Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
sabato 20 gennaio 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Tommasi WineNet Bixio Ceccheto Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 IWSC www.farinatransparency.com www.bellenda.it Tebaldi valdoca pertinace vinojobs
martedi 31 ottobre

Wine influencer e followers: un legame vincente

Intervista a Eleonora Galimberti, sommelier digitale: i social media possono avere un ruolo chiave nel processo d’acquisto, specialmente nei confronti dei Millennials


Wine influencer e followers: un legame vincente

Il mercato del vino è sempre più dinamico oggi e, per le aziende, lasciare la propria impronta, a volte, è davvero difficile. Il passa parola è diventato virtuale e digitale e i gusti del pubblico si evolvono rapidamente.
Come fare per catturare l’attenzione del cliente e stabilire un rapporto con lui? Cosa fa davvero la differenza, oggi, nel frenetico mondo del marketing digitale?
Per cercare delle risposte a questa tematica molto attuale, abbiamo chiacchierato con la wine influencer,
Eleonora Galimberti, che ci ha raccontato cosa vuol dire oggi coniugare il mondo del digitale al mondo del vino. Lei, specializzata in comunicazione e digital PR, wine & food consulting, social media marketing, si definisce una
sommelier digitale. Racconta le sue più grandi passioni all’interno di un wineblog dal nome Enogallery, che nasce dall’unione del suo amore per il vino alla sua devozione alla scrittura. “Il web è il motore che riesce ad unirle” dice.

Ci racconti qualcosa su Enogallery
Enogallery è un portale dedicato alla comunicazione enogastronomica, alla cultura del vino promossa però come autentica espressione artistica, da qui la parola gallery. La parte più dinamica del blog è la sezione Enozioni, aggiornata quotidianamente, che, come richiama il titolo parla delle emozioni del vino, vissute attraverso i miei occhi e le mie esperienze. Parlando della mia attività, cito spesso una frase di Mario Soldati: “il vino è la poesia della terra”.

Cosa significa oggi essere Wine Influencer?

L’influencer è chi trasforma il passaparola in un click to click. Tecnicamente parlando, è un utente del web, che grazie ai social network gode di un consistente pubblico di seguaci, followers; scrive su blog e crea hashtag tematici, ma, soprattutto, condivide contenuti in grado di “influenzare” gli altri utenti ed orientare le loro scelte di consumo.
Essere wine influencer significa, prima di tutto, essere appassionati di vino, competenti in materia, trasmettere affidabilità ed essere in grado di comunicare tutto questo con contenuti che possano suscitare interesse, e che possano, a loro volta, essere commentati e condivisi, generando partecipazione e coinvolgimento.
Nell’era moderna la potenza dei social media ha rapidamente conquistato la sua autorevolezza, integrandosi alla comunicazione tradizionale. E’ proprio per questo che la figura del wine influencer è anche diventata una leva di marketing, un’opportunità concreta per le aziende.

Cosa ne pensa della critica e delle guide del vino?
Credo che la critica e le guide del vino continueranno ad avere un certo peso sul consumatore, e che le recensioni dei critici, seppur dibattuti, siano imprescindibili. Come ogni linguaggio tecnico, quello delle guide è uno strumento per avvicinarsi a un fenomeno complesso in maniera professionale. Il critico di vino è un mestiere preciso, come quello dell’enologo, poiché egli non considera il vino in modo edonistico, quale strumento di piacere, ma soprattutto in modo degustativo, cioè come bene sopra cui svolgere un’analisi tecnica e professionale.
Tuttavia il consumo del vino rappresenta un fenomeno in costante mutamento. In passato, il consumatore, una volta identificata la sua preferenza per una tipologia di vino, tendeva ad essere piuttosto fedele e costante nell’acquisto e nel consumo; ultimamente, grazie anche allo sviluppo e alla diffusione dei social media, si nota un continuo cambiamento delle preferenze del pubblico, influenzato dalla curiosità di conoscere qualcosa di nuovo.

Qual’è il Suo personale linguaggio?
Quando scrivo articoli sul blog utilizzo un linguaggio più “narrativo” e spesso tecnico, perché ho spazio per soffermarmi sui contenuti ed amo sviluppare i miei testi in modo discorsivo, ma non banale.
Il mio linguaggio sui social media invece è più diretto, direi essenziale, mirato sul target dei miei followers, con una comunicazione immediata ed efficace per stimolare l’interazione. Più intenso è lo scambio di commenti, like e condivisioni e maggiore è il senso di credibilità e fiducia. Inoltre è molto importante pubblicare immagini curate, pertanto seleziono con particolare attenzione e condivido solo fotografie che comunicano stile elegante e buon gusto.

