Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
lunedi 23 aprile 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

pertinace wbwe Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet Azienda Agricola Coali Farina Enartis http://www.principedicorleone.it/ Iron3 www.farinatransparency.com Tebaldi valdoca vinojobs

Wine Talent: le persone al centro del gioco

L’importanza di scegliere le risorse umane giuste


Wine Talent: le persone al centro del gioco
Quando si decide di creare un’impresa, appare scontata la decisione di investire nel modo più appropriato in termini di attrezzature all’avanguardia ed efficienti, di logistica, di marketing, per rendere il più fedele possibile alle nostre aspettative, l’organizzazione aziendale.
É naturale voler ottimizzare la produzione, arrivare ad ottenere dei prodotti eccellenti, assicurarsi che vengano presentati sul mercato in modo da esprimerne tutto il valore.

Possiamo dire che la stessa attenzione e accuratezza venga rivolta alla scelta delle persone che saranno la parte non solo “operativa” della nostra impresa, ma anche rappresentativa, soprattutto in un’azienda del settore vitienologico?
“A prescindere che tu domani ti possa occupare degli aspetti agroeconomici del vigneto, di quelli enologici in cantina, di quelli di marketing in azienda, di quelli commerciali sul mercato, dovrai necessariamente essere un manager della riconoscibilità” (...) si dovrà investire nei manager della riconoscibilità , nel nostro futuro, nella competenza nostra, e dei nostri collaboratori”, afferma Fabio Piccoli, direttore responsabile di Wine Meridian.

Cosa vuol dire questo, e perché ora più che mai è necessaria una scelta mirata nelle risorse umane nel mondo del vino? Il cambio repentino dei mercati negli ultimi anni, dettato da un’evoluzione veloce e inarrestabile di stili e abitudini di consumo, la dinamicità dei mercati stessi, l’affiorare di nuove sensibilità in termini di sostenibilità, l’influenza di una comunicazione “social” dei prodotti, solo per citare alcuni fattori, hanno portato allo scardinamento di vecchi sistemi di organizzazione e gestione aziendale.

Molte aziende italiane però, si sono trovate, e si trovano spesso in difficoltà di fronte a queste rivoluzioni. Da anni, Wine People affianca le imprese del vino italiane, supportandole nell’ambito del recruiting, e abbiamo potuto toccare con mano, come alcune tendenze “stagnanti” di vecchi modelli aziendali, siano potute essere causa di difficoltà, ma proprio per questo, anche di crescita, se affrontate con lungimiranza.

Con la creazione di Wine Talent, abbiamo voluto creare un ponte tra la domanda e l’offerta di lavoro, utilizzando un network relazionale molto ampio, che si avvale dell’esperienza maturata in anni di presenza sui mercati nazionali e internazionali, mettendo a disposizione delle aziende, un bacino di potenziali candidature nettamente più esteso di quello a cui potrebbero attingere gli imprenditori in autonomia.

Come consulenti, ci avvaliamo di preziosi strumenti che ci permettono di riconoscere e valorizzare al meglio, i talenti che meglio rispondono alle esigenze delle imprese che necessitano di fare scelte mirate riguardo al personale. Spesso, ad essere onesti, sono i candidati stessi ad accorgersi prima degli imprenditori, di quanto sia necessario trovare degli interlocutori che possano aiutare in una collocazione mirata, per questo riceviamo ogni giorno una grande quantità di curricula, che consentono di avere un importante portfolio di profili specializzati e in grado di rispecchiare un notevole “alfabeto di competenze”, necessarie ai progetti di sviluppo internazionale delle aziende del vino.

Quali sono i vantaggi della mediazione, noti da tempo ai candidati, e forse meno chiari alle aziende? Innanzitutto, la possibilità di avere la possibilità di gestire la parte di job description in maniera accurata, e avvalendosi del supporto dialettico con esperti del settore, che non solo tengono conto delle caratteristiche professionali richieste ai candidati, ma anche della visione aggiornata dei dati di mercato, e delle esigenze, nonché delle sfide, che vengono sottoposti al settore vitivinicolo.
Il secondo aspetto, è legato alla possibilità, per degli head hunter senior come noi, di poter condurre una ricerca di profili eterogenei, all’interno di un network necessariamente più ampio e variegato, di quanto possa disporre una singola azienda. Gli strumenti di valutazione e criteri di scelta dei candidati, possono andare ben oltre ai “fattori prima impressione”, e alle “referenze” elencate nelle varie presentazioni, ottimizzando di gran lunga i tempi e i costi necessari per la definizione del profilo ottimale di cui si ha bisogno.

