IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

Asia Giovedi 06 Ottobre 2022

Corea del Sud, import vino: performance eccezionali

Consumatori di vino in crescita di quasi un milione dal 2017 e import a +69% in valore e +41% in volume nel 2021.

di Emanuele Fiorio

Con 55 milioni di abitanti, la Corea del Sud è attualmente la decima economia mondiale, il mercato vinicolo sudcoreano è uno dei più grandi dell'Asia e sta registrando una crescita impressionante. Negli ultimi anni è fiorito anche grazie agli accordi di libero scambio con Stati Uniti, il Cile e UE.

Secondo quanto riporta Wine Business International, la popolazione di consumatori di vino della Corea del Sud è cresciuta di quasi un milione dal 2017 e le importazioni di vino nel 2021 hanno raggiunto l'impressionante cifra di 559 milioni di dollari (+69% in valore e +41% in volume rispetto all'anno precedente), dopo il precedente record di 330 milioni di dollari del 2020.

Wine Intelligence ha identificato la Corea del Sud come uno dei paesi più performanti: si è classificata al secondo posto nella Top 15 Most Attractive Markets, in crescita rispetto al decimo posto del 2019.

Nuove categorie come il vino naturale, arancione, biodinamico e a bassa gradazione alcolica stanno suscitando l'interesse dei consumatori e la domanda di formazione sul vino è in aumento. La crescente popolarità del vino tra i giovani indica ulteriori opportunità di crescita per i produttori.

Il polo vinicolo del Paese è Seoul, dove si vende la maggior parte del vino: crescenti opportunità si trovano a Busan e Daejeon. Leader mondiale nella tecnologia e nell'innovazione, la Corea del Sud ha un sistema diffuso di connessione ad alta velocità e servizi e-commerce e di consegna altamente efficienti.

Crescita e-commerce vino  
I cambiamenti comportamentali che si sono sviluppati durante la pandemia globale, come il consumo domestico e l’acquisto online di vino, sono rimasti e si stanno diffondendo. 
 
L'e-commerce di alcolici è stato introdotto in Corea del Sud nel 2017, ma solo per i distillati tradizionali coreani provenienti da piccoli produttori. Un momento di svolta è arrivato nell'aprile 2020, durante la pandemia globale, quando il governo ha autorizzato le vendite online di alcolici importati.

Questo nuovo passo ha incentivato le vendite di vini ostacolate dalla chiusura delle attività commerciali (le restrizioni sono state revocate solo nell'aprile del 2022) e gli acquisti di vino importato sono aumentati vertiginosamente, registrando una crescita del 27% in valore su base annua nel 2020 e del 69% in valore (41% in volume) nel 2021.

Attualmente, i vini importati possono essere acquistati solo tramite click-and-collect: gli amanti del vino prenotano o acquistano il loro vino online e poi ritirano di persona.

Canali di vendita
Le vendite al dettaglio superano di gran lunga quelle del settore Horeca, e la maggior parte (circa il 70%) è realizzata principalmente attraverso i discount. Il gruppo Shinsegae, leader nella vendita al dettaglio, gestisce i supermercati E-mart e i negozi Wine & More, mentre HomePlus e Lotte Mart hanno più di 255 punti vendita in tutto il Paese. I grandi magazzini e le enoteche specializzate come Tour du Vin rappresentano circa il 10% delle vendite di vino.

Categorie in ascesa
Il vino bianco ha guidato gran parte della crescita del mercato in Corea del Sud, con un aumento significativo delle vendite. Nel 2021, le importazioni di vino bianco sono cresciute del 61% (volume) e del 71% (valore) rispetto all'anno precedente. Degno di nota è anche l'aumento significativo dei vini neozelandesi, che nel 2021 hanno raggiunto il più alto tasso di crescita del mercato rispetto a qualsiasi altro Paese, con un aumento del 133% (volume) rispetto al 2020.

Gli osservatori del settore notano che il vino spumante è uno dei segmenti in più rapida crescita del mercato vinicolo coreano, rappresentando il 17% delle importazioni di vino in valore nel secondo trimestre del 2022, rispetto al 5% del 2007. Il vino rosso rimane di gran lunga il segmento più importante, rappresentando il 66% delle importazioni di vino (valore e volume) nel 2021.

Per conoscere, valutare e approcciare il mercato della Corea del Sud, B.Connected organizza un viaggio ad hoc alla scoperta di questo mercato ricco di opportunità. 
Ulteriori informazioni sui dettagli e le modalità di partecipazione al seguente link: https://bit.ly/3CtBTDx