IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

Export

Trova le informazioni per approfondire la conoscenza dei mercati internazionali e per sviluppare un business vincente. Troverai una suddivisione per zona geografica.

Export Giovedi 06 Maggio 2021

Wellness e shopping online: tutto quello che ci resterà del Covid-19

Quali sono i trend che la pandemia ha favorito o accelerato? Rimarranno nel prossimo futuro?

di Agnese Ceschi

Covid-19 e trend di consumo. La pandemia ha sicuramente generato o accelerato una serie di abitudini di consumo, acquisto e stile di vita. E adesso che i vaccini stanno avendo il loro effetto e piano piano si potrà tornare alla normalità, quali trend che si sono affermati durante la pandemia rimarranno forti anche nel prossimo futuro? GWI- Global Web Index ha analizzato i dati di varie ricerche per scoprire le tendenze che continueranno ad avere un profondo impatto sui comportamenti dei consumatori.

Vediamo assieme i trend più rilevanti:

1 Salute mentale 

L'impatto sulla salute mentale dovuto alla pandemia è stato in gran parte trascurato lo scorso anno. Mentre sono stati fatti grandi passi sulla strada della lotta contro il virus, la crisi della salute mentale è andata peggiorando ed ora siamo sicuramente ad un punto critico, dopo un anno. Una ricerca GWI nel Regno Unito ha recentemente evidenziato cifre allarmanti sulla salute mentale di bambini e adulti, che ha raggiunto il massimo storico di criticità. Contemporaneamente uno studio statunitense ha rilevato che a una persona su tre che ha contratto il virus in forma grave è stato diagnosticato un disturbo neurologico o psichiatrico entro 6 mesi dall’infezione.

In generale i disturbi d’ansia o legati all’ansia sono aumentati indistintamente in tutte le generazioni. Le generazioni più giovani sono state le più colpite, ma anche tra i Gen X c’è stato un aumento del 17% durante questo periodo. Infine secondo i dati Zeitgeist di marzo il 30% di persone appartenenti alla Generazione Z e i millennial negli Stati Uniti ha affermato di sentire che la pandemia avrà un impatto negativo a lungo termine sulla loro salute mentale.

2 Sane abitudini 

Più i consumatori prendono consapevolezza dell’importanza del loro benessere fisico, più aumentano le sane abitudini. Molte persone, infatti, si sentono vulnerabili e preoccupate per la loro salute e dunque tendono a concentrarsi su abitudini come un'alimentazione più sana e l’esercizio fisico perchè hanno la sensazione di avere maggiore controllo sulla propria vita.  Esercizio fisico e un'alimentazione più sana ha anche il vantaggio aggiuntivo di migliorare il benessere mentale. La porzione di consumatori che ha dichiarato di avere uno stile alimentare più sano negli Stati Uniti è aumentata dal 56% nel secondo trimestre 2020 al 60% nel primo trimestre del 2021.

3 Shopping online

Lo shopping online continua a crescere. Nella ricerca GWI 2020, la porzione di consumatori in 15 paesi interpellati che ha affermato di avere intenzione di acquistare online frequentemente terminata l'epidemia è cresciuta dal 43% di aprile 2020 al 49% di luglio 2020. Tutti gli osservatori sull’online mostrano davvero l'entità della crescita negli acquisti online nell'ultimo anno. 

Quando si cerca di capire la portata della crescita degli acquisti online, i dati dei negozi di alimentati sono indicativi. È una categoria di cui tutti hanno bisogno, ma durante la pandemia molte persone hanno scelto di non andare nei negozi fisici per motivi di sicurezza o preoccupazioni. L’acquisto online è diventato un'ancora di salvezza per molte persone.

Dai dati GWI, l’acquisto di generi alimentari online è aumentato in tutte le regioni del mondo tra il quarto trimestre del 2019 e la fine del 2020 con la crescita maggiore nel Nord America. L’Europa come regione ha visto una crescita minore, ma questa varia in particolare per Paese. Ad esempio, nel Regno Unito la spesa online è aumentata dal 25% al ​​33% durante questo lasso di tempo. Ed è cresciuta su tutta la linea, trasversalmente tra le varie generazioni, ma il più grande aumento in generale proviene dai baby boomer con una crescita del 19% durante questo periodo. Allo stesso tempo, i consumatori si rivolgono di più a social network per la ricerca di prodotto e questo ci rivela ancor di più come i social media siano sempre più importanti per l’informazione nel percorso di acquisto.

Secondo GWI le abitudini e i comportamenti cambieranno senza dubbio anche ulteriormente, ma queste tendenze continueranno ad avere un impatto duraturo sulla vita quotidiana dei consumatori.