IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

Esperienze Aziendali

Le aziende sono un osservatorio privilegiato per capire le dinamiche del mercato ma anche i diversi modelli di comunicazione. Per questo abbiamo scelto di raccontare le esperienze aziendali non per pubblicizzare alcuni brand ma per evidenziare quelle realtà produttive che sono riuscite ad essere originali e vincenti attraverso le loro scelte in vigna, in cantina, sui mercati.
Esperienze Aziendali Venerdi 22 Gennaio 2021

L’eccellenza dei vini Varramista, icona di stile e ospitalità, tra le bellezze paesaggistiche nel cuore della Toscana

Abbiamo intervistato Francesca Frediani, Wine Market e Accoglienza Varramista.

di Giovanna Romeo

Pochissime realtà possono vantare lo storytelling di Varramista, un luogo elegante e raffinato che nel secolo scorso ha rappresentato il palcoscenico artistico-culturale per molti imprenditori e intellettuali del tempo. Non solo cultura ma anche un paradiso immerso nella natura, e luogo di una magistrale produzione enologica. Che importanza ricopre oggi l’arte di raccontarsi rispetto all’ospitalità e alla cultura del vino? 

Lo storytelling è al giorno d’oggi fondamentale. Ritengo però che sia necessario farlo proprio, arrivare al cuore delle persone non solo per la storia che hai da raccontare ma perché l’hai fatta tua, perché ti appartiene, perché riesci ogni volta che la racconti, indipendentemente dall’offerta proposta, a trasferire un’emozione. Toccare la sfera emozionale significa trasporre nell’animo del cliente quel plus che valorizzerà ancora di più la sua esperienza. Varramista è in effetti un concentrato di vita, di cultura, di valori da raccontare. Oltre alle narrazioni sulla famiglia Piaggio, sulla vita e le passioni di Giovanni Alberto Agnelli, sugli intellettuali che hanno dato vita a storici momenti di sapere, da sempre Varramista offre il calore dell’accoglienza.

Quali sono a suo giudizio le tre peculiarità più rilevanti che contraddistinguono l’azienda? 

Oltre alla nostra storia, sicuramente determinante, ritengo che ciò che ci contraddistingue in modo assoluto sia la produzione di Syrah. Proprio qui, in provincia di Pisa, nel cuore della Toscana antica, per una volta il vitigno principe non è il Sangiovese ma il Syrah, fortemente voluto da Giovanni Agnelli nei lontani anni ‘80, quando ancora era poco conosciuto e iniziava ad affacciarsi a Cortona, oggi il luogo simbolo di questo straordinario vitigno. Giovanni Agnelli, spirito guida che illumina il cammino di Varramista, fu l’uomo del cambiamento. La sua lungimiranza gli permise di cogliere la vocazionalità del luogo, riconoscendo in questo contesto paesaggistico unico, fatto di boschi e di un’ampia biodiversità, il senso del vitigno. La seconda peculiarità è proprio il luogo in cui siamo, una natura rigogliosa fatta di boschi di castagni, lecci, pini, abeti bianchi, un ambiente frammisto – pare che il nome Varramista derivi da questo termine -, con varie essenze, arbusti e botaniche. La terza peculiarità è un concetto più complesso da esprimere che vorrei sintetizzare in tre parole: eleganza, semplicità, professionalità. I primi due aggettivi potrebbero sembrare in antitesi tra loro, in verità ritengo che siano necessari l’uno all’altro. Insieme ad essi non deve mai mancare la professionalità, la competenza e l’efficienza con cui svolgiamo quotidianamente il nostro lavoro.

Varramista è un luogo straordinariamente bello nel cuore antico della Toscana, meta di un turismo italiano e internazionale. Quali i programmi per riproporsi a un nuovo enoturismo?

Sarà ancora un enoturismo di prossimità. Sicuramente nuovo, nel senso che richiederà a noi aziende dinamicità e flessibilità, la capacità di adattarci costantemente alle situazioni, seguendo con attenzione l’evoluzione degli accadimenti. Essere quindi pronti a differenziare l’offerta verso il cliente sulla base della crisi epidemiologica, dei DPCM e naturalmente pronti ad accogliere tutti coloro che avranno il piacere di degustazioni più semplici, abbinate a momenti conviviali in massima sicurezza. Questo ci permetterà di sfruttare tutti i nostri meravigliosi spazi esterni. Varramista possiede 400 ettari di parco che ospita un giardino all’italiana curato in ogni dettaglio. Uno scenario naturale arricchito da camelie japoniche, piante centenarie e macchie di bambù, oltre al secolare platano e viale dei tigli. 

Visite guidate e degustazione future rispetto al periodo pre-pandemia. Come saranno organizzate?

Saranno degustazioni sempre più adattabili, con uno svolgimento meno laborioso. La degustazione tecnica passerà in secondo piano, dando spazio al vino nella sua esperienza più semplice e ad una maggiore conoscenza della cultura gastronomica del nostro territorio attraverso i prodotti tipici, olio extravergine toscano e kit d’ingredienti locali. Piccole cortesie per tutti i nostri ospiti, nazionali e internazionali, conoscitori o meno del vino e dell’esperienza enologica. 

Il gusto Varramista: quattro etichette e due importanti varietà, il Sangiovese e il Syrah, quest’ultimo eletto vitigno principe. Ci introduce vitigni e vini unici?

Il Syrah, che rappresenta l’immagine dell’azienda, da sempre costruita su questa varietà, è il vitigno principe dal quale nasce sempre un vino coerente con il luogo. Una specie abbastanza difficile da gestire, con un andamento lianoso e con tralci che corrono fino a 20 metri. E oggi finalmente possiamo godere di vigne un po' più vecchie, capaci di dare un carattere preciso ad ogni vendemmia. Il sorso si contraddistingue sempre per la sua grande eleganza, per i profumi ricchi e suadenti e per la capacità di affrontare, senza remore, anni e anni di bottiglia. Il Sangiovese è altrettanto interessante ma, per le nostre scelte enologiche, è diventato il vitigno accessorio. Nei nostri vini amiamo preservare la grazia, il garbo, fermando nel calice la capacità di essere scoperti e riscoperti. Un uso modesto del legno, sempre meno nuovo, e un’estrazione moderata ci garantiscono la giusta freschezza, senza mai apportare eccessivi tannini o struttura. Il fil rouge della produzione Varramista che comprende 4 etichette - Varramista Rosso, Syrah in purezza, Frasca Rosso, Sangiovese, Syrah e Merlot, Sterpato Rosso, Sangiovese, Cabernet, Merlot e Monsonaccio Rosso, Chianti DOCG, è un gusto evoluto, di complessità e di sfaccettature odorose che si compiono in un’indiscussa finezza.