Non c’è giorno in cui i miei occhi non rimangano estasiati dalla bellezza della nostra Italia del vino. E questo è capitato con grande intensità nell’esperienza di accoglienza che abbiamo vissuto da Venturini Baldini, grazie anche ai racconti di Julia Prestia, titolare della tenuta dal 2015. Ma prima di essere rapiti dalla magia del wine resort, siamo stati rapiti dall’analisi che Julia ha condiviso con noi.

Da sempre siamo sostenitori della contaminazione nel mondo del vino, che ha tanto bisogno di sguardi esterni e di competenze che arrivano da altri mondi. Ed è quello che Julia sta facendo a Venturini Baldini: in pochi anni si è creata non solo una straordinaria competenza vitivinicola sui loro prodotti, ma anche una visione allargata su territorio e denominazioni. Julia fa parte infatti della nuova generazione Lambrusco, con l’obiettivo di contribuire alla sua rinascita.

Arriva da un mondo veloce e dinamico come quello della finanza ed ha capito subito che il mondo del vino è un mondo lento, dove anche le relazioni commerciali si concretizzano a distanza di anni. Questo significa aver pazienza e comprendere appieno un comparto che ha tempistiche tutte sue.

L’occhio esterno ha un valore enorme, perché permette di vedere con lucidità e oggettività ciò che talvolta viene dato per scontato. Ed in questo lei è una maestra: rare volte abbiamo incontrato persone che sono riuscite in pochissimi anni ad essere così immerse nel comparto e così preparate da poter condividere nuove visioni.

Julia ci ha accompagnato con leggerezza a perlustrare tutte le meraviglie della tenuta, ed anche al momento della degustazione ha saputo motivare ogni scelta enologica argomentandola con preparazione e convinzione.

Ho grande stima per queste imprenditrici motivate, motivanti e che portano iniezioni innovative nel nostro comparto. Con apparente semplicità ma con tanto tanto studio e passione.

I suggerimenti e le idee di accoglienza che abbiamo colto da Venturini Baldini:

  • trovare il modo di ideare esperienze che vanno oltre la bottiglia;
  • ospitare iniziative culturali come Vino e Vinili, Teatro all’aperto e musica Jazz dal vivo che attraggano enoturisti giovani.