Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
giovedi 27 febbraio 2020 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


cantina settesoli Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Cantina di Custoza WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Corte De Pieri way to go Vigna Belvedere https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ http://www.grafical.it/it/ www.prosecco.wine  www.cantinatollo.it pradellaluna.com catullio.it
giovedi 23 gennaio 2020

Wine education 2020: perché 18.206 cinesi e solo 1.127 italiani scelgono WSET?

La formazione, specie quella professionale, deve stare al passo con i cambiamenti sociali e di mercato: la parola d’ordine per la Wine Education 2020 è “globalità”.


Wine education 2020: perché 18.206 cinesi e solo 1.127 italiani scelgono WSET?
Secondo i dati rilasciati per l’anno accademico 2018/2019, sono stati 18.206 gli studenti WSET in Cina, 1.127 in Italia. La Cina è nuova nel grande business del vino: si è dovuto attendere il 1892 per vedere la nascita della prima cantina vinicola, ed è solo a partire dalla seconda metà del Novecento che la produzione enologica nazionale è decollata, diventando importante per le economie locali. Eppure, il numero di persone che hanno scelto di ottenere una qualifica WSET lì è di circa 16 volte superiore a quello dell’Italia, un paese che ha non solo una tradizione vinicola autoctona millenaria, ma anche una wine industry estesa e radicata. Cosa implica questo fenomeno?

Iniziamo col chiarire che cosa siano le qualifiche WSET. Sono certificazioni professionali, riconosciute a livello internazionale e spendibili in tutto il mondo, rilasciate dal Wine and Spirits Education Trust (da cui l’acronimo WSET). Questo istituto londinese è oggi leader per la formazione su vino e distillati e conta ad oggi circa 900 Approved Programme Provider (APP) distribuiti in 75 paesi. All’estero, lo standard stabilito dalle certificazioni WSET è già considerato un must nella wine industry o nell’alta formazione, come quella per diventare Master of Wine. In Italia, è un altro paio di maniche.

L’impressione generale è che, a differenza della Cina o di altri paesi europei, il Belpaese faccia ancora fatica ad abbracciare un vero punto di vista internazionale da cui guadagnare una spinta verso la globalità. Dimensione, la globalità, nella quale i numeri raggiunti dalle vendite del vino italiano non rendono ancora giustizia alla qualità, alla storia e alla fama riconosciute ovunque a questo prodotto. Il vino italiano deve potersi rapportare con i mercati internazionali e, per farlo, ha bisogno di operatori opportunamente preparati: a questo i produttori dovrebbero riconoscere la massima urgenza. Avvicinarsi alla filosofia WSET può essere un ottimo punto di partenza.

Le strutture che erogano corsi WSET nel nostro paese come APP sono 17. Italian Wine Academy (IWA) è stata la prima a portare ufficialmente la possibilità di ottenere queste certificazioni nella città di Vinitaly, Verona. La sede principale è ospitata dalla Vinitaly International Academy negli spazi di wine2digital, adiacenti agli uffici di Veronafiere. Abbiamo chiesto al suo staff, agli insegnanti e ad alcuni allievi un commento sul perché dell’impostazione scelta, sul significato dei risultati finora raggiunti e sulle principali novità introdotte per l’anno 2020.

Franco Conti, il referente per IWA, ci ha spiegato qual è secondo lui il valore dei corsi WSET: «Seguire un corso strutturato, apprendere tecniche di degustazione e riconoscere le diverse varietà enologiche con i relativi abbinamenti è un investimento che ripaga, e profumatamente. I consumatori sono oggi molto più consapevoli di quello che bevono. Se da un lato questo status li trasforma in clienti di alto valore per il wine trade, dall’altro rende di primaria importanza avere una preparazione capillare per figure come rivenditori, operatori del settore hospitality, export manager, grossisti, importatori o addetti marketing e comunicazione del vino. La Cina, oggi uno dei mercati più significativi per il vino, ha capito che WSET è una risorsa preziosa da sfruttare, in questo senso».

La formazione WSET è il percorso ideale per imparare la lingua internazionale del vino, per aprire la mente a una visione del vino business oriented e per esplorare le dinamiche di prodotto e di mercato al di fuori dei confini italiani. Come i cinesi, lo hanno capito gli studenti di IWA: uno dei feedback più ricorrenti è riassunto nella testimonianza di Rosanna Ramacciotti, allieva certificata WSET Level 2 - Award in Wine. «Ho scelto di frequentare il corso WSET perché volevo acquisire una visione internazionale del vino e conoscere i termini inglesi per la degustazione. Dopo aver completato con successo il percorso AIS, cercavo un approccio più globale al mondo del vino e la stessa AIS mi ha consigliato l’Italian Wine Academy».

