Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
mercoledi 20 febbraio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

Vyno Dienos italian wine academy Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura Tommasi WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/  http://acquesi.it/ wm

Vorrei ma non posso: quando si chiede senza dare [abbastanza]

Quando anche i candidati devono partire da una autoconsapevolezza


Vorrei ma non posso: quando si chiede senza dare [abbastanza]
“Do ut des”… “chiedi e ti sarà dato”… “domandare è lecito, rispondere è cortesia”. Tanti sono i modi per definire la dialettica dello scambio nella comunità umana, quasi tutti imperniati sull’equità e sulla libertà.

Chi come noi si occupa di recruiting nel mondo del vino si trova quotidianamente a gestire la fase forse più delicata di tutto il processo di assunzione di un manager: la trattativa finale. Non abbiamo usato il termine “trattativa economica”, perché di fatto la negoziazione che precede l’accordo finale tra azienda e candidato è ad ampio spettro. Si discute di inquadramento, di mansioni e responsabilità, di quantità delle trasferte, di orari, di tempi di preavviso e... di benefit (non parliamo di telefono e PC… parliamo di auto, assicurazioni integrative, alloggio in foresteria e compagnia bella!).
Se dovessimo però usare un’altra espressione idiomatica per descrivere un fenomeno che spesso osserviamo durante le trattative è “vorrei ma non posso”. E -si badi bene- il detto si applica sia alle aziende che ai candidati.

Partiamo da lato “forte” della trattativa: l’impresa. In questo caso il “vorrei ma non posso” si traduce nell’aspettativa di trovare un professionista con la bacchetta magica del fatturato, con grande esperienza specifica e talento da vendere, senza però mettere in campo le risorse necessarie per affrontare questo tipo di campagna acquisti. E’ un po’ come se la squadra del Benevento puntasse a Cristiano Ronaldo, con un budget da squadra provinciale. Che poi non siamo neanche sicuri che Ronaldo gioverebbe al team campano, ma questa è un’altra storia.
Il fenomeno è risaputo e non riguarda solo il mondo del vino, ma diventa un po’ paradossale in una situazione di mercato dove le risorse umane qualificate sono più scarse rispetto alla domanda delle aziende. Nella competizione per l’acquisizione dei migliori talenti, le aziende del vino devono essere in grado di mettere in campo progetti professionali interessanti, percorsi di crescita, pacchetti retributivi e benefits adeguati: altrimenti gli alti potenziali sceglieranno di lavorare altrove (sia in termini di settore, sia in termini geografici). Durante il nostro ultimo Wine Export Manager Day, noi di WinePeople abbiamo mostrato a tutti i partecipanti un esempio di come le grandi multinazionali del beverage si stanno muovendo per diventare sempre più attraenti nei confronti di chi vuole crescere ed emergere nel mondo del lavoro. Se le aziende del vino -pur nel rispetto delle loro peculiarità- non faranno qualcosa di più e di meglio in ambito di employer branding, ci dovremo accontentare delle seconde scelte, seppur con la patacca di un corso per sommelier o del più prestigioso Wset.

E lato candidato? Crescite retributive del 30% per il semplice passaggio da un’azienda all’altra, con le mani avanti per dire che non sarà facile spostare i propri clienti da un’azienda all’altra dovrebbero parlare da sole. Ma la cosa non si ferma qui: persone senza esperienza specifica nel settore, che a 45 anni decidono di “coniugare passione e lavoro” cercando di entrare nel mondo del vino, senza però perdere neppure un euro della retribuzione faticosamente conquistata in tutt’altro ambito di mercato o senza investire (pagando di tasca propria) in un percorso formativo specialistico che metta le basi di una credibilità professionale e tecnica.

Chiedere senza prima dare o dimostrare sembra essere divenuto un approccio naturale e scontato, ma le cose nel mondo del lavoro (e in tutti gli altri mondi) non funzionano proprio così.
Viene in mente la canzone di Irene Grandi:
“Prima di pretendere qualcosa
Prova a pensare a quello che... dai tu
Non è facile però
È tutto qui.”

Andrea Pozzan

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
8 punti chiave per descrivere il mercato polacco e i suoi consumatori mercoledi 20 febbraio

Polonia: da mercato emergente ad economia in crescita

8 punti chiave per descrivere il mercato polacco e i suoi consumatori

Noemi Mengo
Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio
mercoledi 20 febbraio

Wine Meridian vola in Lituania, il mercato driver dei paesi Baltici

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio

AGENTI VINO province Como, Varese, Milano martedi 19 febbraio

Offerta di Lavoro

AGENTI VINO province Como, Varese, Milano

I numeri di Nomisma-Wine Monitor, presentati a Benvenuto Brunello, confermano scenari importanti e unici per questo grande rosso toscano martedi 19 febbraio

Benvenuto Brunello, la grande sfida tra passato e futuro

I numeri di Nomisma-Wine Monitor, presentati a Benvenuto Brunello, confermano scenari importanti e unici per questo grande rosso toscano

