Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

http://www.winemeridian.com/
giovedi 21 febbraio 2019 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Siddura Tommasi WineNet CVA Canicatti Bixio https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it https://www.accordinistefano.it/ http://www.cantinavicobarone.com/  http://acquesi.it/ wm Vyno Dienos italian wine academy Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace
lunedi 17 settembre

Wine scores: come promuovere i punteggi ottenuti in 8 semplici passi

Una classifica Top #8 dei migliori suggerimenti per promuovere alti riconoscimenti a livello internazionale


Wine scores: come promuovere i punteggi ottenuti in 8 semplici passi
Avete ottenuto punteggi importanti per i vostri vini, ne siete orgogliosi e vorreste che questi punteggi parlino direttamente ai vostri clienti e aumentino sensibilmente le vendite? Avere dei punteggi elevati a livello internazionale non basta più, bisogna promuovere i risultati ottenuti, perché ne siano al corrente tutti, altrimenti a cosa sono serviti i vostri sforzi?

Grazie ad una preziosa classifica di Beverage Trade Network abbiamo deciso di riproporre una nostra versione della
Top #8 delle idee migliori per non rendere vani gli sforzi investiti per ottenere i tanto amati punteggi e promuoverli su larga scala. Ottenere un punteggio superiore a 90 da un famoso critico del settore non farà automaticamente spostare le bottiglie dai vostri stabilimenti; tenete presente che, ad esempio, Wine Spectator, leader indiscusso nel campo dei magazine del comparto, recensisce oltre 15000 vini ogni anno e, di questi, oltre centinaia ottengono un punteggio superiore ai 90 punti. Perciò non sentitevi troppo speciali, ma nemmeno abbandonati: è ora di rimboccarsi le maniche perché c’è bisogno di un po’ di creatività, e noi abbiamo qualche buona idea da darvi.

1. Discutete dei vostri vini su un blog

Se già la vostra cantina ne ha uno, siete a metà strada: gli articoli su di un blog sono la via perfetta per dare spiegazioni in merito all’ottenimento di premi o recensioni positive, condendo il tutto con un po’ di storytelling sul prodotto vincente. Un esempio concreto, anzi due. Se avete appena tirato fuori dal cilindro il primo biodinamico di vostra produzione, potrebbe essere interessante sfruttare la notizia per far sapere l’alto punteggio che il vino si è guadagnato. Oppure, se siete in possesso di qualcosa di davvero particolare riguardo al terroir o conoscete un aneddoto insolito apparso in fase di produzione, anche questo rappresenta un’ottima occasione per parlare di un vino dall’alto punteggio. Se sarete davvero bravi, qualche altro blogger potrebbe decidere di recensirvi.

2. Promuovete i punteggi sui canali social

Una grossa fetta di informazioni legate al mondo del vino oggi passa per i social media, specialmente per Facebook, Twitter e Instagram. Il compito più difficile però, quando si decide di interagire sui social, è creare contenuti e linguaggi adatti ad ogni specifico canale. Al contrario dei blog, sui social comunicare che un vostro prodotto ha ottenuto un buon punteggio non richiede necessariamente anche un articolo di accompagnamento per informare i lettori a riguardo, occorrerà solamente postare una foto con i giusti tag (se parliamo di Instagram) oppure scrivere un post accattivante (se parliamo di Facebook) mostrando semplicemente il vino e dando breve motivazione della vincita.

3. Sfruttate gli “spazi” per promuovere un punteggio
Pensiamo ad uno scaffale di esposizione dei vini e proviamo ad entrare nella mente di un consumatore comune che si avvicina a dare un’occhiata. Inutile dirlo forse, ma anche il palato più esperto compra prima di tutto con gli occhi. Oltre ad eventuali targhette che spesso si trovano sugli scaffali, come ad esempio note in merito a varietà o annate particolari, un’idea sarebbe quella di segnalare lì il punteggio ottenuto. Sicuramente una bottiglia con attaccato un grosso e vistoso “90+” si farà notare maggiormente e lascerà incuriosire il consumatore.

4. Create un’etichetta speciale per sottolineare il punteggio
L’idea di base è simile a quella del punto precedente, ma perché non sfruttare direttamente l’etichetta e non lo scaffale per rendere il messaggio inconfondibile?