WSET mette ordine tra termini e nozioni sul vino e li dispone in una struttura mentale rigorosa. Insegna un metodo di degustazione sistematico che - anche grazie all’inglese e al lessico univoco - permette di comprendere il vino e raccontarlo in maniera efficace indipendentemente dalla nazionalità dell’interlocutore. Giusto a proposito dell’inglese, ecco cosa l'educator di IWA Rebecca Lawrence ha detto del WSET Level 1: «Questo corso è pensato soprattutto per i “beginners”, è vero. I “beginners”, però, non sono solo quelli che sanno poco sul vino e il suo business e vogliono saperne di più, ma anche quelli che vogliono imparare o perfezionare il proprio inglese e ampliare il proprio vocabolario. Il WSET Level 1 è un vero e proprio corso di inglese dove puoi apprendere la lingua parlando - seriamente - di vino!».
Rebecca Lawrence, Wine Educator, Education Development Consultant, Italian Wine Specialist e autrice enologica, è arrivata in IWA direttamente dalla WSET London School. Oltre alla propria preparazione come educatrice, Rebecca mette a disposizione degli studenti anche un lunga esperienza diretta nel settore retail in un mercato globale chiave come quello del Regno Unito. Accanto a lei, nel corpo docenti di IWA, Jean-Charles Viens insegna in Italia e Hong Kong da 11 anni. 

Per quanto riguarda le principali novità introdotte quest’anno nel programma di IWA, abbiamo già anticipato la prima: accanto ai corsi di livello 2 e 3, per il 2020 l’istituto ha attivato il WSET Level 1 - Award in Wine. È un corso introduttivo al mondo del vino, della durata di una giornata, che insegna le basi del servizio e della degustazione. Il corso termina con un esame di 30 domande a risposta multipla e un esercizio di abbinamento vino-cibo. Anche il livello 1, come il 2 e il 3, prevede il conseguimento di un certificato riconosciuto internazionalmente.

Un’altra novità del 2020 di IWA è l’impegno nell’organizzare attività anche in sedi satellite di diverse parti d’Italia. Il progetto è interessante ad esempio per aziende e consorzi, che possono ospitare i corsi e offrirli ai propri dipendenti e associati. Lo è anche per istituti di formazione che vogliano inserire a curriculum i corsi WSET: è quello che ha fatto Bologna Business School (BBS), nuovo partner di IWA, che dal 14 al 16 gennaio ha offerto una prima sessione del WSET Level 2- Award in Wines agli studenti del Global MBA Food and Wine.


Il calendario dei corsi WSET 2020 presso Italian Wine Academy a Verona è disponibile sul sito web della scuola. I prossimi in agenda sono il 17 febbraio con il livello 1, dal 31 gennaio al 2 febbraio per il livello 2 e dal 5 al 9 febbraio per il livello 3. È possibile iscriversi online, alla pagina dedicata dello stesso sito; sono attive promozioni e formule speciali per i membri di Wine People. 
Wine education 2020: perché 18.206 cinesi e solo 1.127 italiani scelgono WSET?


Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
I nemici da affrontare nel 2020? A parte le guerre commerciali e la situazione politica, il vino dovrà fare i conti con un surplus di prodotto, con la fine della premiumizzazione e nuove generazioni che non interagiscono come sperato. giovedi 27 febbraio 2020

Le previsioni 2020 nel mercato americano

I nemici da affrontare nel 2020? A parte le guerre commerciali e la situazione politica, il vino dovrà fare i conti con un surplus di prodotto, con la fine della premiumizzazione e nuove generazioni che non interagiscono come sperato.

Agnese Ceschi
I produttori che verranno a Vilnius il 22 e 23 maggio troveranno una porta aperta verso i Paesi Baltici e la Bielorussia giovedi 27 febbraio 2020

Un viaggio alla scoperta del promettente mercato lituano

I produttori che verranno a Vilnius il 22 e 23 maggio troveranno una porta aperta verso i Paesi Baltici e la Bielorussia

Traduzione di un articolo di Michele Shah
Un approfondimento di due giornate per affrontare al meglio il “nuovo” mercato italiano del vino giovedi 27 febbraio 2020

Seminari Wine Meridian 2020: 18 e 19 giugno focus Vendita Italia

Un approfondimento di due giornate per affrontare al meglio il “nuovo” mercato italiano del vino

Cristian Fanzolato
Decisione concertata con le principali associazioni di settore, il presidente della Regione del Veneto ed il sindaco di Verona. Il dg Mantovani: «Il settore vino sia svolta positiva per il Paese». mercoledi 26 febbraio 2020

Veronafiere: Vinitaly conferma la data nella terza decade di Aprile 2020 (19/22)

Decisione concertata con le principali associazioni di settore, il presidente della Regione del Veneto ed il sindaco di Verona. Il dg Mantovani: «Il settore vino sia svolta positiva per il Paese».

