La collezione Tiziano di Rive della Chiesa rappresenta una connessione, un ponte tra l’arte iconica di Tiziano, l’eccezionale tradizione enologica del Prosecco e la ricchezza storica e artistica di Treviso. Questa collezione affascinante si distingue non solo per le sue etichette brillanti e vivide, ispirate all’opera “Annunciazione Malchiostro” di Tiziano, ma anche per la varietà e la diversità dei vini proposti, ben 7: dalle sfumature eleganti dell’Asolo Prosecco DOCG alla raffinata complessità del Valdobbiadene DOCG e alle tradizioni storiche del Prosecco DOC Treviso.

Questa gamma diversificata mira non solo a soddisfare le preferenze dei consumatori, ma anche a esplorare e valorizzare al meglio l’espressione unica dei terroir di Asolo, Valdobbiadene e Treviso.

Attraverso la collezione Tiziano, Rive della Chiesa vuole trasmettere un messaggio di passione per la tradizione, attenzione alla qualità e orgoglio per l’eredità artistica e territoriale, come ci testimoniano le parole di Chiara Gasparetto, Responsabile clienti di Rive della Chiesa.

Qual è stata l’ispirazione e la visione a monte che vi hanno spinto a creare la collezione Tiziano di Rive della Chiesa?

La collezione Tiziano di Rive della Chiesa è stata ispirata dalla nostra profonda connessione con la bellezza del territorio e della cultura di Treviso, la nostra città natale. La visione alla base di questa collezione è stata quella di valorizzare e celebrare la ricca eredità artistica e storica di Treviso, unendo la straordinaria opera di Tiziano che risiede nel Duomo locale con l’orgoglio del nostro territorio: il Prosecco.

Abbiamo voluto creare qualcosa di unico che potesse narrare la storia di Treviso in modo tangibile e valorizzare al contempo la maestria artistica di Tiziano. L’armoniosa fusione tra l’arte di Tiziano e la tradizione vitivinicola rappresentata dal Prosecco è stata per noi il modo perfetto per omaggiare la nostra città e la sua storia millenaria.

La collezione Tiziano di Rive della Chiesa diventa così un tributo alla bellezza intramontabile di Treviso, un connubio di arte e tradizione enologica che speriamo possa essere apprezzato da coloro che condividono il nostro amore per la cultura locale e la raffinatezza artistica.

Come avete tradotto gli elementi cromatici dell’opera di Tiziano, anche detta “Annunciazione Malchiostro”, nella progettazione delle etichette della vostra linea di Prosecco?

Dopo aver individuato l’opera perfetta, conosciuta come “Annunciazione Malchiostro” di Tiziano, ci siamo posti la sfida di tradurre gli elementi cromatici distintivi dell’opera nella progettazione delle etichette per la nostra linea di Prosecco. Inizialmente, abbiamo dedicato molto tempo a riflettere su come poter catturare l’essenza di questa maestosa pala d’altare in un’etichetta di vino spumante.

Ripensando alla storia di Tiziano e alle sue tecniche pittoriche, abbiamo compreso che il colore era un elemento fondamentale e distintivo delle sue opere. Pertanto, abbiamo deciso di concentrarci su quelli che riteniamo essere i colori più rappresentativi dell’opera, come il rosso e il blu delle vesti di Maria e il dorato presente nei capelli dell’angelo, insieme ad altre tonalità significative.

La nostra scelta è stata quella di “scomporre” l’opera nei suoi colori primari e di utilizzarli come base per la progettazione delle etichette. In questo modo, abbiamo cercato di catturare visivamente l’intensità e la bellezza dell’opera di Tiziano, trasformandola in un’interpretazione artistica e suggestiva sulla superficie delle bottiglie di Prosecco.

Avete bilanciato un packaging giovane, vivido e brillante con alcuni riferimenti simbolici legati alla storia locale, all’arte e al vostro territorio vocato. Qual è stata la volontà principale? Si tratta di una linea che si rivolge sia ai giovani che a un pubblico più maturo?

