Utilizziamo i cookie per migliorare le funzionalità di questo sito Web.

Accetto Leggi di più

 
martedi 11 dicembre 2018 logo winemeridian.com
Italian daily news for key players and wine lovers

Siddura enosocial.com

http://www.tenutastellacollio.it/en/ https://www.tenutedigiulio.it/site/ http://www.tenutamontemagno.it/ http://giannitessari.wine/ Farina Enartis Cantina Valpolicella http://www.consorziomorellino.it/ Tebaldi valdoca pertinace vinojobs Wine Monitor Cantina Santa Maria La Palma Fondazione Edmund Mach Michele Shah Tommasi WineNet CVA Canicatti https://www.cantinafrentana.it Azienda Agricola Coali roncoblanchis.it https://corte-de-pieri.business.site/ www.ilvinocomunica.it info@larchetipo.it http://www.tenutaviglione.com/ http://www.fattorialamagia.it/ https://www.accordinistefano.it/ https://www.rigoloccio.it/ http://www.cantinapedres.it/ http://www.cantinavicobarone.com/ https://www.vinica.it/it/  http://acquesi.it/ https://www.borgolacaccia.it/ https://www.carusoeminini.it/ http://www.cantinadicustoza.it/ https://tenutadelpriore.it/linea-col-del-mondo/

Wine tours

In collaboration with our expert in wine tourism Filippo Magnani, owner of Fufluns, Wine Tours tour operator started in 1999, Wine Meridian has put together an ALL STAR trip to the greatest wineries and regions of Italy



mercoledi 05 dicembre

"Sip Trip": parte il viaggio on the road di Jeff Porter alla scoperta del vino italiano

La nuova avventura del famoso sommelier americano Jeff Porter celebra la cultura del nostro paese in America


Jeff Porter


“Sip Trip” nasce da un’idea di Jeff Porter, direttore della sezione beverage del gruppo Bastianich e tra i piu’ influenti sommelier per il vino italiano negli Stati Uniti, in collaborazione con le due societa’ di comunicazione I.E.E.M. e Colangelo & Partners.
Letteralmente “un viaggio a sorsi”, Sip Trip sarà una
mini serie per YouTube, che fornirà agli appassionati del vino italiano d’oltreoceano un approccio ravvicinato e informale alle regioni vitivinicole e ad alcune delle migliori cantine e del nostro Paese. Nel suo viaggio, Jeff sarà accompagnato da due amici sommelier e da un giornalista della famosa testata online Vinepair dedicata a vini e liquori. Con un viaggio rigorosamente in macchina, la partenza e’ prevista a novembre, con tappe in Piemonte (Consorzio di Tutela dell’Asti D.O.C.G. e Consorzio Barbera d’Asti e vini del Monferrato, Cantina Renato Ratti, Pio Cesare e Fontanafredda), in Veneto (Masi, Zenato), in Lombardia (Ca' del Bosco), in Toscana (Consorzio del vino Brunello di Montalcino e Castello di Monsanto), in Umbria (Falesco), nelle Marche (Ciù Ciù) e in Campania (Mastroberardino).

“L’idea alla base di Sip Trip è semplice: intraprendere un viaggio ravvicinato alla scoperta delle grandi cantine e delle regioni del vino, in compagnia di amici sommelier, degustando ottimo vino, intervistando personalità interessanti e esplorando la cultura e la storia d'Italia. Cosa potrebbe esservi di meglio?”dice Jeff. “Sarà possibile seguire il nostro viaggio sul sito web, dove caricheremo anche le ricette dei piatti che degusteremo, in modo che lo spettatore americano possa provare a replicare i piatti e volendo anche il percorso del nostro viaggio. Vogliamo portare avanti l’idea di un’integrazione tra il luogo, la gente e la storia”.

L’atmosfera di Sip Trip sarà informale e all’insegna del divertimento, senza pero’ dimenticare la finalità didattica. Jeff e il suo team racconteranno storie avvincenti, che si celano dietro ai grandi vini e a chi li produce, alle tenute prestigiose e alle regioni italiane, affascinanti nel loro contesto storico e culturale, evitando ogni tecnicismo e linguaggio settoriale.

