Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

WineMeridian
martedi 28 marzo 2017 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers


winethics 209 http://www.principedicorleone.it/ mackenzie Iron3 Consorzio Soave InternationalWineTraders IWSC YouWine HKIWSC IWSC registration Wine Monitor Fondazione Edmund Mach Social Meter Analysis Michele Shah Tommasi

Wine events

Wine events are an increasingly effective tool to promote your wines. There are thousands of them worldwide. We will try to find out more to tell you about them.



mercoledi 15 marzo

ProWein 2017: un altro grande anno è in arrivo

La fiera internazionale di vino e spirits di Düsseldorf sta per aprire le porte


ProWein 2017: un altro grande anno è in arrivo
Mancano pochi giorni all’inizio di una delle fiere internazionali più importanti per il mercato italiano, assieme a Vinitaly.
Per introdurre questo evento a cui parteciperà una corposa delegazione italiana, ma non solo (Francia, Spagna e Germania naturalmente sono le principali), partiamo dallo slogan di quest’anno: “To Another Great Year”. Questa frase sembra voler anticipare il clima innovativo della famosa fiera di Düsseldorf che si terrà da 19 al 21 marzo 2017.

Parte un nuovo grande anno con la marcia giusta. ProWein attende quest’anno oltre 6.300 espositori provenienti da 60 nazioni, tra cui le regioni vinicole più rilevanti di questo mondo - complessivamente 265 - oltre ad una selezione di circa 400 specialità di alcolici. Circa la metà degli espositori proviene dalla Francia e dall’Italia.
Come tutti gli altri Paesi essi sono rappresentati con le loro regioni più rilevanti - dall’Abruzzo al Veneto; da Bordeaux fino al Sud-Ovest. Fanno parte delle migliori nazioni espositrici la Germania, i Paesi d’Oltremare, la Spagna, l’Austria ed il Portogallo.

Tra le novità di quest’anno: festeggerà il suo debutto alla fiera l’Asian Wine Producers Association, che riunisce una vasta gamma di cantine asiatiche e che promette entusiamanti approfondimenti sul tema vini dall’Asia.
Un altra aree che si sta ingrandendo ogni anno di più è l’affermato settore del Biowein (vino biologico) presente con numerosi espositori e con tutte le Associazioni Internazionali del vino biologico.
Il programma di quest’anno prevede numerose degustazioni nell’esteso Forum dei padiglioni 13 e 10 o direttamente negli stand degli espositori. La gamma delle degustazioni va dai tastings nazionali fino ai raggruppamenti di vini internazionali come per esempio la zona di degustazione del Premio Internazionale del Vino MUNDUS VINI. 
Spazio anche per le idee straordinarie ed innovative per il mondo del vino nella area speciale “same but different”. Complessivamente dieci partecipanti presenteranno le loro idee innovative in fatto di produzione di vini e loro commercializzazione fornendo così una quantità di ispirazioni. Un’altra mostra speciale a ProWein si dedicherà al tema Packaging & Design e mostrerà le ultime tendenze e gli ultimi sviluppi in questo settore.

Infine nella “fizzz Lounge” super barman come Tom Weinberger metteno al centro il caffè, il vino e la birra artigianale in una fusione di aromi, sapori e idee. Così birre artigianali si armonizzano con whiskey o tequila, fungono da completamento o anche come sostituti di classici bitter o come base per sciroppi speciali. Partner perfetti per il vino sono gli alcolici invecchiati come il rum, i brandy o i liquori. Si scopriranno anche nuovi utilizzi del caffè. 

Per prepararsi in modo ottimale alla visita a Düsseldorf, la nuova Homepage della ProWein fornisce all’indirizzo www.prowein.de una tutte le informazioni utili ed importanti, partendo dalla banca dati degli espositori, all’Export-Guide fino al Ticketshop online.
Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF



lunedi 13 marzo

Food and Beverage: certificazione di gusto "iTQi" di Bruxelles apre le adesioni

Il 7 maggio a TUTTOFOOD la consegna delle certificazioni Superior Taste Award ai prodotti italiani


Food and Beverage: certificazione di gusto

Chef durante gli assaggi


L'International Taste & Quality Institute (iTQi) di Bruxelles organizza per la prima volta in Italia, a Milano il prossimo 7 Maggio, vigilia dell’apertura della fiera TUTTOFOOD, la consegna delle sue certificazioni Superior Taste Award ai prodotti italiani selezionati. Nelle prossime settimane si riuniranno a Bruxelles le giurie di valutazione composte da più di 130 Chef e Sommelier di oltre 13 nazionalità. Le iscrizioni dei prodotti alle valutazioni alla cieca per categoria sono ancora aperte.