Giovanna Romeo
Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna l’appuntamento con le produzioni artigianali di qualità con centocinquanta cantine italiane e estere
martedi 19 febbraio

Live Wine 2019: a Milano la quinta edizione del Salone Internazionale del Vino Artigianale

Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna l’appuntamento con le produzioni artigianali di qualità con centocinquanta cantine italiane e estere

Intervista a Sergio Bucci, Direttore della Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano 
martedi 19 febbraio

Viaggio nel mondo della cooperazione e delle denominazioni

Intervista a Sergio Bucci, Direttore della Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano

I problemi nascono perché ogni persona è differente, così come lo sono i mercati, i vini e i canali distributivi, mentre noi tendiamo a trattare tutti nello stesso modo. martedi 19 febbraio

Perchè è cosi difficile vendere vino?

I problemi nascono perché ogni persona è differente, così come lo sono i mercati, i vini e i canali distributivi, mentre noi tendiamo a trattare tutti nello stesso modo.

Roberta Zantedeschi
Intervista a Richard Alderson, appassionato ed esperto di vino in Nuova Zelanda, che ci svela i lunedi 18 febbraio

Nuova Zelanda: l’educazione al vino italiano partendo dalla GDO

Intervista a Richard Alderson, appassionato ed esperto di vino in Nuova Zelanda, che ci svela i "segreti" di questo piccolo ma interessante mercato del vino che presenta anche buone opportunità di sviluppo per le nostre imprese

Noemi Mengo
We have tasted for you Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3 saturday 16 february

Italian wines in the world: Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3

We have tasted for you Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3

Abbiamo degustato per voi Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis 
sabato 16 febbraio

Italian wines in the world: Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis

Abbiamo degustato per voi Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis

Image Line raccoglie le testimonianze delle aziende vitivinicole che hanno adottato soluzioni digitali per la gestione dei loro vigneti e l’ottimizzazione del lavoro in campo.
venerdi 15 febbraio

Innovazione in vigneto: la parola a chi ha accolto la sfida

Image Line raccoglie le testimonianze delle aziende vitivinicole che hanno adottato soluzioni digitali per la gestione dei loro vigneti e l’ottimizzazione del lavoro in campo.

Anche le attuali difficoltà dei produttori di latte in Sardegna ci evidenziano il maggiore limite del nostro agroalimentare, la cultura di vendita, e anche nel settore vitivinicolo il problema è evidente

AAA cultura di vendita cercasi

Anche le attuali difficoltà dei produttori di latte in Sardegna ci evidenziano il maggiore limite del nostro agroalimentare, la cultura di vendita, e anche nel settore vitivinicolo il problema è evidente

Fabio Piccoli
Cerchiamo un Wine Sales Manager - Piemonte

Offerta di lavoro

Cerchiamo un Wine Sales Manager - Piemonte

In previsione del nostro tour a Singagore, il 22 e 23 maggio prossimi, presentiamo le previsioni al 2022 di IWSR su questo importante mercato del sud est asiatico dove l'Italia ha ampi margini di crescita
giovedi 14 febbraio

A Singapore dove il Prosecco fa recuperare quote all'Italia del vino

In previsione del nostro tour a Singagore, il 22 e 23 maggio prossimi, presentiamo le previsioni al 2022 di IWSR su questo importante mercato del sud est asiatico dove l'Italia ha ampi margini di crescita

Noemi Mengo
Basta vini a basso prezzo, solo Shiraz o vini dal medesimo stile, il cambio di rotta degli australiani negli Usa sta generando un nuovo rinascimento del vino made in Australia nel Paese a stelle e strisce
mercoledi 13 febbraio

Fascia premium e diversità le parole chiave della rinascita del vino australiano in Usa

Basta vini a basso prezzo, solo Shiraz o vini dal medesimo stile, il cambio di rotta degli australiani negli Usa sta generando un nuovo rinascimento del vino made in Australia nel Paese a stelle e strisce

Agnese Ceschi
Raccontaci cosa fai per promuovere e per comunicare il tuo vino. Siamo alla ricerca di progetti e di idee originali per valorizzarlo e comunicarlo. mercoledi 13 febbraio

Partecipa al concorso "Il Meridiano del vino": Wine Meridian premia le migliori idee di comunicazione e promozione del vino italiano

Raccontaci cosa fai per promuovere e per comunicare il tuo vino. Siamo alla ricerca di progetti e di idee originali per valorizzarlo e comunicarlo.

Un manuale per chi vuole fare impresa e non solo produrre buon vino

Un libro per gli imprenditori del mondo del vino di oggi

Un manuale per chi vuole fare impresa e non solo produrre buon vino

Roberta Zantedeschi
Intervista ad Andrea Fioratti, coordinatore del WSET Approved Programme Provider di Verona Italian Wine Academy

lunedi 11 febbraio

Uno sguardo all’interno di Italian Wine Academy

Intervista ad Andrea Fioratti, coordinatore del WSET Approved Programme Provider di Verona Italian Wine Academy



http://www.winemeridian.com/