“Gli americani amano l'Italia e il vino italiano ma solitamente non hanno accesso ai luoghi, che Jeff visiterà e alle persone che incontrerà”, spiega Marina Nedic, co-fondatrice di I.E.E.M. “Sip Trip permetterà agli spettatori di vivere le esperienze e le sensazioni dei protagonisti, che visiteranno questi splendidi luoghi ed incontreranno le più importanti e prestigiose personalità del vino italiano “.
Sip Trip si concluderà con un’ultima tappa negli Stati Uniti, un viaggio che vedrà come protagonisti Jeff ed i suoi amici sommelier intenti a degustare i grandi vini già assaggiati in Italia in compagnia di altri sommelier americani. “Col nostro lavoro vogliamo condividere il nostro amore per l'Italia e il vino italiano con un maggior numero possibile di professionisti del settore enologico e di appassionati in generale, sia tramite degustazioni che tramite il web”, aggiunge Gino Colangelo, Presidente di Colangelo & Partners. “Jeff è il perfetto padrone di casa per questo. Ha ottime conoscenze tecniche ed é in grado di comunicare con gli amanti del vino ad ogni livello”.

I primi episodi di Sip Trip verranno trasmessi nella primavera del 2019. Attualmente gli episodi previsti per la prima stagione sono dodici.



Download scheda formato PDF



friday 30 november

Persistently Premier Piemonte

Karen MacKenzie's wineries tour in Piemonte


Persistently Premier Piemonte

Piemonte landscape


If Piemonte is to Italy what Burgundy is to France, there is one quite remarkable difference among the people making the wine. Their humility.
Every producer - or more accurately stated, farmer and vintner - visited in the main production regions of Langhe, Roero, and Monferrato had two characteristics in common - a dedication to the preservation of indigenous varietals, and an overarching commitment to making their wines truly by hand. The farmers who grow the grapes harvest the grapes, make the wine, bottle and sell the wine. They make the beds in small agritourismo guest rooms, and prepare homemade meals for their visitors. They sit across the table from you and proudly pour you the end results of their labor.

Piemonte’s wines are world class for two reasons: the farmer’s respectful harmony with the land and the versatile characteristics of the quintessential Nebbiolo and Barbera grapes grown and supremely expressed in Piemonte. Nebbiolo is the dominant variety in five of the region’s DOCGs and multiple DOCs. Nebbiolo wines are distinguished by their strong tannins, high acidity and distinctive scent - best described as "tar-like macadam and roses". A less obvious characteristic, visible only over time, is their tendency to lose color. Within just a few years of vintage, most Nebbiolo wines begin fading from deep, violet-tinged ruby to a beautiful siena.
Barbera is the second work-horse red grape most associated with Piemonte. Thought to be native to the Monferrato hills near Asti and Alessandria, Barbera is comfortable on the slopes of the Langhe, in the heart of Barolo. Barbera’s best known DOC appellations include Barbera d’Asti, Barbera d’Alba, and Barbera del Monferrato. Once considered every day table wine among the peasant class, today’s Piemontese winemakers are extracting elegant, velvety wines with Barbera.

Elena, Giovanni, Margherita and Marcello Rava live above a pietra da cantoni, or a winery carved in stone, chiseled by Elena’s great grandparents in the Monferrato hillside village of Cella Monte. The family farms organically; Elena cooks vegetarian meals for guests who stay overnight at their room-by-room, lovingly-restored home that perfectly compliment their wonderfully-balanced portfolio of organic wines. Every bottle is touched on multiple occasions by the six hands of Elena, Giovanni, and daughter Margherita, as son Marcello is finishing his education. Aging Spumanti, made in the brut metodo classico style, are carried up a ladder by hand for remuage, partial disgorgement and labeling. They make a Grignolino “Poggeto” which is superb, complete with nuances of currants, rose, almond and cinnamon. Grignolino, once a noble indigenous grape in Monferrato, is making quite a comeback thanks to the efforts of farmers like the Ravas. Margherita believes that Grignolino will become a major Italian offering in the United States, because it’s a new experience for a new generation of wine drinkers. www.lacasaccia.biz.

Women continue to ascend the winemaking ladder in Piemonte. Among them, Mariuccia Borio, proprietress of Cascina Castlet in Costigliole d’Asti. Mariuccia inherited the winery from her father in 1970, and has invested her heart, soul and mind to create absolutely beautiful wine, exceptionally packaged. As she succeeded with the wines, she acquired all the land once owned by her family hectar by hectar. According to importer Fran Kysela of Kysela Pere et Fils, LTD in Virginia, Cascina Castlet’s producing the best of Piemonte for a modest cost. Try her Passum Barbera, appellation Barbera d’Asti, brimming with dark berry, violet and tobacco aromas. The savory, structured mouthfeel delivers black cherry with clove and cardamom accents, perky acidity and subtle tannins. www.cascinacastlet.com