5. Raggiungere anche i media tradizionali
Fino a qualche anno fa, questo punto sarebbe stato al top della classifica; ora è sceso ma ciò non significa che perda di importanza. La stesura dei comunicati stampa e l’invio ai principali giornali del settore è sempre una pratica utile. Oggi però, seppure può sembrare assurdo in certi casi, è più utile farlo raggiungendo le pubblicazioni locali e al massimo regionali e non quelle nazionali. In queste ultime c’è meno spazio per raccontare i prodotti e meno rilevanza del vostro punteggio rispetto ai tanti vini da 90 punti in su presenti all’interno stesso numero. Se invece puntate ad una pubblicazione locale, sarà più semplice spiccare come eccellenza della zona e, di conseguenza, essere ricordati e apprezzati di più.

6. Aggiornate costantemente le informazioni sul vostro vino all’interno delle wine apps
Da Vivino a Wine Searcher, oggi sono molte le app su cui essere presenti. Se vi capita di ottenere un punteggio alto, vi occorrerà aggiornare le informazioni perché ad oggi, le recensioni degli users di queste app contano sempre di più.

7. Abbinate il punteggio ad una bella storia
Anche se già ne abbiamo parlato in moltissime occasioni, non dimentichiamoci dei millennials, quella fascia di consumatori che a breve occuperà la parte più consistente della clientela mondiale. I millennials non rimangono impressionati da un punteggio molto alto, o almeno, non solo da quello. Perché si fidino del nostro prodotto e si sentano invogliati a provarlo, dobbiamo fornire loro una bella storia su di esso e sulla forza del nostro brand. Questi consumatori rispondono più facilmente a stimoli emozionali e, perché no, romantici quando si parla di produzione.

8. Non scordatevi di organizzare eventi e degustazioni per promuovere il prodotto vincente
Avete una cantina giusto? Quindi niente scuse, nulla viene più apprezzato che una degustazione in cantina, un’esperienza unica e piacevole. A chi non piacerebbe degustare un vino riconosciuto e premiato? Dà l’idea di qualcosa di esclusivo e l’esclusività paga. Anche ristoranti, enoteche e distributori sono luoghi perfetti per promuovere i prodotti attraverso le degustazioni, se il vino piace ai gestori del locale ospitante, perché non dovrebbero proporlo in futuro ai propri clienti?

Certo le vie sono molteplici, e potrebbero essere necessari diversi tentativi per capire cosa meglio funziona per voi, ma alla fine ciò che conta è che tutte queste vie, a loro modo, creano quello che fra tutti è forse il mezzo più potente: il passaparola, niente di meglio.

Noemi Mengo

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Venerdì 1 marzo 2019 ritorna giovedi 21 febbraio

Ritorna "L'Amarone" a Villa de Winckels

Venerdì 1 marzo 2019 ritorna "L'Amarone" a Villa de Winckels, l'appuntamento di degustazione con le Aziende Agricole Veronesi, giunto ormai alla sua decima edizione

Focus su un grande interprete del Brunello: a tu per tu con Giacomo Neri di Casanova di Neri. giovedi 21 febbraio

Interpreti del Brunello

Focus su un grande interprete del Brunello: a tu per tu con Giacomo Neri di Casanova di Neri.

Giovanna Romeo
Intervista a Timo Jokinen, uno dei maggiori esperti del mercato finlandese, importatore e con un'intensa attività di formazione, e grande conoscitore di vini italiani. Il Monopolio continua ad essere un grande ostacolo ma sono in crescita le importazioni private dell'horeca.
giovedi 21 febbraio

Finlandia, così lontana eppure così vicina al vino italiano

Intervista a Timo Jokinen, uno dei maggiori esperti del mercato finlandese, importatore e con un'intensa attività di formazione, e grande conoscitore di vini italiani. Il Monopolio continua ad essere un grande ostacolo ma sono in crescita le importazioni private dell'horeca.

