IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

WinePeople Martedi 21 Dicembre 2021

Quali sono i tre pilastri per gestire al meglio il tuo business?

Non basta la motivazione o l’esperienza per gestire il tuo lavoro con lucidità e controllo.

di Lavinia Furlani

Come è andato il tuo 2021?
Questa è una delle domande che stiamo facendo a molti manager e imprenditori che stiamo intervistando per una sorta di bilancio collettivo di fine anno.

La risposta che mi lascia più pensare è quella di chi ci dice che è stato un anno tutto sommato positivo, di crescita, ma che non sa il perché.
A mio avviso è più importante conoscere i fattori che ci portano al successo, per poterli comprendere, trasferire e replicare, piuttosto che conoscere i motivi per cui non stiamo andando bene e che sono spesso ascrivibili al mercato e a situazioni interne.

E allora mi sono fatta la stessa domanda e ho cercato di capire quali sono stati i tre aspetti legati alle soft skills che hanno permesso anche a noi di Wine Meridian di arrivare alla fine di un anno con un bilancio personale positivo e di crescita:

  • PROCESSO e RISULTATO: Avere un approccio dinamico dentro alle nostre aziende e in relazione al mercato è una delle regole auree. Ma per possedere una mentalità dinamica serve aver compreso la predominanza del processo sul prodotto. Siamo tutti ossessionati dai risultati e dagli obiettivi da raggiungere. La verità però è che nella nostra vita sono i processi a contare molto più dei prodotti finali.

 

  • IL VALORE DI UN TEAM: Molti pensano che per far funzionare le cose basti impartire ordini che qualcuno al di sotto dovrà poi eseguire. Affinché un team di lavoro sia forte e coeso è indispensabile che tra tutti i membri che lo compongono regni stima, armonia ed affiatamento.
    Se non c’è un WHY comune nelle nostre aziende (e sono tante le aziende dove sentiamo scollamenti tra manager, colleghi e titolari) vengono a mancare elementi come la fiducia, una buona comunicazione e la lealtà, ed è assai difficile che si raggiungano risultati ed obiettivi ambiziosi. Ed è qui che sta vera la forza di un Leader: saper coniugare perfettamente tutti questi elementi all’interno del proprio team in modo tale che ciascun membro sia portato a dare sempre il massimo delle proprie capacità. Le persone che compongono una squadra necessitano di un elemento fondamentale per produrre risultati vincenti: essere motivate. La motivazione è alla base di qualsiasi grande impresa poiché crederci fino in fondo e metterci passione in quello che si fa, costituiscono quell’elemento imprescindibile e quel giusto mix che porta al successo. Il tuo team è motivato?

 

  • AVERE disciplina. Acquisire disciplina significa:
    • mantenere allineati gli obiettivi con i propri valori;
    • avanzare nei progetti personali: la disciplina è il ponte tra l’obiettivo e il risultato. È strettamente correlata con la costruzione di un’abitudine. Alcuni esempi? Ogni settimana scriverò ad almeno 5 importatori nuovi per presentare l’azienda. Ogni mese studierò nel dettaglio i miei 5 competitor . Ogni mese chiederò un report personale a tutti i miei collaboratori. Per radicare un’abitudine serve disciplina.
    • La disciplina richiede confidenza e chiarezza di obiettivo.
    • La disciplina richiede costanza e metodo.
    • La disciplina richiede piccoli gesti apparentemente insignificanti, come una telefonata o una mail, ma che alla lunga portano risultati.
    • La disciplina richiede pazienza e fiducia nel lungo tempo.
    • La disciplina dipende solo da noi e nessuno ce la può imporre.

 

Ed è con questi tre pilastri della crescita personale che auguro a tutti gli uomini e le donne del mondo del vino un sereno periodo di riposo, con l’invito a dedicare un po' di tempo per guardarci dentro invece che puntare sempre il dito fuori. Non è mai troppo tardi per iniziare.