Consider young Sara Vezza Saffirio, the daughter of legendary Josetta Saffirio, perhaps the earliest female pioneer in Piemonte to take the helm of the winery run by her family for five generations. Sara balances the demands of raising four children under the age of five while running Azienda Agricola Josetta Saffirio in Barolo’s Monforte d’Alba.
Sara oversees the operation of the winery, and is very much in the vanguard of environmental sustainability. She manages five hectars of vineyards producing classic Piemontese wines, including a lively and provocative Nebbiolo d’Alba Spumante Metodo Classico. The best value hands down will be discovered in a bottle of 2015 Barbera d’Alba Superiore for $20. If you are very lucky, you may be able to source their prized Barolo Persiera, as they produce a mere 100 magnums. This single-vineyard beauty is consistently wonderful vintage after vintage. Dark cherry, concentrated rose with graceful tannins proliferate. www.josettasaffirio.com
 
The Incisa family has been making wine in the Monferrato region of Rocchetta Tanaro for over a thousand years and are considered one of Italy’s most illustrious winemaking families. The Marchesi Incisa della Rocchetta 2016 Sant’ Emiliano (Barbera d’Asti Superiore) is wondrous. Aromas of lilac, plum and clove first acquaint the nose, and dark berry, concentrated cherry, and clove are bracketed by sumptuous tannins. “Marchesi Incisa wines, produced in the Monferratto by one of Italy’s oldest winemaking families, are exceptional across the board.  Top quality at very moderate price points. Troy Kuhn, CEO of Austin, Texas-based importer Serendipity Wines, said “I’ve been importing these wines since 2006 primarily into Texas and this Spring, we hope to open up another 10 to 15 states.”
The Marchesi Incisa La Corte Chiusa Agriturismo lodging experience was superb, with winery tours, cooking classes and truffle hunting as optional activities. www.marchesiincisawines.it.

It took a few twists and turns to get to Azienda Agricola Castagnero, but the journey was ever so worth it. Proprietor, vintner and brewer Daniele Nori is exuberantly pursuing his passion for both winemaking and beer brewing, and his enthusiasm was infectious. Daniele left behind a high-flying international career in aerospace to join his wife on her family’s farm. High in the hills in Agliano Terme, one of the areas most suitable for Barbera in Asti, we tasted his small production but splendidly intense Barbera d'Asti Superiore DOCG Cuntacc 2015 and the perfectly balanced perfumed Barbera d'Asti DOCG Barbisin 2016.   His vineyards are among those of Langhe-Roero and Monferrato declared a World Heritage Site by UNESCO. www.vinicastagnero.it.

In the hills of Novello in the heart of Barolo’s Langhe, we met brothers Mauro and Savio Daniele, who both worked as winemakers for the large Ceretto winery before deciding to go it alone and start Le Strette in 1997. They have assembled 3.5 hectares of vineyards and produce just 20,000 bottles per vintage in a small cantina. You’d think that without substantial funding and lacking economies of scale, life would be really tough for a producer like this, but in a few years Le Strette has achieved recognition in Italy and beyond for the sheer quality of their wines.
Though Mauro and Savio have received high marks for wines such as the 2016 Barbera d’Alba Superiore (superb acidity, structure and color), they are most proud of resurrecting the indigenous Nascetta, a lovely, full-bodied white wine grape that had almost disappeared. Now, Nascetta is considered the best expression of white wine from the entire Langhe. We tasted a 2002 that still had many years ahead in the bottle. Le Strette’s Nascetta is as good as a fine Sauterne, at a substantially lower cost. www.lestrette.com

When we left the little Le Strette, Mauro demurely told us that we were now going to experience a “very different style” of winemaking. He led us down the hill from Novello to the ultra-futuristic winery L’Astemia Pentita in the Barolo, where he is the consulting winemaker. Irony is the key to interpretation of the design of L'Astemia Pentita (“The Penitent Teetotaler”), envisioned by architect Gianni Arnaudo. The building is essentially two enormous wine cases stacked on an angle, and that structure is carried forward in the wines. They reflect a young, hip winemaking style, appreciated by young, hip sippers. Open a bottle of L’Astemia Pentita’s Barolo Terlo. The wine seems more modern in style with a touch of minerality, though it’s aged three years in large oak casks with 30-35 days of maceration. www.astemiapentita.it 
 
Rocche of Castiglione Falletto is the steepest and highest area in Barolo’s Langhe, and considered by many as the most prestigious vineyard in the Barolo. There, the Monchiero family produces full-bodied Barolos with intense aromas with elegance. The tiny Rocche cru consists of eight hectares; the Monchiero’s have nurtured the best wines from just one hectare, as Vittorio Monchiero’s parents and uncle did before him. You must try their 90+ consistently-rated Rocche de Castiglione Barolo, complete with Rose petal, baked herb, with notes of balsam. That’s a masterpiece you want to age for eight to fifteen years or more. www.monchierovini.it.