L’iTQi di Bruxelles da oltre dodici anni è l’organizzazione leader mondiale nella degustazione e promozione di alimenti e bevande dal gusto superiore. Già centinaia di aziende piccole e grandi di più di 120 Paesi, anche in Italia, utilizzano il Superior Taste Award per certificare la qualità e il gusto dei loro prodotti. Dopo un esame visivo, olfattivo, di consistenza, gusto e retrogusto, l’iTQi riconosce, infatti, solo ai prodotti migliori il Superior Taste Award con 1, 2 o 3 stelle.

“La nostra certificazione è seguita innanzitutto da un rapporto dettagliato sugli assaggi, con commenti ed eventuali suggerimenti da parte dei giurati - spiega Louis Frère, Managing Partner -. Si tratta di una vera e propria consulenza alle aziende, ad un costo contenuto, sul modo di raggiungere un ancora più alto livello di qualità organolettica. Conquistare un Award significa inoltre poter disporre di un argomento molto forte, quale una certificazione indipendente ai massimi livelli di gusto e qualità del prodotto - continua Frère - utilizzabile per tre anni sia a livello dei negoziati commerciali B2B, Business to Business, che come leva nel B2C, Business to Consumer, per distinguersi immediatamente e chiaramente agli occhi del consumatore grazie alla coccarda Superior Taste Award”.

L’iscrizione dei prodotti alla valutazione di Gusto e Qualità è ancora possibile sino al 14 Aprile 2017 per il Food. Le modalità di partecipazione e ulteriori informazioni sul sito www.itqi.com.


Download scheda formato PDF



giovedi 02 marzo

Anteprima del Bardolino e del Chiaretto: più di 120 vini in libera degustazione

Domenica 5 marzo a Lazise (Verona) la nona edizione dell’evento sulla riviera veronese del Lago di Garda


Anteprima del Bardolino e del Chiaretto: più di 120 vini in libera degustazione
La nona edizione dell’Anteprima del Bardolino e del Chiaretto si svolgerà domenica 5 marzo a Lazise, nel cuore dell’area di produzione, sulla riviera veronese del lago di Garda. Di scena, nel trecentesco edificio della Dogana Veneta, affacciata sul porticciolo, 41 produttori che alle proprie postazioni porranno degustazione complessivamente 124 vini, provenienti in prevalenza dall’annata 2016 ma, nel caso del Bardolino, anche dalla 2015, considerato che sono sempre più numerosi i vignaioli del territorio che scelgono di allungare i tempi di uscita sul mercato dei loro vini, per giocare la carta dell’eleganza. Più in dettaglio, saranno a disposizione del pubblico 43 etichette di Bardolino Chiaretto, 17 di Chiaretto Spumante, 37 di Bardolino della vendemmia 2016, 27 dell’annata 2015, con qualche aggiunta anche di vini di millesimi precedenti.
La manifestazione, organizzata dal Consorzio di tutela del Bardolino e dal Comune di Lazise, con il sostegno del Banco BPM - Divisione Banca Popolare di Verona, è ad ingresso libero. L’orario di apertura va dalle 10 alle 18. Per la stampa specializzata è a disposizione una sala degustazioni nell’adiacente palazzina dell’ex biblioteca civica.


La doc del Bardolino, che interessa 3 mila ettari di vigneto distribuiti su sedici comuni del Garda veronese e del suo entroterra, è stata riconosciuta, tra le prime in Italia, nel 1968. La produzione totale è intorno ai 28 milioni di bottiglie, di cui 10 milioni nella tipologia Chiaretto (erano 4,5 milioni otto anni fa), che nella sua nuova interpretazione più chiara e più orientata a note agrumate e floreali sta conquistando nuovi mercati, sino a pochi anni fa inesplorati per il mondo vinicolo bardolinese. Oltre i 100 milioni di euro il giro d’affari complessivo, cui andrebbe peraltro sommato il fortissimo indotto turistico derivante dalla produzione vinicola, che vede flussi crescenti di visitatori sul Garda orientale, accolti anche in strutture enoturistiche collocate presso le cantine.


“Negli ultimi anni - dice il presidente del Consorzio di tutela del Bardolino, Franco Cristoforetti - il Chiaretto è diventato l’ambasciatore della nostra area vinicola, aprendo nuove prospettive di mercato, ad esempio in Scandinavia, negli Stati Uniti o nel Canada e affermandosi come il principale vino rosato italiano a menzione geografica. Una crescita cui ha fatto riscontro anche il riconoscimento della critica internazionale: varie etichette di Chiaretto hanno ottenuto rating pari o superiori alla fatidica quota di 90 centesimi, raramente attribuita a dei rosé. Per il Bardolino, si è costituito presso il Consorzio di tutela un gruppo di lavoro di una quindicina di aziende che si sta impegnando nella riscoperta delle prerogative organolettiche delle microzone interne alla nostra ampia area di produzione, con l’obiettivo di tornare a valorizzare le peculiarità territoriali già note a fine Ottocento, quando il Bardolino era esportato nei grandi hotel svizzeri, dove era venduto insieme con i rossi di Borgogna”.


