IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

Europa Mercoledi 17 Marzo 2021

Exploit Portogallo: crescita vini fermi rispetto a pre-Covid 19

Premiumisation, consumatori giovani in crescita, aumento degli acquisti online e nei negozi di prossimità, successo di nuove regioni vinicole: segnali positivi per l'industria vinicola portoghese.

di Emanuele Fiorio

L'ultimo report “Portugal Wine Landscapes 2021” di Wine Intelligence riguardante il settore vino del Paese lusitano mostra che, nonostante le chiusure del settore Horeca e la mancanza di turisti, l'industria del vino ha registrato dei segnali incoraggianti in termini di premiumisation e di aumento delle occasioni di consumo durante il 2020.

Come in Spagna, i turisti sono scomparsi e il canale Horeca ha chiuso ben due volte, diminuendo significativamente il volume complessivo del vino venduto in quel canale. 
Tuttavia dall’analisi dei dati emersi, si possono identificare alcuni interessanti aspetti positivi sul comportamento e sulle reazioni dei consumatori portoghesi di fronte alla pandemia. 

Nel report dell'anno scorso (Portugal Wine Landscapes 2020), la premiumisation era uno dei punti salienti. I bevitori abituali di vino portoghesi bevevano vini più costosi. Questa tendenza non è mutata con l’arrivo della pandemia - al contrario è stato alimentata: i consumatori dichiarano di spendere di più sia a casa che quando possono usufruire del servizio di ristoranti e bar.

Il rapporto dell'anno scorso ha anche evidenziato come la tendenza globale alla moderazione si stia evolvendo rapidamente in Portogallo. I consumatori volevano moderare il loro consumo e si concentravano sulla loro salute e benessere. 

Come in molti altri mercati, questa tendenza alla moderazione si è invertita nel 2020. Il report presenta un quadro in cui i bevitori settimanali aumentano, diminuiscono i bevitori mensili ed i consumatori in generale prediligono il vino rispetto ad altri tipi di bevande: segnali positivi per l'industria vinicola portoghese.

I consumatori portoghesi abituali hanno bevuto vino in più occasioni rispetto ad un anno fa ed hanno fatto acquisti da un numero maggiore di canali di vendita. 
I dati della ricerca suggeriscono anche che la crescita maggiore nel consumo di vino fermo, riguarda i consumatori più giovani - quelli nelle fasce d'età 18-34 e 35-49 anni.

I vini fermi sono l’unica categoria che è cresciuta in tutte le fasce d’età rispetto al periodo pre-Covid19. La birra è cresciuta solo nelle fasce d'età 18-34 e 35-49 anni. Gli spumanti, il vino Porto, i distillati hanno subito un netto calo in tutte e quattro le fasce d’età prese in considerazione (18-34; 35-49; 50-64; 65 ed oltre).

I negozi di prossimità ed i mini market (punti vendita al dettaglio con superficie di vendita medio-piccola) sono stati preferiti rispetto alle grandi estensioni, in quanto i consumatori vogliono passare meno tempo in negozio.

I canali di vendita online hanno acquisito particolare rilevanza ed anche i canali di comunicazione online hanno dovuto rivoluzionare modalità e strategie di targeting.

“Portugal Wine Landscapes 2021” ha messo in rilievo alcuni fattori positivi che hanno dimostrato dinamismo e capacità di resilienza durante la pandemia, eccoli:

RETAILER

    • Continente
La catena di supermercati era già leader in Portogallo prima della pandemia ed ha ulteriormente rafforzato la sua posizione tra i consumatori portoghesi di vino, aumentando il suo distacco nelle vendite rispetto al competitor Pingo Doce.

    • Mercadona
Il retailer di proprietà spagnola è ancora ai suoi primi passi nel mercato portoghese ma nel 2020 è riuscito, partendo da una piccola base, a diventare più rilevante tra i bevitori regolari di vino. È molto probabile che Mercadona diventerà sempre più influente nei prossimi anni con l'apertura di nuovi negozi.

REGIONI

    • Vini di Trás-os-montes
È una delle regioni vinicole più sconosciute del Portogallo. È anche una delle più lontane e inaccessibili per i bevitori di vino portoghesi, eppure è riuscita ad aumentare significativamente la sua notorietà e riconoscibilità tra i consumatori in un anno molto difficile.
      
    • Vini dell'Algarve

L'Algarve è una delle regioni più famose del Portogallo grazie alla sua popolarità come destinazione turistica. In questa regione meridionale ci sono stati investimenti nella viticoltura e c’è un grande potenziale da capitalizzare grazie alla notevole riconoscibilità internazionale.

VITIGNI

    • Sauvignon Blanc
Il Portogallo non è un paese rinomato per i suoi vitigni, i consumatori scelgono piuttosto il loro vino in base alla regione di provenienza. Ma il successo internazionale del Sauvignon Blanc sta raggiungendo il consumatoreportoghese e diversi produttori di vino portoghesi stanno producendo più vini da Sauvignon Blanc, in particolare nelle regioni vicine all'Oceano Atlantico (Lisbona e dintorni)

BRANDS

    • I marchi (in ordine sparso) Papa Figos, Esteva, Monte da Ravasqueira, Assobio, Fiuza, JP, Cabriz, Carm, Pouca Roupa, Esporão, Defesa, Altano, JMF, Casa de Santar e Trinca Bolotas hanno registrato risultati positivi e sono diventati più interessanti per i consumatori in termini di maggiore riconoscibilità, acquisto, considerazione, affinità o raccomandazione.