Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
giovedi 28 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli
martedi 26 novembre 2019

Wine2wine 2019: vanno in scena responsabilità sociale e sostenibilità

Il nostro “the best of” della prima giornata: social responsibility, mercati e innovazione sono i temi più affrontati


Wine2wine 2019: vanno in scena responsabilità sociale e sostenibilità
Wine2wine ha aperto le proprie porte a tutti i membri della wine industry e lo ha fatto con grande impegno e serietà. Ieri, 25 novembre, l’edizione 2019 del forum sul business del vino è andata in scena, portando sul palco un tema che, sempre di più, sta a cuore a tutti i membri del comparto: gestire la propria attività tenendo in considerazione la sostenibilità, non solo in termini ambientali, ma anche dal punto di vista sociale, dove risorse umane e aziende devono poter convivere al meglio.

Non poteva che essere più in linea con i temi che stanno letteralmente riscaldando i settori merceologici internazionali, e a sostenerlo è anche
Stevie Kim, Managing Director di Vinitaly International e anima della kermesse, che ai nostri microfoni ha affermato: “abbiamo scelto questo tema perché ci accomuna tutti, nessuno escluso. Il convegno di apertura ritengo che sia stato illuminante, Yannick Benjamin ci ha raccontato la sua storia, facendo emergere dei consigli in pillole davvero utili per ognuno di noi: non aver paura di fallire, circondarsi di persone positive ed essere grati, un valore che spesso dimentichiamo, in questa epoca che corre così veloce, con internet, lasciandoci focalizzare solo su ciò che non abbiamo e non su ciò che abbiamo e per cui dovremmo essere grati. Per me questi concetti sono importantissimi, e sono emblematici di tutto wine2wine”.

In particolare l’intervento di
Yannick Benjamin, cofondatore di "Wine on wheels" e "Wheeling forward", Head Sommelier al "The University Club" e proprietario del ristorante "Contento" di New York, ha coinvolto emotivamente i presenti e ha avuto la forza di differenziarsi da ciò che siamo soliti ascoltare a business forum di questo tipo. Una sferzata di aria nuova che, a parer nostro, ha fatto bene a tutti. La sua è la storia di chi ha subito una grave avversità, nel 2003, all’apice della sua carriera nel settore, un incidente automobilistico lo ha infatti reso disabile dalla vita in giù, ma che ha saputo far fronte alla tragedia, trovando una forza positiva che può essere d’ispirazione per tutti.

A dirla tutta però, i temi toccati durante questa prima giornata sono stati parecchi, fra cui sicuramente il tema dei mercati internazionali, dell’export italiano con gli ultimi dati aggiornati e tutto ciò che ruota attorno alla digital innovation, ormai parte integrante di gran parte delle operazioni nel mondo del vino. 

Di seguito andiamo ad evidenziare i punti salienti di questa prima giornata, mentre nei prossimi giorni approfondiremo con articoli dedicati ogni tematica trattata durante questi entusiasmanti due giorni. 

Mercati ed export
Fra gli interventi, le parole di Denis Pantini, dell’Osservatorio Vinitaly Nomisma Wine Monitor, si sono udite forti e chiare: L’export del vino italiano si prepara a festeggiare a fine anno il traguardo di dieci record storici consecutivi, con un controvalore di 6,36 miliardi di euro e una crescita del 2,9% sul 2018. Un quadro che consolida il vino del Belpaese al secondo posto tra le superpotenze enologiche mondiali ma che lo allontana da una Francia sempre più leader, grazie a un balzo commerciale fissato a +7,8%, consentendole così di superare per la prima volta la soglia dei 10 miliardi di euro di export. 

Altre due relazioni durante la giornata hanno colpito la nostra attenzione per la particolarità del loro argomento e per la visione delle due Master of Wine che li hanno presentati: protagonisti due mercati emergenti per il vino, l’India e Singapore.
Sonal Holland, la prima ed unica Master of Wine indiana, wine educator e consulente ed autrice della recente analisi realizzata per Wine Intelligence sul mercato indiano, ci ha trasportati nel mondo dei sapori e dei profumi indiani con grande energia e determinazione, spiegandoci perché l’India può a tutti gli effetti essere considerato un Paese nuovo emergente. “Negli ultimi decenni il vino sta diventando molto popolare in India, si stanno moltiplicando i consumatori che lo consumano scegliendo di acquistarlo sia nel canale on trade che off trade. Consumatori come donne e Millennials stanno trainando la nuova tendenza, costituendo un segmento molto vasto che sta abbracciando il vino piuttosto che le altre bevande alcoliche, come il whisky molto popolare nel nostro Paese. Inoltre il vino è diventato un simbolo di lifestyle veicolato tramite i media o i film” ha spiegato la Holland.  