Last but absolutely not least, Podere Ruggeri Corsini, nestled in a quiet valley not far from the center of Monforte d’Alba, in the southern Barolo. The estate, encompassing nine hectares, is owned by a husband-and-wife team - Loredana Addari and Nicola Argamante. Both have advanced degrees in agronomy, viticulture, and oenology. Their wines have a warmth, expressiveness and smartness to them. According to U.S. importer Roy Cloud of Vintage 59, “Podere Ruggeri Corsini make intelligent, sophisticated wines at modest price points, and that’s why we like them.“ The first wine to be imported into the United States is their wonderful “Armujan” Barbera d’Alba DOC Superiore, which retails for $28-$30. It should age beautifully for 8 to 10 years. Also try their Langhe DOC Nebbiolo, which has a full-bodied finesse. At $23-$25, it’s a steal. Finally, splurge on a must-have wine - Barolo Bussia “Corsini” DOCG. Magnificent. Lay it down for 12 to 20 years and spend every day in anticipation. www.ruggericorsini.it




karenmackenziepr.com


Karen MacKenzie

Download sheet PDF format



venerdi 30 novembre

Partecipa con noi al tour Miami e Mexico febbraio 2019

Partecipa al tour Simply Italian Great Wine a Fort Lauderdale e Città del Messico


Partecipa con noi al tour Miami e Mexico febbraio 2019

Miami


Nuove tappe internazionali ci attendono con il nuovo anno e noi abbiamo pensato di ampliare i nostri orizzonti. Wine Meridian on tour parteciperà per la prima volta al Simply Italian Great Wines Americas Tour 2019, ideato da IEM - International Exhibition Management.
Saremo con un gruppo di aziende che vorranno far parte della nostra area collettiva a Fort Lauderdale (Greater Miami) il 4 febbraio e in Messico il 6 febbraio 2019. L’iniziativa di Fort Lauderdale è organizzata con il supporto del Ministero dello Sviluppo Economico e in collaborazione con l’Agenzia ICE. Entrambe le manifestazioni sono rivolte direttamente al trade.
L’ottava edizione di Simply Italian Great Wines Americas Tour coinvolge due mercati di forte interesse per il vino italiano: un colosso dei consumi come gli Stati Uniti, dove l’Italia punta a recuperare il primato delle importazioni, e il Messico, un mercato emergente ancora da conquistare puntando sui millennials.

Perché la Florida? È il punto nevralgico per l’import/export nel sud est degli Stati Uniti e la zona di Miami ne è la colonna portante, grazie alla straordinaria concentrazione di imprese internazionali ed alla posizione geografica che offre una porta d’ingresso diretta verso il sud America e i Caraibi.

Perché il Messico? Il mercato vinicolo è in piena crescita, pur rappresentando ancora una quota minore nel consumo complessivo di alcolici. Il vino è considerato uno status symbol e un prodotto di tendenza tra i giovani e il ceto medio-alto. Con 36,17 milioni di euro (131,68 mila ettolitri) sui 219,59 milioni complessivi dell’import vinicolo 2017, lo Stivale è nella top 5 dei principali partner commerciali del Messico (dati Wine Monitor - Nomisma).

La struttura di Simply Italian Great Wines International Tour si articola in alcuni momenti fondamentali:
1 Seminario informativo e degustazione guidata che si rivolgono principalmente a giornalisti, sommelier, trade e operatori selezionati.
2 Workshop commerciale, incontri business to business con i principali operatori del settore, fondamentali sia per chi è alla ricerca di nuovi partner (importatori/distributori), sia per chi vuole consolidare ed ampliare la propria presenza sul mercato mediante l’incontro coi principali esponenti del canale ho.re.ca.