“Banco BPM - Divisione Banca Popolare di Verona per vocazione territoriale da sempre intrattiene un rapporto privilegiato con il settore vitivinicolo che annovera aziende sane e ben gestite a cui, grazie al rapporto di reciproca fiducia instauratosi negli anni, offriamo prodotti e consulenza finanziaria mirata.- Sottolinea Giordano Simeoni Responsabile della Divisione Banca Popolare di Verona, Gruppo Banco BPM - Il sostegno alla nona edizione dell’Anteprima del Bardolino e del Chiaretto, é la conferma di una attenzione verso un settore espressione di una filiera rappresentativa della tradizione locale, che produce risultati eccellenti, oggi diventato principale player internazionale”.

Info sul sito www.anteprimalazise.it



Download scheda formato PDF



lunedi 13 febbraio

Vinexpo: un salone dedicato al business

Dal 18 al 21 giugno 2017 a Bordeaux si svolgerà Vinexpo, il grande evento internazionale dedicato ai vini e ai distillati.


Vinexpo: un salone dedicato al business
Tra gli eventi internazionali dedicati al mondo del vino e dei distillati, ormai rinomato è l'appuntamento con Vinexpo, che si svolgerà dal 18 al 21 giugno 2017 a Bordeaux. I compratori del mondo intero si recano a Bordeaux per degustare e ordinare i prodotti presentati da più di 2000 espositori provenienti da una quarantina di Paesi.
Lungo le corsie del salone, i paesi produttori propongono un campione della ricchezza e della varietà dei vini e dei distillati del mondo. Le marche di vini e di distillati di Croazia, Cile, Austria, Argentina, Germania, Italia, Inghilterra, Irlanda, Svizzera ma anche di Georgia, Libano e Russia affiancano gli espositori francesi.
La Spagna, terzo esportatore di vini a livello mondiale, grazie alla più estesa superficie viticola mondiale, sarà il Paese al posto d’onore di quest’anno con la presenza delle principali denominazioni d’origine, nell’ambito delle partecipazioni collettive o stand dell’ICEX.

In un contesto economico favorevole grazie alla crescita delle esportazioni di vini e distillati. Vinexpo rafforza le proprie iniziative a favore della filiera. Saranno riproposti i «One to Wine Meetings», la cui efficacia è stata accolta favorevolmente dagli espositori di Vinexpo Bordeaux 2015 e di Vinexpo Hong Kong 2016. Questo servizio organizza degli appuntamenti business mirati tra espositori e visitatori registrati, direttamente sugli stand.
Una novità dell’edizione 2017 è invece la proposta di un programma di «Hosted Buyers» di grande levatura. Vinexpo inviterà a Bordeaux 200 nuovi compratori internazionali, rappresentativi di una distribuzione in piena evoluzione. L’obiettivo è quello di assicurare la presenza degli attori chiave dell’e-commerce, del travel retail, della grande distribuzione o del settore alberghiero. Questi compratori saranno accompagnati a partecipare ai « One to Wine Meetings » e avranno 4/6 appuntamenti al giorno, in funzione del loro target.
Saranno inoltre proposte alcune nuove offerte commerciali a conferma della volontà di Vinexpo di aprirsi alle aziende viticole di dimensioni più limitate consentendo a questi espositori di partecipare a Vinexpo Bordeaux grazie a tariffe vantaggiose e soluzioni espositive flessibili.

Vinexpo proporrà per la prima volta uno spazio interamente dedicato ai vini biologici e biodinamici. Questa nuova entità, battezzata WOW! (World of Organic Wines!), accoglierà 200 produttori e richiamerà gli operatori alla ricerca di vini elaborati da artigiani vignaioli. Alcune conferenze e tavole rotonde su tematiche afferenti a questo universo completeranno questi incontri. Un ristorante dedicato proporrà piatti 100% bio.

Al di là del business che si svolge all’interno degli stand, Vinexpo prepara attivamente un ricco programma di conferenze e degustazioni. Questi eventi collaterali, che riuniscono i maggiori esperti ed i talenti emergenti del settore, si svolgeranno durante i 4 giorni del salone, nel Pad. 3.