Una delle obiezioni mossa al servizio di recruiting, affidata a società esterne, è proprio quella di essere un servizio “costoso”. A questa obiezione, rispondiamo con una riflessione: quanto costa ad un’impresa, scegliere figure professionali che si rivelano inadeguate alle loro esigenze, non in linea con la filosofia aziendale, o poco flessibili, rispetto ad abilità che pur non essendo fondamentali, sarebbero strategiche, rispetto all’ambiente aziendale in questione? Quanto costa, solo in termini di tempo, una ricerca efficace, che può rendere necessaria la sperimentazione di più candidati, prima di giungere al “matrimonio perfetto”? Sappiamo bene cosa vuol dire, e soprattutto ci rendiamo conto dell’impatto che questa ricerca può avere per gli imprenditori, anche quando si rivela fruttuosa, nella migliore delle ipotesi.
Si sottrae tempo ed energia ad altri aspetti fondamentali per la gestione aziendale, e talvolta, ci si avvale di un “passaparola”, che richiede tempistiche molto lunghe ed estenuanti, prima di giungere a conclusioni positive. Con Wine Talent, abbiamo la possibilità di avvalerci di un database costantemente aggiornato sui cambiamenti di ruolo e di azienda dei professionisti e dei manager inseriti.

I nostri servizi principali sono:
• Ricerca e selezione di personale specializzato per il settore vitivinicolo, con particolare
focus sulle figure commerciali (Recruiting & Head Hunting).
• Interventi di valutazione sulle risorse umane interne alle aziende (Assessment).
• Supporto all’analisi delle posizioni da ricercare (Job Description) e pubblicazione di annunci “mirati” su canali digitali specialistici (Advertising e Job Posting).
• Formazione dedicata allo sviluppo delle competenze manageriali e relazionali collegate alle vendite del vino sui mercati globali.
• Da anni organizziamo appuntamenti di Speed-dating (veloci incontri tra aziende e candidati) all’interno delle principali manifestazioni fieristiche del vino, in Italia e all’estero. Questa formula ci consente di intercettare i candidati più giovani e ad alto potenziale, per proporli poi alle aziende clienti.

Accompagniamo da vicino le aziende nel delicato compito di trovare le risorse umane più adatte in termini di competenze, ma anche di abilità personali e relazionali, perché è sempre più evidente che tra avere la possibilità di scelta, e avere la possibilità di fare la scelta “giusta”, c’è un’enorme differenza!
Per saperne di più scrivi a risorseumane@winepeople-network.com


Lavinia Furlani

Download scheda formato PDF




Notizie dalla prima pagina
Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione lunedi 23 aprile

Corea del Sud: gusti e preferenze di un mercato in espansione

Un report sull’orientamento sud coreano rispetto ai vini d’importazione

Noemi Mengo
Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Il successo di Vinitaly è speculare allo stato di salute del vino italiano?

Chiusi i battenti di una 52a edizione di grande successo di Vinitaly è opportuno chiedersi se tale risultato è da ascrivere ad una medesima vitalità delle nostre imprese vitivinicole

Fabio Piccoli
Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”
giovedi 19 aprile

Farina sceglie i tappi Select Green della Nomacorc

Claudio Farina: “D’ora in poi i nostri vini avranno tappi Select Green della Nomacorc a tutela dei nostri investimenti in vigna e cantina e a garanzia dei nostri clienti”

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA giovedi 19 aprile

Vinitaly 2018 all'insegna della positività

Le stime a poche ore dalla chiusura parlano di 4380 aziende, 128 mila presenza e 32 mila operatori stranieri con al primo posto la conferma degli USA

Agnese Ceschi
Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli


mercoledi 18 aprile

I vincitori del III concorso “Il Meridiano del Vino”

Mercoledì 18 aprile annunciati i sei vincitori della terza edizione del contest organizzato da Wine Meridian per trovare idee innovative di comunicazione e promozione del vino: Tenute Piccini, Tenuta Cocci Grifoni, Francesca Negri, The Round Table - Consorzio tutela del Gavi, Associazione Nazionale Città del Vino e Antonio Castelli