La nostra volontà principale nella progettazione del packaging è stata quella di creare un equilibrio tra un design giovane, vivace e brillante, e al contempo incorporare riferimenti simbolici legati alla storia locale, all’arte e al nostro territorio d’origine. Abbiamo intenzionalmente cercato di soddisfare entrambi i target di consumatori: i giovani, che spesso cercano etichette accattivanti, vibranti e colorate, che catturino l’occhio, e un pubblico più maturo che apprezza la raffinatezza, la profondità storica e la narrativa dietro all’etichetta.

Questa scelta strategica consente di avvicinare entrambi i pubblici al nostro fantastico territorio e alla ricca cultura artistica di Treviso. Le etichette giovani e vivaci possono attingere all’energia e alla creatività dei consumatori più giovani, mentre i riferimenti simbolici e storici offrono al pubblico maturo una connessione più profonda con la tradizione e l’arte locale.

In definitiva, la nostra linea di Prosecco mira a unire generazioni attraverso un packaging che risuona con entrambi i pubblici, sottolineando la bellezza della tradizione locale e offrendo una piacevole esperienza visiva e culturale per tutti i consumatori.

Oltre al potenziale pubblico di riferimento, quali mercati vorreste intercettare grazie a questa nuova gamma di vini Prosecco?

Oltre a soddisfare il nostro pubblico di riferimento, uno degli obiettivi principali per la nostra nuova collezione Tiziano è espandere la presenza della linea anche sui mercati internazionali. Desideriamo portare la bellezza e l’eccellenza dei nostri vini oltre i confini nazionali, introducendo la ricca storia artistica e territoriale di Treviso a un pubblico globale.

Spesso, il territorio di Treviso può essere oscurato da altre regioni vinicole italiane più conosciute. La nostra speranza è che attraverso la nuova linea, possiamo attirare l’attenzione su Treviso, mettendo in risalto le sue ricchezze artistiche, rappresentate da artisti illustri come Tiziano e Canova, e le sue caratteristiche territoriali uniche.

Ci auguriamo che la nostra linea possa fungere da ambasciatrice del territorio di Treviso, suscitando l’interesse di consumatori internazionali e incoraggiandoli ad esplorare e approfondire la cultura, l’arte e la bellezza della nostra terra attraverso il gusto raffinato dei nostri vini Prosecco. In questo modo, miriamo a creare un legame duraturo tra la nostra comunità locale e gli appassionati di vino in tutto il mondo.

Qual è stato il lavoro degli enologi di Rive della Chiesa e che valore aggiunto ha garantito la selezione delle vigne?

Il lavoro degli enologi di Rive della Chiesa è stato fondamentale nella creazione dei vini, portando avanti un processo di vinificazione che valorizza le caratteristiche uniche delle uve selezionate e contribuendo a conferire loro complessità e raffinatezza.

La selezione attenta delle vigne è stata cruciale per garantire la qualità delle uve utilizzate nella produzione dei vini. Le vigne scelte, con attenzione alla varietà dell’uva, al terroir e alle condizioni climatiche, hanno fornito una base solida per creare vini distinti e rappresentativi del territorio.

Il lavoro meticoloso degli enologi nel gestire il processo di vinificazione, dalla vendemmia alla presa in spuma, ha contribuito a creare vini che riflettono l’impegno per l’eccellenza e l’attenzione ai dettagli. Il risultato finale è una collezione di vini Prosecco Tiziano che esprime la complessità del territorio di Treviso e le caratteristiche uniche delle uve utilizzate, offrendo un’esperienza di degustazione memorabile e distintiva.

La collezione Tiziano pur essendo composta esclusivamente da Prosecco, presenta ben 7 referenze. Si passa dall’Asolo Prosecco DOCG, al Valdobbiadene DOCG e Prosecco DOC Treviso. Quali sono le ragioni di una gamma così diversificata?

La decisione di creare la collezione Tiziano composta da sette diverse referenze di Prosecco, è stata guidata dalla consapevolezza che i palati delle persone sono estremamente diversificati. Nel nostro impegno a soddisfare la vasta gamma di preferenze dei consumatori, abbiamo scelto di applicare questa diversità anche alla linea Tiziano.