La serata ufficiale di Vinexpo, The Blend, si svolgerà quest’anno presso il Palazzo della Borsa, nel centro storico della città, dalle ore 19.30 alle ore 1.00 di martedì 20 giugno. Ideale per sviluppare la propria rete professionale in un contesto conviviale e rilassato, The Blend è riservato ai partecipanti del salone che potranno ritrovarsi intorno ad una selezione originale di vini, champagne, cognac e distillati.
Anche se il salone non è aperto al pubblico, alcuni eventi collaterali invitano i bordolesi ed i turisti alla scoperta dei vini del mondo. La rivista specializzata Terre de Vins organizzerà ogni sera a partire dalle ore 18.00 degustazioni di diverse denominazioni francesi in luoghi emblematici di Bordeaux.

www.vinexpo.com



Download scheda formato PDF



martedi 07 febbraio

L’Amarone torna in Vetrina e si colora di solidarietà

Un’asta benefica con bottiglie di Amarone di annata per la Vetrina dell’Amarone, evento dedicato ai produttori del grande rosso veronese della Valpolicella classica


L’Amarone torna in Vetrina e si colora di solidarietà
L’Amarone torna in Vetrina per il secondo anno con un evento che rientra nel più ampio progetto del Palio del Recioto e dell’Amarone, voluto dal Comune di Negrar per affiancare alla storico Palio dedicato al Recioto un’occasione di promozione anche per il Grande Rosso Veronese.
Parallelamente al Palio del Recioto, che si svolgerà a cavallo delle vacanze pasquali, l’evento clou per il “fratello” Amarone sarà la
Vetrina dell’Amarone, una due giorni di degustazioni che si terrà sabato 11 e domenica 12 marzo presso la settecentesca villa Mosconi Bertani di Novare (Negrar).

L’evento, che nasce nel cuore del territorio dove viene prodotto il Grande Rosso Veronese e che intende esaltarne le caratteristiche nei confronti di stampa e pubblico di winelovers, si tinge quest’anno di solidarietà.
Durante la due giorni verranno infatti battute all’asta bottiglie di Amarone vintage e di annata donate dalle aziende partecipanti al fine di raccogliere fondi da devolvere alle sfortunate vittime del terremoto del centro Italia. Chiunque parteciperà all’evento avrà accesso all’asta e potrà fare la propria offerta guidata dalla spiegazione di ogni vino e delle sue particolarità da parte dell’esperto battitore d’asta.

“Il Comune di Negrar ha ideato questa iniziativa per contribuire al consolidato apprezzamento internazionale dell’Amarone, pregiata eccellenza veronese, prodotto con la medesima tecnica dell’appassimento dalla quale nasce il Recioto. Abbiamo voluto quest’anno contribuire ad una causa benefica attraverso l’organizzazione dell’asta pubblica in favore dei terremotati di Amatrice per non dimenticare mai che come amministratori abbiamo un ruolo prima di tutto sociale” dichiara Camilla Coeli, assessore alla Cultura del Comune di Negrar.

Le adesioni per la Vetrina dell’Amarone sono aperte a tutte le aziende della Valpolicella classica che intendano far conoscere i propri vini alla stampa e al pubblico. Ogni azienda avrà uno spazio espositivo all’interno di una delle suggestive sale della villa settecentesca di Novare dove potrà far degustare i propri migliori prodotti al pubblico presente. 

www.paliodelreciotoedellamarone.it

Per informazioni su come aderire all’evento:
aziende: elisabetta.caliari@winemeridian.com
visitatori: info@proloconegrar.it, cultura@comunenegrar.it



Download scheda formato PDF




News from homepage
Image Line a MoMeVi 2017: come i nuovi strumenti digitali in agricoltura favoriscono la sostenibilità della produzione viticola

Sostenibilità e innovazione digitale: una sfida accolta dalla viticoltura italiana

Image Line a MoMeVi 2017: come i nuovi strumenti digitali in agricoltura favoriscono la sostenibilità della produzione viticola

L'eredità degli studi di Andrew Ehrenberg che tormenta, o almeno dovrebbe tormentare, tutti i brand manager, anche quelli del vino
martedi 28 marzo

Riconoscibilità vs. Differenziazione

L'eredità degli studi di Andrew Ehrenberg che tormenta, o almeno dovrebbe tormentare, tutti i brand manager, anche quelli del vino

Alice Alberti
L'analisi di Robert Joseph sul mercato cinese ci fornisce consigli interessanti e insegnamenti da non sottovalutare lunedi 27 marzo

Sindrome Cina

L'analisi di Robert Joseph sul mercato cinese ci fornisce consigli interessanti e insegnamenti da non sottovalutare

Agnese Ceschi


WineMeridian