IL PRIMO MAGAZINE ONLINE ITALIANO
PER ORIENTARTI NEL MONDO DEL VINO

WinePeople Talent Martedi 30 Giugno 2020

WinePeople Talent e la ricerca dei Manager del vino - prima puntata

Iter e metodi che guidano i nostri progetti di head hunting per le aziende italiane del vino.

di Andrea Pozzan

Quando le aziende del vino ci chiedono di ricercare un manager o una figura professionale specialistica, una delle domande che ci vengono poste prima di iniziare è: "Come fate a trovare le persone? Avete già delle figure pronte?"

Precisando che non abbiamo un magazzino refrigerato per stoccare i candidati, e che la clonazione umana al momento è solo in fase sperimentale, abbiamo capito che forse era il caso di raccontare come WinePeople, attraverso la sezione Talent, dedicata al recruiting, arriva a definire la "short list" dei candidati da presentare in azienda.

La principale garanzia di risultato sta nel considerare innanzitutto la selezione come un processo fatto di tante fasi, nessuna delle quali può essere saltata. Gli errori nella scelta delle persone nascono sempre dalle scorciatoie che a un certo punto decidiamo - per motivi vari- di percorrere.

Quali sono le fasi:

  • Analisi della posizione e del contesto organizzativo

  • Elaborazione e messa a punto di una job description che costituirà il testo base per l’inserzione

  • Attivazione di tutti i canali di ricerca più idonei (pubblicazione dell’inserzione e ricerca diretta)

  • Raccolta, analisi e scrematura dei curricula, con verifica telefonica dei pre-requisiti e del grado di interesse verso la proposta

  • Colloqui di valutazione e selezione

  • Presentazione di un campione mirato di candidati, corredato di documentazione

    informativa (presso la sede dell’Azienda)

  • Supporto nella scelta del candidato ottimale e nelle fasi di contrattazione (accordi economici e contrattuali)

Ma quali sono quindi le "fonti" a cui attingere nella ricerca del candidato giusto?

Trovare tutti i possibili agganci è una delle principali abilità di un cacciatore di teste, che fa del motto "non si sa mai dove dorme il pesce" un vero e proprio mantra.

Per noi di WinePeople Talent, sempre strettamente a contatto con le aziende vinicole italiane e con i principali player della filiera, la maggiore risorsa arriva dal network dei contatti e delle relazioni; c'è poi il database specializzato dei manager del vino, e l'advertising su web e social per intercettare chi si sta muovendo alla ricerca di nuove opportunità ( il 99% delle persone che coinvolgiamo nelle selezioni stanno già lavorando!)

E infine c'è Linkedin. "Ma voi andate a prendere i candidati da Linkedin?", è la domanda che ci ha recentemente posto il manager di una importante azienda, riferendosi a questa piattaforma quasi come fosse un “ipermercato di professionisti”. Linkedin è semplicemente il modo più semplice oggi per entrare in contatto con i professionisti del vino e di ogni altra disciplina, ma è come un enorme oceano: se non sai cosa cercare, non trovi nulla!

In ogni caso, raccogliere le candidature è solo una delle fasi, poi seguono lo screening e i colloqui. Ma di quello parleremo nelle prossime puntate.

1