato, perciò abbiamo scelto di approfondire la conoscenza di questa realtà, e per farlo abbiamo chiacchierato con Filippo Peroni, Direttore Commerciale.

Cos’è Vinventions, qual è la sua storia e cosa rappresenta oggi nel settore delle chiusure per il vino?
Vinventions è nata nel 2015 dall’impresa familiare di Marc Noël, che come Nomacorc nel 1999 ha immesso sul mercato la prima chiusura sintetica per il vino, insieme a Bespoke Capital Partners e altri partner. Grazie ad una strategia di acquisizioni e diversificazione di prodotto, oggi una bottiglia di vino su sette nel mondo utilizza chiusure Vinventions, che così si colloca al secondo posto a livello globale nel settore potendo contare sulla più ampia gamma di prodotto sul mercato.

Quali sono gli obiettivi e la filosofia dell’azienda?
Il nostro obiettivo è quello di offrire ai clienti una gamma di soluzioni per le chiusure sempre più completa, puntando sulla qualità dei prodotti, investendo in maniera sempre crescente su ricerca e innovazione e lavorando per rendere la nostra produzione ogni giorno più sostenibile in ogni fase.
Non ha senso oggi ritenere che ci sia una chiusura “migliore” per tutte le tipologie di vino: noi vogliamo offrire all’enologo la chiusura più adatta per il vino che vuole produrre.

Come vi posizionate in merito al problema dell’impatto ambientale e dell’ecosostenibilità, sempre più sentito anche dai consumatori?
Vinventions ha scelto di abbracciare in pieno gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La nostra strategia coinvolge tutti gli aspetti del ciclo produttivo: a partire dall’utilizzo sostenibile delle risorse naturali, passando per la riduzione degli sprechi alimentari e dei rifiuti, per arrivare ad una gestione responsabile delle sostanze chimiche. Qualche mese fa abbiamo presentato la prima iniziativa a livello mondiale di sistema circolare di riciclo delle chiusure per il vino e vogliamo contribuire a rendere tutta la filiera più sostenibile.
La nostra Green line, prodotta con materie derivate da canna da zucchero coltivata responsabilmente, con le sue chiusure ad impatto zero contribuisce ad abbassare la carbon foot print totale della produzione e oggi rappresenta il 48% delle vendite in Italia.

Il vostro ruolo di operatore a livello globale vi pone in una posizione privilegiata nel valutare e riconoscere le tendenza del mercato, quali sono gli ultimi trend?
Direi che le parole chiave sono sostenibilità e gestione dell’ossigeno. Della prima abbiamo già detto ed è senza dubbio un tema con il quale il nostro settore, come del resto tutti gli altri, si dovrà confrontare con sempre più attenzione e impegno. La seconda, come l’eliminazione del cosiddetto “sentore di tappo”, rappresenta per gli enologi una grande sfida ed un’opportunità; le nostre chiusure, infatti, mettono il produttore in condizione di poter decidere l’evoluzione del vino in bottiglia potendo contare su un alleato fondamentale, il tappo, che grazie a differenti livelli di permeabilità all’ossigeno determinano differenti “percorsi evolutivi” del vino.

Quanto e come conta il tappo sulla qualità del vino?
Anche grazie alla ricerca, non ci sono più dubbi sul fatto che il tappo svolga un ruolo decisivo nel proteggere e garantire la maturazione del vino, esattamente come accade per le botti. Prima di tutto perché ogni anno circa 360 milioni di bottiglie nel mondo vengono gettate perché hanno il difetto di tappo. Stiamo parlando di una percentuale che va tra il 3 e il 5% dell’intera produzione. Un danno economico e ambientale decisamente importante che grazie alle nostre chiusure siamo in grado di eliminare.
In secondo luogo, e si tratta di un aspetto non meno importante, le chiusure hanno il compito di “regolare” il rapporto tra ossigeno e vino in bottiglia, determinando profonde variazioni nel bouquet del vino stesso e il suo percorso di maturazione. Oggi Vinventions è in grado di offrire una gamma di tappi di alta qualità, che consentono una penetrazione di ossigeno assolutamente prevedibile e misurabile, semplificando così il lavoro di chi deve, in un certo senso, programmare l’invecchiamento di un vino in funzione della sua commerciabilità. Non è un caso che negli ultimi anni sempre più cantine che producono vini di alta gamma, compresi Doc e DOCG, si rivolga sempre di più alle nostre chiusure.
Vinventions: il mercato del vino visto...dal tappo!


Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Mercato del vino e denominazioni: documento strategico verrà proposto al Ministro Centinaio mercoledi 19 giugno 2019

Brexit: la filiera del vino incontra l'ambasciatore britannico Jill Morris

Mercato del vino e denominazioni: documento strategico verrà proposto al Ministro Centinaio

Abbiamo degustato per voi Montepulciano d'Abruzzo DOC di Cantina Wilma Il Vino di Donna Thieti mercoledi 19 giugno 2019

Italian wines in the world: Montepulciano d'Abruzzo DOC di Cantina Wilma Il Vino di Donna Thieti

Abbiamo degustato per voi Montepulciano d'Abruzzo DOC di Cantina Wilma Il Vino di Donna Thieti

È il quinto mercato al mondo per import di prodotti agroalimentari ed una meta di estremo interesse per l’export tricolore. Come potremmo non parlarne?
mercoledi 19 giugno 2019

Giappone: here we go again!