Noemi Mengo
Un’opportunità straordinaria per le piccole e medie imprese del vino italiane per aumentare la propria forza comunicativa e il proprio appeal commerciale in Italia e all’estero

Ultimi giorni per aderire alla Rete delle pmi del vino italiane

Un’opportunità straordinaria per le piccole e medie imprese del vino italiane per aumentare la propria forza comunicativa e il proprio appeal commerciale in Italia e all’estero

8 punti chiave per descrivere il mercato polacco e i suoi consumatori mercoledi 20 febbraio

Polonia: da mercato emergente ad economia in crescita

8 punti chiave per descrivere il mercato polacco e i suoi consumatori

Noemi Mengo
Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio
mercoledi 20 febbraio

Wine Meridian vola in Lituania, il mercato driver dei paesi Baltici

Partecipa con noi a Vyno Dienos, la fiera più importante per il mercato dei paesi Baltici, il 3 e 4 maggio

AGENTI VINO province Como, Varese, Milano martedi 19 febbraio

Offerta di Lavoro

AGENTI VINO province Como, Varese, Milano

I numeri di Nomisma-Wine Monitor, presentati a Benvenuto Brunello, confermano scenari importanti e unici per questo grande rosso toscano martedi 19 febbraio

Benvenuto Brunello, la grande sfida tra passato e futuro

I numeri di Nomisma-Wine Monitor, presentati a Benvenuto Brunello, confermano scenari importanti e unici per questo grande rosso toscano

Giovanna Romeo
Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna l’appuntamento con le produzioni artigianali di qualità con centocinquanta cantine italiane e estere
martedi 19 febbraio

Live Wine 2019: a Milano la quinta edizione del Salone Internazionale del Vino Artigianale

Domenica 3 e lunedì 4 marzo torna l’appuntamento con le produzioni artigianali di qualità con centocinquanta cantine italiane e estere

Intervista a Sergio Bucci, Direttore della Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano 
martedi 19 febbraio

Viaggio nel mondo della cooperazione e delle denominazioni

Intervista a Sergio Bucci, Direttore della Cantina Vignaioli del Morellino di Scansano

I problemi nascono perché ogni persona è differente, così come lo sono i mercati, i vini e i canali distributivi, mentre noi tendiamo a trattare tutti nello stesso modo. martedi 19 febbraio

Perchè è cosi difficile vendere vino?

I problemi nascono perché ogni persona è differente, così come lo sono i mercati, i vini e i canali distributivi, mentre noi tendiamo a trattare tutti nello stesso modo.

Roberta Zantedeschi
Intervista a Richard Alderson, appassionato ed esperto di vino in Nuova Zelanda, che ci svela i lunedi 18 febbraio

Nuova Zelanda: l’educazione al vino italiano partendo dalla GDO

Intervista a Richard Alderson, appassionato ed esperto di vino in Nuova Zelanda, che ci svela i "segreti" di questo piccolo ma interessante mercato del vino che presenta anche buone opportunità di sviluppo per le nostre imprese

Noemi Mengo
We have tasted for you Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3 saturday 16 february

Italian wines in the world: Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3

We have tasted for you Ronco Blanchis' Chardonnay Particella 3

Abbiamo degustato per voi Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis 
sabato 16 febbraio

Italian wines in the world: Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis

Abbiamo degustato per voi Chardonnay Particella 3 di Ronco Blanchis

Image Line raccoglie le testimonianze delle aziende vitivinicole che hanno adottato soluzioni digitali per la gestione dei loro vigneti e l’ottimizzazione del lavoro in campo.
venerdi 15 febbraio

Innovazione in vigneto: la parola a chi ha accolto la sfida

Image Line raccoglie le testimonianze delle aziende vitivinicole che hanno adottato soluzioni digitali per la gestione dei loro vigneti e l’ottimizzazione del lavoro in campo.

Anche le attuali difficoltà dei produttori di latte in Sardegna ci evidenziano il maggiore limite del nostro agroalimentare, la cultura di vendita, e anche nel settore vitivinicolo il problema è evidente

AAA cultura di vendita cercasi

Anche le attuali difficoltà dei produttori di latte in Sardegna ci evidenziano il maggiore limite del nostro agroalimentare, la cultura di vendita, e anche nel settore vitivinicolo il problema è evidente

Fabio Piccoli
Cerchiamo un Wine Sales Manager - Piemonte

Offerta di lavoro

Cerchiamo un Wine Sales Manager - Piemonte

In previsione del nostro tour a Singagore, il 22 e 23 maggio prossimi, presentiamo le previsioni al 2022 di IWSR su questo importante mercato del sud est asiatico dove l'Italia ha ampi margini di crescita
giovedi 14 febbraio

A Singapore dove il Prosecco fa recuperare quote all'Italia del vino

In previsione del nostro tour a Singagore, il 22 e 23 maggio prossimi, presentiamo le previsioni al 2022 di IWSR su questo importante mercato del sud est asiatico dove l'Italia ha ampi margini di crescita

Noemi Mengo


http://www.winemeridian.com/