In controtendenza, aumentano consumi, categorie, produzione, superfici, export, il biologico appare inarrestabile. mercoledi 26 febbraio 2020

Mercato vino in flessione? il bio crescerà a 3 cifre

In controtendenza, aumentano consumi, categorie, produzione, superfici, export, il biologico appare inarrestabile.

Emanuele Fiorio
Realtà storica, leader nella distribuzione con un occhio di riguardo per piccole realtà dal grande potenziale. mercoledi 26 febbraio 2020

Gruppo Meregalli, inossidabile certezza

Realtà storica, leader nella distribuzione con un occhio di riguardo per piccole realtà dal grande potenziale.

Emanuele Fiorio
Dall'1 al 2 aprile 2020 saremo a Toronto (Ontario) per un tour con b2b attraverso appuntamenti organizzati in partnership con Wonderfud
mercoledi 26 febbraio 2020

B2B a Toronto: ultimi giorni per aderire

Dall'1 al 2 aprile 2020 saremo a Toronto (Ontario) per un tour con b2b attraverso appuntamenti organizzati in partnership con Wonderfud

Strumenti pratici ed efficaci per espandere il vostro business all’estero, una singolare combinazione di conoscenze linguistiche, commerciali e di marketing relazionale martedi 25 febbraio 2020

Seminari Wine Meridian 2020: 16 e 17 giugno due giornate di “English for wineries”

Strumenti pratici ed efficaci per espandere il vostro business all’estero, una singolare combinazione di conoscenze linguistiche, commerciali e di marketing relazionale

Cristian Fanzolato
We have tasted for you Azienda Vitivinicola Cantamessa's Ciòt - Barbera d'Asti DOCG Superiore tuesday 25 february 2020

Italian wines in the world: Azienda Vitivinicola Cantamessa's Ciòt - Barbera d'Asti DOCG Superiore

We have tasted for you Azienda Vitivinicola Cantamessa's Ciòt - Barbera d'Asti DOCG Superiore

Come imparare a gestire le situazioni “critiche” di vendita, analizzando il proprio stile di comunicazione.

Come si conduce una trattativa di vendita?

Come imparare a gestire le situazioni “critiche” di vendita, analizzando il proprio stile di comunicazione.

Circa 4mila visitatori per il debuttto dell'annata 2015. lunedi 24 febbraio 2020

Vino: chiusura a 5 stelle per Benvenuto Brunello 2020

Circa 4mila visitatori per il debuttto dell'annata 2015.

Due giornate dedicate ad una figura sempre più strategica per l’export del vino, in dettaglio programma e modulo di iscrizione lunedi 24 febbraio 2020

Seminari Wine Meridian: Multibrand Export Manager il 6 e 7 maggio

Due giornate dedicate ad una figura sempre più strategica per l’export del vino, in dettaglio programma e modulo di iscrizione

Cristian Fanzolato
Dazi americani e coronavirus cinese sono una combo micidiale per il mercato 2020, previsioni al ribasso e allarme diffuso. lunedi 24 febbraio 2020

Il coronavirus contagia l’industria degli alcolici

Dazi americani e coronavirus cinese sono una combo micidiale per il mercato 2020, previsioni al ribasso e allarme diffuso.

Emanuele Fiorio
Lo spumante traina il comparto, i consumatori cercano qualità penalizzando il vino senza denominazione. lunedi 24 febbraio 2020

Mercato Italia, stabilità e premiumisation

Lo spumante traina il comparto, i consumatori cercano qualità penalizzando il vino senza denominazione.

Emanuele Fiorio
E-commerce, heath&wellness, eco-packaging, ginaissance, premiumisation: l'IWSR presenta le 5 tendenze globali che guideranno il mercato. lunedi 24 febbraio 2020

Bevande alcoliche: i 5 trends mondiali del 2020

E-commerce, heath&wellness, eco-packaging, ginaissance, premiumisation: l'IWSR presenta le 5 tendenze globali che guideranno il mercato.

Emanuele Fiorio
Il nuovo progetto di Wine Meridian per dare valore ai vini che vincono la sfida con il tempo. Alta qualità e personalità del vino entrano “in gioco” e voi siete pronti a farlo? Mandateci i vostri campioni

Longevity Wines: la nostra nuova rubrica sui vini longevi

Il nuovo progetto di Wine Meridian per dare valore ai vini che vincono la sfida con il tempo. Alta qualità e personalità del vino entrano “in gioco” e voi siete pronti a farlo? Mandateci i vostri campioni



WineMeridian