Trentaquattro cantine cooperative, tutte e trentadue le referenze di Assieme, la linea dei vini a marchio Coop Italia che racconta la cooperazione e offre una panoramica che nasce dalla passione di uomini e donne che ogni giorno impegnano la loro sapienza per mettere in bottglia tradizione e qualità.

Un brand che è anche espressione dei valori delle filiere cooperative di tutta Italia per rappresentare il patrimonio vinicolo e il legame con il territorio che corre lungo tutta la filiera e arriva direttamente al consumatore. È la forza di Legacoop Agroalimentare presente alla 56ª edizione di Vinitaly (Verona, 14-17 aprile) al Pad. 1 – D15/C9, spazio gestito insieme a Coop Italia.

Sara Guidelli

Sara Guidelli, direttore generale di Legacoop Agroalimentare, spiega l’importanza della cooperazione nell’agricoltura italiana al Vinitaly. «Vogliamo far conoscere il nostro modello di filiera che parte dal socio che conferisce la materia prima alla cooperativa e arriva alla distribuzione dopo essere passata per la trasformazione, tutto in forma di cooperazione. Un sistema e una filiera che da sempre sono attenti alla sostenibilità, intesa in tutte le sue componenti: economica, sociale ed ambientale», dice Guidelli. «L’attenzione alla giusta remunerazione del produttore è uno degli elementi chiave della produzione cooperativa, per una filiera corta, 100% made in Italy. Aspetti questi che stanno alla base anche della produzione vitivinicola di qualità, offerta dalle coopertitive e posta sul mercato grazie a Coop Italia al giusto prezzo, al fine di tutelare anche la capacità di acquisto del consumatore. L’obiettivo che vogliamo da sempre come Legacoop Agroalimentare è quello di arrivare ad una equa distribuzione del valore, lungo tutta la filiera».

La presenza di Legacoop Agroalimentare e Coop Italia

Il programma delle iniziative nate dalla collaborazione tra Legacoop Agroalimentare e Coop Italia prevede la degustazione delle referenze a marchio Assieme e una serie di eventi dal nome Degustando la Cooperazione. Momenti conviviali per condividere eccellenze enoiche ed alimentari durante i quali i produttori stessi racconteranno dalla loro viva voce come nascono i loro prodotti che saranno presentati in abbinamento coni vini.

  • Si inizia domenica (14 aprile) con I guardiani del mare cozze, vongole, ostriche seppie, proposte da Consorzio pescatori di Goro, Casa del Pescatore e Coop Blu Oltremare, in degustazione con i vini di Cantine Riunite & Civ. 
  • Lunedì sarà La tradizione delle campagne dove lo zampone di Granterre incontra i vini di Cantina Tollo.
  • Martedì, con I gusti della biodiversità miele e formaggio di Conapi, si sposano ai prodotti di Terre Cevico.
  • Infine, mercoledì lo spazio è dedicato a Piacere vegetale dove i nugget vegetali di Granarolo vengono abbinati ai vini delle Chiantigiane.

A questo si aggiunge l’iniziativa di Alleanza delle Cooperative con la quale martedì alle 11 (Sala Conferenze Palaexpo Masaf) sarà presentato il libro In viaggio tra le cantine cooperativeVino racconti territori. Una iniziativa alla quale interverranno Luca Rigotti (settore vitivinicolo dell’Alleanza delle Cooperative Italiane Agroalimentari), Attlio Scienza presidente del Comitato nazionale vini Dop e Igp e Roberta Garibaldi, presidente dell’associazione italiana Turismo enogastronomico. Modera Francesca Ciancio.

«La cooperazione – sottolinea Simone Gamberini, presidente Legacoop – svolge un ruolo determinante per la promozione e la valorizzazione di un territorio e della sua vocazione agricola e della tradizione, connettendo sempre di più i vari attori cooperativi della filiera per qualificare il ruolo della cooperazione in un settore fondamentale del made in Italy. Tutelare significa anche legare sempre più agricoltura, prodotti agroalimentari, turismo e cultura. Aspetti questi fondamentali per la tenuta non soltanto degli aspetti agricoli, ma anche per la vitalità dei borghi minori».