Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
giovedi 28 maggio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers



http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza Masciarelli WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go www.unexpecteditalian.it Vigna Belvedere CIR http://www.grafical.it/it/  www.cantinatollo.it cantina settesoli mossi 1558 perdomini vidra.com Cantina Valpolicella
mercoledi 27 novembre 2019

Wine2Wine Day 2: appunti di viaggio

Il forum del business del vino ha toccato i principali temi scottanti del business del vino


Wine2Wine Day 2: appunti di viaggio


Wine2Wine, il forum del business del vino, ha chiuse le porte anche quest’anno con un grande apprezzamento di pubblico e arricchimento di contenuti per l’intero comparto del trade del vino.
Abbiamo assistito a conferenze che hanno toccato numerosi temi caldi per l’industria del vino sia in Italia che nel mondo: dalla sostenibilità ai nuovi media, dalla Brexit all’online in Cina, dai social media all’impatto del “labelling” sul consumatore.
Il nostro report della seconda giornata si focalizza su quelli che ci sono sembrati i temi più innovativi e rilevanti. Seguiteci dunque nel nostro viaggio nel mondo di Wine2wine.

Una delle sessioni che più ha colpito la nostra attenzione per la concretezza con cui è stata selezionata e presentata è stata quella condotta dal Master of Wine
Jonas H Röjerman: una simulazione di un tender nel mercato svedese. Il Paese nordico, regolato dal Monopolio per l’accesso dei prodotti alcolici, presenta ad oggi molte opportunità per il vino italiano, il numero uno per volume e valore. Bisogna però conoscerne le dinamiche, perché avere la possibilità di accedere ai quasi 450 store del Systembolaget non è cosa semplicissima. “Per prima cosa il monopolio svedese acquista vini solo dagli importatori svedesi, quindi se siete dei produttori intenzionati ad entrare nel mercato vi consiglio di trovarne uno se volete accedere ad un tender. Inoltre, vi consiglio caldamente di comprendere il profilo sensoriale del vino che stiamo cercando e solo così avrete delle ottime possibilità di vincere la selezione e battere i competitor” ha spiegato il Master of Wine.

Gioie e dolori, confusione e ricerca di chiarezza, sono i sentimenti discordanti che stanno dominando invece il mercato inglese e la percezione di tale area da parte dei produttori. Mercato cardine per l’export dei prodotti italiani, che, come si sa bene, sta attraversando un momento di grande confusione. In attesa delle elezioni del 12 dicembre che chiariranno meglio le sorti politiche del Paese e di conseguenza della Brexit, Miles Beale, CEO della UK Wine and Spirits Trade Association, la principale associazione di categoria inglese del trade del vino, ci ha raccontato i possibili scenari che si prospettano post Brexit.
“Il primo scenario possibile dopo le elezioni generali è un accordo che verrà approvato dal Parlamento entro la fine di gennaio 2020 per essere sicuri che i nuovi accordi con l’Unione Europea siano efficaci. Se invece non venisse approvato un accordo - un “deal” l’UK uscirebbe immediatamente senza regole e in quel caso non sappiamo quale sarà il futuro dell’industria del vino. Mi sento di dire ai produttori di non farsi abbattere, c’è spazio per il business del vino in UK. Lasceremo l’Unione Europea ma non l’Europa: ci vorranno forse un paio di anni, ma troveremo il modo di continuare a collaborare come abbiamo fatto fino ad oggi” ha detto Beale ai nostri microfoni.

Due seminari hanno avuto un focus importante durante questa seconda giornata: la Cina. Ci sentiamo di segnalare in primis l’intervento di Ian Ford, fondatore della società di importazione Nimbility, che ha parlato molto concretamente del mercato cinese: “è bene non illudersi, la situazione non è delle più rosee al momento ma nonostante il declino registrato sui principali exporter mondiali, fra cui l’Italia, le previsioni per i prossimi anni sono, sorprendentemente, positive” ha spiegato Ford. I fattori che hanno contribuito ad una inflessione in discesa sono molti: l’indebolimento della moneta locale, la guerra dei dazi con gli Stati Uniti, l’introduzione dell’e-commerce. Fra i cambiamenti più impattanti rientra, infine, il ruolo degli importatori, che hanno manifestato un ispessimento della differenza fra “sole importer”, caratterizzato dall’esclusività e “multi importer”, quindi importatore di più brand.
A delineare altre interessanti dinamiche del grande mercato asiatico anche JC Viens, fondatore di Grande Passione, che ha parlato di un aspetto tecnico spesso troppo sottovalutato: la traduzione in cinese dei brand italiani, e non solo. “Molto spesso le aziende non prestano sufficiente attenzione al modo in cui le etichette dei loro prodotti vengono tradotte, in questo mercato è essenziale adattare i propri prodotti alla lingua locale, perciò il mio suggerimento a tutti i produttori è di assicurarsi che la traduzione del loro nome non contenga significati negativi, fuorvianti, ma che siano in linea con la lingua e, più di tutto, con la cultura cinese” ha affermato JC Viens.

