IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

Esperienze Aziendali

Le aziende sono un osservatorio privilegiato per capire le dinamiche del mercato ma anche i diversi modelli di comunicazione. Per questo abbiamo scelto di raccontare le esperienze aziendali non per pubblicizzare alcuni brand ma per evidenziare quelle realtà produttive che sono riuscite ad essere originali e vincenti attraverso le loro scelte in vigna, in cantina, sui mercati.
Esperienze Aziendali Lunedi 06 Giugno 2022

Cantina Tollo celebra i 30 anni di Cagiòlo Montepulciano d’Abruzzo Dop Riserva

La storica etichetta abruzzese continua a conquistare critica e mercati, con l’entusiasmo di un giovane player e l’autorevolezza di un’icona del territorio.

di Claudia Meo

La storia di Cantina Tollo, nei suoi oltre 60 anni di vita, si snoda lungo la linea ben definita della valorizzazione dei vitigni autoctoni abruzzesi; una chiara missione, alla quale sta tenendo fede da quando i coraggiosi precursori degli attuali 700 soci decisero di investire sul territorio, contrastando quel fenomeno di abbandono delle campagne che stava marcando il dopoguerra italiano.
Da allora, la Cantina testimonia che la tradizione abruzzese può coniugarsi con una proposta moderna e accattivante, che interessa il mercato italiano e conquista il mercato internazionale. Non a caso la cooperativa di Tollo si è qualificata lo scorso novembre tra  le 160 Top imprese italiane per Industria Felix Magazine.

In linea d’aria a meno di 10 chilometri dal mare Adriatico, le spalle ben coperte dalla Majella, i 2700 ettari vitati da cui provengono le uve dei conferitori creano uno di quei paesaggi impreziositi dall’uomo, con la tradizionale pergola abruzzese che ricorda che non sempre tutto si può meccanizzare; ma anche un paesaggio nel quale la sperimentazione di Tollo ha saputo scendere in campo con la ricerca della formula di maturazione, esposizione e potatura che meglio si adatta alla produzione di vini di pregio.

La linea Anthology esprime bianchi e rossi che rappresentano le eccellenze della gamma Tollo, vini che vogliono raccontare l’Abruzzo, prima ancora che conquistare il palato.

Il Montepulciano, come l’Abruzzo, è difficile da spiegare, con un’anima ruvida che ricorda le sue origini pastorali; una terra che la storia non ha mappato di nobiltà e signorie, ma di generosità e bellezza, e un vitigno che riecheggia questa generosità e racconta una varietà che tra mare, monti, climi e altitudini diverse, trova declinazioni anche molto specifiche; ma il Montepulciano ha caratteri varietali così marcati che lo rendono indimenticabile quando si esprime in monovitigno e che gli permettono di invecchiare con gloria.

Cagiòlo Montepulciano d’Abruzzo Dop Riserva, 100% Montepulciano, un trentenne che promette ancora di tirare fuori il meglio della sua personalità, ha conquistato negli anni sia il mercato nazionale che quello estero; i mercati asiatici gli stanno riservando un particolare interesse. I riconoscimenti della critica enologica sono ormai costanti da anni, con un medagliere davvero pesante, che spazia, solo per far qualche esempio, dai 91 punti di James Suckling per l’annata 2017, alla Medaglia d’Oro al Concours Mondial de Bruxelles per il 2016, ai Tre Bicchieri 2013 del Gambero Rosso  per l’annata 2009.

Diverse le iniziative, sia rivolte alla stampa che al trade, che la Cantina ha in cantiere per celebrare questo prestigioso traguardo.

Nel suo nome ritroviamo il dialetto abruzzese: caciolo” significa presenza di calcare nel terreno; e infatti le radici del Montepulciano affondano in una terra profonda, caratterizzata da medio impasto di tessuto argilloso-calcareo; una trama composita in cui l’argilla permette di trattenere l’acqua e di preservare elementi nutritivi, per un risultato di struttura, complessità e longevità; il calcare regala profumi e garantisce eleganza nel bicchiere.
Il lavoro di cantina ne esalta le caratteristiche, con una lunga macerazione in serbatoi di acciaio, seguita dalla fermentazione malolattica e affinamento in tonneaux per almeno 24 mesi, in bottiglia i successivi 12.
Il mercato in Cagiòlo apprezza la grande apertura sul frutto rosso, dall’amarena alle more, e il ventaglio speziato tra note di cacao, vaniglia, liquirizia e cannella; grande attitudine all’invecchiamento, regala corpo pieno, complessità e persistenza notevole, con tannini morbidi e vellutati. Invita a un ritorno sul territorio, con un abbinamento con carni di selvaggina, formaggi stagionati e piatti a base di funghi.

Cagiòlo è il portabandiera della gamma Tollo, testimonial d’eccezione di un percorso aziendale ricco di storia e di successi; ed è in prima linea, con i suoi trent’anni e la sua grande capacità di impreziosirsi nel tempo: fiero e longevo, in tutti i sensi.