Le adesioni sono aperte e per partecipare con noi puoi scrivere a redazione@winemeridian.com 


Download scheda formato PDF



lunedi 12 novembre

Danimarca loves Italian organic wines

Si è conclusa con successo di pubblico e operatori la prima tappa di Organic Value a Copenhagen


Danimarca loves Italian organic wines

I 27 produttori partecipanti all'iniziativa



Se cercavamo una conferma dell'amore dei danesi per i vini italiani, l'abbiamo avuta, forte e chiara.  La Danimarca più “green” ha accolto con entusiasmo i vini biologici italiani. 200 operatori del settore e più di 200 winelover si sono dati il cambio venerdì 9 novembre presso la Scuola di Cucina Hotel-og Restaurantskolen di Copenhagen per degustare i vini di 27 produttori italiani che hanno aderito al progetto Organic Value. Copenhagen ha ospitato infatti la prima tappa del tour nel nord Europa organizzato da Organic Value, progetto nato da Elisa Spada, Debora Bonora e Wine Meridian per favorire la conoscenza, la promozione e la commercializzazione dei vini biologici certificati italiani.

Il grande successo dell’iniziativa, che ha visto una prima parte dedicata esclusivamente agli operatori del trade e una seconda sessione pomeridiana aperta ai winelover, è dipeso sicuramente dalla formula che si è dimostrata vincente: “abbiamo pensato ad un evento interamente dedicato al biologico. Così abbiamo targhettizzato gli importatori ed i distributori e non si è creata la solita confusione che si crea agli eventi quando chi cerca non sa dove cercare” spiega Debora Bonora, esperta di mercati e organizzatrice dell’evento.

I partecipanti danesi hanno confermato l’alto livello dei vini presenti e ricambiato con entusiasmo la presenza dei produttori italiani.
Entusiasmo che conferma il trend di un mercato maturo, dove l’Italia è innanzitutto Paese leader di mercato, coprendo oltre il 22% della quota complessiva, e dove il biologico ha movimentato nel 2017 35 milioni.
“La Danimarca è un mercato interessante in primo luogo perché il consumo pro capite è molto elevato, arrivando a toccare i 35 litri, e in secondo luogo perché è il settimo mercato per il vino italiano” ha spiegato Luca Cavinato, project manager della Camera di commercio italiana in Danimarca. “Il bio non è solo tendenza, ma è un obiettivo commerciale concreto: basti pensare che la Coop Danimarca si è posta come risultato per il 2020 di fare almeno un 10% di vendita di vino biologico”.

Abbiamo capito durante questa esperienza a Copenhagen che il consumatore danese ha le idee molto chiare su cosa vuole bere ed è curioso e attento alle novità.
Ma perché il danese sceglie il biologico?
“Non sento in bocca la differenza tra i vini biologici e non, ma so che fanno bene all’ambiente e questo mi fa scegliere questa tipologia” ci ha raccontato ai nostri microfoni un consumatore presente all’evento.
Confermata dalla maggioranza dei presenti infatti la consapevolezza di bere un vino che sia salutare e sostenibile, che faccia bene alla propria salute e al pianeta.
“Il biologico in generale, anche per i prodotti alimentari, è un trend che esiste in Danimarca da moltissimi anni” ha spiegato Fabio Simoncini, importatore italiano e titolare di Cibi e Vini. “Quando ho iniziato io trent’anni fa sono stato tra i primissimi ad importare biologico, ma qui già si sentiva la differenza”.
Si fa avanti all’orizzonte una tendenza ancora più estrema: “Siamo oltre l’organico ormai - spiega Leonardo Camboni della società di import ed export Il Buco, proprietaria di tre ristoranti a Copenhagen - Ormai i vini sono ricercati in quanto naturali. Esistono tre tipologie di consumatori: chi soffre ancora il fascino dell’etichetta e dei brand più conosciuti; chi vuole solo vino økologisk, per un motivo etico; infine l’hipster che cerca i vini con i difetti, più naturali e raw possibili”.
“C’è anche un aspetto importante da non sottovalutare: qui il benessere economico fa la differenza. I consumatori danesi hanno potere di spesa e sono disposti a spendere di più per dei prodotti biologici”.

Sono emersi durante la giornata dei consigli per i produttori italiani da parte degli operatori del trade presenti.
“Attenzione alla certificazione. Nella maggior parte dei casi avere la certificazione biologica in etichetta fa un’enorme differenza nell’appeal che il vino ha sul consumatore” hanno spiegato degli operatori presenti.
“Non sottovalutate l’enoturismo, che è per danesi un fattore trainante per l’acquisto del vino in generale. I danesi amano viaggiare e quando vengono in Italia - soprattutto preferiscono il Veneto, la Toscana e il Piemonte - si fermano nelle aziende e acquistano vino, spinti anche dal cambio molto favorevole”.
La giornata si è conclusa con grande positività e qualche domanda sul futuro del progetto.
“Un progetto che finalmente diventa realtà. La soddisfazione più grande me l’hanno data i produttori entusiasti e come ha risposto il mercato danese. C’è stata armonia totale oggi. Ci tengo a precisare che Organic Value è un progetto che vuole aprirsi al futuro: Copenhagen si rifarà il prossimo anno e a breve seguiranno altre tappe nel Nord Europa per il 2019” ha concluso Elisa Spada, organizzatrice dell’evento e consulente per l’export delle aziende italiane.