Ogni regione, e a sua volta ogni specifica denominazione di origine controllata e garantita (DOCG o DOC), contribuisce con caratteristiche uniche al Prosecco, che vanno dall’eleganza alle note aromatiche. Abbiamo voluto offrire ai nostri consumatori la possibilità di esplorare questa diversità attraverso la nostra collezione, consentendo loro di scegliere il Prosecco che meglio si adatta al loro gusto personale e alle loro preferenze.

L’Asolo Prosecco DOCG, il Valdobbiadene DOCG e il Prosecco DOC Treviso rappresentano ciascuno un’espressione distintiva del nostro territorio, offrendo una gamma di profili di gusto per accontentare tutti i tipi di appassionati di vino. In questo modo, la nostra linea Tiziano riflette il nostro impegno a soddisfare le molteplici sfumature dei palati, offrendo una varietà di opzioni che celebrano la ricchezza e la complessità del mondo del Prosecco.

In che modo cercate di valorizzare e presentare l’espressione migliore dei terroir di Asolo, Valdobbiadene e Treviso in questa collezione? Ci sono stati ostacoli da superare?

Il nostro approccio si è concentrato sulla valorizzazione delle caratteristiche uniche di ciascuna regione, permettendo che emergessero attraverso le specificità delle uve e del territorio.

Per quanto riguarda Asolo, abbiamo cercato di catturare l’eleganza e la finezza delle uve provenienti da questa zona. Nel Valdobbiadene, ci siamo concentrati sulle caratteristiche distintive del terreno e del microclima che conferiscono al Prosecco di questa regione la sua complessità e raffinatezza. A Treviso, abbiamo voluto trasmettere la tradizione e la storia del territorio, integrando elementi culturali e artistici, come l’opera di Tiziano, nella presentazione dei vini.

Naturalmente, durante il processo, abbiamo affrontato sfide legate a fattori climatici e agricoli, che sono comuni nell’ambito della viticoltura. La gestione attenta del vigneto e delle pratiche enologiche è stata cruciale per superare queste sfide e garantire la qualità costante dei nostri vini. La collaborazione stretta con gli agricoltori locali e l’attenzione ai dettagli in ogni fase della produzione sono state fondamentali per ottenere il massimo dall’espressione del terroir di ogni regione.

In definitiva, la nostra sfida è stata quella di far emergere l’unicità di ciascun terroir senza compromettere la coerenza e l’eccellenza complessiva della collezione Tiziano. Attraverso un approccio attento e rispettoso, abbiamo cercato di superare tali ostacoli per offrire vini che rappresentano al meglio le straordinarie caratteristiche di Asolo, Valdobbiadene e Treviso.

C’è un particolare messaggio legato alla vostra azienda che vorreste che i consumatori ed il trade percepissero attraverso la linea Tiziano?

Attraverso la linea Tiziano, vorremmo che i consumatori e gli operatori del settore percepissero il nostro impegno a trasmettere l’autenticità, la ricchezza culturale e l’eccellenza artigianale che caratterizzano la nostra azienda e il territorio di Treviso. Vorremmo che la collezione Tiziano fungesse da ambasciatrice di queste caratteristiche distintive, trasmettendo un messaggio di passione per la tradizione, attenzione alla qualità e orgoglio per la nostra eredità artistica e territoriale.

Inoltre, desideriamo che la linea Tiziano rappresenti un invito all’esplorazione, sia del nostro territorio che dei diversi profili di gusto offerti dai vari Prosecco all’interno della collezione. Vogliamo che i consumatori percepiscano la Tiziano non solo come una gamma di vini, ma come una finestra aperta su una storia ricca e affascinante, insieme a un’esperienza gustativa unica.

In sintesi, attraverso la linea Tiziano, speriamo di comunicare un messaggio di autenticità, tradizione e diversità, incoraggiando gli appassionati di vino a scoprire e apprezzare la bellezza e la complessità del nostro territorio attraverso il piacere di ogni sorso.

rive della chiesa collezione tiziano prosecco 1