IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Martedi 02 Marzo 2021

Le prospettive per il 2021: ristoranti e vendita al dettaglio in USA

Con il ritorno della possibilità di andare al ristorante in alcuni Stati americani, è importante farsi un'idea di quanto i consumatori statunitensi si sentano veramente a proprio agio nel mangiare fuori.

di Redazione Wine Meridian

Secondo una recente ricerca dell'azienda di targeting GWI su consumatori statunitensi, poco meno di 1 persona su 3 si sentirebbe a proprio agio nel consumare un pasto al ristorante. Numero preoccupante per l'industria dell'ospitalità. Ma la ristorazione interna ha ancora possibilità di recupero, c'è da capire, però, quali precauzioni i consumatori esigono, poiché queste rappresentano i veri  mezzi per cambiare la visione degli Stati Uniti sul consumare pasti fuori casa.


Mangiare fuori, infatti, è ancora un tabù per molti consumatori.

La fiducia nella capacità delle organizzazioni statunitensi di contenere la pandemia è diminuita rispetto a inizio 2020: tra marzo e dicembre, infatti, gli ottimisti convinti che il Paese avrebbe superato il coronavirus sono scesi dal 56% al 44%.

Un futuro prossimo in cui un alto numero di clienti tornerà nei ristoranti, però, è forse ancora possibile. A luglio, infatti, il 40% degli americani ha detto che avrebbe pianificato di mangiare fuori molto meno una volta finita l'epidemia, il che significa però che l'altro 60% si è posto invece in maniera positiva a quest'idea. Quest'ultima fetta di potenziali clienti sono solo desiderosi di vedere le loro preoccupazioni di sicurezza soddisfatte.

Ci sono molte incertezze da considerare, e alcune meritano di essere evidenziate.

  • I membri del comitato consultivo di Biden hanno sostenuto restrizioni più severe alla consumazione nei ristoranti da novembre. Nei prossimi mesi, quindi, potrebbero raggiungere questo obiettivo su scala nazionale, o nelle città che hanno recentemente rallentato le restrizioni in merito. Ma per il momento non è ancora detta l'ultima parola;
  • Nel complesso, i dati pubblicati minano l'idea che gli americani siano generalmente desiderosi di ricominciare a mangiare fuori. In realtà, molti sostengono i consigli del governo sull'attenuazione del COVID e vogliono vedere le procedure di protezione in azione;
  • Se i ristoranti vogliono che i clienti si sentano sicuri all'interno dei loro locali, l'allontanamento sociale e la riduzione della capacità di clienti sono le prime cose da fare. Anche se questi sono i metodi più comuni adottati dai ristoranti, ogni Stato ha regole diverse sui numeri, quindi l'applicazione è tutt'altro che universale.

Per coloro che possono permetterselo, inoltre, investire in tecnologie nuove come i purificatori d'aria portatili e "portali di pulizia" (macchine che usano luci UV sicure per uccidere il virus) è una tattica di particolare successo, soprattutto per i ristoranti che tendono ad attirare folle più giovani.

 

La domanda di vendita in presenza non è morta, è solo addormentata

Sorprendentemente, la preoccupazione per le malattie infettive come il COVID-19 è diminuita durante il corso del 2020. Ciò può essere spiegato dalla crescita della comprensione e della consapevolezza, dato che i consumatori non temono più l'ignoto. Nonostante ciò, gli americani continuano ad adottare uno stile di vita di chiusura - che favorisce lo shopping online.

Le regole di distanziamento sociale, inoltre, hanno contribuito al fallimento di diverse grandi aziende statunitensi, favorendo quindi le imprese online come UberEats a guadagnare popolarità.

Come risultato, molti consumatori hanno visto le loro abitudini di acquisto cambiare nell'ultimo anno.

A luglio, il 37% degli americani ha detto di aver pianificato di fare acquisti online più più frequentemente nel periodo successivo all'epidemia, rispetto a una media del 49% in altri 18 Paesi.

Ma anche se i numeri americani sono relativamente bassi, il 37% è sufficiente per lasciare un segno evidente sul comportamento d'acquisto complessivo, supponendo che queste intenzioni vengano soddisfatte. 

Più consumatori statunitensi sono diventati acquirenti online settimanali dal secondo trimestre del 2020. Molti di loro avevano fatto acquisti online molto prima della pandemia, ma un numero significativo ha aumentato la loro frequenza. 

Questo significa che livelli più alti di acquisti online sono inevitabili man mano che il periodo post-pandemia si assesta. Ma è utile bilanciare queste intuizioni comportamentali con i dati attitudinali quando si contemplano le abitudini permanenti.

Le abitudini di shopping, infatti, si sono spostate verso l'acquisto online, ma l'impatto sulle prospettive è meno pronunciato. A meno che gli eventi futuri non abbiano una maggiore influenza sull'acquisto, la domanda di vendita in presenza riemergerà probabilmente in modo postpandemico.

In parte, spetta anche ai negozi determinare la portata dei cambiamenti attitudinali del 2021. Possono ancora attirare i loro clienti assicurando standard di protezione di prima qualità e promuovendo parti dell'esperienza in persona che non possono essere replicabili online.