IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Mercoledi 17 Giugno 2015

Il business tasting: formula vincente per Vento d’Expo

Wine tasting e visite in azienda per decina di importatori internazionali

di Agnese Ceschi

Business must go on. Si è concluso da qualche giorno il terzo appuntamento con Vento d’Expo, il progetto di promozione internazionale dei prodotti enologici ed alimentati piacentini promosso da Coldiretti Piacenza, ma le trattative commerciali si fanno da oggi in poi. Una decina di Wine Buyer operanti nella distribuzione specializzata hanno incontrato con la formula del Business Tasting una quindicina di aziende vitivinicole piacentine e le imprese del settore agroalimentare che hanno aderito all’iniziativa con lo scopo di promuovere e favorire lo sviluppo commerciale verso i mercati esteri dei migliori prodotti piacentini. "Il bilancio è positivo. Le nostre aziende del territorio piacentino sono state stimolate e incentivate a ragionare su come porsi con dei potenziali partner internazionali. In quest’ultima tornata c’è stata molta soddisfazione da parte dei produttori, la selezione dei buyer è stata molto puntuale e dedicata al territorio e questo ha permesso di instaurare relazioni interessanti che speriamo diano sviluppi commerciali al più presto" ha detto Giovanni Morini, responsabile economico di Coldiretti Piacenza, committente dell’evento.

Dunque, parola d’ordine: business. Una formula di incontro diretto con la modalità del Business Tasting 121 ha permesso di raggiungere tematiche come prezzo, condizioni di vendita e campionature con più velocità. "In questa seconda occasione di incontro abbiamo incentivato l’incontro diretto con i buyer che ha consentito ai produttori di farsi conoscere autonomamente per presentare se stessi e i loro vini. Un progetto meno di sintesi del precedente che ha consentito alle aziende di parlare per 25 minuti con ogni buyer e di prendere maggiore confidenza con una trattativa commerciale. Hanno potuto così esprimere individualmente il loro progetto enologico" ha spiegata Fabio Tavazzani, organizzatore dell’evento e Ceo di Proposta.

Secondo Roberto Miravalle, presidente del Consorzio di Tutela Vini DOC Colli Piacentini, "la formula di questo terzo appuntamento si è rivelata probabilmente la migliore delle tre tappe di Vento d’Expo. Il gruppo di buyer, più contenuto rispetto alla volta precedente, è stato molto efficiente e più facile da gestire. Nei momenti liberi i dealer parlavano tra loro, dialogavano con gli organizzatori e con le aziende, dimostrando un grande interesse". Come è stato preparato l’incontro? I buyer sono stati preventivamente selezionati in modo mirato  per cercare coloro che fossero interessati a questo territorio, a questi prodotti enologici e alle fasce di prezzo. Dalla parte opposta le cantine sono state preparate per affrontare un incontro di business, in un territorio dove la professionalità può essere ancora molto migliorata. Il messaggio finale di questa tre giorni di incontri e visite al territorio piacentino è chiaro. "I produttori facciano parlare il territorio. Il vino non deve essere una maschera tra produttore e buyer. Facciamo in modo che sia il produttore a parlare nel suo ambiente, in mezzo ai suoi vigneti e che racconti la sua storia. Il vino è una logica conseguenza" ha concluso Tavazzani.