Agnese Ceschi

Download scheda formato PDF



martedi 03 luglio

Wonderfud Ontario 2018

Il 17 e 18 ottobre 2018 una nuova edizione del tour dedicato alle aziende del settore Food&Beverage di cui Wine Meridian è partner


Wonderfud Ontario 2018

Toronto, la città dove si svolgerà l'evento


Il Canada, e l’Ontario in particolare, sono ormai conosciuti internazionalmente per essere importanti mercati di sbocco per il settore vitienologico italiano. L’Italia rappresenta in Canada il terzo paese importatore di vino, posizione che si è guadagnata a fronte di strategici investimenti da parte delle aziende del comparto. Il mercato dell’Ontario è caratterizzato al momento dalla presenza di un Monopolio di Stato (LCBO) che governa il flusso di vini e superalcolici, ma che si pone anche come «retailer» essendo il più grande singolo acquirente e distributore di vini al mondo. Sviluppo della domanda, nuova domanda e radicato sentiment pro-Italia creano i presupposti per lo sviluppo del settore, che richiede però presidio del mercato ed investimenti mirati in comunicazione e promozione. La domanda è in forte sviluppo e presuppone totale qualità dei prodotti e si stanno aprendo nuovi canali distributivi dell’offerta di qualità, quindi non solo tender. È adesso il momento di esserci, poiché il Made in Italy gode di un fortissimo appeal, perciò c’è sempre più spazio per le aziende italiane.

Il
17 e 18 ottobre perciò non perdetevi il tour a Toronto, realizzato in collaborazione con Wonderfud, progetto che da anni fornisce metodi e strumenti necessari a consentire alle PMI, espressione dell’eccellenza enogastronomica italiana, di entrare nei nuovi mercati caratterizzati dal forte potenziale di crescita.

Dopo il successo delle missioni in Giappone, Vietnam, Brasile, Cina ed Hong Kong, Messico, Canada e Colombia, il tour di quest’anno si pone come obiettivo quello di accompagnare un selezionato gruppo di aziende del settore Food&Beverage, supportandolo nelle attività di ricerca e selezione di importatori locali. Le attività saranno mirate alla ricerca di agenti proattivi ed impegnati nello sviluppo dei brand sul mercato locale, e verranno svolte tenendo in considerazione usi e costumi del posto. In programma, una degustazione e walk-around-tasting presso un rinomato ristorante di Toronto, con la possibilità di immediati approfondimenti mediante sessioni b2b.

Dettagli per la partecipazione
La partecipazione comprende l’organizzazione dell’intera manifestazione, in particolare:
- Organizzazione, coordinamento ed accompagnamento missione;
- Organizzazione iniziative promozionali;
- Affitto location iniziative;
- Servizi a supporto come accoglienza, attrezzature per le degustazioni, interpretariato;
- Direzione e coordinamento dei singoli eventi;
- Gestione e rendicontazione progetti OCM.

Per informazioni e scoprire la quota di partecipazione, scrivere a: redazione@winemeridian.com 


Download scheda formato PDF




News from homepage
Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 was awarded with the gold medal at Mondial des Vins extrêmes 2018
tuesday 11 december

Azienda Agricola Accordini Stefano awarded at the Mondial des Vins Extrêmes wine competition

Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 was awarded with the gold medal at Mondial des Vins extrêmes 2018

Il Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 vince la medaglia d’oro martedi 11 dicembre

L'azienda agricola Accordini Stefano premiata al Mondial des Vins extrêmes 2018

Il Valpolicella Classico Superiore Ripasso DOC Acinatico 2016 vince la medaglia d’oro

Intervista a Maurizio Broggi, Direttore dell'Italian Wine Scholar Education Program di Wine Scholar Guild
martedi 11 dicembre

Vino italiano nel mondo: educare partendo dal principio

Intervista a Maurizio Broggi, Direttore dell'Italian Wine Scholar Education Program di Wine Scholar Guild

Noemi Mengo