Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

sfondo_wm
venerdi 19 luglio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com


Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ Vigna Belvedere italian wine academy https://www.marchesibarolo.com/ http://www.varramista.it/it/ Farina Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/
lunedi 25 luglio 2016

Wine Meridian Goes West

Inauguriamo oggi una rubrica sul mercato Nord Americano con la nostra corrispondente dalla California Laura Donadoni


Wine Meridian Goes West
Wine Meridian Goes West vuole essere una finestra aperta a occidente, sul mercato Nord Americano, sulle tendenze, sui consumi e sull’export italiano di vino in Usa. La nostra inviata, Laura Donadoni, vice presidente della Wine Agency Vinomatica.com, di base a Los Angeles, è impegnata nella promozione dell’immagine delle cantine italiane in Nord America. Giornalista, wine blogger e sommelier certificata, Laura, offrirà con questa rubrica spunti di riflessione, di dibattito e osservazioni economico-sociali.

IL MOMENTO MAGICO DEGLI SPARKLING WINES

Inauguriamo questa rubrica con le bollicine, come da tradizione. Bollicine che pare siano, anno dopo anno, sempre più preferite dai consumatori americani: negli ultimi 6 anni il consumo di vini sparkling (frizzanti) è cresciuto costantemente negli Stati Uniti e nel 2015 le vendite di questo prodotto sono aumentate del 12,5% rispetto al 2014. Il dato aumenta se consideriamo soltanto i vini sparkling italiani: + 17.5%. E le proiezioni di "The Beverage Information Group" (ente statistico privato, ndr) per il 2016 confermano il trend positivo. Sempre secondo la stessa agenzia statistica gli Stati in cui si consumano più vini frizzanti sono la California, seguita dall’Illinois e da New York.

Ma i numeri da soli dicono poco: che tipologia di sparkling viene consumata? Quando? Da che tipo di consumatore? Tutte domande a cui è doveroso rispondere per dare una lettura corretta del trend e capirne l’evoluzione. Prima di addentrarmi nelle risposte, va aggiunto un dato: gli Stati Uniti, come sappiamo, sono la nazione dove si consuma più vino al mondo (ha superato la Francia nel 2013 e da allora mantiene stabilmente il primato) e dove i numeri sono in costante crescita.
I giovani, la nuova generazione di americani, amano il vino e hanno iniziato a consumarlo con più frequenza, non soltanto in occasioni speciali. Stiamo assistendo a un cambio delle abitudini sociali dei consumi: se da un lato ci sono i consumatori della fascia 40-60 anni che continuano nella tradizione statunitense della birra come bevanda quotidiana da pasto o del super-alcolico come aperitivo (il drink pre-cena è spesso whiskey o un cocktail a base di distillati), lasciando il vino alle cene o ai pranzi di occasioni o weekend, dall’altro ci sono i venti-trentenni che scelgono più spesso il vino, in particolare frizzante e dal basso contenuto alcolico, sia come aperitivo, sia come tutto pasto, e spesso come base di cocktail. Secondo un recente sondaggio finanziato dal colosso E. & J. Gallo Winery, il 66% dei Millennials intervistati consuma il vino frizzante con del succo di frutta, il 51% come base per un cocktail, il 46% ci mette il ghiaccio.
So che sono affermazioni forti, che fanno probabilmente drizzare i capelli ai nostri produttori di vini frizzanti (soprattutto a chi fa della sua fama la qualità e non il prezzo), ma questa è una realtà da tenere in considerazione quando si pensa all’export negli Usa. E i Millenials sono coloro che detteranno le regole del mercato dei prossimi 10 anni. Il gusto delle nuove generazioni è quindi tutto volto a vini sparkling freschi, poco alcolici, piacevoli. Il vino più importato negli Usa, in assoluto, è il Prosecco, non a caso, a seguire il Moscato.

Ma andiamo oltre: assodato che questo segmento sta vivendo un momento magico e sembra andar da se, c’è o non c’è un mercato per chi produce vini frizzanti metodo classico? Pensiamo ai nostri Franciacorta, per esempio. La risposta è da cercarsi prima nei numeri, poi nei cambiamenti sociali.
I numeri: il consumo di Champagne nel 2015 è aumentato del 7,5% rispetto all’anno precedente e le vendite di spumanti metodo classico importati (prodotti fuori dagli Usa) sono aumentate del 28% in 5 anni (fonte: the Wine Institute).
Il cambiamento sociale: lo spumante sta iniziando ad essere considerato un vino da tutto pasto, non più soltanto un aperitivo o una bottiglia per festeggiare, ma una bevanda da pasto. Quindi la risposta è sì: c’è un mercato per i nostri metodo classico e il momento magico per investire eè adesso, partendo proprio dagli Stati dove si consumano tradizionalmente più vini frizzanti, come la California, la Florida, New York per poi esplorare piazze meno battute, come lllinois e Texas.
Cheers!

