IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Lunedi 13 Giugno 2022

Lugana DOC: il successo dell’offerta enoturistica parte dall’analisi delle sue potenzialità

L’indagine di Wine Meridian per comprendere come è gestita l’attività enoturistica nel territorio del Lugana.

di Agnese Ceschi

Favorita dal dolce paesaggio collinare e dalle temperature miti del lago di Garda, la denominazione Lugana offre il terreno fertile per la nascita di una delle eccellenze vitivinicole del Bel Paese, il vino Lugana

Posta a cavallo tra le due province di Brescia e Verona e racchiusa tra i comuni lombardi di Sirmione, Pozzolengo, Desenzano, Lonato e il veneto Peschiera del Garda, questa denominazione è una delle prime DOC italiane ad essere nate ed è all’interno di un territorio naturalmente vocato all’enoturismo, grazie al microclima mite del Lago che assicura una presenza turistica, sia italiana che estera, per numerosi mesi all’anno.

Nell’ambito del più ampio progetto volto a valorizzare l’enoturismo in Italia e all’estero, Wine Meridian è stata incaricata di effettuare un’indagine sull’enoturismo nel territorio del Lugana con l’obiettivo di esaminare come viene promossa e gestita questa preziosa attività dalle aziende del Consorzio Tutela Lugana DOC.

Suddividiamo la nostra analisi in 4 macro-categorie che determinano i marcatori del successo dell’offerta enoturistica

La comunicazione online

Abbiamo analizzato come le cantine del Lugana propongono le esperienze enoturistiche nei loro siti web, ovvero la più importante vetrina online dell’azienda. È emerso che ben il 69% delle aziende analizzate promuove le proprie esperienze enoturistiche nel sito web aziendale e tra queste, il 56% fornisce una descrizione dell’offerta precisa, superando a pieni voti l’esame. A questo dato fanno seguito la precisazione della durata della visita, (indicata dal 44% degli intervistati), la richiesta di prenotazione, che per il 72% delle aziende è obbligatoria mentre il restante 28% si divide tra chi non la richiede e chi non specifica, ed infine la definizione degli orari adibiti alle visite, specificati dal 68% delle aziende.

La comunicazione dei prezzi

Le cantine del Lugana hanno dimostrato di optare per la trasparenza dei prezzi: il 56% riporta online il prezzo delle loro esperienze permettendo ai clienti di disporre di questa importante informazione senza la necessità di chiamare in azienda.

Offerta di esperienze originali 

Alcune realtà della zona del Lugana offrono esperienze enoturistiche che si distinguono dalla classica degustazione in cantina. Diverse aziende specificano di essere attrezzate per ospitare grandi gruppi di persone su richiesta. Altre hanno deciso di offrire visite più originali tra cui spiccano maggiormente: pic-nic in vigna, degustazioni di vecchie annate ed escursioni in bicicletta.

Tempestività di risposta

È stata infine analizzata la user experience di un turista che si rivolge alla mail aziendale per richiedere informazioni, valutando così l’abilità dell’azienda di relazionarsi con i possibili clienti. Ci siamo messi nei panni di Maria Teresa, una donna che domanda informazioni tramite mail per un’eventuale visita di 4 persone: le aziende del Lugana hanno superato la prova con il 55% delle cantine che hanno risposto entro 2 ore e il 16% entro 12 ore

“Il Consorzio lavorerà sempre più sul nostro territorio che è particolarmente vocato al turismo e logisticamente interconnesso” spiega Fabio Zenato, presidente del Consorzio Lugana DOC. “Il marketing esperienziale è il nostro obiettivo, vorremmo un turismo che si può vivere. Sviluppare il territorio in quest’ottica significa promuovere all’interno delle aziende la volontà condivisa e la consapevolezza di essere parte di un contesto unico ed inimitabile, come il Lago di Garda, che movimenta un bacino di turisti importante ogni anno”.