Dalla nostra ultima inchiesta su quali siano gli elementi necessari per avere successo nell� export enologico, la risorsa umana � emersa come elemento chiave. Questo ci ha confortato perch� ci conferma che la componente umana � ancora una volta elemento determinante.
Senza export manager capaci o comunque rappresentanti di azienda competenti e dinamici, sui mercati internazionali non si riesce ad essere competitivi pur in presenza di prodotti eccellenti e di prezzi adeguati.
Tutte le storie di successo sono “firmate” da persone pi� che da prodotti. Persone capaci di instaurare relazioni forti e durature con gli importatori, con il mondo della distribuzione, con gli opinion leader del mercato.
E non potrebbe essere altrimenti se si considerano le peculiarit� del mercato del vino che si muove in gran parte con quello che viene oggi definito come “marketing relazionale”.
Competenza di mercato e di prodotto, capacit� di creare relazioni sono i cardini sui quali costruire figure professionali adeguate per sviluppare il wine business nel mondo. Ed oggi, con l�aumentare della complessit� dei mercati, con l�incremento inesorabile della concorrenza, la risorsa umana assume un ruolo ancor pi� strategico.
Dalla nostra analisi emerge per� che oggi vi � anche un deficit di risorse umane adeguate.
Indubbiamente la dimensione media delle aziende vitivinicole italiane, molto ridotta, non facilita il percorso di insediamento di nuove risorse umane all�interno delle imprese.
Ma il problema non si esaurisce qui. Le imprese che hanno avvertito la necessit� di investire maggiormente nelle risorse umane competenti, faticano a trovare oggi sul mercato del lavoro ci� di cui hanno bisogno.
Un elemento chiave per sviluppare il nostro export sar� quindi avere molte pi� figure professionali, rispetto alle attuali, capaci di affrontare i mercati internazionali. Figure che possiamo pensare di attingere anche da altri mondi e non solo dal mondo del vino. Questi ultimi anni hanno reso via via pi� indispensabile il ricorso ad un mercato del lavoro pi� ampio e aperto alle �contaminazioni� tra settori diversi. A questo riguardo � sempre pi� necessario l�inserimento in aziende del settore vino di manager con esperienze maturate in settori diversi, caratterizzati da maggiore expertise in ambito organizzativo e gestionale: sono molti i segnali per l�apertura ad inserimenti �esogeni� anche nelle vendite e nel marketing, dove peraltro si sta sempre pi� esasperando il ruolo del canale commerciale rispetto alle peculiarit� del prodotto.


Warning: Illegal string offset 'ID' in /home/customer/www/winemeridian.com/public_html/wp-content/themes/winemeridian/template-parts/content/content-post-default.php on line 140