Anne Scarfe, Master of Wine inglese residente a Singapore da ormai più di vent’anni, ci ha fatto immergere invece nelle dinamiche di consumo e nei trend del Paese asiatico: un mercato molto competitivo, dove sono presenti numerosi importatori, molti dei quali però non possiedono conoscenze elevate di vino. Dunque nella scelta di approccio a questo mercato sono essenziali determinati accorgimenti: “Consiglierei ai produttori italiani di cercare in primo luogo un buon importatore nel mercato, che abbia i giusti contatti nei luoghi strategici per il consumo del vino” ha spiegato la Master of Wine. “In secondo luogo, consiglio di scegliere accuratamente i vini da introdurre e di privilegiare i vini premium, poiché le accise sono molto alte a Singapore e dunque è importante portare vini di qualità, che valgano la spesa. Infine scegliete di partecipare ed eventi o cene con altri produttori o con il vostro importatore per promuovere nel modo migliore come il vostro vino si possa adattare alla cucina locale. L’educazione, infine, è fondamentale per questo mercato, tanti consumatori si stanno approcciando alla conoscenza delle varietà di vino e noi dobbiamo essere pronti a dare loro quello che chiedono”.

Anche quest’anno fra i temi più interessanti troviamo quelli legati alla sfera dell’attrazione dei consumatori e alla digital innovationVi segnaliamo uno speech molto accattivante, l’intervento di André Ribeirinho, consulente di digital marketing, imprenditore dei settori Wine e Travel e CEO di Adegga, che ha messo i presenti di fronte ad alcune imprescindibili necessità. Oggi non si vende più il prodotto come prima, o meglio, lo si vende attraverso un’esperienza. In un mondo che ci impone di utilizzare sempre più mezzi tecnologici per accorciare le distanze e risolvere le più immaginabili funzioni, ciò che il consumatore cerca è la classica, intramontabile esperienza personale, che, laddove non sia possibile effettuare di persona, viene resa attraverso nuove tecnologie, come la realtà aumentata, un grande aiuto ai produttori di oggi e di domani. Un simpatico paradosso che non ci deve scoraggiare: da questa prima giornata i possibili sviluppi per la nostra amata wine industry sembrano sempre più stimolanti. 
Come vorremmo una palla di cristallo, chissà tra una decina di anni come saremo cambiati, o meglio, evoluti!




Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio
L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità? giovedi 28 maggio 2020

Il ventaglio di alternative della Nuova Normalità

L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità?

Agnese Ceschi
Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato. mercoledi 27 maggio 2020

Cantina Bolzano: strategie anti-crisi

Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato.

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma. mercoledi 27 maggio 2020

Wine Meridian recruiter di storie vincenti: aspettiamo te!

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma.

Astrid Panizza
Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: i produttori affrontano la riapertura

Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto.

Emanuele Fiorio
Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: gli spumanti italiani non perdono un colpo

Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani.

Emanuele Fiorio
We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017 wednesday 27 may 2020

Italian wines in the world: Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali. mercoledi 27 maggio 2020

Export vini sfusi: la “Belle Èpoque” prima del Covid-19

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali.

Emanuele Fiorio
In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19
mercoledi 27 maggio 2020

Prepararsi al rilancio del vino italiano negli Usa

In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19

Astrid Panizza
Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur. martedi 26 maggio 2020

Nasce CrowdWine: la prima piattaforma di crowdfunding dedicata al vino italiano

Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur.

Il business media britannico, premiato dalla UK Press Gazette come migliore iniziativa giornalistica durante la pandemia del Coronavirus, ci accompagna in uno dei principali mercati del vino mondiale in una delle crisi più complesse della storia moderna. martedi 26 maggio 2020

Con “The Buyer” nel Regno Unito in epoca Covid-19

Il business media britannico, premiato dalla UK Press Gazette come migliore iniziativa giornalistica durante la pandemia del Coronavirus, ci accompagna in uno dei principali mercati del vino mondiale in una delle crisi più complesse della storia moderna.

Federica Mataluna
Come convertire il paradosso di Cenerentola nella vita aziendale. martedi 26 maggio 2020

Prepararsi alla ripresa: la gestione del capitale umano

Come convertire il paradosso di Cenerentola nella vita aziendale.

Astrid Panizza
Il parere di Emilio Pedron, uno dei più autorevoli manager del vino italiano, che auspica l’affermarsi di una nuova élite manageriale ed una rinascita del mercato domestico e delle denominazioni, non dimenticando gli errori del passato. martedi 26 maggio 2020

Puntare sull’Italia con nuovi dirigenti capaci di fare rete

Il parere di Emilio Pedron, uno dei più autorevoli manager del vino italiano, che auspica l’affermarsi di una nuova élite manageriale ed una rinascita del mercato domestico e delle denominazioni, non dimenticando gli errori del passato.

Emanuele Fiorio