Restando in tema di brand, non è mancato un momento dedicato alla pura costruzione della reputazione aziendale, fortemente voluto da Stevie Kim e introdotto al pubblico da Tom Cochran, professore di Digital Marketing e parte del team di digital strategy della campagna dell’ex Presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama. Un esempio che arriva da un mondo lontano alla wine industry, ma che ha lasciato trasparire interessanti punti in comune. Il mondo del vino, lo sappiamo, fatica ad evolversi in tempi troppo rapidi, spesso perché siamo legati alle nostre tradizioni (che naturalmente non vanno dimenticate) o perché non abbiamo intenzione di cambiare le nostre tecniche di vendita perché “abbiamo sempre fatto così”. Il mondo dei consumatori si evolve e così deve fare anche l’industria vitivinicola mondiale. “Ciò che desiderano i produttori è ottenere credibilità e fiducia, due elementi che possono arrivare solamente dalle persone e dalle relazioni, che vanno valorizzate di più. Bisogna avere il coraggio di intraprendere un cambiamento e di correre dei rischi, solo così si può giungere a un risultato concreto” ha affermato Cochran.
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato. giovedi 28 maggio 2020

Usa e Regno Unito: le abitudini di consumo tra nuovi e vecchi trend

Il Covid-19 ha cambiato le scelte dei consumatori britannici e americani sia in termini di modalità di acquisto, ma anche di prodotto acquistato.

Agnese Ceschi
Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino. giovedi 28 maggio 2020

Le risposte delle Istituzioni e l'analisi degli enologi del mondo

Assoenologi ha organizzato una nuova diretta per parlare del difficile momento per l'industria del vino.

Astrid Panizza
Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite. giovedi 28 maggio 2020

Voglia di Made in Italy: il packaging “tricolore” paga

Due terzi degli italiani disposti a pagare 20% in più per garantirsi l’italianità del prodotto. Bandiera italiana e claim “100% italiano” fanno crescere le vendite.

Emanuele Fiorio
L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità? giovedi 28 maggio 2020

Il ventaglio di alternative della Nuova Normalità

L'indagine di Global Web Index traccia i profili di alcuni comportamenti ricorrenti del consumatori mondiali. Diventeranno questi i paradigmi del panorama della Nuova Normalità?

Agnese Ceschi
Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato. mercoledi 27 maggio 2020

Cantina Bolzano: strategie anti-crisi

Per la cantina altoatesina la vendita di vino nel commercio al dettaglio di generi alimentari raggiunge il 45% e si apre la Norvegia come nuovo mercato.

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma. mercoledi 27 maggio 2020

Wine Meridian recruiter di storie vincenti: aspettiamo te!

Siamo alla ricerca di nuove idee, testimonianze di successo per raccontare un'Italia che non si ferma.

Astrid Panizza
Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: i produttori affrontano la riapertura

Per le aziende statunitensi è una fase cruciale, rimangono le vendite online e gli happy hour virtuali ma molti puntano sulle degustazioni all’aperto.

Emanuele Fiorio
Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani. mercoledi 27 maggio 2020

Usa: gli spumanti italiani non perdono un colpo

Slancio positivo per gli spumanti italiani che si assicurano il 35% del mercato totale, il Prosecco sta diventando un “every day wine”, un’abitudine di consumo degli americani.

Emanuele Fiorio
We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017 wednesday 27 may 2020

Italian wines in the world: Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

We have tasted for you Masot’s Colfondo igt Colli Trevigiani 2017

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali. mercoledi 27 maggio 2020

Export vini sfusi: la “Belle Èpoque” prima del Covid-19

Ottimo periodo pre-pandemia, i principali fornitori europei di vini sfusi sono cresciuti a 2 cifre in volume, ma l’emergenza globale produrrà perdite sostanziali.

Emanuele Fiorio
In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19
mercoledi 27 maggio 2020

Prepararsi al rilancio del vino italiano negli Usa

In attesa dello sblocco del canale Horeca negli Usa, aziende, distributori e importatori si confrontano per pianificare lo sviluppo dell’agroalimentare italiano nel post Covid-19

Astrid Panizza
Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur. martedi 26 maggio 2020

Nasce CrowdWine: la prima piattaforma di crowdfunding dedicata al vino italiano

Un sistema di finanziamento alternativo e innovativo che crea l’incontro tra produttori vitivinicoli italiani di qualità e wine lovers trasformando l’acquisto in un’esperienza con l’inedita possibilità di acquistare anche En Primeur.

Il business media britannico, premiato dalla UK Press Gazette come migliore iniziativa giornalistica durante la pandemia del Coronavirus, ci accompagna in uno dei principali mercati del vino mondiale in una delle crisi più complesse della storia moderna. martedi 26 maggio 2020

Con “The Buyer” nel Regno Unito in epoca Covid-19

Il business media britannico, premiato dalla UK Press Gazette come migliore iniziativa giornalistica durante la pandemia del Coronavirus, ci accompagna in uno dei principali mercati del vino mondiale in una delle crisi più complesse della storia moderna.

Federica Mataluna
Come convertire il paradosso di Cenerentola nella vita aziendale. martedi 26 maggio 2020

Prepararsi alla ripresa: la gestione del capitale umano

Come convertire il paradosso di Cenerentola nella vita aziendale.

Astrid Panizza
Il parere di Emilio Pedron, uno dei più autorevoli manager del vino italiano, che auspica l’affermarsi di una nuova élite manageriale ed una rinascita del mercato domestico e delle denominazioni, non dimenticando gli errori del passato. martedi 26 maggio 2020

Puntare sull’Italia con nuovi dirigenti capaci di fare rete

Il parere di Emilio Pedron, uno dei più autorevoli manager del vino italiano, che auspica l’affermarsi di una nuova élite manageriale ed una rinascita del mercato domestico e delle denominazioni, non dimenticando gli errori del passato.

Emanuele Fiorio