IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

News Martedi 14 Settembre 2021

Ottime aspettative spianano la strada verso ProWein 2022

Dal 27 al 29 marzo 2022 tornerà la più grande fiera europea di vino e distillati con un nuovo regolamento che crea le basi giuridiche e le condizioni per realizzare una fiera di successo.

di Agnese Ceschi

I preparativi fervono per la prossima stagione di eventi e fiere internazionali nel settore del vino. Dopo due anni di stop, se le condizioni dovessero mantenersi come sono attualmente, andrà nuovamente in scena ProWein (dal 27 al 29 marzo 2022), la più grande fiera europea nel settore del vino e dei distillati, che presenta in un comunicato ufficiale il nuovo regolamento anti Covid-19. Questo nuovo regolamento crea le basi giuridiche e le condizioni per realizzare una fiera di successo, sia per gli espositori che per i visitatori.

“Nelle scorse settimane la nostra programmazione - come ad esempio il posizionamento degli espositori, la gestione del tema degustazione, la limitazione del numero dei visitatori, le larghezze dei corridoi di passaggio o l’eventuale registrazione alle degustazioni - è stata determinata principalmente da un regolamento di protezione molto restrittivo dal Covid-19”, dichiara nel comunicato Michael Degen, Executive Director di Messe Düsseldorf. „Ora possiamo passare alla pianificazione ed alla concreta organizzazione, dettagliatamente nell’interesse del settore.”

Quali sono le novità 2022? Innanzitutto la fiera, che è ospitata dall’imponente Messe Düsseldorf, sarà ampliata di tre padiglioni e dunque si estenderà su 13 padiglioni. Ciò permetterà di allargare i corridoi tra i vari stand, fino a quattro o sei metri (finora tre metri) e garantire un buon distanziamento. “Lo spazio espositivo concesso non aumenterà – mettiamo solo a disposizione altri tre padiglioni. In linea di principio è come nei vigneti, ove la distanza tra i filari venisse aumentata per ottimizzare la ventilazione delle viti” dichiara Michael Degen. “In questo modo creiamo il necessario equilibrio tra le distanze minime richieste dalla pandemia ed una sufficiente elevata frequenza di visitatori – ponendo così le basi per una fiera di successo: elevato numero di contatti per i nostri espositori.”

L’Italia sarà ospitata in ben 3 padiglioni: 15,16,17. 

Come avverranno invece le degustazioni? Le degustazioni si potranno organizzare semplicemente e senza necessità di registrazione ad ogni stand, chiaramente rispettando la regole di distanziamento e di cautela anti Covid.