È questo l’argomento che anche nel nostro “Metodo Wine Meridian“, una serie di lezioni promosse dal nostro Circolo, che ti offre i migliori consigli spendibili sul mercato per vendere al meglio.

Il mondo della finanza può essere un’opportunità per le nostre imprese di seguire prospettive di sviluppo. Affinché la finanza possa essere vista come un’opportunità, però, ci vogliono alla base delle condizioni sulle quali ci siamo soffermati. Il primo consiglio che possiamo darti, è quello di saper intrattenere un dialogo con gli enti del settore creditizio per capire come ragionano nella capacità di elaborare previsioni, oltre al tradurre in piani aziendali le nostre linee strategiche.

Il focus di questo periodo è la finanza tradizionale, il rapporto con le banche e le misure pubbliche di sostegno, ovvero tutte quelle misure che permettono di puntare su una ripartenza positiva. Un concetto fondamentale che ci teniamo a trasmetterti al meglio, è che non dobbiamo cadere in tentazione nel pensare che il finanziamento permetta la singola spesa, perché deve invece soddisfare un reale un bisogno, frutto di una valutazione sistemica che discende dall’attuazione di piani aziendali

Per quanto riguarda la finanza tradizionale, ovvero quella bancaria, per la reciproca sintonizzazione entrano in gioco variabili sia di carattere soft, ovvero saper interloquire e spiegarsi al meglio, sia di carattere hard ossia il poter avere un atteggiamento di trasparenza, accountability, affidabilità dei dati aziendali. Come ragionano, quindi, le banche? Sicuramente puntano l’attenzione sui fondamentali dell’azienda e sulle previsioni future. Concentrano, infatti, la loro attenzione sulle garanzie, sul posizionamento che ha l’azienda che si trova di fronte, così come sull’aspetto reputazionale dell’azienda. Queste informazioni la banca le trae da dati quantitativi come bilanci e documentazione aziendale, così come la centrale rischi o l’analisi andamentale del rapporto che si è instaurato.

Le misure pubbliche di sostegno, invece, prendono vita da una fonte principale, la politica agricola comune. La fonte è abbastanza stratificata, da livello europeo a fonti regionali che variano da territorio a territorio. I finanziamenti della politica agricola si fondano sulla normativa OCM e sulla normativa dei programmi di sviluppo rurale. Per quanto riguarda la normativa OCM, essa è settoriale e mira a incrementare la competitività azienda, mentre i programmi di sviluppo rurale si articolano in maniera diversa da regione a regione.

Le varie forme di finanziamento esistenti sono a breve o lungo termine e possono dividersi tra prestiti, sconti, conti anticipati o finanziamenti specifici per stoccaggio e invecchiamento o in caso di calamità naturale, mutui o riconversione al biologico, giusto per citare qualche esempio. E’ importante evitare di andare a cercare opportunità andando a spulciare i bandi esistenti. Dobbiamo partire, infatti, dai nostri piani aziendali e una volta capito il nostro fabbisogno si va a mirare sulla forma agevolativa migliore.

In questo periodo di difficoltà generalizzata, inoltre, sono state varate una serie di misure di crisi che prendono il nome di patto per l’export, dall’accordo siglato da rappresentanze pubbliche e private che si sono viste d’accordo per il rilancio del sistema Italia, destinando una discreta somma, circa 1 miliardo e 400 mila euro di investimenti le cui risorse finanziarie mireranno verso l’obiettivo comune di rendersi conto che per il rilancio occorrono modelli integrativi. Si tratta, nel concreto, di interventi di campagne di comunicazione strategica, promozione integrata verso l’estero, finanziamenti a sostegno dell’informazione che ben si integrano nella realtà delle aziende vitivinicole del nostro territorio.

Vuoi saperne di più? possiamo esserti  aiuto. scrivi a redazione@winemeridian.com

Inoltre puoi ancora iscriverti al Metodo, non aspettare oltre! La vita è un circolo, ci vuole metodo, e il Circolo di Wine Meridian ha quello giusto.

Per iscriverti scrivi a: redazione@winemeridian.com