Una pubblicazione preziosa, curata da  Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Italian Wine Unplugged, quando spiegare la grande diversità del vino italiano è possibile

Una pubblicazione preziosa, curata da Stevie Kim, direttrice di Vinitaly International e Ian D’Agata, direttore scientifico di Vinitaly International Academy, che presenta il vino italiano per la prima volta non partendo dalle denominazioni ma dai vitigni

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Vinitaly si apre all’insegna del “fare sistema” e della politica in prima fila

Inaugurata la 52a di Vinitaly con un rinnovato spirito collaborativo tra istituzioni e una presenza della politica (quella dei partiti) mai così forte nel passato

Fabio Piccoli
Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

I big del vino italiano in salute nel rapporto di Mediobanca

Dall’annuale analisi delle prime 155 imprese vitivinicole italiane (con fatturato superiore ai 25 milioni di euro) emerge un’industria vitivinicola italiana nel 2017 in crescita sia in termini di fatturato (+6,5%) che di export (+7,7%)

Fabio Piccoli
Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Spagna e Cile cercano di “assomigliare” all’Italia

Mentre l’Italia del vino spesso teme di la sua incredibile biodiversità vitienologica, Spagna e Cile cercano di dare un’immagine più complessa della loro offerta enologica per aumentare la propria reputazione e il posizionamento dei propri vini

Fabio Piccoli
La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Vinitaly 2018: gli appuntamenti, secondo noi, da non perdere

La selezione di Wine Meridian degli appuntamenti più interessanti, e originali, di questa 52a edizione di Vinitaly

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Quando è il brand aziendale a prevalere

Il Global Wine Brand Index di Wine Intelligence ha evidenziato in Yellow Tail (Australia) e Casillero del Diablo (Cile) i due brand aziendali del vino maggiormente riconosciuti dai consumatori

Francesco Piccoli
Il debutto della nuova formula a Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vini Buoni d'Italia ed Enosocial assieme per l'acquisto dei vini in fiera

Il debutto della nuova formula a Vinitaly

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Stai cercando lavoro nel mondo del vino? Vieni a presentarti

Fissa un appuntamento con i nostri esperti di risorse umane durante i giorni di Vinitaly

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly mercoledi 11 aprile

Vinitaly-Nomisma: Controsorpasso negli Usa, Italia del Vino di nuovo prima

Focus su Stati Uniti con analisi sul mercato all'evento inaugurale di Vinitaly

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing mercoledi 11 aprile

Tutti i segreti del Wine Marketing in un nuovo libro

A dieci anni dall’ultima edizione, un nuovo libro dal titolo “Wine Marketing" a cura di Nomisma Wine Monitor e con il supporto di Business Strategies

L'iniziativa di Ewmd Verona in collaborazione con Vinitaly and The City con esperti dell’enoturismo a Bardolino il 14 aprile. mercoledi 11 aprile

Convegni: turisti tra le vigne toccano 13 milioni di arrivi

L'iniziativa di Ewmd Verona in collaborazione con Vinitaly and The City con esperti dell’enoturismo a Bardolino il 14 aprile.

Torna a Villa Favorita di Sarego (VI) la tre giorni dedicata ai vini naturali con 158 produttori presenti mercoledi 11 aprile

Villa Favorita 2018: Vinnatur guarda al futuro

Torna a Villa Favorita di Sarego (VI) la tre giorni dedicata ai vini naturali con 158 produttori presenti

Una ventata di aria fresca per la cantina bresciana: nuove etichette creative, realizzate da Raineri Design e una preziosa collaborazione con l’enologo Stefano Chioccioli
mercoledi 11 aprile

Borgo La Caccia si rinnova: un restyling creativo e tante altre novità

Una ventata di aria fresca per la cantina bresciana: nuove etichette creative, realizzate da Raineri Design e una preziosa collaborazione con l’enologo Stefano Chioccioli

Bertani è tra i 100 migliori produttori italiani selezionati per partecipare all’evento “OperaWine, Finest Italian Wines: 100 Great Producers”, organizzato da Wine Spectator e Vinitaly.
mercoledi 11 aprile

Bertani ad OperaWine 2018 con l'Amarone Classico 2008

Bertani è tra i 100 migliori produttori italiani selezionati per partecipare all’evento “OperaWine, Finest Italian Wines: 100 Great Producers”, organizzato da Wine Spectator e Vinitaly.