Fa un certo effetto entrare in alcuni supermercati di Napa e Sonoma Valley, regno del vino californiano, e vedere come questi valorizzino moltissimo le produzioni del territorio. Non solo, anche attraverso grandi immagini poste sugli scaffali, evidenziano di settimana in settimana alcune aziende presentando foto dei produttori. Una sorta di pubblicit� fortemente basata sull�immagine identitaria delle aziende del territorio. Un modo semplice ed immediato per far collegare i consumatori con i produttori di Napa e Sonoma.
Se pensiamo ai nostri supermercati, anche quelli che hanno aumentato molto l�assortimento enologico sui loro scaffali, non ci vengono in mente promozioni cos� forti ed evidenti. Nemmeno in quei supermercati di territori a forte vocazione vitivinicola.
Eppure sarebbe un�operazione crediamo conveniente sia per i produttori ma anche per le catene delle gdo perch� si tratta di una promozione che a nostro parere agevolerebbe le vendite spostando l�attenzione dal solo prezzo verso quella del produttore locale con la sua identit�, la sua passione, il suo rapporto diretto con il territorio di produzione. Non solo, questa “pubblicit�” d� modo al punto vendita di affermare che il proprio cliente pu� andare a verificare lui stesso la bont� dell�offerta enologica a pochi chilometri dal supermercato.
Mettere la faccia di produttori del territorio, pertanto, � una eccellente veicolazione dell�immagine di un territorio ma anche una esaltazione del rapporto tra i punti vendita e le produzioni locali. Un�operazione cosiddetta km zero che costa poco ma che pu� dare, siamo convinti, ottimi risultati.
Se qualcuno dei nostri lettori � al corrente di operazioni simili in Italia ce le segnali, saremo ben felici di evidenziarle nella speranza vi sia un positivo effetto di imitazione.