IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Mercoledi 16 Settembre 2020

Italian Wine Brands: primo semestre 2020 in crescita a doppia cifra

Pur in una fase così complessa ci sono aziende che continuano a crescere: lo testimonia il Gruppo IWB che prosegue il trend positivo.

Il Consiglio di Amministrazione di Italian Wine Brands S.p.A., riunitosi in data odierna, ha esaminato e approvato la relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2020, redatta ai sensi del Regolamento Emittenti AIM Italia/Mercato Alternativo del Capitale, ed in conformità ai principi contabili internazionali IFRS.

Ricavi delle vendite
Nel corso del primo semestre del 2020 il fatturato consolidato di gruppo ha raggiunto Euro 92,2 milioni, valore in sensibile e consistente crescita rispetto agli Euro 70,1 milioni del primo semestre 2019 (+Euro 22,1 milioni, +31,5% sul 2019, tasso composto di crescita 2018-2020 pari a +14,8%).
Tale risultato è stato ottenuto in larga misura grazie allo sviluppo organico delle attività del gruppo (+Euro 16,9 milioni) e in parte grazie all’acquisizione di Raphael Dal Bo AG perfezionata a inizio 2020 (+Euro 5,2 milioni).
La dinamica delle vendite è stata caratterizzata da un ulteriore, da sempre costante, rafforzamento del Gruppo sui mercati internazionali dove sono stati realizzati Euro 72,6 milioni (+33,4% sul 2019, tasso composto di crescita 2018-2020 pari a +16,1%) e da uno sviluppo positivo del mercato domestico, dove sono stati realizzati Euro 19,3 milioni (+25,6% sul 2019, tasso composto di crescita 2018-2020 pari a +10,8%).

Il canale distributivo wholesale si conferma il principale contributore di ricavi del gruppo anche nel corso del primo semestre del 2020 arrivando a rappresentare il 54,9% dei ricavi di vendita complessivi (53,3% nel 2019, 50,3% nel 2018). La crescita è stata costante e solida nel corso del periodo 2018-2020 con un CAGR del 19,9%. Nello specifico il CAGR riferito alla crescita organica delle attività del gruppo è stato pari al 13,6% mentre l’acquisizione di Raphael Del Bo ha contribuito per il rimanente 6,3%.
Tali importanti risultati di crescita sono stati ottenuti principalmente grazie:
- all’ampliamento ed estensione della gamma del portafoglio prodotti a marchio proprio, che rappresentano oggi oltre il 90% delle vendite del canale e che rendono l’offerta commerciale del Gruppo IWB appetibile, riconosciuta sul mercato e sinonimo di qualità;
- all’acquisizione di nuovi accounts, effettuata sostanzialmente su ogni singolo paese in cui opera il Gruppo;
- all’aumento della quota di mercato delle vendite su accounts esistenti grazie a ottimi parametri di rotazione dello shelf dei propri clienti;
- alla crescita per linee esterne (acquisizione di Raphael Dal Bo AG e Raphael Dal Bo S.r.l.).
Nel corso del primo semestre 2020, le vendite del canale distance selling sono significativamente cresciute (+27,3%) grazie in particolare alle vendite on-line pari a circa Euro 11,9 milioni (+113,6% rispetto al primo semestre 2019, CAGR 18/20 del 61,4%).

Marginalità
La marginalità operativa del Gruppo è aumentata significativamente rispetto agli anni passati. L’Ebitda Restated del primo semestre 2020 ha raggiunto in particolare Euro 10,7 milioni (11,5% sui ricavi delle vendite e altri ricavi) e si confronta con un Ebitda Restated 2019 di Euro 7,3 milioni (10,3% sui ricavi delle vendite e altri ricavi).
Tale risultato è stato in particolare raggiunto grazie:
- al mantenimento di una buona redditività a livello di primo margine dettata da una stabilità dei prezzi di vendita e dei costi di acquisto di uve, mosti e vini sfusi;
- al crescente appeal dei prodotti a marchio proprio che hanno espresso marginalità sensibilmente superiori rispetto ai prodotti entry level;
- all’ulteriore contenimento dei costi commerciali variabili e dei costi fissi di struttura delle società operative del Gruppo, realizzato anche a fronte di una sensibile crescita del volume di attività.
Il risultato netto di Gruppo del primo semestre 2020 è pari a Euro 5,3 milioni, sensibilmente superiore agli Euro 2,7 milioni del 2019.

Posizione Finanziaria Netta
L’indebitamento finanziario di gruppo al 30 giugno 2020 è pari a Euro 20,1 milioni di cui Euro 10,7 milioni relativi alle passività per i diritti d’uso derivanti dall’applicazione dello IFRS 16, ed Euro 9,4 milioni relativi a indebitamento finanziario netto verso terzi. Tale ultimo importo è in ulteriore riduzione rispetto agli Euro 9,9 milioni del 30 giugno 2019, nonostante il completamento dell’acquisizione di Raphael Dal Bo AG e controllate che ha generato un esborso complessivo pari a CHF 9,5 milioni.

Situazione individuale della capogruppo IWB S.p.A.
La capogruppo IWB S.p.A. evidenzia un risultato netto positivo pari a Euro 9,1 milioni (di cui Euro 9,2 milioni derivanti dal dividendo 2019 deliberato dalla controllata Provinco Italia S.p.A.) e una liquidità netta pari a Euro 30,2 milioni.
La relazione finanziaria consolidata al 30 giugno 2020 sarà messa a disposizione del pubblico nei termini e con le modalità previste nel Regolamento Emittenti AIM Italia, nonché sul sito internet di IWB www.italianwinebrands.it, alla sezione Investor Relations - Documenti Finanziari.

Alessandro Mutinelli, Presidente e AD del Gruppo, dichiara: “Abbiamo ottenuto in questo semestre i numeri migliori nella storia del gruppo IWB. Tutti i nostri canali commerciali sono cresciuti ed abbiamo realizzato la prima acquisizione di rilievo, con la società svizzera Raphael Dal Bo AG. La pandemia globale di Covid-19 è una sfida che le nostre persone hanno affrontano con consapevolezza dei rischi e delle opportunità, con la passione di chi crede nel valore del proprio lavoro e del servizio al cliente. Non abbiamo mai smesso di investire sulle persone, nell’innovazione di prodotto e di processo, nella creazione di valore attraverso i nostri marchi e nell’adattarci alle mutate condizioni di mercato. I risultati ottenuti, i tanti progetti di sviluppo aperti, la coesione e la forza della nostra squadra sono ben auguranti anche per i mesi a venire.”

Aggiornamento circa le ripercussioni del Covid-19 sulle attività del Gruppo.
- L’attività del Gruppo rientra tra quelle definite essenziali nell’ambito della gestione dell’emergenza sanitaria e non si registrano criticità nel rispetto dei tempi di consegna da parte di fornitori e nei servizi logistici. Per quanto riguarda l’attività commerciale, il canale della grande distribuzione organizzata, delle vendite dirette e on line è sempre stato pienamente operativo.
- Il Gruppo ha fatto limitato e circoscritto ricorso ad ammortizzatori sociali tra quelli messi a disposizione dalle Autorità nell’ambito dell’emergenza Covid-19.
- Il Gruppo non prevede ripercussioni sulle performance economico-finanziare per il 2020, come già dimostrano i dati del primo semestre.