È il quinto mercato al mondo per import di prodotti agroalimentari ed una meta di estremo interesse per l’export tricolore. Come potremmo non parlarne?

Noemi Mengo
La nuova collezione propone i primi due gioielli: Müller Thurgau e Pinot Grigio martedi 18 giugno 2019

Mezzacorona lancia “MUSIVUM”, un progetto per valorizzare le eccellenze enologiche del territorio trentino

La nuova collezione propone i primi due gioielli: Müller Thurgau e Pinot Grigio

Suggerimenti sulle soft skills degli export manager nel loro habitat di caccia: la fiera internazionale del vino.
martedi 18 giugno 2019

Come essere vincenti in fiera

Suggerimenti sulle soft skills degli export manager nel loro habitat di caccia: la fiera internazionale del vino.

Dal 17 al 22 giugno al via la seconda edizione del roadshow b2b con 55 aziende espositrici e importatori da 12 province cinesi lunedi 17 giugno 2019

Vinitaly e ICE allargano la mappa del vino italiano in Cina

Dal 17 al 22 giugno al via la seconda edizione del roadshow b2b con 55 aziende espositrici e importatori da 12 province cinesi

L'Italia detiene il primato commerciale anche per il 2019 in Russia con una quota di mercato del 27% lunedi 17 giugno 2019

Solo Italiano: rinnovato l'evento IEM in Russia che esalta il vino italiano

L'Italia detiene il primato commerciale anche per il 2019 in Russia con una quota di mercato del 27%

We have tasted for you Vigna Dogarina's Prosecco Spumante Brut Millesimato 2018 monday 17 june 2019

Italian wines in the world: Vigna Dogarina's Prosecco Spumante Brut Millesimato 2018

We have tasted for you Vigna Dogarina's Prosecco Spumante Brut Millesimato 2018

Guardiamo al futuro dell’Amarone, in un’intervista ad Alberto Zenato, nuovo Presidente dell’Associazione Famiglie Storiche lunedi 17 giugno 2019

Amarone: deve vincere il territorio, dopo le associazioni

Guardiamo al futuro dell’Amarone, in un’intervista ad Alberto Zenato, nuovo Presidente dell’Associazione Famiglie Storiche

Noemi Mengo
Wine Meridian affianca le aziende del vino italiane sui mercati esteri venerdi 14 giugno 2019

Tour Internazionali: ecco il nostro calendario

Wine Meridian affianca le aziende del vino italiane sui mercati esteri

Il rosato in Italia, una moda o puro marketing? Ne discutono i produttori venerdi 14 giugno 2019

Torna Roséxpo il Salone Internazionale dei Vini Rosati

Il rosato in Italia, una moda o puro marketing? Ne discutono i produttori

Tenuta di Angoris, la degustazione di spumanti metodo classico: 8 etichette, tra italiane, francesi e spagnole. venerdi 14 giugno 2019

Un percorso attraverso il tempo e lo spazio degli spumanti metodo classico

Tenuta di Angoris, la degustazione di spumanti metodo classico: 8 etichette, tra italiane, francesi e spagnole.

Molte aziende del vino italiano sono alle prese con il passaggio di consegne tra la “vecchia” e la “nuova” generazione all’insegna di un cambiamento che per certi aspetti è più complesso rispetto al precedente. Il ruolo chiave della formazione della nuova classe dirigente del vino italiano venerdi 14 giugno 2019

Più che cambio è rivoluzione generazionale

Molte aziende del vino italiano sono alle prese con il passaggio di consegne tra la “vecchia” e la “nuova” generazione all’insegna di un cambiamento che per certi aspetti è più complesso rispetto al precedente. Il ruolo chiave della formazione della nuova classe dirigente del vino italiano

Fabio Piccoli
Una collezione di risultati che non può non essere raccontata 
venerdi 14 giugno 2019

Cantina di Soave, un 2019 da record

Una collezione di risultati che non può non essere raccontata

Abbiamo intervistato il master sommelier John Szabo su una delle categorie più affascinanti ed emergenti oggi venerdi 14 giugno 2019

Le potenzialità del "vulcano"

Abbiamo intervistato il master sommelier John Szabo su una delle categorie più affascinanti ed emergenti oggi

Agnese Ceschi
Dal 7 al 9 novembre 2019, torna l'HKIWSF, presso l’HK Convention and Exhibition Centre. Non perdere l’occasione di fare business con noi! 
giovedi 13 giugno 2019

Hong Kong International Wine and Spirits Fair, unisciti a noi!

Dal 7 al 9 novembre 2019, torna l'HKIWSF, presso l’HK Convention and Exhibition Centre. Non perdere l’occasione di fare business con noi! 



sfondo_wm