Laura Donadoni

Per contattarla:
theitalianwinegirl@gmail.com
www.laurawines.com
FACEBOOKTWITTER
INSTAGRAM 
Laura Donadoni, corrispondente da Los Angeles

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi? venerdi 19 luglio 2019

E se la miglior regola fosse la libertà e il controllo?

In queste settimane alcuni Consorzi si stanno muovendo per ridurre le produzioni con lo stop di nuovi impianti e, come per la Valpolicella, diminuire la percentuale di uve per l'Amarone. Ma è giusto che a pagare le eccedenze produttive e i bassi posizionamenti siano anche i produttori virtuosi?

Fabio Piccoli
Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino. giovedi 18 luglio 2019

L’Italia nominata miglior Paese mondiale per il vino dai wine lovers internazionali

Il sondaggio di Lastminute.com, uno dei maggiori portali di offerta turistica, rivela la predilezione per l'Italia del vino.

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere. giovedi 18 luglio 2019

Cina: dati Istat in contrasto con le dogane cinesi

Export a +7,9% o a -14,4%? La babele di numeri contrastanti continua ad incombere.

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo giovedi 18 luglio 2019

Marchesi di Barolo: una storia dalle nobili origini e un grande futuro avanti a sé

Intervista a Valentina Abbona, sesta generazione della storica cantina Marchesi di Barolo

Noemi Mengo
L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume
giovedi 18 luglio 2019

La nuova meta delle bollicine italiane è il Canada

L'Italia continua a guidare la classifica con una quota di mercato del 33% in volume

Noemi Mengo
Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto mercoledi 17 luglio 2019

Colline di Conegliano Valdobbiadene Unesco: ben oltre il fenomeno Prosecco

Interviene la Confraternita di Valdobbiadene ricordando che il riconoscimento UNESCO si riferisce al territorio e non al prodotto

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli. mercoledi 17 luglio 2019

Annunciati i vincitori del trentottesimo Premio Masi

A ricevere il prestigioso riconoscimento sabato 28 settembre Jeannie Cho Lee, Roberto Citran, Alain Finkielkraut, Piero Luxardo e Nando Pagnoncelli.

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci mercoledi 17 luglio 2019

Italian wines in the world: Venere di Azienda Agricola Nenci

Abbiamo degustato per voi Venere di Azienda Agricola Nenci

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero
mercoledi 17 luglio 2019

Vino italiano in Svizzera: bisogna osservare con gli occhi del consumatore

Intervista ad Armin H. Mueller, esperto conoscitore del mercato svizzero

Noemi Mengo
Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione. 
martedi 16 luglio 2019

Consorzio della Valpolicella: pubblicata dalla Regione Veneto la richiesta di blocco totale degli impianti

Secondo il presidente Sartori è una misura necessaria per tutelare l'equilibrio tra mercato e produzione.

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo martedi 16 luglio 2019

Simone Masè è il nuovo Direttore Generale del Gruppo Lunelli

Masè subentra a Beniamino Garofalo, che ha terminato il 30 giugno un positivo percorso all’interno del Gruppo

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini
martedi 16 luglio 2019

Degustare il vino da un’altra prospettiva, la propria

Venerdì 12 luglio, il primo incontro: un grande inizio per il corso di avvicinamento al vino di Alberto Ugolini

Noemi Mengo
We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca tuesday 16 july 2019

Italian wines in the world: Fattoria Varramista's Frasca

We have tasted for you Fattoria Varramista's Frasca

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo martedi 16 luglio 2019

Simply Italian Great Wines, l’Italia del vino vola in Norvegia

Continua il Simply Italian Great Wines World Tour che il 23 settembre conquista Oslo, in Norvegia, per il quarto anno consecutivo

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani
lunedi 15 luglio 2019

Il successo a stelle e strisce della Sicilia

Valore, varietà e sostenibilità stanno facendo scalare le classifiche americane ai vini siciliani

Agnese Ceschi
Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino. 
lunedi 15 luglio 2019

La ricetta di un brand di successo? Pochi (ma buoni) ingredienti, tra questi uno scopo

Acquisti e motivazione vanno a braccetto, anche nel mondo del vino.

Noemi Mengo


sfondo_wm