Che impatto hanno i social media nelle scelte dei consumatori di vino oggi?
Che i social media abbiano ribaltato il modo in cui i consumatori valutano e acquistano prodotti e servizi è assodato. I web influencer ormai dettano le scelte del pubblico. Seguiti da numerosi followers, da Instagram a Facebook, fino ai blog, con grandi capacità tecniche, talento e competenze specifiche, sono diventati i veri protagonisti della comunicazione.
Ciononostante ci si chiede fino a che punto i social media, per mezzo degli influencers, riescano a condizionare il processo decisionale sull’acquisto.
Il fenomeno è complesso e vanno tenuti in considerazione diversi fattori: innanzitutto il livello di notorietà del media/influencer, dato il proprio potere di raggiungere potenziali clienti in ampia scala (più è famoso e più c’è il rischio che venga “comprato” da un brand). In secondo luogo, è necessario tenere conto dei contenuti pubblicati e del modo in cui si pongono, poiché dare una definizione dei prodotti o servizi positiva, senza assumere un atteggiamento critico a riguardo, è un sintomo di sfiducia, che può nuocere alla reputazione e alla credibilità.
Essendo difficile generalizzare, è possibile però affermare che i social media possono avere un ruolo chiave nel processo d’acquisto, specialmente nei confronti dei Millennials.

Cosa può imparare il mondo del vino da altri settori merceologici, ad esempio la moda?
Il mondo del vino oggi crea tendenza e ha una forte affinità con il fashion, il design e il lusso. Dalla moda il mondo del vino potrebbe imparare l’approccio ai social media e coltivare una connessione di reciproca fiducia con i digital influencers. 
Affidarsi ad uno di loro può essere un’efficace investimento di marketing e garantire numerosi vantaggi per il marketing online, innanzitutto a livello di costi. In genere l’investimento, sia in termini di tempo che in termini economici, risulta più contenuto, in relazione a una campagna classica. Inoltre, il tipo di comunicazione che si verrà a creare con il target può accrescere la fiducia e la credibilità del proprio brand, con visibilità immediata, alimentando con successo un passaparola affidabile, nonché raggiungere un'audience illimitata. Ovviamente, come per i mezzi tradizionali, è meglio non compiere una scelta alla cieca: prima di affidarsi ad un influencer è necessario studiare a fondo il proprio target e i propri obiettivi.
Wine influencer e followers: un legame vincente
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Prosecco pedina di scambio nell’accordo tra UE e Australia?

Attualmente la produzione di Prosecco in Australia ha un valore di circa 40 milioni di euro ma è in forte crescita e potrebbe raggiungere a breve i 150 milioni di euro. Secondo alcuni osservatori la produzione di Prosecco australiano potrebbe rappresentare un beneficio anche all’immagine e posizionamento di quello italiano

Francesco Piccoli
Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Pochi giorni al meeting per gli export manager di Wineout

Partecipa gratuitamente alla straordinaria opportunità di condividere esperienze

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters giovedi 18 gennaio

Importare vini italiani in America: non ci si improvvisa

Intervista a Nicola Baù e a Roberta Crivellaro dello Studio legale Whiters

Noemi Mengo
Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons giovedi 18 gennaio

Wine influencer: quanto valore portano alla wine community e quanto accrescono la conoscenza comune del vino?

Intervista a Julien Miquel, wine blogger di uno dei più influenti wine blog al mondo, Social Vignerons

Noemi Mengo
Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Cosa significa essere oggi un imprenditore del vino?

Wine People presenta l'unico percorso personalizzato di formazione e consulenza ideato per gli imprenditori del vino che vogliono ottenere più risultati. A febbraio il primo incontro.

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo? martedi 16 gennaio

Danimarca: dove la felicità è di casa

Perché esportare nel secondo mercato più felice al mondo?

Agnese Ceschi
Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta? lunedi 15 gennaio

120 cm ² per raccontare la propria storia

Come raccontarsi in modo efficace nell'etichetta?

La più importante hub del commercio asiatico venerdi 12 gennaio

Inserirsi nel mercato cinese: perché dovreste usare Hong Kong come tramite

La più importante hub del commercio asiatico

Noemi Mengo
Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme… giovedi 11 gennaio

Come essere influenti in Cina

Chi sono i wine influencer cinesi? Lo scopriamo assieme…

Redazione Wine Meridian
Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Il primo corso per imparare a vendere vino nel mondo e in Italia

Finalmente ci siamo: a febbraio partirà il WinePeople Campus sulla Vendita. Vogliamo creare professionisti di successo nella vendita del vino italiano nel mondo! Richiedi un colloquio informativo

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Diventare imprenditori del vino consapevoli

Parte l’8 febbraio il primo Wine Campus Imprenditori, un percorso in 8 tappe per diventare imprenditori del vino consapevoli del proprio ruolo nella gestione dell’impresa, sullo stato di salute della propria azienda, delle dinamiche dei mercati, del come costruirsi una identità riconoscibile, degli strumenti di marketing e di comunicazione

Fabio Piccoli
Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

In onore di Gualtiero Marchesi

Il ricordo di un uomo che ha saputo sperimentare personalmente, nell’arco di una vita, la condizione umana di tre epoche

Vincenzo Ercolino


WineMeridian