Come riporta The Drink Business, nel Regno Unito l’intera industria vinicola non vede l’ora che finisca il lockdown dovuto al coronavirus, ma ci sono grandi preoccupazioni per una riapertura delle aziende che avverrebbe con le linee guida di distanziamento sociale ancora in vigore.

Per quanto riguarda il settore dell’ospitalità, è difficile capire come tali misure possano essere rispettate durante la gestione di un’attività pienamente funzionante, sia in termini pratici – come si può servire un cliente e mantenere una distanza di 2 metri? – ma anche tenendo presente che un bar, un pub o un ristorante parzialmente vuoto non potrà essere redditizio.

L’amministratore delegato di Vagabond Wines di Londra, Stephen Finch, ha detto: “La distanza sociale sarà la nuova norma per un po’ di tempo, quindi avremo una clientela drasticamente ridotta. Dopo la fine del lockdown i nostri costi aumenteranno, ma le nostre entrate non aumenteranno in modo proporzionale, il che significa che molte aziende semplicemente non saranno economicamente redditizie. Parlare di un vaccino è controproducente, visto che non sarà pronto in scala prima di 1-2 anni”.
Di conseguenza, Finch avverte: “Vogliamo davvero trascorrere il prossimo anno all’insegna del distanziamento sociale? Non dobbiamo dimenticare che il tasso di mortalità del coronavirus per gli under 55 è uno 0,1-0,3%. La soluzione non è un vaccino, ma la tanto derisa immunità di gregge”.

Tuttavia, le misure di distanziamento sociale rimarranno in vigore nel Regno Unito per prevenire una seconda ondata del virus, perché, con solo il 5% della popolazione che si ritiene abbia contratto il virus, al momento non esiste una “immunità del gregge” e si teme che cercare di ottenerla avrebbe un enorme impatto sul servizio sanitario e sull’economia.

Anche le aziende specializzate nella fornitura di vino a bar e ristoranti hanno visto la domanda ridursi a zero da un giorno all’altro, eppure non ricevono lo stesso livello di sostegno governativo del settore dell’ospitalità.
I fornitori hanno anche l’onere aggiuntivo delle accise e spesso hanno problemi di liquidità in quanto gran parte del vino già fornito non è ancora stato pagato, ed è improbabile che le fatture vengano saldate da bar, pub e ristoranti fino a quando non riapriranno e inizieranno ad avere un reddito sufficiente.
Se i fornitori on-trade non vengono pagati, non lo saranno nemmeno i produttori di vino, il che significa che entrambe le parti devono affrontare il duplice problema di un commercio azzerato in corso e di una perdita di reddito da ordini che sono stati evasi, ma non ancora pagati.

Un’altra preoccupazione per i produttori di vino, insieme agli importatori e ai distributori, è il fatto che attualmente ci sono meno canali per vendere vino. Questo può rendere più difficile mantenere le quotazioni a breve termine, riducendo al contempo la scelta per il consumatore finale.

Tuttavia la crescita dell’e-commerce delle bevande regala molte speranze al business del vino e costruire il proprio successo su questa nuova comunità digitale di appassionati di vino, sempre più connessa, offre grandi opportunità, sia ora che dopo la fine delle misure di distanziamento sociale.


Warning: Illegal string offset 'ID' in /home/customer/www/winemeridian.com/public_html/wp-content/themes/winemeridian/template-parts/content/content-post-default.php on line 140